Tennessee, università col filtro

Milioni di dollari per espellere il P2P dagli atenei. I ragazzi dovranno rivolgersi ad altri sistemi di distribuzione, nell'auspicio che scelgano quelli legali. Mentre altre università smettono di collaborare

Roma – Il P2P non deve turbare la quiete dei dormitori degli studenti, i giovani dovranno nutrirsi di soli contenuti ottenuti con l’avallo dell’industria: il Tennessee ha approvato una legge che impone alle università di installare tutto il necessario per scongiurare il traffico di contenuti intessuto fra gli studenti e i netizen che vivono fuori dalle istituzioni universitarie.

Lo stato del Tennessee è arrivato là dove non sono arrivate le leggi federali : se gli States hanno approvato una riforma del sistema universitario che esclude la possibilità di concedere finanziamenti in cambio dell’installazione di filtri e dell’obbligo a imboccare i ragazzi con soluzioni certificate dall’industria, lo stato del Tennessee ha accolto le richieste dell’industria dei contenuti. Ogni istituzione universitaria, pubblica o privata che sia, dovrà “tentare in maniera ragionevole di prevenire le violazioni del materiale protetto da copyright mediate dalle sue macchine o dalle sue reti”.

Il provvedimento servirà a correggere i comportamenti di istituzione scapestrate e di studenti dediti al file sharing illecito: le università che abbiano ricevuto 50 o più denunce di avvenuta violazione dovranno conciliare e mettere in atto le azioni di contrasto . Si concretizzeranno in tecnologie e strumenti di filtering e di monitoraggio, si concretizzeranno per lo stato in una spesa di 9,5 milioni di dollari nel primo anno di impiego e di 1,5 milioni di dollari per ciascun anno successivo. Serviranno a fornire hardware, software e personale capace di gestire i sistemi anti-P2P.

Se il governatore Bredesen, che ha apposto il sigillo alla legge, si dice orgoglioso dell’azione che il Tennessee ha messo in campo per prevenire un “download illegale che ha un impatto profondamente negativo sull’industria della musica”, la RIAA plaude ai legislatori di uno stato “in cui l’impatto del furto di musica nei campus universitari è più sentito che altrove”. Se nel 2007, ricorda la RIAA, metà degli studenti degli States hanno ammesso di scaricare illegalmente musica e film, l’Università del Tennessee si è piazzata quarta nell’elenco delle università più impegnate nel file sharing.

Nel modello descritto dalla legge è contemplato il solo proibizionismo nei confronti degli studenti: a differenza di quanto avrebbe dovuto prevedere la legge federale, nel Tennessee non si proporranno ai ragazzi alternative legali, non si incoraggeranno i giovani a ricompensare gli artisti . Semplicemente, osserva EFF, si riverserà del denaro pubblico in un sistema che non potrà funzionare : esiste il modo di ingannare i filtri , esiste il modo di attingere alle risorse condivise in rete senza dover passare dal P2P , non esiste solo la rete scolastica per accedere a Internet. Perché non investire questi milioni di dollari stipulando, ad esempio, dei contratti di licenza?

Resta da capire come reagiranno le università: se negli States ci sono istituti che hanno abbracciato spontaneamente dei sistemi per arginare la fame di contenuti degli studenti, le università del Tennessee si sono opposte in passato alla prospettiva di vincolare i propri studenti a servizi suggeriti dall’industria.

L’opera di educazione e repressione dell’industria dei contenuti non sembra destinata ad estinguersi con l’entrata in vigore di una legge. Se la strategia basata su denunce e patteggiamenti operata dalla RIAA resta efficace , non tutte le università si dimostrano pronte a collaborare: la Duke University, così come altri atenei statunitensi , ha annunciato che non agirà più da intermediaria tra studenti e industria. I rappresentanti dei detentori dei diritti dovranno fornire le prove , dovranno dimostrare che si siano verificate una violazione e un’effettiva disseminazione di file : solo in questo caso l’ateneo inoltrerà allo studente la comunicazione con cui l’industria lo invita a patteggiare. La Duke University lo scorso anno ha ricevuto mille segnalazioni di violazione in cui era coinvolto un indirizzo IP del campus: dai prossimi mesi l’industria avrà bisogno di rivolgersi al tribunale per ottenere che la Duke University riveli il nome che corrisponde all’indirizzo IP. La garanzia che la Duke University offre ai suoi studenti probabilmente non cambierà l’atteggiamento dell’industria: rivolgendosi ad un giudice per ottenere un mandato che costringa l’Università a rivelare i dati dello studente, RIAA o chi per essa potrà portare a testimonianza della violazione il fatto che l’indirizzo IP in questione metteva a disposizione dei file condivisi sull’hard disk. Ma fra i giudici statunitensi sta progressivamente attecchendo la convinzione che mettere a disposizione non equivalga a distribuire .

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Cero scrive:
    Imprecisioni e dimenticanze
    L'articolo ha dei punti imprecisi (forse maruccia stesso è rimasto interdetto come e come tanti altri dalla nuova dash), fatto sta che dopo un pò di uso tutte le funzioni e la loro accessibilità sono più chiare.Nell'articolo non viene citato il fatto che i giochi ora possono essere copiati su hdd, abbandonando così l'effetto aeroplano del disco inserito nel tray. (il disco serve cmq per avviare il gioco). Questa mi pare una novità sostanziale, altro che avatar del piffero :D
    • Dr. House scrive:
      Re: Imprecisioni e dimenticanze
      Anche il fatto che finalmente si adatti alle risoluzioni 16:10 della gran parte dei monitor, altro che Avatar (che cmq sono una trovata divertente)
      • Cero scrive:
        Re: Imprecisioni e dimenticanze
        Ah già è vero, dato che non utilizzo quel tipo di risoluzioni mi era passato di mente quando ho scritto il post :D
    • djdion.. scrive:
      Re: Imprecisioni e dimenticanze
      - Scritto da: Cero
      L'articolo ha dei punti imprecisi (forse maruccia
      stesso è rimasto interdetto come e come tanti
      altri dalla nuova dash), fatto sta che dopo un pò
      di uso tutte le funzioni e la loro accessibilità
      sono più
      chiare.
      Nell'articolo non viene citato il fatto che i
      giochi ora possono essere copiati su hdd,
      abbandonando così l'effetto aeroplano del disco
      inserito nel tray. (il disco serve cmq per
      avviare il gioco). Questa mi pare una novità
      sostanziale, altro che avatar del piffero
      :D e mi sa che te lo appoggio :D
    • Max scrive:
      Re: Imprecisioni e dimenticanze
      Direi che hai ragione!! Non sentire quel ca**o di rumore del dvd è un'esperienza nuova. Come si fa a fare l'articolo e non inserire questa funzionalità?? Mah....
      • Nicola scrive:
        Re: Imprecisioni e dimenticanze
        quoto alla grande... peccato che adesso hai bisogno di un hdd più capiente che guarda un po costa il triplo rispetto a quelli normali in commercio!c'è sempre qualcosa dietro!!!
        • Perron Massimo scrive:
          Re: Imprecisioni e dimenticanze
          - Scritto da: Nicola
          quoto alla grande... peccato che adesso hai
          bisogno di un hdd più capiente che guarda un po
          costa il triplo rispetto a quelli normali in
          commercio!
          c'è sempre qualcosa dietro!!!Vabbè dai. Devi installare il gioco con cui si gioca abitualmente, mica tutti quelli che hai!!!! :)Ho provato ieri con gow2 e occupa circa 6gb. Quindi, mi pare sufficiente per un uso normale della console.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Imprecisioni e dimenticanze
            Però, se la microsoft permetteva l'installazione di un qualsiasi HD per la propia console, non sarebbe male.Comunque in parole povere ti fa una immagine del disco del gioco alla fine.
          • Cesare scrive:
            Re: Imprecisioni e dimenticanze
            E' solo questione di tempo, le solite "terze parti" costruiranno un adattatore. Io aspetto quello e poi la scheda madre della 360 e tutto il resto fila dentro il case di un PC, con alimentatore da 400w :D
          • kriss parker scrive:
            Re: Imprecisioni e dimenticanze
            Purtroppo non è così semplice....se vuoi già adesso puoi sostituire il tuo 20 giga con uno da 120, ma la procedura è abbastanza complessa...la 360 utilizza il palladium...quando inserisci un hd, la consolle fa una chiamata di riconoscimento all'hd, che in uno dei settori ha una firma digitale che non puo' essere sostituita....quindi se ad esempio mettu un hd da 250, lo stesso non verrà riconosciuto....per adesso- Scritto da: Cesare
            E' solo questione di tempo, le solite "terze
            parti" costruiranno un adattatore. Io aspetto
            quello e poi la scheda madre della 360 e tutto il
            resto fila dentro il case di un PC, con
            alimentatore da 400w
            :D
  • dlrm9m scrive:
    !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!111
    Ora, la m$ non l'apprezzo per quanto riguarda windows, ma credetemi la amo per la xbox :D
    • Perrone Massimo scrive:
      Re: !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!111
      - Scritto da: dlrm9m
      Ora, la m$ non l'apprezzo per quanto riguarda
      windows, ma credetemi la amo per la xbox
      :DCome non quotarti...
    • Winston Wolf scrive:
      Re: !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!111
      - Scritto da: dlrm9m
      Ora, la m$ non l'apprezzo per quanto riguarda
      windows, ma credetemi la amo per la xbox
      :DInsomma, quando ci si mettono fanno cose che funzionano!
  • 3my78 scrive:
    Ottimo
    Visto che a Natale devo prenderla:-Dhttp://3my78.blogspot.com/
  • Mastrus scrive:
    Film anche in ITA
    Volevo precisare che anche per l'Italia c'e' lo streaming dei film online sia in SD che in HD. Oggi primo giorno di NXE i film a noleggio sono 52.SalutiMastrus
    • GoldenBoy scrive:
      Re: Film anche in ITA
      sisi con la nuova vodafone da 14.4mbps fake magari...
    • chojin scrive:
      Re: Film anche in ITA
      - Scritto da: Mastrus
      Volevo precisare che anche per l'Italia c'e' lo
      streaming dei film online sia in SD che in HD.
      Oggi primo giorno di NXE i film a noleggio sono
      52.

      Saluti
      MastrusPensa te che qualità...ed uno paga pure per quella roba DRM e pure streaming? Mamma mia. Meglio affittarsi un DVD mille volte se non si ha una PS3 o un lettore BD per l' HD.
      • djdion.. scrive:
        Re: Film anche in ITA
        Salve a tutti. Volevo precisare come non è esatto quello che dice Mastrus. In America esiste lo streaming vero e proprio. Quello offerto in Italia è un "DOWNLOAD" del film in alta definizione (se non erro con estensione windows mwdia video ".WMV") con il quale i film ce li si scarica su hdd e li posso vedere anche sul mio PC. Al momento non so quanto duri il tempo di noleggio, purtroppo. E si paga il tutto con MS Points. Ripeto non è uno streaming, è un download (in Italia).dioxVI-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 novembre 2008 02.27-----------------------------------------------------------
        • Wolf01 scrive:
          Re: Film anche in ITA
          A parte il fatto che non comprerei mai un contenuto multimediale da Microsoft (chissà che DRM ha dentro quel wmv) mi chiedo quanto possono costare in MS-Points i film e le serie tv, già i MS-Points costano tantino, se poi viene fuori che con la conversione mi costano più di un DVD a 9.90 allora mi prendo i DVD direttamente
          • Cero scrive:
            Re: Film anche in ITA
            Un film hd viene sui 320msp se non sbaglio. 500 msp costano 6 euro, fatti il conto
          • gerry scrive:
            Re: Film anche in ITA
            - Scritto da: Cero
            Un film hd viene sui 320msp se non sbaglio. 500
            msp costano 6 euro, fatti il
            contoCirca 3.84 euro. Ma cosa ci puoi fare col film?(oltre che vederlo naturalmente :D copiarlo, masterizzarlo, (newbie) )
          • uno scrive:
            Re: Film anche in ITA
            i film costano 210 mpcioè 2,50€ per 14 giorni -24 per un noleggio normale costa minimo 3,50 per 6 ore
          • gerry scrive:
            Re: Film anche in ITA
            - Scritto da: Wolf01
            A parte il fatto che non comprerei mai un
            contenuto multimediale da Microsoft (chissà che
            DRM ha dentro quel wmv) Se entra in diretta concorrenza con il videonoleggio non è un idea così stupida, fai conto che è un DVD noleggiato e che domani lo devi ridare indietro (cioè in pratica che non è tuo).Tutto dipende dal prezzo, 4 euro sono troppi ma ci stiamo avvicinando.
          • Lenny scrive:
            Re: Film anche in ITA
            aggiungi 1 ora per uscire a prendere e riconsegnare il film ...
          • gerry scrive:
            Re: Film anche in ITA
            - Scritto da: Lenny
            aggiungi 1 ora per uscire a prendere e
            riconsegnare il film
            ...4 euro però son tanti, già 2 sarebbe ottimo.
          • korova scrive:
            Re: Film anche in ITA
            Io vado al videonoleggio con il notebook. Mi metti in macchina, pendo il DVD lo scarico sull'HD e me lo godo quando voglio.Lo sapevete che più del 40% dei ricavi dei video-noleggi tipoblockbuster viene dalle penali per ritardata riconsegna??( si, si dormono ancora)Scrivi il codice antispam: 222687 :-o(newbie)(newbie)(geek) :p :p :p :D(geek)
          • gerry scrive:
            Re: Film anche in ITA
            - Scritto da: korova
            Io vado al videonoleggio con il notebook. Mi
            metti in macchina, pendo il DVD lo scarico
            sull'HD e me lo godo quando
            voglio.Il fatto è che molti probabilmente sono abbastanza pigri da spendere 2 euro pur di evitare la prima parte della trafila (quella rigurdante il mettersi in macchina), specie se piove e fa freddo.Quanto al godermelo quando voglio, ci sono film che tieni in casa e ci sono film che scarichi
            vedi
            cancelli.Non vale nemmeno la pena di bruciare un DVD.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Film anche in ITA
            contenuto non disponibile
          • gerry scrive:
            Re: Film anche in ITA
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: gerry


            4 euro però son tanti, già 2 sarebbe ottimo.

            Se sono titoli nuovi e in qualità HD o comunque
            superiore al DVD, 4 euro sono
            onesti.Perchè in teoria ti rimane, ma io farei volentieri a cambio con un "2 euro e si cancella dopo una settimana".Ma anche un "2 euro in qualità DVD, 4 in HD" non sarebbe male.Suppongo che anche sulle novità non ci si possa fare nulla, basta che non rimangano novità per sempre :D Sarebbe l'ammazza-videonoleggio,
          • Darsch scrive:
            Re: Film anche in ITA
            - Scritto da: gerry
            Ma anche un "2 euro in qualità DVD, 4 in HD" non
            sarebbe male.
            Suppongo che anche sulle novità non ci si possa
            fare nulla, basta che non rimangano novità per
            sempre :D
            Sarebbe l'ammazza-videonoleggio,Per quanto mi riguarda è già l'ammazza-videonoleggio:Film catalogo SD -
            2,50 EuroFilm catalogo HD -
            3,70 EuroFilm novità SD -
            4,2 EuroFilm novità HD -
            mi pare intorno ai 5-6 Euro, non ricordo benePer me ci si può benissimo stare! I film di catalogo costano il giusto, mentre per le novità spendi un po' di piu', ma mi sembra anche logico, visto che al cinema per due persone spendi 15 Euro!E ieri ho già scaricato il primo film HD per provare il servizio... è anche piuttosto veloce!
          • Anonimo... scrive:
            Re: Film anche in ITA
            Come prezzi ci siamo dentro alla grande, siamo anche all'inizio. Se magari fra un annetto calano un pochino siamo a cavallo! Era ora!!!
          • Darsch scrive:
            Re: Film anche in ITA
            Ah dimenticavo: il film dura 14 giorni dal download e 24 ore da quando premi sul tasto "Riproduci". :)
          • Wolf01 scrive:
            Re: Film anche in ITA
            Eccolo! Questo volevo sentire :D
          • gerry scrive:
            Re: Film anche in ITA
            - Scritto da: Darsch
            Ah dimenticavo: il film dura 14 giorni dal
            download e 24 ore da quando premi sul tasto
            "Riproduci".
            :)Non è affatto male, magari potrebbero togliere le 24h che francamente mi sembrano esagerate.Può sembrare avere troppe pretese, ma secondo me dovrebbero rischiare poco di provocare scontento nei clienti, specie ora che il servizio è all'inizio.Se facessi partire un film e poi per qualche motivo dovessi lasciarlo a metà, mi girerebbe doverlo ricomprare.
Chiudi i commenti