USA, il P2P che sapeva spiare

Documenti confidenziali finiscono nei network di sharing. E' colpa di un incauto dipendente, ma il Congresso preme per un maggiore controllo

Roma – I nomi di quasi trenta membri della House of Representative sotto esame per violazione di condotta sono stati resi pubblici e distribuiti sui network del file sharing. Il documento che li conteneva, registrato come confidenziale dalla commissione etica che ha iniziato le indagini, avrebbe già fatto il giro del mondo e sarebbe già stato scaricato a Toronto, Washington, Los Angeles, New York e Londra.

Tali documentazioni solitamente non vengono divulgate a meno che non vi sia un’indagine formale che riguardi un’eventuale violazione della legge. Stavolta però, secondo quanto affermato dalla Camera dei Rappresentanti, sarebbe stato ottenuto in seguito ad un “incidente di cyberhacking”. In realtà l’ indagine preliminare sul caso ha rivelato che dietro alla fuga di documenti non ci sarebbe un attacco premeditato ma l’installazione da parte di un dipendente di un client P2P sul computer che conteneva anche il documento, insieme a numerosi altri simili ad esso.

Non è il primo incidente che coinvolge il P2P nella diffusione di documenti sensibili: già a luglio era stato scambiato a mezzo Limewire un file contenente dettagli del tragitto dell’auto del Presidente e le disposizioni di sicurezza per la sua famiglia. Mentre a marzo vi era stata una fuga di dati relativa a documenti riservati sul Marine One presidenziale.

E sono solo alcuni dei casi più eclatanti che stanno portando il Governo statunitense a voler intervenire sulla regolamentazione del file sharing. Solo nel mese di ottobre più di duecento documenti militari sensibili sarebbero stati disseminati a mezzo P2P.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ilmusico scrive:
    Secondo me...
    Secondo me , con la cosiddetta classe politico-parassitario-incompetente,vi sono poche speranze che, in mezzo a quella cozzaglia di privilegiati, vi sia qualcuno che brilli per acume ed obbiettivita', riguardo Internet e i tanti aspetti ad esso collegati. I nostri politicanti, fanno solo i loro (e di quelli che li foraggiano)interessi. Non possiamo assolutamente aspettarci nulla di sensato e veramente democratico , da quella gente.
  • Camminando Scalzi scrive:
    Web e Burocrazia
    A tal proposito, il "caso" della burocrazia online italiana: http://www.camminandoscalzi.it/wordpress/web-burocrazia.html
  • Without Wall scrive:
    Re: Una preoccupazione inutile...

    siamo un paese... no, mi dispiace, NON siamo più
    un paese siamo ormai un inutile ciarpame che
    viaggia verso il suo destino finale.. LA FOGNA!Un articolo che merita davvero di essere letto.http://espresso.repubblica.it/dettaglio/non-e-un-paese-per-internet/2113701Non è un paese per internet
    • Aname scrive:
      Re: Una preoccupazione inutile...
      Molto interessante, Bravo "without wall", mentre leggevo l'articolo mi sono chiesto: "come mai sono arrivato a leggere questo articolo? Come l'ho scovato?" Poi mi sono ricordato, questo lo considero un ottimo esempio di come internet sia dinamico, e, comprende in se anche gli anticorpi per difendersi.
  • beebox scrive:
    Barbareschi
    ... che come si sa è uno dei fautori HADOPI all'italiana:http://www.corriere.it/politica/09_novembre_04/barbareschi_stipendio_stella_e2246808-c911-11de-a52f-00144f02aabc.shtml
  • Roberto Simoni scrive:
    Jamendo è il futuro
    Perchè su Jamendo hanno capito tutto.http://www.jamendo.com/it/
  • Ricky scrive:
    E chi ci salva dal governo!?
    Ho letto l'articolo con grande sofferenza...tutto quello che vi trovavo scritto era ed E' SACROSANTA VERITA'.Ma piu' leggevo e piu' ero consapevole che proprio per questo motivo il governo italiano attuale si muovera' con veemenza per fare l'ESATTO OPPOSTO di quanto pare piu' che condivisibile e di buon senso.Oramai siamo abituati a veder legiferare sempre PRO POTERE e mai a favore del cittadino.Questo purtroppo non solo in Italia...mi e' scaduta parecchio la Francia,spero che i francesi si indignino a manetta e spacchino qualche testa.Il succo pero' resta...Barbareschi prima e la Carlucci poi, sono segnali preoccupanti della deriva del governo...
  • soulista scrive:
    Re: Una preoccupazione inutile...
    - Scritto da: Garlini Valter
    Il Diritto è morto e sepolto e con esso anche qualsiasi
    speranza di rinascita.perchè... tu avevi ancora qualche speranza?
  • Giuseppe Monteleone scrive:
    Alternative ?
    In america ci hanno provato per via tecnica (il famoso TCP) e non andava bene. In europa ci provano per via legale e non va beneMi sembra che come sempre il partito pro-pirateria (qnche se nessuno lo ammetterà mai) è molto agguerrito sulle spalle di chi nel settore della musica ci campa (fonici, sale di incisione ecc).Nessuno vuol mettere in croce, e non è nemmeno giusto, chi scarica un pezzo una volta l'anno, ma in italia, il solito regno di furbi e furbetti conosco gente che non ha nemmeno l'ombra di un CD originale, tiene il PC acceso giono e notte attaccato al mulo e si vanta pure, con gli amici, di quanto è figo. A questa gente io darei vent'anni di galera, altro che legge francese.Un esempio che valga per tutti. Il figlio di una conoscente (17 anni) tirava giu' roba con mulo lasciando il pc acceso notte e giorno. Vendeva CD/DVD agli amici per pagarsi il we con la morosa. Forntunatamente quando ho sapunto il misfatto istruito il genitore a dovere. Risultato fortemente educativo: il computer si usa due ore al giorno dopo di che si spegne con rimozione fisica di tutti i cavi e tutte le spine) ed il masterizzatore è stato sostituito con un vecchio lettore CD/DVD. Magari scarica ancora qualcosa... ma sicuramente molto menoRibadisco. A sta gente vent'anni di galera!!!!
    • harvey scrive:
      Re: Alternative ?
      - Scritto da: Giuseppe Monteleone
      Mi sembra che come sempre il partito
      pro-pirateria (qnche se nessuno lo ammetterà mai)
      è molto agguerrito sulle spalle di chi nel
      settore della musica ci campa (fonici, sale di
      incisione
      ecc).Se fanno un lavoro attualmente inutile o troppo remunerativo, perche' lo stato dovrebbe emanare leggi e consumare risorse per difenderli? Semplice, cambiano lavoro...
      di quanto è figo. A questa gente io darei
      vent'anni di galera, altro che legge
      francese.Si, certo. E a gli stupratori invece gli si da una stretta di mano.Poi si rende legale e distribuibile pure ai bambini la droga, e se ti baccano a rubare in casa una notte di cella e basta
      lasciando il pc acceso notte e giorno. Vendeva
      CD/DVD agli amici per pagarsi il we con la
      morosa. Forntunatamente quando ho sapunto ilMa ci sei o ci fai?Confondere uno che vende roba pirata con uno che la scarica solo, e' come confondere uno che va con le mignotte con uno che va con i bambini ...
      Ribadisco. A sta gente vent'anni di galera!!!!Io invece gente come te l'aiuterei.... togliendo il diritto di voto e rinchiudendola nei manicomi
      • Giuseppe Monteleone scrive:
        Re: Alternative ?
        Premesso che trovo inutilmente offensiovo ed aggressivo il tuo atteggiamento.Io sono qui per esprimere liberamente la mia opinione e mi sento dare del matto e profetizzare la soppressione dei miei diritti civili.Il tipico atteggiamnto razzista ed intollerante di chi vede l'espressione "libertà" a senso unico; quando cioè porta vantaggi.Ma qndiamo avanti. Non si tratta di dire il pirata è meglio o peggio dello stupratore, ma il pirata commette reato e va punito, quindi evita di fare paragoni senza senso che rendo ancor più superficiale la tua risposta al mio post.Dici che lo scaricare è diverso dal commercio e qui ti sbagli perchè lo scaricare indisciminatamente prima o poi porta al commercio. Nella stra grande maggioranza dei casi sarà un commercio basato non su carta moneta ma su favori: io faccio un CD al mio amico il mio amico fa un favore a me.A mio avviso sempre commercio è.E ribadisco non si tratta di quello che scarica 3 pezzi al mese (chi non lo ha fatto) ma di chi tiene attaccato il mulo notte e giorno."Semplice, cambiano lavoro..." non perliamo dei vari Dalla o De Gregori che hanno soldi a palate e camperanno nell lusso piu sfrenato fino alla fine dei propri giorno. Parliamo invece di fonici, di semplici operai impiegati in aziende specializzate per i concerti ecc.Sono persone normali che campano con lo stipendio alla fine del mese e che se il settore musica va in crisi presto o tardi saranno in mezzo ad una strada.Ora mi piacerebbe vedere la tua faccia qundo il tuo responsabile (ammesso che lavori, cosa di cui dubito fortemente vista la tua insensibilità a certi problemi) ti dice "mi spiace da domani sei in cassa integrazione". Tu lo guardi allibito e lui risponde "Semplice, l'azienda va male quindi, cambia lavoro"
        • E. Purator scrive:
          Re: Alternative ?
          - Scritto da: Giuseppe Monteleone
          Premesso che trovo inutilmente offensiovo ed
          aggressivo il tuo
          atteggiamento.Sai che ti dico? Viva il P2P, abbasso i censori!Alle persone come te, che vogliono ammazzare il P2P, darei l'ergastolo a vita, senza alcuna pietà.
          • Giuseppe Monteleone scrive:
            Re: Alternative ?
            Ba fortunatamente al governo tanti la pensano come me .... e nbon gli hanno dato ancora l'ergastolo. Che vuoi farci.
          • harvey scrive:
            Re: Alternative ?
            Al governo è già tanto se il 5% sa veramente cosa sia il P2P....Quindi se la pensano come te, non ti fai un complimento :D
        • harvey scrive:
          Re: Alternative ?
          - Scritto da: Giuseppe Monteleone
          Ma qndiamo avanti. Non si tratta di dire il
          pirata è meglio o peggio dello stupratore, ma il
          pirata commette reato e va punito, quindi evita
          di fare paragoni senza senso che rendo ancor più
          superficiale la tua risposta al mio
          post.Quindi se dai 20 anni a chi scarica, lo stupratore lo squarti con i cavalli in pubblica piazza?
          Dici che lo scaricare è diverso dal commercio e
          qui ti sbagli perchè lo scaricare
          indisciminatamente prima o poi porta al
          commercio. Nella stra grande maggioranza dei casi
          sarà un commercio basato non su carta moneta ma
          su favori: io faccio un CD al mio amico il mio
          amico fa un favore a
          me.Allora a sto punto non dovrebbe essere manco legale fare i favori... lo stato ci perde in tassazione!
          A mio avviso sempre commercio è.Appunto, solo al tuo
          E ribadisco non si tratta di quello che scarica 3
          pezzi al mese (chi non lo ha fatto) ma di chi
          tiene attaccato il mulo notte e
          giorno.Che poi magari compra ugualmente molte cose...
          "Semplice, cambiano lavoro..." non perliamo dei
          vari Dalla o De Gregori che hanno soldi a palate
          e camperanno nell lusso piu sfrenato fino alla
          fine dei propri giorno. Parliamo invece di
          fonici, di semplici operai impiegati in aziende
          specializzate per i concertiI concerti sono sempre pieni .... E certamente non sono economici
          Sono persone normali che campano con lo stipendio
          alla fine del mese e che se il settore musica va
          in crisi presto o tardi saranno in mezzo ad una
          strada.Tanta gente cambia lavoro, per l'avanzare della tecnologia, perchè loro no?!?
          Ora mi piacerebbe vedere la tua faccia qundo il
          tuo responsabile (ammesso che lavori, cosa di cui
          dubito fortemente vista la tua insensibilità a
          certi problemi) ti dice "mi spiace da domani sei
          in cassa integrazione". Tu lo guardi allibito e
          lui risponde "Semplice, l'azienda va male quindi,
          cambia
          lavoro"Non me lo dice, visto che il mio lavoro e' sempre molto richiesto.Non tutti si seggono sugli allori e chiedono sempre aiuto al governo, molti stanno tutti i giorni a farsi il XXXX per innovare il proprio lavoro e far progredire la baracca
          • Giuseppe Monteleone scrive:
            Re: Alternative ?


            Quindi se dai 20 anni a chi scarica, lo
            stupratore lo squarti con i cavalli in pubblica
            piazza?Sui 20 anni, lo ammetto ho esagerato. diciamo che gli togliamo la connessione alla banga larga. Al massimo la possiamo lasciare con un modem a 28800. giusto per non tagliarlo fuori dal mondo del tutto.



            Dici che lo scaricare è diverso dal commercio e

            qui ti sbagli perchè lo scaricare

            indisciminatamente prima o poi porta al

            commercio. Nella stra grande maggioranza dei
            casi

            sarà un commercio basato non su carta moneta ma

            su favori: io faccio un CD al mio amico il mio

            amico fa un favore a

            me.

            Allora a sto punto non dovrebbe essere manco
            legale fare i favori... lo stato ci perde in
            tassazione!


            A mio avviso sempre commercio è.

            Appunto, solo al tuoBene allora allora sponsorizzi il sistema mafioso perchè per te il concetto di favore non esiste. Bravo


            E ribadisco non si tratta di quello che scarica
            3

            pezzi al mese (chi non lo ha fatto) ma di chi

            tiene attaccato il mulo notte e

            giorno.

            Che poi magari compra ugualmente molte cose...


            "Semplice, cambiano lavoro..." non perliamo dei

            vari Dalla o De Gregori che hanno soldi a palate

            e camperanno nell lusso piu sfrenato fino alla

            fine dei propri giorno. Parliamo invece di

            fonici, di semplici operai impiegati in aziende

            specializzate per i concerti

            I concerti sono sempre pieni .... E certamente
            non sono
            economiciSi ma chi lavora in una casa discografica e non fa concerti il lavoro lo perde.


            Sono persone normali che campano con lo
            stipendio

            alla fine del mese e che se il settore musica va

            in crisi presto o tardi saranno in mezzo ad una

            strada.

            Tanta gente cambia lavoro, per l'avanzare della
            tecnologia, perchè loro
            no?!?Per l'avanzare della tecnologia si, per dei furbi che evadono le regole no. Perche si evadono le regole. Allora meglio il sistema di Apple che, a quanto pare ha avuto molto sucXXXXX. 99 centesimi per una conzone non è molto. Ridimensioniamo i guadagni degli artisti, ma facciamo le cose alla luce del sole, seguendeo delle NUOVE REGOLE, e non divertendoci ad infrangere quelle vecchie. In questo caso sarei daccordo con te.

            Ora mi piacerebbe vedere la tua faccia qundo il

            tuo responsabile (ammesso che lavori, cosa di
            cui

            dubito fortemente vista la tua insensibilità a

            certi problemi) ti dice "mi spiace da domani sei

            in cassa integrazione". Tu lo guardi allibito e

            lui risponde "Semplice, l'azienda va male
            quindi,

            cambia

            lavoro"

            Non me lo dice, visto che il mio lavoro e' sempre
            molto
            richiesto.per il momento, per il momento. Il bello sara quando avrai 50 anni e una macchina ti sostituirà e sarai troppo vecchio per cercare un nuovo lavoro.Ricordati 1) che non ci sono limiti alla tecnologia. Oggi facciamo che fino a 3 anni fa erano impensabili2) se una macchina fa il lavoro quasi uguale ma costa molto meno si prende comunque la macchina. Guarda i cal center automatizzati. Sono sono certo come un call center di persone, ma sono sempre più diffusi, perchè costano molto meno.
          • harvey scrive:
            Re: Alternative ?
            - Scritto da: Giuseppe Monteleone
            Bene allora allora sponsorizzi il sistema mafioso
            perchè per te il concetto di favore non esiste.
            BravoOra mi vuoi pure tassare o rendere illegali i favori che faccio agli amici?!?Da domani tassiamo doppiamente quando si offre da bere a un amico (le tasse normali più la tassa sul favore)!!!
            Si ma chi lavora in una casa discografica e non
            fa concerti il lavoro lo
            perde.Certo, ma ti ripeto, il sistema attuale della distribuzione musicale e software e' obsoleto. Non serve a nulla al giorno d'oggi l'intermediario. Se un CD me lo scarico in 20 minuti, perche' devo andare a comprarlo dal negoziante?Soprattutto se lo posso pagare molto meno (meno gente che ci deve guadagnare sopra e meno spese) Non mi dirai che sei uno tra quelli che vuol mantenere in piedi il sistema nei notai? Poveretti altrimenti perdono il lavoro :D
            per una conzone non è molto. Ridimensioniamo i
            guadagni degli artisti, ma facciamo le cose alla
            luce del sole, seguendeo delle NUOVE REGOLE, e
            non divertendoci ad infrangere quelle vecchie. In
            questo caso sarei daccordo con
            te.La gente infrange quelle vecchie per far scrivere leggi nuove. Ai discografici vanno benissimo le regole attuali
            per il momento, per il momento. Il bello sara
            quando avrai 50 anni e una macchina ti sostituirà
            e sarai troppo vecchio per cercare un nuovo
            lavoro.Per ora le programmo io quelle macchinette che sostituiscono la gente , quindi ci vorrà ancora un po' per essere sostituito :P
            Ricordati
            1) che non ci sono limiti alla tecnologia. Oggi
            facciamo che fino a 3 anni fa erano
            impensabiliQuando faranno lavori di concetto mi sa che potremmo andare tutti in vacanza
            2) se una macchina fa il lavoro quasi uguale ma
            costa molto meno si prende comunque la macchina.
            Guarda i cal center automatizzati. Sono sono
            certo come un call center di persone, ma sono
            sempre più diffusi, perchè costano molto
            meno.Ti ripeto, basta fare lavori di concetto. Onestamente uno che lavora al call center o fa il cassiere, non ha granché investito in gioventù per crearsi una carriera
    • Lord Kap scrive:
      Re: Alternative ?
      - Scritto da: Giuseppe Monteleone
      Ribadisco. A sta gente vent'anni di galera!!!!Don't feed the troll... (troll)(troll1)(troll2)(troll3)(troll4)-- Saluti, Kap
    • soulista scrive:
      Re: Alternative ?
      - Scritto da: Giuseppe Monteleone
      A questa gente io darei
      vent'anni di galera, altro che legge
      francese.perchè non la pena di morte per direttissima?-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 04 novembre 2009 09.45-----------------------------------------------------------
    • Without Wall scrive:
      Re: Alternative ?

      gente che non ha nemmeno l'ombra di un CD
      originale
      A questa gente io darei vent'anni di galeraQuindi devo dedurre che ritieni la violazione del diritto d'autore più grave dell' omicidio preterintenzionale che prevede una pena da 10 a 18 anni. Articolo 584 del Codice PenaleChiunque, con atti diretti a commettere uno dei delitti preveduti dagli articolo 581 e 582, cagiona la morte di un uomo, è punito con la reclusione da dieci a diciotto anni. Questo la dice lunga su quanto rosicate perché il mondo va per la sua strada ignorandovi...
      Il figlio di una
      conoscente (17 anni) tirava giu' roba con mulo
      lasciando il pc acceso notte e giorno. Vendeva
      CD/DVD agli amici per pagarsi il we con la
      morosa.Meglio se prima ti informi sulla differenza tra scopo di lucro e scopo di profitto ...Guarda l'inizio di questo video[yt]NNpjv_zDCsM[/yt]
      Ribadisco. A sta gente vent'anni di galera!!!!Ribadisco. Potete rosicare quanto vi pare, ma la trasformazione che Internet sta portando nella società è irreversibile. Fateve una ragione.
  • roberto gentile scrive:
    HADOPI
    perche no!!!poi chiederanno alla fiat ed altri costruttori di controllare come usiamo le vetture che ci forniscono.... hahahha
  • Roberto Simoni scrive:
    La censura dell'innovazione
    Il pericolo più grosso per i bisnonni che ci governano è rappresentato dal potere che rischiano di perdere una volta che internet ha raggiunto una diffusione troppo alta.Negli altri paesi il problema non sussiste dal momento che alla loro età non siedono in parlamento ma all'ospizio.
    • pippopluto scrive:
      Re: La censura dell'innovazione
      - Scritto da: Roberto Simoni
      Il pericolo più grosso per i bisnonni che ci
      governano è rappresentato dal potere che
      rischiano di perdere una volta che internet ha
      raggiunto una diffusione troppo
      alta.

      Negli altri paesi il problema non sussiste dal
      momento che alla loro età non siedono in
      parlamento ma
      all'ospizio.Tutto quello detto è perfettamente vero, ma ricordiamoci che il parlamento è l' espressione della massa popolare.Non importa che i rappresentati del popolo vengano scelti dai partiti.Sempre espressione del popolo è.Ogni popolo ha i governanti che si merita (nel bene e nel male).
      • zi_o_zio scrive:
        Re: La censura dell'innovazione
        - Scritto da: pippopluto
        Ogni popolo ha i governanti che si merita (nel
        bene e nel male).Yes!E noi siamo il paese che con il fascismo ha insegnato a tutto il mondo come sia possibile soggiogare un intero popolo col suo consenso. Abbiamo inventato il consenso informato. @^ @^ @^ciao
    • user scrive:
      Re: La censura dell'innovazione
      - Scritto da: Roberto Simoni
      Il pericolo più grosso per i bisnonni che ci
      governano i bisnonni al potere non hanno fatto di queste leggi liberticide, semmai sono gli ex rivoluzionari del 68 o i figli di tali liberali tipo Carlucci 1959 e Barbareschi 1956 che sono vissuti in un lasso di tempo dove si duplicavano le musicassette a iosa e le leggi del copyright erano lontane.sarei curioso di conoscere veramente il passato pirata dei nostri onorevoli.non c'è peggio dei rivoluzionari del 68 o i loro figli alla guida del governo
  • Simone Cipriane scrive:
    Mussolini non è mai morto.
    Se gli altri paesi nel mondo stanno puntando tutto sull'innovazione la nostra gerantocrazia stà puntando tutto su istituzioni frutto della dittatura fascista.
    • malostato scrive:
      Re: Mussolini non è mai morto.
      Mi dici cosa c'entra?? Mussolini era in Francia??Qui si disquisisce se e come entrerà in vigore una legge italianain base a quella francese e ribadisco francese!!!
      • zi_o_zio scrive:
        Re: Mussolini non è mai morto.
        - Scritto da: malostato
        Mi dici cosa c'entra?? Mussolini era in Francia?? Mussolini è sempre ed ovunque. Tutto il resto sono briciole consesse al prezzo di duro lavoro. @^ @^ @^ @^ @^ @^ @^ @^ @^ @^ciao
    • harvey scrive:
      Re: Mussolini non è mai morto.
      Ma sti comunistelli vedono lo "zio" dappertutto :D
  • Forward scrive:
    Passato vs. Futuro
    Caro avv. Scorza,purtroppo le sue argomentazioni, ineccepibili e pienamente condivisibili , sono comprese solo da una minoranza molto esigua di politici italiani che vivono realmente in questo secolo.Ma la maggior parte della nostra geriatrica classe politica è ancorata al secolo scorso e la sera, quando torna a casa, dà un paio di colpi di manovella al grammofono per ascoltarsi il 78 giri di Renato Carosone...Con queste premesse, è ovvio che le major non hanno alcuna difficoltà a fargli credere che Internet sia un covo di terribili pedoterrofilesharingyoutubefacebooktwitteristi che vogliono sovvertire l'ordine mondiale e che quindi vanno repressi senza pietà.
    • Aleph scrive:
      Re: Passato vs. Futuro
      - Scritto da: Forward
      Caro avv. Scorza,

      purtroppo le sue argomentazioni,
      ineccepibili e pienamente
      condivisibili , sono comprese solo da una
      minoranza molto esigua di politici italiani che
      vivono realmente in questo
      secolo.

      Ma la maggior parte della nostra geriatrica
      classe politica è ancorata al secolo scorso e la
      sera, quando torna a casa, dà un paio di colpi di
      manovella al grammofono per ascoltarsi il 78 giri
      di Renato
      Carosone...

      Con queste premesse, è ovvio che le major non
      hanno alcuna difficoltà a fargli credere che
      Internet sia un covo di terribili
      pedoterrofilesharingyoutubefacebooktwitteristi
      • little magpie scrive:
        Re: Passato vs. Futuro

        Secondo me non li convincono neanche con le
        parole, ma direttamente con il
        denaro!Bravo, ottima osservazione,forse il politico non deve neanche essere convinto, perché lo é giá;peró data la sua ignoranza sul mezzo deve solo essere istruito su cosa dire all'opinione pubblica, quindi "pedoterrofilesharingyoutubefacebooktwitteristi" é perfetto per tutti gli altri che ignoranti pari sono...
    • user scrive:
      Re: Passato vs. Futuro
      noi italiani copiamo quello che c'è di peggio nel mondo, inutile dire e ribadire che si uniranno ai francesi, addirittura centuplicando le pene.vuoi mettere arrestare un Nerd che scarica da internet facendolo passare per terrorista, senza che nessuno si faccia male tranne il Nerd, invece di indagare ed arrestare assassini, spacciatori, mafiosi e affini, dove si rischia la vita.alla fine siamo una statistica, repressioni al codice penale 1000000, di cui 999999 di Nerd e 1 borseggiatore.l'importante è fare statistica.
      • little magpie scrive:
        Re: Passato vs. Futuro
        No, é peggio!Altro che 1000000, di cui 999999 di Nerd e 1 borseggiatore.Ricoratevi che per il filesharing si possono intercettare le comunicazioni private, anzi é auspicabile, per gli altri reati NO!Magari fosse solo il borseggiatore, qui si agevolano ben altri reati...
        • harvey scrive:
          Re: Passato vs. Futuro
          I politici mica fanno P2P, che gli frega...Le leggi sulla privacy sono solo per tutelare la loro, mica quella degli altri!
  • Valeren scrive:
    Sicuramente ci proveranno
    E forse ci riusciranno anche dato lo stato di letargo cerebrale in cui hanno cacciato il popolo bue e tricolore.Veline + Amici + GF + Campioni_Del_Mondo = vuoto pneumatico nel cranio.Quello che può salvarci è la conseguenza di una simile legge.Se davvero dovessero disconnettere e multare ad cazzum, si aprirebbero due scenari:1) smanettoni: passerebbero al cifrato anche se in alfa e quant'altro;2) resto del mondo: un fiorire di disdette o di ridimensionamento dell'abbonamento con l'abbandono della flat.Con i provider sull'orlo del fallimento qualcosa dovrà cambiaree potrebbe esserci una prova di per forza niente male.
  • attonito scrive:
    gia me lo vedo Gasparri
    Tuonare contro i "pirati di internet" che tolgono il pane di bocca alle povere case cinematografiche e discografiche.Presto presto, si appronti a tempo di record una legge fotocopia di quella francese.
  • massimo scrive:
    HADOPI all'italiana
    quello che mi preoccupa è che di questi argomenti non se ne discuta seriamente in modo costruttivo e con una visione futurail tutto poi viene sistemato come sempre "all'italiana"la rete in italia non è vista come un mezzo di comunicazione e di libertà ma come qualcosa da controllare e reprimere, forse è per questo che si chiama "rete"
Chiudi i commenti