USA, Microsoft e Yahoo ancora sotto la lente

Le autorità statunitensi continuano ad analizzare molto da vicino l'accordo tra le due potenze. Nel mentre, il CEO di Sunnyvale va in TV a bacchettare il suo predecessore

Roma – Come già ampiamente previsto dai diretti interessati, le autorità USA non hanno intenzione di mollare facilmente la presa sullo storico accordo tra Microsoft e Yahoo. Il Dipartimento di Giustizia rilancia e invia alle due aziende una seconda richiesta di informazioni per meglio valutare la legittimità dell’accordo in materia di norme antitrust .

“Microsoft e Yahoo hanno ricevuto una richiesta aggiuntiva riguardo l’accordo”, conferma Jack Evans per Microsoft. “Avevamo anticipato che questo accordo sarebbe stato analizzato molto da vicino – continua Evans – e continuiamo a essere fiduciosi sul fatto che verrà approvato non più tardi dell’inizio del 2010”.

Il DOJ statunitense vuole prendersi il tempo necessario a capirne di più su quell’intesa della durata di 10 anni, delle sue conseguenze sul mercato e la concorrenza. Le due aziende fanno mostra di una calma glaciale e scommettono con sicurezza sul fatto che alla fine il parere sarà positivo , d’altronde gli uffici governativi non hanno al momento ricevuto particolari lamentele da parte di fornitori di contenuti e pubblicitari come avvenuto in precedenza in occasione dei colloqui tra Google e Yahoo !

Allora i pubblicitari erano insorti mugugnando per quella che ritenevano fosse un’eccessiva concentrazione nelle mani di un solo soggetto, mentre nel caso dell’accordo tra Microsoft e Yahoo il mercato avrebbe tutto da guadagnarci e Google, che attualmente detiene il 70% della ricerca online negli States, dovrebbe confrontarsi con un nuovo soggetto con in mano il 30% circa di market share . Lo stesso discorso si applicherebbe sostanzialmente invariato alle autorità antitrust europee, dove Google ha una quota di mercato ancora maggiore e non si prevedono particolari sorprese nell’iter di approvazione dell’accordo.

In attesa di conoscere il parere dei regolatori, intanto, sia Microsoft che Yahoo! sono al lavoro su piani di transizione separati in modo da rendere questa fase meno problematica possibile. Secondo alcune fonti uno di questi piani prevederebbe l’acquisizione da parte di Microsoft di migliaia di ingegneri del search attualmente in forze a Yahoo.

Il management è al lavoro per organizzare i nuovi assetti aziendali, ma il CEO di Yahoo! si prende una pausa per farsi intervistare dal network statunitense CNBC confessando il suo attaccamento all’azienda e sparando qualche bordata al suo predecessore . “Non ho venduto nessuna delle mie azioni” conferma Carol Bartz nell’intervista televisiva, conservando poi una inequivocabile (ancorché indiretta) definizione di “stupido” per Jerry Yang colpevole, a suo dire, di aver fatto naufragare la prima, ghiottissima offerta di acquisto di Microsoft dal valore di 34 dollari per azione. Noblesse oblige .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ottomano scrive:
    In Italia intanto...
    si punta sul "Nucleare pulito"...Poi le scorie andiamo a sotterrarle a villa certosa!
    • devil64 scrive:
      Re: In Italia intanto...
      - Scritto da: ottomano
      si punta sul "Nucleare pulito"...

      Poi le scorie andiamo a sotterrarle a villa
      certosa!No per favore, atrlimenti di ritroviamo ila nano che resiscita dal suo loXXXX.Speriamo di no....;)
  • vavava scrive:
    x Federica Ricca
    Articolo in cui non si capisce niente e in più contiene dati sbagliati come la Cina : Raggiunto il 10% vuole passare al 20% e più, questo senza contare la diga che è già in parte operativa. La eSolar è big nel mercato con il fotovoltaico con rese dl 18-20%. Ecc.Ma ti sei informata da Battaglia ?Ciao
    • reXistenZ scrive:
      Re: x Federica Ricca
      - Scritto da: vavava
      Articolo in cui non si capisce niente e in più
      contiene dati sbagliati come la Cina : Raggiunto
      il 10% vuole passare al 20% e più, questo senza
      contare la diga che è già in parte operativa. La
      eSolar è big nel mercato con il fotovoltaico con
      rese dl 18-20%.
      Ecc.

      Ma ti sei informata da Battaglia ?

      CiaoLink graditi, grazie.
  • devil64 scrive:
    E mettere i servers in orbita?
    L'unica cosa è la latenza che si potrebbe creare da una trasmissione satellitare, ma il risparmio è garantito. Raffreddamento gratuito, energia solare a gogò.Ma attenzione ai "venti" solariSaluti
    • Zio Ubertoten scrive:
      Re: E mettere i servers in orbita?
      si, ma pensa dover andar su a fare manutenzione :D..un cliente ti chiama nella notte "ehi il mio server è giu'!!!"
      • devil64 scrive:
        Re: E mettere i servers in orbita?
        - Scritto da: Zio Ubertoten
        si, ma pensa dover andar su a fare manutenzione :D

        ..un cliente ti chiama nella notte "ehi il mio
        server è
        giu'!!!"Ma credi che Google non ci abbia già pensato per la normale amministrazione?Hanno clusterizzato e ridondato l'impossibile.http://news.cnet.com/8301-1001_3-10209580-92.html in alto a dx la zona nera è una batteria!!! Montata direttamente nel server e ogni server ne ha una.Qeusto è stato costruito per stare sulla Terra, pensa li mettessero nello spazio cosa si inventerebbero.Ciao
        • QTL Totec scrive:
          Re: E mettere i servers in orbita?
          ...ma il fatto che quell'articolo sia uscito il primo Aprile non è da tenere in considerazione, per valutarne la credibilità? Boh...
    • Funz scrive:
      Re: E mettere i servers in orbita?
      - Scritto da: devil64
      L'unica cosa è la latenza che si potrebbe creare
      da una trasmissione satellitare, ma il risparmio
      è garantito. Raffreddamento gratuito, energia
      solare a
      gogò.Energia solare OK, ma il raffreddamento dove non c'è aria è un grosso problema, altro che gratuito :)
      Ma attenzione ai "venti" solariVero, tutte queste particelle altamente energetiche che ti piombano sul server chissà che effetti hanno...Piuttosto non ho capito cosa siano questi specchi terrestri di Google... solare termico con specchi parabolici?solare FV?specchi ustori come quelli di Archimede? Molto utili quando si avvicina un rappresentante Microsoft :D
      • devil64 scrive:
        Re: E mettere i servers in orbita?
        - Scritto da: Funz
        - Scritto da: devil64

        L'unica cosa è la latenza che si potrebbe creare

        da una trasmissione satellitare, ma il risparmio

        è garantito. Raffreddamento gratuito, energia

        solare a

        gogò.

        Energia solare OK, ma il raffreddamento dove non
        c'è aria è un grosso problema, altro che gratuitoLa temperatura dello spazio siderale dovrebbe essere intorno ai 2,73 kelvin, ti basta per raffreddare un "paio" di alette del prcoessore?
        :)


        Ma attenzione ai "venti" solari

        Vero, tutte queste particelle altamente
        energetiche che ti piombano sul server chissà che
        effetti
        hanno...

        Piuttosto non ho capito cosa siano questi specchi
        terrestri di Google...

        solare termico con specchi parabolici?
        solare FV?
        specchi ustori come quelli di Archimede? MoltoSecondo me si basano proprio su quel tipo di tecnologia, infatti nella produzione di corrente elettrica è quella che ha dato i risultati migliori. Rende molto di più del fotovoltaico.
        utili quando si avvicina un rappresentante
        Microsoft
        :DQuoto.Ciao-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 settembre 2009 10.38-----------------------------------------------------------
        • Tecnocrate semimodera to scrive:
          Re: E mettere i servers in orbita?


          Energia solare OK, ma il raffreddamento dove non

          c'è aria è un grosso problema, altro che
          gratuito
          La temperatura dello spazio siderale dovrebbe
          essere intorno ai 2,73 kelvin, ti basta per
          raffreddare un "paio" di alette del
          prcoessore?

          :)

          Hai presente i "thermos", quelli che tengono caldo il caffe?Funzionano grazie al fatto che interpongono tra il liquido caldo e l'estreno uno strato altramente isolante, composto da sottovuoto.http://it.wikipedia.org/wiki/Vaso_di_DewarLo spazio è (relativamente parlando) vuoto, pertanto le normali alette di raffreddameno dei proXXXXXri sarebbero altamente insufficenti per raffreddare un proXXXXXre.Questi sono i radiatori utilizzati dalla ISS, la stazione spaziale internazionale:http://www.lockheedmartin.com/products/HeatRejectionRadiators/index.html
    • Tecnocrate semimodera to scrive:
      Re: E mettere i servers in orbita?
      - Scritto da: devil64
      L'unica cosa è la latenza che si potrebbe creare
      da una trasmissione satellitare, ma il risparmio
      è garantito. Raffreddamento gratuito, energia
      solare a
      gogò.
      Ma attenzione ai "venti" solari
      SalutiFantascienza spicciola.
      • devil64 scrive:
        Re: E mettere i servers in orbita?
        - Scritto da: Tecnocrate semimodera to
        Fantascienza spicciola.Anche questa è fantascienza spicciola:http://www.miniwatt.it/mwarchivio/mwb2007/0710_Energ_Energia%20dal%20satellite.pdfSaluti
        • Tecnocrate semimodera to scrive:
          Re: E mettere i servers in orbita?
          - Scritto da: devil64
          - Scritto da: Tecnocrate semimodera to

          Fantascienza spicciola.
          Anche questa è fantascienza spicciola:
          http://www.miniwatt.it/mwarchivio/mwb2007/0710_Ene

          SalutiSi, lo è dato che sono solo progetti di massima.Conosci Kliper?http://en.wikipedia.org/wiki/KliperConosci Aurora?http://en.wikipedia.org/wiki/Aurora_(aircraft)Conosci NERVA?http://en.wikipedia.org/wiki/NERVAProgetti irrealizzabili (==Fantascienza).
Chiudi i commenti