USA, pressioni su Twitter per Wikileaks

Un'ordinanza diramata per ordine del DoJ obbligherebbe a consegnare una serie di informazioni personali su cinque account. Tra questi, quello di Julian Assange e del soldato Bradley Manning

Roma – Due hacker, un’ex-militare statunitense, un membro del parlamento islandese, un uomo di origini australiane attualmente in libertà vigilata. Cinque cittadini del mondo accomunati da almeno due condizioni: aver aperto un account cinguettante su Twitter, e soprattutto aver collaborato in qualche modo con la squadra dell’ormai arcinoto sito delle soffiate Wikileaks .

Due fattori chiave, che sembrano aver convinto i vertici del Department of Justice (DoJ) statunitense ad includere la piattaforma di microblogging nelle indagini sull’operato di Julian Paul Assange, founder di Wikileaks. I responsabili di Twitter hanno infatti ricevuto copia di una specifica ordinanza diramata da un giudice dello stato della Virginia.

La micropiattaforma dovrà cinguettare ancora, questa volta rivelando ai vertici del DoJ una preziosa serie di informazioni relative alle cinque personalità coinvolte . Ovvero i due programmatori informatici Rop Gonggrijp (Olanda) e Jacob Appelbaum (Stati Uniti), l’ex-soldato statunitense Bradley Manning, il parlamentare islandese Birgitta Jonsdottir e appunto Julian Assange.

Secondo il DoJ, Twitter è in possesso di una serie di informazioni personali utili per lo svolgimento delle indagini, che vorrebbero portare alla incriminazione del founder di Wikileaks per violazione dell’ Espionage Act a stelle e strisce (pur non essendo lui cittadino statunitense). Gli altri quattro cittadini nominati nell’ordinanza avrebbero attivamente collaborato con il sito Wikileaks .

Quali sono i dati richiesti dal DoJ a Twitter? Innanzitutto numeri telefonici e informazioni relative a carte di credito, poi a indirizzi di posta elettronica, indirizzi IP e ad ogni eventuale trasferimento di file . Le stesse policy interne al social network obbligherebbero i suoi responsabili a soddisfare le richieste del governo statunitense, dal momento che c’è una specifica ordinanza da parte di un giudice.

“Il governo statunitense ha ormai superato ogni limite – ha commentato il membro parlamentare Jonsdottir – Vorrebbero sapere tutto sui miei tweet a partire dal novembre del 2009, ma sono consapevoli del fatto che ricopro una carica parlamentare in Islanda?”. Twitter le ha ora dato dieci giorni per rispondere per vie legali , prima di consegnare i suoi dati alle autorità del DoJ.

I responsabili di Wikileaks hanno quindi contestato l’ordinanza del giudice della Virginia, chiedendo ad altre piattaforme come Google e Facebook di rivelare ogni altra eventuale richiesta del DoJ. “Se il governo iraniano avesse tentato di ottenere con la forza informazioni personali da attivisti o giornalisti – ha spiegato Assange – le organizzazioni per i diritti umani avrebbero reagito”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • exagonx scrive:
    Nessun commento
    Non posso commentare quello che hai scritto, ma posso confermarti che ho fatto la mia piccola donazione, sperando che sia stata utile a mantenere viva l'idea stessa di Wikipedia.
  • Wanu scrive:
    Buon Senso
    Purtroppo secondo me la verità sta sempre nel mezzo.Pur essendo uno dei primi frequantatori (in termini di tempo) di Wikipedia, sono anche uno dei primi a criticare alcune logiche della stessa.Non mi schiero contro le solite cose che sono arcinote a tutti : articoli tecnici obsoleti, nozioni spesso superate e non aggiornate, articoli inesatti o realizzati volontariamente in modo inesatto.Mi schiero invece contro l'utilizzo che se ne fa... Mi piace la definizione "ENCICLOPEDIA AMATORIALE", come tutte le cose "AMATORIALI", è l'uso che se ne fa a condizionare la bontà del mezzo.In moltissimi casi ci sono veri e propri esperti che si sono presi la briga di andare a scrivere e aggiornare gli articoli, vero anche però che IN TANTISSIMI altri casi questi articoli non sono aggiornati e addirittura non sono nemmeno scritti da gente tanto esperta.SOLUZIONE? WIKIPEDIA non dovrebbe essere la nostra unica fonte di sapere, ne tantomeno va preso alla lettera necessariamente tutto quello che troviamo in essa (vale il discorso anche per tutto il resto delle fonti di sapere d'altronde), bisognerebbe armarsi di BUON SENSO e utilizzare le informazioni ricevute per confutarle e verificarle con altre fonti, approfondendo e smettendo di concepire la cultura come un bene superficiale e basato sul primo risultato di google.Purtroppo il problema secondo me non è Wikipedia/Enciclopedia, ma il fatto che la gente si è convinta che mettendo "raffreddore" su google ci si possa curare con i primi 3 risultati.Facendo la stessa cosa su Wikipedia ottengo un'informazione, ne faccio cultura e magari ho una cultura "XXXXXXXXXX" (nel senso MANCANTE), "DEFICITARIA" o addirittura "ASSURDA" proprio perchè ho letto l'informazione sbagliata o l'articolo scritto da chi non sa nulla.Per questo, mi schiero contro chi fa un uso alla lettera di WIKIPEDIA e contro chi non approfondisce le proprie informazioni, ma anche contro chi demonizza i nuovi metodi di cultura affermando che esiste una "MERAVIGLIOSA" enciclopedia che ha in mano tutto il sapere... NON E' COSI' ... LA PAROLA D'ORDINE E' AGGIORNARSI !!!Ci sono studi continui e ci sono cose che vengono stravolte ogni giorno... Non si può pensare di prendere una pubblicazione congelata a una certa data e usarla come unica fonte di sapere... è da stupidi...Così come è estremamente pericoloso usare 1 unico autore/ 1 unico marchio e secondo me anche 1 unico paese come mezzo di informazione... perchè la cultura potrebbe essere VEICOLATA.Pensate un secondo, tutto quello che sappiamo sugli EGIZI arriva da libri di testo o da giornali/TV... (PROVOCAZIONE) se le piramidi fossero state costruite 200 anni fa o 150... e ci fosse stata propinata una storia assurda per renderla pià suggestiva? Cosa lo confuterebbe?!?!Chiaro... voi direte che questo presupporrebbe un accordo "mondiale" su questo tipo di cose, forse troppo complicato da realizzare, ma pensate anche che i libri di testo e i programmi ministeriali ("MINISTERIALI") sono autorizzati dal governo... se i libri fossero scritti leggermente a favore o leggermente contro!?!??
  • Vitale Gianluca Sparacello scrive:
    Contappunto :)
    Bocca di Rosa e' partita non dipartita. Ed io ho dato i miei dieci (10) euri a wiki.E' sempre la prima cosa che consulto ma se sono cose di cui ho necessita' di dati certificati approfondisco altrimenti. Wikipedia fa parte alla grande del concetto di Good Enough celebrato da Wired (http://www.wired.com/gadgets/miscellaneous/magazine/17-09/ff_goodenough) nel quale mi riconosco a pieno
  • arancio scrive:
    wikipedia = nozionismo inaffidabile
    In due parole, wikipedia è troppo spesso:NOZIONISTICA, cioè una raccolta copiaincollata di informazioni di dubbia utilità, magari dattagliatissime ma senza ombra di critica e spesso frutto di malintendimenti o del tutto errate.INAFFIDABILE, perchè, dato un argomento qualunque, non si può sapere se sia trattato correttamente oppure no. Il che vale per qualunque fonte, ma in wiki la situazione è assolutamente esasperata a causa del mediocre livello culturale del contributore medio (anzi forse anche della maggioranza dei contributori).Ricordo inoltre che lo studio di Nature è VECCHIO (ere geologiche fa) ed è comunque riferito alla versione INGLESE. A proposito della quale posso dire che per certi (particolari) argomenti è meno dettagliata di quella italiana.Qualunque classifica di merito è comunque improponibile.
  • MacMan scrive:
    Re: Doppi fini
    Infatti non ho mai criticato citizendium, progetto molto più saggio.
    • anonimo1 scrive:
      Re: Doppi fini
      Auguri a Citizendium... Il bello che è che se Citizendium diventa veramente quello che si prefigge di diventare potrà essere usata come fonte su Wikipedia. Certo è che per ora stanno solo cercando di dare una limatina "autorevole" ad un certo numero di voci di Wikipedia...
      • MacMan scrive:
        Re: Doppi fini
        Come scrivevo altrove, con Citizendium esce fuori il principale problema che attanaglia wikipedia: lo scarso valore dei contributori.Citizendium, lo dico a chi non lo sa, è uguale a wikipedia, ma CON UN FILTRO sugli editori delle voci: solo persone referenziate possono scriverci.In effetti una enciclopedia dovrebbe essere così, altrimenti arriva il primo AnjaManix di turno a scrivere voci delicate (mediche) senza averne alcun titolo.Purtroppo però applicando il filtro Citizendium sugli utenti di wikipedia resterebbe ben poco. E infatti Citizendium ha pochi contributori, quindi poche voci. Ma è sempre meglio poche ma buone.
        • HappyCactus scrive:
          Re: Doppi fini
          - Scritto da: MacMan
          Purtroppo però applicando il filtro Citizendium
          sugli utenti di wikipedia resterebbe ben poco. E
          infatti Citizendium ha pochi contributori, quindi
          poche voci. Ma è sempre meglio poche ma
          buone.Sicuramente, tuttavia queste poche difficilmente attireranno ulteriori contributori.Ci sarebbe poi una lunga (ma davvero lunga!) disquisizione su come poter invogliare un ricercatore a 700 euro al mese che lavora 12 ore al giorno a spendere ulteriore tempo a scrivere gratis su un sito web (magari senza firma!), ma non credo sia il luogo e l'ambito giusto.
          • MacMan scrive:
            Re: Doppi fini
            A parte che i ricercatori, per fortuna, guadagnano (guagagnamo) di più (700 euro li prendono i dottorandi o i borsisti, al limite qualche PhD sfigato), è molto meglio lavorare (anche a tempo perduto) su una pubblicazione che per wikipedia.Una volta contribuivo per sanare cose intollerabili e mostruose. Poi mi sono reso conto che era solo tempo sprecato. Per il wikipediano è importante l'editcount, non la qualità.
          • HappyCactus scrive:
            Re: Doppi fini
            - Scritto da: MacMan
            A parte che i ricercatori, per fortuna,
            guadagnano (guagagnamo) di più (700 euro li
            prendono i dottorandi o i borsisti, al limite
            qualche PhD sfigato), è molto meglio lavorare
            (anche a tempo perduto) su una pubblicazione che
            per
            wikipedia.Dottorandi o borsisti che tu titoli (in modo spregiativo a mio parere) come sfigati, sono comunque contributori. Se per te non lo sono, allora capisco perché il progetto da te citato sia così privo di contributori! Però nn mi vedo un professore con cattedra ad editare una pagina su CP. Non è che sei un po' troppo ottimista?

            Una volta contribuivo per sanare cose
            intollerabili e mostruose. Poi mi sono reso conto
            che era solo tempo sprecato. Per il wikipediano è
            importante l'editcount, non la
            qualità.Esistono vari livelli di qualità. Forse il meccanismo dell'editcount non è lo strumento più adatto a farla crescere.
        • Cobra Reale scrive:
          Re: Doppi fini
          - Scritto da: MacMan
          Come scrivevo altrove, con Citizendium esce fuori
          il principale problema che attanaglia wikipedia:
          lo scarso valore dei
          contributori.
          Citizendium, lo dico a chi non lo sa, è uguale a
          wikipedia, ma CON UN FILTRO sugli editori delle
          voci: solo persone referenziate possono
          scriverci.
          In effetti una enciclopedia dovrebbe essere così,
          altrimenti arriva il primo AnjaManix di turno a
          scrivere voci delicate (mediche) senza averne
          alcun
          titolo.

          Purtroppo però applicando il filtro Citizendium
          sugli utenti di wikipedia resterebbe ben poco. E
          infatti Citizendium ha pochi contributori, quindi
          poche voci. Ma è sempre meglio poche ma
          buone.Anch'io stavo pensando al dottor anjamanix. Lo avevano pregato di dimettersi da admin per evitargli l'umiliazione della destituzione dato che era stato sXXXXXXXto a dovere ma gli è stata conferita la funzione di autopatrolling, che è cosa assai grave nel suo caso. Per quella funzione non sono ammesse autocandidature, quindi qualcuno lo ha proposto ed un admin ha attivato la funzione.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 gennaio 2011 12.43-----------------------------------------------------------
          • MacMan scrive:
            Re: Doppi fini
            È molto simpatico rileggere questa pagina:http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Amministratori/Candidati/AnjaManix
          • gerry scrive:
            Re: Doppi fini
            - Scritto da: MacMan
            È molto simpatico rileggere questa pagina:
            http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:AmministratMa queste cose succedono solo nella versione ITA o anche in quella inglese?
          • Amico al quadrato scrive:
            Re: Doppi fini
            Eddai, basta rosicare, e Vituzzu non va bene, e AnjaManix manco. Gli stracci con la seta. Un errore (AnjaManix) ogni tanto capita, no? Invece mi sa che il tuo abbandono (chissà se volontario o accompagnato magari da un blocco infinito dello stesso Vituzzu) non sia stato un errore, bensì in guadagno per la Wikipedia in italiano (Wikipedia Italia non esiste, ve lo mettete in testa una buona volta?)
  • MacMan scrive:
    Profilo dei contributori
    Sono uno dei tanti ex-contributori di wikipedia. Uno dei tanti che l'ha arrichita di contenuti di elevata qualità, ma poi se ne è tirato fuori quando si è scontrato con la realtà: un manipolo di admin propensi alla rissa e all'auto esaltazione, e con scarse conoscenze.Prendiamo un admin ad esempio: Vituzzu. Difficile avere un confronto con lui, perchè alla prima riga che non gradisce ti blocca (alla faccia delle regole contenute ne "politiche di blocco degli utenti").Vituzzu incarna l'essenza della wikipedia italiana, e basta un link per svelarlo:http://toolserver.org/~luxo/contributions/contributions.php?user=Vituzzu&lang=it#it.wikipedia.orgOvvero una persona che non scrive una riga di enciclopedia, probabilmente perchè incapace di farlo. O capace, come molti altri admin, di complilare solo voci su pokemon, calciatori fino alla serie z o risultati delle partite di rugby.La dipartita di importanti contributori è sempre stata presente, ma ultimamente è una emorragia. Eppure wikipedia è uno strumento che usato in modo sbagliato potrebbe essere molto pericoloso, a causa dell'elevato ranking (mica per altro).Si può facilmente veicolare posizioni faziose, dandole una bella vetrina.Il rischio è ancor maggiore per il fatto che dove si arroccano gli admin (ad esempio "Fatto di via rasella" dove non si può definire attentato quello che attentato è, o il lunghissimo e tortuoso percorso necessario per rimuovere la parola "mercenario" dalla voce di Fabrizio Quattrocchi) non si possono poi, nei fatti, apportare modifiche.Arriveremo al punto che sarà necessaria una disciplina legislativa?Considerando l'incapacità dei nostri politici (tutti) meglio di no.Però una cosa possiamo iniziare a farla, almeno nel nostro piccolo: rimuoviamo i link dai nostri siti, in modo da ridurre il pagerank, che è la vera essenza di wikipedia.A massimo poi dico che con 5 euro ci escono ottimi libri. Meglio un libro che questa wikipedia.
    • anonimo1 scrive:
      Re: Profilo dei contributori
      Come capita spesso in questo commento si confondono due cose distinte. Una cosa è il sito di Wikipedia e la sua comunità di utenti attivi e di admin e una cosa è l'enciclopedia. Ti stà sulle balle Vituzzu? Ti scariche il DB di Wikipedia, ti compri un server, ci installi MediaWiki e intitoli il tutto MacManPedia. Poi scrivi che Quattrocchi era un mercenario e che in via Rasella c'è stato un attentato. Poi ti trovi un gruppo di utenti che la pensa come te e li nomini admin. Poi la storia dirà se è più affidabile it.wikipedia.org o it.macmanpedia.org. Mi pare semplicissimo...
      • MacMan scrive:
        Re: Profilo dei contributori
        Il saggio indica la luna, lo stolto guarda il dito.
        • anonimo1 scrive:
          Re: Profilo dei contributori
          Infatti... Tu guardi a Vituzzu e ai tuoi XXXXXX. Io ti stò dicendo che Wikipedia non è di Vituzzu, non è tua e nemmeno mia. Usala, se ti piace, fanne un fork, se ti piace meno e vuoi farla diversa, usa la Treccani se preferisci...
          • MacMan scrive:
            Re: Profilo dei contributori
            Wikipedia è il pagerank, non i contenuti che sono di livello mediocre.Se tu mi dai il pagerank, io faccio il fork anche su due piedi.
          • HappyCactus scrive:
            Re: Profilo dei contributori
            - Scritto da: MacMan
            Wikipedia è il pagerank, non i contenuti che sono
            di livello
            mediocre.

            Se tu mi dai il pagerank, io faccio il fork anche
            su due
            piedi.eh :-) ma se non inizi il pagerank non lo avrai mai! :-)
    • HappyCactus scrive:
      Re: Profilo dei contributori
      - Scritto da: MacMan
      Sono uno dei tanti ex-contributori di wikipedia.
      Uno dei tanti che l'ha arrichita di contenuti di
      elevata qualità, ma poi se ne è tirato fuori
      quando si è scontrato con la realtà: un manipolo
      di admin propensi alla rissa e all'auto
      esaltazione, e con scarsLa cosa da fare è organizzarsi e coinvolgere i contributori coinvolti e scontenti e provare a fare pressioni a chi dirige il progetto. Se le pressioni sono sufficientemente forti (cioè tanta gente che si lamenta) forse è possibile ottenere qualcosa, eventualmente facendo una "escalation" alla fondazione Wikipedia internazionale... anch'io sono un contributore... sarebbe un peccato mandare nel XXXXX un progetto così bello per non colpa di quattro mele marce e per colpa della disorganizzazione e inazione, no?
      • HappyCactus scrive:
        Re: Profilo dei contributori
        - Scritto da: MacMan
        Si fa prima a passare a citizendium, ma poi c'è
        un problema: pochi
        contributori.Si fa prima, ma evidentemente non è la soluzione. Ed è ovvio: non è facendosi il proprio orticello che si fa qualcosa di migliore, ma migliorando il già esistente. Magari accettando (momentaneamente) i problemi e i difetti e tirando avanti. Magari cercando sostegni negli altri scontenti, facendo pressioni, diplomazia... questa è politica, né più né meno. Può non piacere ma è così.E' il difetto di mille altri progetti anche nell'open source, quando la direzione non piace, si fa un fork. E si danneggiano entrambi i progetti.Io non credo che sia la soluzione giusta.Riguardo la motivazione dei wikipediani, può anche essere come dici tu, e con ciò?
        • MacMan scrive:
          Re: Profilo dei contributori

          E' il difetto di mille altri progetti anche
          nell'open source, quando la direzione non piace,
          si fa un fork. E si danneggiano entrambi i
          progetti.
          Io non credo che sia la soluzione giusta.Chi parla di fork non considera lo smisurato pagerank che ha wikipedia, che è la principale causa della sua esistenza ed è il motivo per cui ne parliamo. Nessuno farà mai fork perchè partirebbe da un PR al massimo 6.

          Riguardo la motivazione dei wikipediani, può
          anche essere come dici tu, e con
          ciò?I bambini sono liberi di costruire castelli di sabbia sulla spiaggia, ma da lì a considerarli castelli in piena regola ne passa molto.Prendiamo quindi wikipedia per quello che è: un passatempo con velleità culturali-maccheroniche. Ma non chiamiamola enciclopedia, che è un'altra cosa.
          • HappyCactus scrive:
            Re: Profilo dei contributori
            - Scritto da: MacMan

            E' il difetto di mille altri progetti anche

            nell'open source, quando la direzione non piace,

            si fa un fork. E si danneggiano entrambi i

            progetti.

            Io non credo che sia la soluzione giusta.

            Chi parla di fork non considera lo smisurato
            pagerank che ha wikipedia, che è la principale
            causa della sua esistenza ed è il motivo per cui
            ne parliamo. Nessuno farà mai fork perchè
            partirebbe da un PR al massimo
            6.Scusa, non mi intendo, ma mi pare che citipendium sia qualcosa del genere, o sbaglio?Anche se non "materiale", quanto meno ideologico.

            Riguardo la motivazione dei wikipediani, può

            anche essere come dici tu, e con

            ciò?

            I bambini sono liberi di costruire castelli di
            sabbia sulla spiaggia, ma da lì a considerarli
            castelli in piena regola ne passa
            molto.

            Prendiamo quindi wikipedia per quello che è: un
            passatempo con velleità culturali-maccheroniche.
            Ma non chiamiamola enciclopedia, che è un'altra
            cosa.Parole... chi stabilisce cos'è una enciclopedia? Anche su citipendium non mi azzarderei a prender per oro colato quel che c'è scritto. Ogni strumento va usato con intelligenza, non seguirei alla lettera neppure quel che c'è scritto sulla Britannica, figurarsi Wikipedia o Citypendium!Enciclopedia: Opera contenente un'esposizione sistematica di una vasta parte dello scibile o di un settore specifico.Non mi pare che si parli di competenza. Che poi è fuor di dubbio che tra Treccani, Britannica e Wikipedia quest'ultima sia quella meno titolata... ma che sia un giochetto inutile è un'affermazione secondo me sconsiderata e gratuita. Ribadisco, l'errore è se mai quello di chi la legge senza senso critico, ma è un errore che puoi fare tranquillamente anche con Treccani, Britannica e Citypendium o come diavolo si chiama ! :-)
      • Skywalker scrive:
        Re: Profilo dei contributori
        - Scritto da: MacMan
        Perchè il vero problema che sta dietro la
        questione wikipedia è che il numero di
        contributori di elevata qualità è molto
        scarso.Il vero problema che sta dietro Wikipedia Italia è che il numero di contributori è molto scarso, indipendentemente dalla qualità. Risultato un gruppo piccolo è più facile da polarizzare.Basta il confronto tra queste due pagine per capire la differenza:http://en.wikipedia.org/wiki/Special:Statisticshttp://it.wikipedia.org/wiki/Speciale:StatisticheSulla EN per gestire 3,526,296 voci si muovono mediamente in 30 giorni 125,687 utenti tra cui 1,768 amministratori.In media 28 pagine per utente, 1995 per amministratore.Sulla IT per gestire 763.032 voci si muovono mediamente in 30 giorni 8.515 utenti tra cui 99 amministratori.In media 89 pagine per utente, 7707 per amministratore.Tradotto: Wikipedia EN è il prodotto di tanti che gestiscono relativamente poco. Wikipedia IT è il prodotto di un ristretto gruppo che gestisce tanto. E dato che la forza intriseca di Wikipedia è proprio il "molti occhi e molte mani", ne consegue che o aumentano i numeri o la IT resterà una parrocchia, con tutti i pregi ed i difetti che ne seguono.Pensate al numero di amministratori: 1768 è una folla. 99 possono anche arrivare a trovarsi tutti in una pizzeria abbastanza grande.Prendete la DE:http://de.wikipedia.org/wiki/Spezial:Statistik1.174.460 pagine per 22.895 utenti attivi per 297 amministratori.Una volta e mezza le pagine, tre volte gli utenti, tre volte gli admin.Prendete la FR:http://fr.wikipedia.org/wiki/Sp%C3%A9cial:Statistiques1 054 653 pagine per 15 655 utenti attivi per 191 amministratori.
        • HappyCactus scrive:
          Re: Profilo dei contributori
          - Scritto da: Skywalker
          Tradotto: Wikipedia EN è il prodotto di tanti che
          gestiscono relativamente poco. Wikipedia IT è il
          prodotto di un ristretto gruppo che gestisce
          tanto. E dato che la forza intriseca di Wikipedia
          è proprio il "molti occhi e molte mani", ne
          consegue che o aumentano i numeri o la IT resterà
          una parrocchia, con tutti i pregi ed i difetti
          che ne
          seguono.
          Pensate al numero di amministratori: 1768 è una
          folla. 99 possono anche arrivare a trovarsi tutti
          in una pizzeria abbastanza
          grande.Direi che hai colto il nocciolo del problema.
    • gerry scrive:
      Re: Profilo dei contributori
      - Scritto da: MacMan
      Eppure wikipedia è uno strumento che usato in
      modo sbagliato potrebbe essere molto pericoloso,
      a causa dell'elevato ranking (mica per
      altro).Il mondo è pieno di XXXXXXXte ad "alto ranking", basta guardare i giornali che escono nelle edicole italiane. Non è che è sbagliato quello che dici, ma dovresti tornare quando avrai ideato un metodo di assegnazione del ranking scientificamente correlato con la bontà dei contenuti. Nel frattempo non è questione di ranking, è questione di imparare a mettere in discussione quello che ci dicono, che venga dal TG, dalla britannica, dal blog di mio cuggino o wikipedia ed essere pronto ad accettarlo o rifiutarlo.
      una
      disciplina
      legislativa?La verità per legge è un'utopia che non si è mai vista.
      Però una cosa possiamo iniziare a farla, almeno
      nel nostro piccolo: rimuoviamo i link dai nostri
      siti, in modo da ridurre il pagerank, che è la
      vera essenza di
      wikipedia.Ma manco per sogno, se ritengo corretto quello che c'è scritto io lo linko. Perché non dovrei farlo?Non devi combattere il pagerank, devi combattere l'equazione pagerank=correttezza garantita delle informazioni.Altrimenti stai solo aggirando malamente il problema.
      • MacMan scrive:
        Re: Profilo dei contributori

        Ma manco per sogno, se ritengo corretto quello
        che c'è scritto io lo linko. Perché non dovrei
        farlo?
        Non devi combattere il pagerank, devi combattere
        l'equazione pagerank=correttezza garantita delle
        informazioni.
        Altrimenti stai solo aggirando malamente il
        problema.Wikipedia fa gola per l'elevato PR. Altrimenti sarebbe uno dei tanti utili e sfigati servizi che la rete mette a disposizione.E vedrai che quanto prima il PR sarà sfruttato con inserzioni pubblicitarie, anche perchè alla CC manca la clausola NC, cosa che trovo particolarmente grave.
    • Amico al quadrato scrive:
      Re: Profilo dei contributori
      Ecco che esce fuori il rosicone che c'è in te. Mamma mia, ti sento rosicare da qui!
  • ilPeppone scrive:
    ma occupiamoci di cose più serie
    al massimo è il bue (tg5) che dà del cornuto all'asino.il tg5 non è certo una fonte seria di informazioni, è come cercare di farsi spiegare la realtà da "Topolino", forse può capire cosa ha in testa l'italiano medio, ma l'attendibilità e l'imparzialità di quel (e di molti) tg è bassissima.Forse se leggi Leggo/Metro/etc. è meglio.
  • stefano corsetti scrive:
    wikipedia
    caro Mantellinidirei superfluo ogni ulteriore commento al suo articolo.mi permetto di aggiungere, da umile consultatore pluriquotidiano di wikipedia, che ho in libreria sia la "Fedele", enciclopedia edita dalla UTET e concorrente della Treccani, il il famoso "Battaglia" imponente dizionario della lingua italiana, opera monumentale e forse uno dei maggiori esempi al mondo di dizionario linguistico.La prima è stata consultata da me e dai miei figli ... fino a dieci anni fa, il Battaglia l'ho aperto tre volte.Non basterà ai detrattori ideologici di Wikipedia, ma è un problema loro.Per me, modesto docente universitario di Applicazioni Informatiche, e per questo, almeno sulla carta, "del mestiere", per me, dicevo, la Rete in generale e Wikipedia in particolare rimangono, ogni giorno, stupefacenti.Alla faccia del tg5 e dell'arretratezza culturale in cui qualcuno vorrebbe mantenere il popolo italiano.Un caro salutoStefano Corsetti
    • MacMan scrive:
      Re: wikipedia
      Bhe, un docente cosa consiglia ai propri alunni, di consultare una raccolta di "Materiale privo di alcuna garanzia"? Mai letto il disclaimer?http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Disclaimer_generaleNon penso che sull'enciclopedia UTET trovi qualcosa del genere.Anzi, lì l'editore ha una responsabilità sulla correttezza dei contenuti.Il problema è che non si capisce la cosa fondamentale: wikipedia non è una enciclopedia per 2 motivi.1) Contenuti non garantiti2) Wikipedia è una fonte secondaria di informazione. In altre parole... roba di seconda mano.Non avrai mai una firma prestigiosa dietro questo tentativo di enciclopedia, ma solo tanti studentelli che cercano sfogo a frustrazioni pensando di scrivere una enciclopedia.
      • HappyCactus scrive:
        Re: wikipedia
        - Scritto da: MacMan
        Non penso che sull'enciclopedia UTET trovi
        qualcosa del
        genere.
        Anzi, lì l'editore ha una responsabilità sulla
        correttezza dei
        contenuti.Ma no. Quando mai. Citami un caso (basta uno!) di un editore che ha risposto di una cosa errata scritta sull'enciclopedia!
        • MacMan scrive:
          Re: wikipedia
          Giusto per citare un caso recente:http://www.parolibero.it/it/cronaca/travaglio-giudice-Verde-diffamazione-cassazione.htm
          • HappyCactus scrive:
            Re: wikipedia
            - Scritto da: MacMan
            Giusto per citare un caso recente:
            http://www.parolibero.it/it/cronaca/travaglio-giudCorrettezza dei contenuti, qui si sta parlando di una diffamazione. Sono due cose diverse.
      • Skywalker scrive:
        Re: wikipedia
        - Scritto da: MacMan
        Bhe, un docente cosa consiglia ai propri alunni,
        di consultare una raccolta di "Materiale privo di
        alcuna garanzia"?

        Mai letto il disclaimer?
        http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Disclaimer_

        Non penso che sull'enciclopedia UTET trovi
        qualcosa del
        genere.
        Anzi, lì l'editore ha una responsabilità sulla
        correttezza dei
        contenuti.La UTET non ha una versione online, quindi non posso verificare.La Treccani si, e mi sembra che mettano le mani avanti tanto e quanto Wikipedia:"Istituto dellEnciclopedia Italiana fondato da Giovanni Treccani S.p.A. pubblica il materiale consueto nel sito nellambito della propria attività istituzionale. Pertanto non garantisce che i contenuti presenti nel sito possano essere idonei a qualsivoglia scopo e/o utilizzo particolare degli utenti e non risponde di eventuali danni o mancati guadagni derivanti dall'utilizzo delle informazioni contenute nel sito da parte dagli utenti."http://www.treccani.it/Portale/services/termini_condizioni_uso/termine_condizioni.htmlQuanto alla "Responsabilità" dell'Editore è sui "contenuti", non sulla "correttezza" dei contenuti. Nel senso che se li scrivi sbagliati apposta per diffamare qualcuno sei chiamato a risponderne, ma se fai una svista al massimo ti chiedono di correggerla.
        Il problema è che non si capisce la cosa
        fondamentale: wikipedia non è una enciclopediaAh, no? E cosa sarebbe di grazia? Un Opossum?
        per 2
        motivi.
        1) Contenuti non garantiti
        2) Wikipedia è una fonte secondaria di
        informazione. In altre parole... roba di seconda
        mano.1) Nemmeno la Treccani "garantisce" i contenuti. Semplicemente espone le interpretazioni di "maggior consenso tra gli esperti di settore" invece che quelle di "maggior consenso tra gli utenti di internet". Per molte voci l'intersezione dei due insieme non è vuoto. Anche perché basta che ti ricordi dove sono nati Internet ed il WWW.2) Qualunque Enciclopedia è una fonte secondaria di informazione. Per definizione stessa di Enciclopedia.
        Non avrai mai una firma prestigiosa dietro questo
        tentativo di enciclopedia, ma solo tanti
        studentelli che cercano sfogo a frustrazioni
        pensando di scrivere una
        enciclopedia.Forse confondi una pubblicazione con una Enciclopedia. Ad una Enciclopedia è chiesto di dare una "introduzione" a "tutti" gli argomenti, non un "trattato" per "alcuni". Spesso il livello di conoscenza nella propria materia di uno "studentello" universitario degli ultimi anni è ben più alto di quanto trattato dalla stessa voce della Treccani o della Britannica. Altrimenti potremmo abolire i testi universitari ed adottare solo la Britannica.Per scrivere un articolo di livello Enciclopedico una "firma prestigiosa" è fin eccessiva e se non ben educata nella divulgazione potrebbe essere persino controproducente, scrivendo usando termini eccessivamente di settore invece che in linguaggio comune. La "firma prestigiosa" è importante in un trattato, in un libro, in un articolo su una rivista.Per la voce "Teorema di Talete" di una Enciclopedia probabilmente venti laureandi in Matematica sono più che sufficienti.
  • Sandro Berri scrive:
    (di)partita?
    Bel pezzo, e concordo molto... solo una cosa mi "perplime": ma Bocca di Rosa non era semplicemente "partita" o veramente aveva abbandonato questa terra di lacrime? :)Saluti
  • Carlo Giordano scrive:
    Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
    Se ne parla male il TG5, vuol dire che Wikipedia è sulla buona strada. Lo è sempre stata. Personalmente, non so quante pagine di Wikipedia ho editate e create ex novo: migliaia. Tempo dedicato benedetto. A volte magari avrò fatto anche qualche danno, esagerato un po', forse troppo... Wikipedia è un'enciclopedia libera, viva, indipendente, che cresce, che fa appello alla libertà culturale e intellettuale di ognuno di noi, cosa che suscita certamente disagio tra i professoroni e i paraocchiati dipendenti (in questo caso media-ti-as-settati), re-clini alla cultura di Stato e del potere. Come si può parlar male di qualcosa di così indefinibile e individuabile, frutto del lavoro disinterresato di milioni di persone (credo di non esagerare) così diverse fra loro? Bisognerebbe criticare la diversità di ognuno di loro (impresa impossibile più che ardua) e non fare di tutte le erbe un fascio (leggasi pure fascismo). Parliamo di persone libere e non di subalterni, di persone colte e meno colte, di esperti e inesperti... La scommessa, vinta in partenza, da Wikipedia è appunto questa: la cooperazione, spesso ignara, di persone variamente preparate nella materia di cui scrivono. La correzione degli svarioni e dei punti di vista personali in una pagina, prima o poi subentra inesorabile... Non si critica Wikipedia, come fa il TG5, perché manca il bersaglio, ma per il fatto che il suo tiro si aggiusta sempre più, raggiungendo il centro quasi perfetto. Para(s)frasando una poesia di Constantinos Kavafis direi:Onore e gloria a quanti in vitadecisero la difesa di Termopili:l'enciclopedia e l'informazione libera:Wales, Sanger e tutti i wikipediani.In genere la stesura di un'enciclopedia è delegata esclusivamente ad esperti. A un profano, la cosa risulta forse un po' ostica da capire: l'utente wikipediano (sia o no esperto) impara e insegna scrivendo su Wikipedia, dando il suo contributo, diventando così allievo e insegnante allo stesso tempo. Impara e insegna, corregge e viene corretto. Il tiro al bersaglio si aggiusta sempre più ed ecco che il TG5, dis-turbato, risentito, fa sentire la (sua) voce del padrone. "Dove sputa il popolo si forma una fontana", detto quanto mai vero...
    • ... scrive:
      Re: Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
      fatto sta che se uno dei "professoroni" come li chiami te corregge qualcosa di palesemente errato, gli admin focomelici sono li pronti a fare il rollback, l'importante è far valere il fatto che si è admin per sentire quel poco potere che non sentiranno mai nella vita, non conta cosa stanno eliminando (motivo per cui la wikipedia italiana fa schifo, quella inglese un po' si salva sulle pagine più generali)
      • HappyCactus scrive:
        Re: Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
        - Scritto da: ...
        fatto sta che se uno dei "professoroni" come li
        chiami te corregge qualcosa di palesemente
        errato, gli admin focomelici sono li pronti a
        fare il rollback, l'importante è far valere il
        fatto che si è admin per sentire quel poco potere
        che non sentiranno mai nella vita, non conta cosa
        stanno eliminando (motivo per cui la wikipedia
        italiana fa schifo, quella inglese un po' si
        salva sulle pagine più
        generali)Chi ha contribuito almeno un pochino a Wikipedia sa che non è così arbitraria l'amministrazione del progetto, ma che ci sono delle sacrosante regole ferree che però possono essere discusse; anche i rollback possono essere discussi; e anche lo status di amministratore può essere messo in discussione. "libero" non significa "anarchico".Ma del resto il tuo uso del termine "focomelico" in tono spregiativo non lascia molto spazio alla discussione, per questo posso capire il tuo risentimento verso ciò che definisci un "potere".
        • ... scrive:
          Re: Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
          si queste sono tutte belle cose, peccato che nella realtà non funzioni cosìse te provi a modificare una pagina e non sei amico degli admin (o amico di amici) il rollback è istantaneo, c'è ben poco da fare, anche se la modifica corregge errori palesi con tanto di riferimenti e tutto quello che vuoi, verrà fatto il rollback con la scusa "i riferimenti non sono bibliografici", mentre il blog dell'amico del tizio che ha scritto l'articolo ovviamente lo èmi vengono in mente alcune pagine di wikipedia dedicate (manco a farlo apposta!) ai progetti opensource, dove è una guerra continua tra nerd a scrivere che un progetto opensource è meglio o peggio di un altro, e la pagina della discussione spesso è infantile (per non dire piagnucolosa), con argomenti tipo "ma dire che Linux è il sistema opensource più usato è di parte, io aggiungerei anche che il sistema operativo xyzOS (casualmente progetto di tesi di chi sta facendo questo commento) è molto usato"tutto questo tralasciando la totale assenza di peer review, che rende qualsiasi articolo scientifico risibile, mi vengono in mente quelli di fisica, che sono scritti da persone le cui conoscenze di fisica arriveranno alle magie di AD&D...certo se uno passa sopra tutto questo (e ce ne vuole), wikipedia non è così male (io la uso se non mi ricordo tipo la data di un film o cose simili, queste sono abbastanza attendibili perché si fanno la guerra i nerd a chi pubblica più riferimenti alla data di pubblicazione di un libro/film), ma prenderla come unica fonte attendibile (come fanno tutti, non prendiamoci in giro perché è così) è quando di più sbagliato si possa fare, soprattutto per argomenti scientificie non pensare che esagero, perché conosco gente che viene ad insegnarmi la teoria delle stringhe (ho una laurea in fisica teorica) dopo averla letta su wikipedia, poi quando gli dico cos'è per davvero, rimangono a bocca aperta "ma sembrava più facile su wikipedia", eh bello, se mi sono fatto un mazzo come una casa per anni un motivo FORSE ci saràmorale del discorso, wikipedia NON DEVE portare alla banalizzazione del sapere, perché il risultato di tutto questo sono gruppi di ragazzi convinti che si possa creare energia dal vuoto sfruttando l'energia di punto zero e amenità simili, e le loro fonti sono wikipediabadate che non sto dicendo che la conoscenza dev'essere solo per pochi eletti, questo mai, sto dicendo che non va fatto l'errore di abbandonare i libri per wikipedia, questo è gravissimo
          • HappyCactus scrive:
            Re: Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
            - Scritto da: ...
            si queste sono tutte belle cose, peccato che
            nella realtà non funzioni
            così

            se te provi a modificare una pagina e non sei
            amico degli admin (o amico di amici) il rollback
            è istantaneo, c'è ben poco da fare, anche se la
            modifica corregge errori palesi con tanto di
            riferimenti e tutto quello che vuoi, verrà fatto
            il rollback con la scusa "i riferimenti non sono
            bibliografici", mentre il blog dell'amico del
            tizio che ha scritto l'articolo ovviamente lo
            èGli abusi ci sono in tutti i campi. Forse bisognerebbe fare una escalation a chi gli admin li designa?

            mi vengono in mente alcune pagine di wikipedia
            dedicate (manco a farlo apposta!) ai progetti
            opensource, dove è una guerra continua tra nerd a
            scrivere che un progetto opensource è meglio o
            peggio di un altro, e la pagina della discussione
            spesso è infantile (per non dire piagnucolosa),
            con argomenti tipo "ma dire che Linux è il
            sistema opensource più usato è di parte, io
            aggiungerei anche che il sistema operativo xyzOS
            (casualmente progetto di tesi di chi sta facendo
            questo commento) è molto
            usato"In questo specifico tema, ci sono delle regole sul contenuto delle pagine. Il tasso di litigiosità deriva purtroppo dalla democratizzazione del mezzo. Se vuoi eliminare il tasso di litigiosità e le fazioni devi privatizzarla e pagare i contributori!
            tutto questo tralasciando la totale assenza di
            peer review, che rende qualsiasi articolo
            scientifico risibile, mi vengono in mente quelli
            di fisica, che sono scritti da persone le cui
            conoscenze di fisica arriveranno alle magie di
            AD&D...Assolutamente d'accordo! ma ribadisco che bisogna prendere anche wikipedia per quello che è, la democratizzazione senza un'autorità di controllo (dal basso) la rende debole su questo aspetto.
            certo se uno passa sopra tutto questo (e ce ne
            vuole), wikipedia non è così male (io la uso se
            non mi ricordo tipo la data di un film o cose
            simili, queste sono abbastanza attendibili perché
            si fanno la guerra i nerd a chi pubblica più
            riferimenti alla data di pubblicazione di un
            libro/film), ma prenderla come unica fonte
            attendibile (come fanno tutti, non prendiamoci in
            giro perché è così) è quando di più sbagliato si
            possa fare, soprattutto per argomenti
            scientificiCerto che deve essere così! non ho mai pensato di acquisire un argomento perché l'ho letto su wikipedia. Nessuno dovrebbe limitarsi ad una sola fonte, ma il problema è di chi legge, soprattutto. Dovrebbe essere chiaro a tutti che Wikipedia è uno strumento democratico, passibile di abusi e debolezze.
            e non pensare che esagero, perché conosco gente
            che viene ad insegnarmi la teoria delle stringhe
            (ho una laurea in fisica teorica) dopo averla
            letta su wikipedia, poi quando gli dico cos'è per
            davvero, rimangono a bocca aperta "ma sembrava
            più facile su wikipedia", eh bello, se mi sono
            fatto un mazzo come una casa per anni un motivo
            FORSE ci
            saràeheh, conosco la specie, fidati!
            morale del discorso, wikipedia NON DEVE portare
            alla banalizzazione del sapere, perché il
            risultato di tutto questo sono gruppi di ragazzi
            convinti che si possa creare energia dal vuoto
            sfruttando l'energia di punto zero e amenità
            simili, e le loro fonti sono
            wikipediaForse quel che manca è un sistema di controllo sugli amministratori, o se c'è non viene utilizzato.

            badate che non sto dicendo che la conoscenza
            dev'essere solo per pochi eletti, questo mai, sto
            dicendo che non va fatto l'errore di abbandonare
            i libri per wikipedia, questo è
            gravissimoNon credo che sia questo l'intendo di wikipedia. Però la possibilità di sapere per sommi capi la vita di Edoardo Primo d'Inghilterra dal proprio cellulare è impagabile. Ma non mi presenterei certo all'esame di storia Britannica dopo averla letta.
          • Amico al quadrato scrive:
            Re: Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
            - Scritto da: HappyCactus
            Il tasso di litigiosità deriva purtroppo dalla
            democratizzazione del mezzo. Se vuoi eliminare il
            tasso di litigiosità e le fazioni devi
            privatizzarla e pagare i
            contributori!
            Assolutamente d'accordo! ma ribadisco che bisogna
            prendere anche wikipedia per quello che è, la
            democratizzazione senza un'autorità di controllo
            (dal basso) la rende debole su questo
            aspetto.
            Certo che deve essere così! non ho mai pensato di
            acquisire un argomento perché l'ho letto su
            wikipedia. Nessuno dovrebbe limitarsi ad una sola
            fonte, ma il problema è di chi legge,
            soprattutto. Dovrebbe essere chiaro a tutti che
            Wikipedia è uno strumento democratico, passibile
            di abusi e
            debolezze.
            Forse quel che manca è un sistema di controllo
            sugli amministratori, o se c'è non viene
            utilizzato.Bello non sapere nulla di un qualcosa e parlare, vero? Wikipedia non è una democrazia. A rosiconeeeeeeeeeeeeee!
          • HappyCactus scrive:
            Re: Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
            - Scritto da: Amico al quadrato
            Bello non sapere nulla di un qualcosa e parlare,
            vero? Ah non lo so, io parlo solo quando so. Se mi dici che è bello, significa che sarà anche così. Non ho esperienza in merito. Tu invece mi pare ne abbia tanta ;-)
            Wikipedia non è una democrazia. A
            rosiconeeeeeeeeeeeeee!Come troll non vali molto, dare del rosicone è come dire ad una persona che è permalosa, ogni risposta è preclusa. Puoi fare di meglio dai.
          • Amico al quadrato scrive:
            Re: Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
            Hai ragione, dare del rosicone a un rosicone è come sparare sulla croce rossa.
          • Amico al quadrato scrive:
            Re: Onore e gloria a J. Wales e L. Sanger
            L'unica cosa risibile davvero sono le tue argomentazioni. Tu e quell'altro ve la state cantando e suonando alla grande. Dai, raccontaci, chi si è permesso di rollbaccarti una tua meravigliosa, utile, indispensabile modifica? Chiaramente parli per esperienza, non mi pare di aver mai visto un rosicone per conto terzi.
  • 1xor1 scrive:
    La NON certezza è un plus!
    Utilizzo Wikipedia da anni molte volte al giorno e la trovo ormai uno strumento irrinunciabile. La sfrutto talmente tanto e ho contribuito talmente poco, che trovo doveroso donarle 50 euro quasi ogni anno.Vorrei proporre una visione alternativa di quello che viene considerato un difetto e cioè la non certezza delle informazioni.Posto che la maggior parte delle informazioni sono veritiere in Wikipedia, il fatto che non ve ne sia la certezza è un ottimo stimolo a VERIFICARE.Questa pratica spesso ignorata, specialmente dai giornalisti, è secondo me doverosa oltre che utile.Eliminando la certezza si toglie la possibilità a qualcuno di propinare per "certe" le sue verità.Dubitiamo, verifichiamo e sosteniamo i progetti come Wikipedia!Grazie.PS I miei complimenti all'autore per l'articolo a mio gusto molto ben scritto.
    • anonimo1 scrive:
      Re: La NON certezza è un plus!
      - Scritto da: 1xor1
      Posto che la maggior parte delle informazioni
      sono veritiere in Wikipedia, il fatto che non ve
      ne sia la certezza è un ottimo stimolo a
      VERIFICARE.Ti quoto al 100%. Aggiungo che uno degli effetti collaterali del fenomeno Wikipedia è proprio che ha messo in luce, anzi ha letteralmente fatto esplodere, il problema della verificabilità di quanto viene pubblicato dalla letteratura "ufficiale" e soprattutto dal mondo dei giornali.Il fatto che ormai qualunque giornalista che deve scrivere un pezzo usi Wikipedia come fonte primaria e spesso la copia di sana pianta è indice del fatto che anche l'autorevolezza della pubblicistica ufficiale non è assoluta. Wikipedia dimostra che bisogna verificare tutto quello che si legge, dai discorsi del papa, ai libri di Stephen Hawking, dalle notizie del TG5 a quelle del TG3.In questo senso Wikipedia è forse l'unico progetto dell'era internet che, potenzialmente, può educare il senso critico delle persone. Il contraltare, evidentemente, è purtroppo il fatto che chi normalmente usa Wikipedia il senso critico non lo mette in moto, anzi, si fida pedissequamente di quanto trova scritto. Roba magari scritta da uno che non ha capito un tubo.Lavorando nella scuola mi sono accorto che ci sono due modi di usare Wikipedia. Il migliore è senza dubbio quello di quei prof che permettono agli studenti di usare WIkipedia, ma pretendono che vengano usate solo voci contenenti fonti e che queste fonti vengano lette e usate nelle ricerche: "parti da Wikipedia, ma usa le fonti che trovi su Wikipedia, non copiare Wikipedia. Se una voce non ha fonti, buttala".
  • Amos scrive:
    Condivisione
    Condivido l'articolo del sempre ottimo Mantellini, infatti per alcuni anni ho collaborato con convinzione, avevo creato anche due voci in italiano più un'ultima (causa poi delle divergenze).Le critiche dall'esterno sono insopportabili e fittizie; una critica dall'interno, anche se me ne sono andato, la faccio io: almeno nella versione italiana Wikipedia è in mano a un gruppuscolo di 'caporali' che si sentono autorizzati da un regolamento non si sa se male interpretato o angusto, a decidere su base arbitraria quali argomenti permettere e quali no, con accuse talora risibili (vedi qui: http://it.wikipedia.org/wiki/Discussioni_utente:Amos). Detto questo sono d'accordo anche io, e l'ho fatto più volte, a combattere maleducazione e im-pertinenza. Resta il fatto che inaccettabile è stata per me la decisione presa nei confronti della mia 'voce'. Cordialmente, Marco Sicco
    • Amico al quadrato scrive:
      Re: Condivisione
      Ma avere l'umiltà di leggere le linee guida senza urlare al complotto e lasciarsi andare a isterismi immotivati è chiedere troppo?
      • Amos scrive:
        Re: Condivisione
        non è chiedere il giusto chiedere l'obiettività e il senso critico anziché la mediocritas e l'esercizio del (peraltro molto 'piccolo') potere?
        • Amico al quadrato scrive:
          Re: Condivisione
          Eddai che il messaggio nella tua talk era chiaro, sei tu che lo hai travisato. Il senso era "fai la tua domanda perché ti è comunque possibile", non "chiedi là perché hai ragione". Se poi tu vuoi fraintendere e ti offendi visto che le cose non sono andate come il film mentale che ti eri fatto il problema è solo tuo. Non capisco perché continui a rosicare.
          • Amos scrive:
            Re: Condivisione
            accidenti che intelletto raro, sei per caso un conformista? lascia perdere, qui non siamo alla tv, ragionamenti come il tuo non vengono considerati, il termine 'rosicare' ti squalifica ampiamente, da tifoseria acritica
          • Amico al quadrato scrive:
            Re: Condivisione
            Massì, hai ragione tu, Wikipedia è in mano ai censori, anzi è un complotto ai tuoi danni. Che cattivi.
          • Amos scrive:
            Re: Condivisione
            la ragione puoi tenertela, lo sanno tutti a chi si dà, e a un paladino troppo sicuro di sé può sempre servire, certo sei ben accanito nella difesa d'ufficio, ti pagano?
          • Amico al quadrato scrive:
            Re: Condivisione
            No, ma mi fa morire dal ridere vedere i rosiconi come te che sbattono con il muso contro le linee guida di Wikipedia e se ne vanno indignati imprecando contro qualsiasi cosa perché Wikipedia ha il torto di non conformarsi ai loro voleri.
          • Amos scrive:
            Re: Condivisione
            aridaje... adesso però falla finita, hai chiarito il concetto, tu la pensi così, io no, punto
          • Amico al quadrato scrive:
            Re: Condivisione
            Non è un fatto di "pensarla", ma che tu sostieni falsità, spacciandole per verità. Prima o poi qualcuno ci crede.
          • Amos scrive:
            Re: Condivisione
            siamo già in tanti non ti preoccupare, del resto se son tutti come te (e con il tuo basso livello di linguaggio) quelli che difendono le ristrettezze di Wiki saremo sempre di più, forse nel tuo interesse ti conviene soprassedere :-)
          • Amico al quadrato scrive:
            Re: Condivisione
            Sto tremando.
          • Amos scrive:
            Re: Condivisione
            chapeau
  • Andreabont scrive:
    Quoto totalmente.
    Wikipedia è unica, solo una volta nella storia si è riusciti accentrare così tanto sapere in un unico luogo, e purtroppo non è durato, e alla fine non era nemmeno così libero l'acXXXXX.Wikipeda è creata unendo il sapere degli utenti stessi che ci accedono, una enciclopedia classica è invece creata da un ristretto team di persone, che per quanto autorevoli non potranno mai competere con l'immenso numero di persone su questo pianeta: conoscenza diffusa.Si, a questo c'è un prezzo, certe voci soffrono di mancanza di fonti, oppure non sono abbastanza precise. Ma se guardi l'insieme, le normali enciclopedie non contengono nemmeno un terzo di quello che è contenuto in Wikipedia.Avete mai visto una enciclopedia commerciale che ti classifica tutti i paesi/città dei vari stati nel dettaglio, o che ti classifica tutti gli sportivi presenti e passati con anche risultati specifici?Wikipedia è l'umanità che da sola, senza doppi fini, decide di trascrivere la sua conoscenza. E questo basta e avanza per sostenerla.
    • ak11 scrive:
      Re: Quoto totalmente.

      Wikipedia è l'umanità che da sola, senza doppi fini, decide di trascrivere la sua conoscenza.l'umanità...? quante sono le persone che collaborano attivamente al mantenimento ed alla crescita di wikipedia? e quante sono quelle con potere decisionale? e come fai a sapere che non ci sono doppi fini?
      E questo basta e avanza per sostenerla.buono a sapersi! allora la raccolta fondi era tutto uno scherzone di quello zuzzurellone di jumbo wales? ma allora gli restituiscono i soldi? o vanno a qualche ente benefico? beh, finalmente una buona notizia.
      • panda rossa scrive:
        Re: Quoto totalmente.
        - Scritto da: ak11

        Wikipedia è l'umanità che da sola, senza doppi
        fini, decide di trascrivere la sua
        conoscenza.

        l'umanità...? quante sono le persone che
        collaborano attivamente al mantenimento ed alla
        crescita di wikipedia? e quante sono quelle con
        potere decisionale? e come fai a sapere che non
        ci sono doppi
        fini?E tu come fai a sapere che ci sono doppi fini?E se tu credi che ci siano doppi fini, ci sono ben due cose che puoi fare: non consultarla, non arricchirla.

        E questo basta e avanza per sostenerla.

        buono a sapersi! allora la raccolta fondi era
        tutto uno scherzone di quello zuzzurellone di
        jumbo wales? ma allora gli restituiscono i soldi?
        o vanno a qualche ente benefico? beh, finalmente
        una buona
        notizia.Hai contribuito?Ti hanno obbligato forse a contribuire?E allora di che ti lamenti?
      • HappyCactus scrive:
        Re: Quoto totalmente.
        - Scritto da: ak11

        Wikipedia è l'umanità che da sola, senza doppi
        fini, decide di trascrivere la sua
        conoscenza.

        l'umanità...? quante sono le persone che
        collaborano attivamente al mantenimento ed alla
        crescita di wikipedia? più di quelle che credi. E comunque tutti possono collaborare, anche chi la critica. Però, strano a dirsi, raramente chi la critica collabora costruttivamente ad essa.
        e quante sono quelle con
        potere decisionale? e come fai a sapere che non
        ci sono doppi
        fini?E con la Treccani non si può dire lo stesso? la differenza è che collaborare con la Treccani è un po' più difficile.
    • ... scrive:
      Re: Quoto totalmente.
      si vabbè, il 90% delle voci su wikipedia sono su star trek, i personaggi della marvel e della dc e altri argomenti nerd-centrici, questi sono sicuramente impeccabilila roba che riguarda la realtà è spesso sbagliata o piena di cose tipo "alcuni dicono che hitler era una persona buona" e scemenze simili, senza contare che ci sono pure pagine sul geocentrismo e tesi a supporto del geocentrismo...se questa è un enciclopedia...
      • urrrr scrive:
        Re: Quoto totalmente.
        attenzione, tutte queste scempiaggini le trovi principalmente su wiki Italia.La wikipedia inglese è una cosa (che io sostengo) quella Italiana è ben altra! Non confondiamo la XXXXX con il cioccolato.Wiki Italia è strapiena di pagine dei pokemon, di pagine travisate sorpattutto relativamente all'olocausto, a varie teorie negazioniste, all'11 settembre e gigantesce XXXXXXX come io geocentrismo.Tante di queste pagine presentano pareri personali o dicerie, frasi tip oquella che hai citato tu: "pare che tale fosse....". "alcuni dicono che pinco pallino facesse..." ecc.Tutta monezza. Per quanto mi riguarda dico un ENORME grazie a en.wikipedia.org.Se poi fosse per me wikipedia Italia potrebbe anche chiudere domani. non gl idarò mai un soldo, è uno schifo.
      • HappyCactus scrive:
        Re: Quoto totalmente.
        - Scritto da: ...
        si vabbè, il 90% delle voci su wikipedia sono su
        star trek, i personaggi della marvel e della dc e
        altri argomenti nerd-centrici, questi sono
        sicuramente
        impeccabili
        la roba che riguarda la realtà è spesso sbagliata
        o piena di cose tipo "alcuni dicono che hitler
        era una persona buona" e scemenze simili, senza
        contare che ci sono pure pagine sul geocentrismo
        e tesi a supporto del geocentrismo...se questa è
        un
        enciclopedia...E' imbarazzante quanto scrivi, evidentemente non la usi molto.Wikipedia Italia sarà anche criticabile per alcune pagine, tuttavia è tutto meno star-trek-centrica. C'è di tutto, ma davvero di tutto.Ovvio che come tutte le fonti non deve essere presa come verità infusa; una persona intelligente confronta le fonti e il sapere, aggiungendo un minimo sforzo proporzionale all'importanza dello scopo che si prefigge; ciò significa che accompagnerai la lettura di wikipedia con tante altre fonti (compresa la Treccani) finché avrai la conoscenza necessaria a fare le TUE valutazioni. In particolare quando gli argomenti sono particolarmente delicati.Ma questo è un principio generale, solo gli stupidi culi pesanti pensano di trovare sulla Treccani, su Wikipedia o sulla Britannica la Verità Infusa.
      • Skywalker scrive:
        Re: Quoto totalmente.
        - Scritto da: ...
        la roba che riguarda la realtà è spesso sbagliata
        o piena di cose tipo "alcuni dicono che hitler
        era una persona buona" e scemenze simili, senzaGODWIN!
    • MacMan scrive:
      Re: Quoto totalmente.
      Più che raccolta di sapere, mi sembra una mediocre raccolta di qualunquismo.
      • HappyCactus scrive:
        Re: Quoto totalmente.
        - Scritto da: MacMan
        Più che raccolta di sapere, mi sembra una
        mediocre raccolta di
        qualunquismo.Argomenta, e magari contribuisci a migliorarla, allora.
  • Marco Giannini scrive:
    Wikipedia vs All
    Perfettamente d'accordo. Il messaggio del TG5 è: Wikipedia è inaffidabile, la treccani no, comprate la treccani e non usate wikipedia.Palesemente un pretesto con lo scopo pubblicizzare qualcosa che da tempo vende molto molto meno :)
    • MacMan scrive:
      Re: Wikipedia vs All
      Se vuoi una enciclopedia compri una enciclopedia.Wikipedia NON è una enciclopedia.Mai letto il disclaimer?http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Disclaimer_generaleBhe, sulla treccani non ho mai trovato nulla del genere...
      • Skywalker scrive:
        Re: Wikipedia vs All
        Ah, no?"Istituto dellEnciclopedia Italiana fondato da Giovanni Treccani S.p.A. pubblica il materiale consueto nel sito nellambito della propria attività istituzionale. Pertanto non garantisce che i contenuti presenti nel sito possano essere idonei a qualsivoglia scopo e/o utilizzo particolare degli utenti e non risponde di eventuali danni o mancati guadagni derivanti dall'utilizzo delle informazioni contenute nel sito da parte dagli utenti."http://www.treccani.it/Portale/services/termini_condizioni_uso/termine_condizioni.htmlUsano solo termini meno espliciti. D'altronde non ci vedo niente di strano: quando chiedi un PARERE ad un ESPERTO che abbia VALIDITA' LEGALE di solito il singolo parere ti costa come e più dell'intera Treccani.E tutti, sia Wikipedia che Treccani o Britannica, ci tengono al loro fondoschiena. Percui meglio mettere sempre le mani avanti.
  • Andrea Ajek scrive:
    Invece di criticare...
    se siete esperti o professionisti in un certo campo di ricerca/studio, iscrivetevi a wikipedia, interagite con la comunità e contribuite al miglioramento della qualità delle voci. Ricordate che, escludendo i 5 principi fondamentali di wikipedia, non esistono delle regole imprescindibili; al più, si devono osservare delle linee guida concepite dalla comunità attraverso un proXXXXX di mediazione e dialogo al quale chiunque può partecipare. Per quanto riguarda il pluralismo dei punti di vista e l'attendibilità delle fonti, è chiaro che wikipedia non può (e non vuole) essere una fonte attendibile. Infatti, per ogni teoria inserita nell'enciclopedia è necessario citare la fonte da cui proviene, per consentire al lettore di valutarne la credibilità. Ovviamente, è necessario mantenere sempre 'vivo' il senso critico e non dare per scontato che tutti i contenuti pubblicati su wikipedia siano oro colato. Personalmente, credo che sparare a zero su wikipedia non sia corretto; purtroppo ci sono molte persone che si riempono la bocca di critiche (talvolta giuste), per poi non fare mai nulla per cambiare il tanto biasimato status-quo.
    • Torsolo scrive:
      Re: Invece di criticare...
      - Scritto da: Andrea Ajek
      se siete esperti o professionisti in un certo
      campo di ricerca/studio, iscrivetevi a wikipedia,
      interagite con la comunità e contribuite al
      miglioramento della qualità delle voci.Guarda, a furia di avere a che fare con saccentoni che credono di saperla più di te, che si danno tante arie, che per farti passare da ignorante ti parlano di libri di testo universitari che evidentemente non hanno mai visto neanche col telescopio, che credono di capire tutto, ma in realtà hanno capito neanche quello che hai scritto e fraintendono le fonti, alla fine ti cascano le palle. Anche perché se sei "esperto o professionista" hai delle cose serie da fare, piuttosto che farti venire l'esaurimento dietro all'XXXXXXXXX che vuole avere ragione a tutti i costi e insiste finché non l'ha vinta per abbandono di campo.
    • MacMan scrive:
      Re: Invece di criticare...
      Sai cosa è sucXXXXX una volta? Che Odifreddi (Piergiorgio) ha deciso di intervenire ed è stato subito cartellinato.http://www.alibertieditore.it/catalogo/perch-dio-non-esisteSucXXXXX lo stesso pure con Umberto EcoWikipedia è indifendibile.
      • Skywalker scrive:
        Re: Invece di criticare...
        Odifreddi: cartellino giusto ma per il motivo sbagliato.http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Autobiography"Writing an autobiography on Wikipedia is strongly discouraged, unless your writing has been approved by other editors in the community.""It is difficult to write neutrally and objectively about oneself (see above about unconscious biases). You should generally let others do the writing.Contributing material or making suggestions on the article's talk page is considered properlet independent editors write it into the article itself or approve it if you still want to make the changes yourself."
        • MacMan scrive:
          Re: Invece di criticare...
          - Scritto da: Skywalker
          Odifreddi: cartellino giusto ma per il motivo
          sbagliato.
          http://en.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:AutobiograpIo mi vergognerei, invece di cercare -con molto stridore- di arrampicarmi sugli specchi.
          • Luca scrive:
            Re: Invece di criticare...
            Il fatto che si tenga sotto controllo una persona che desidera modificare la propria biografia, mi sembra una pratica di buon senso... pensa se le pagine di Berlusconi o Bersani fossero modificate dai membri del loro staff.Sicuramente Odifreddi è libero di dare il suo contributo scientifico a wikipedia e oltretutto nella sua pagina è presente con tanto di citazione il fatto del 'Seminario Vescovile di Cuneo'. Gli editori hanno semplicemente atteso che fosse pubblicato da una fonte pubblica e non inserito da un Utente che si spacciava per Odifreddi.
    • arancio scrive:
      Re: Invece di criticare...
      - Scritto da: Andrea Ajek
      se siete esperti o professionisti in un certo
      campo di ricerca/studio, iscrivetevi a wikipedia,
      interagite con la comunità e contribuite al
      miglioramento della qualità delle voci.
      ...
      Personalmente, credo che sparare a zero su
      wikipedia non sia corretto; purtroppo ci sono
      molte persone che si riempono la bocca di
      critiche (talvolta giuste), per poi non fare mai
      nulla per cambiare il tanto biasimato
      status-quo.ci sono anche persone del tipo che dici tu che cercano di cambiare lo status quo e vengono conteste (o peggio) dagli ignoranti che ci sono su wiki. Ma tu dove vivi?
  • Sandro Spigarelli scrive:
    ARTICOLO SPETTACOLARE!!!
    io 5 l'ho donati... è stato il mio regalo di natale al MONDO! fatelo anche voi!!! ;D
  • ak11 scrive:
    come al solito
    come al solito i fighetti di pi si nascondono dietro a un dito. sofisti da strapazzo. il tg5 ha mosso delle critiche serie ad uno strumento che gode OGGETTIVAMENTE di una reputazione immeritata. sono sempre le stesse da anni semplicemente perché lo staff di wikipedia si rifiuta di prenderle anche in considerazione, il che non dovrebbe sorprendere nessuno, dato il livello di immaturità di molti degli admin. che wikipedia si ideologizzata, in più di un senso, è vero. che non sia veramente libera, pure. sarà anche un progetto collaborativo di enorme sucXXXXX, ma come enciclopedia è un esperimento fallito. prima o poi dovrete farvene una ragione. io ho già smesso di usarla da qualche tempo, e non ne se sento minimamente la mancanza.
    • momin scrive:
      Re: come al solito
      - Scritto da: ak11
      come al solito i fighetti di pi si nascondonocominciamo bene...
      io ho già smesso di usarla da qualche tempo, e
      non ne se sento minimamente la
      mancanza.e della testa "ne se senti" la mancanza?
      • ak11 scrive:
        Re: come al solito
        grazie per aver confermato -se mai ce ne se fosse stato bisogno- che avevo ragione.
        • brunoliegib astonliegi scrive:
          Re: come al solito
          Se gli elogi a wikipedia si sprecano, le critiche da te mosse non mi sembrano suffragate a sufficienza, più che considerazioni sono affermazioni che non ti preoccupi di giustificare, quindi senza insulti o trollerie in genere mi permetto di attenermi ancora alla mia impressione positiva nei riguardi di wikipedia, da quanto e da come hai scritto, il più ideologizzato sembreresti tu, ma questa è una mia impressione personale e ascentifica.
          • HappyCactus scrive:
            Re: come al solito
            - Scritto da: brunoliegib astonliegi
            Se gli elogi a wikipedia si sprecano, le critiche
            da te mosse non mi sembrano suffragate a
            sufficienza, più che considerazioni sono
            affermazioni che non ti preoccupi di
            giustificare, quindi senza insulti o trollerie in
            genere mi permetto di attenermi ancora alla mia
            impressione positiva nei riguardi di wikipedia,
            da quanto e da come hai scritto, il più
            ideologizzato sembreresti tu, ma questa è una mia
            impressione personale e
            ascentifica.Quasi sempre le critiche mosse a Wikipedia sono assai poco argomentate.Anche perché lo si è già detto, gli argomenti più criticati sono quelli di carattere politico e storico; argomenti che comunque sarebbero criticati, visto che sono materie comunque opinabili.Il fatto è che queste critiche ci saranno comunque sempre; quello che spesso si dimentica è che comunque si tratta di un progetto aperto, cui tutti possono partecipare; dunque anche quegli argomenti già criticati possono essere costruttivamente rivisti.Ciò non bastasse, qualora vi fosse una cattiva gestione di Wikipedia Italia, c'è sempre il padre fondatore cui rivolgersi.Infine c'è anche la strada di costruire un progetto alternativo. Mi chiedo però se un tale progetto alternativo sarebbe immune alle stesse critiche,.
          • ak11 scrive:
            Re: come al solito
            sinceramente non ho ne il tempo ne la voglia di mettermi a compilare una lista di tutte le piccole e grandi inesattezze riscontrate nel corso degli anni in wikipedia. il problema di fondo di wikipedia però, è la sua natura essenzialmente fascista ed autoreferenziale, che premia gli zeloti e i maniaci del controllo e di conseguenza non può che scoraggiare i veri esperti dal contribuire (non si fa distinzione tra un utente qualunque e un serio ricercatore, per cui all'opinione del primo è attribuito lo stesso peso di quella del secondo, ma i membri dello staff, non importa quanto in-competenti, hanno sempre l'ultima parola). come è logico aspettarsi, gli abusi di potere e gli episodi di pura incompetenza si sprecano. come pure, a cascata, le castronerie.fonte: google
          • No Nome scrive:
            Re: come al solito
            ak11 scrive:"[...] fonte: google"Ottima fonte! Complimenti!E il criterio è il numero delle voci riscontrate?Spero che il tuo sia fine sarcasmo. In qual caso dimostri una scintilla di saper pensare... se invece ci credi, beh, siamo in un mondo libero. Wikipedia (o google) non sono la verità... ma approssimazioni veritiere.Se sei dotato di un minimo senso critico, sai se accettare quello che leggi, ovvero capisci che è meglio confrontarlo con altre fonti che ritieni più autorevoli. Sei perfino "autorizzato" a scrivere la tua modifica - se lo vuoi - ma anche a fregartene. Pensa in che mondo viviamo.Ma che di questa tua avversione faccia un "culto", ci andrei cauto: rischi di cadere nella stessa tua critica.E te lo dice uno che usa poco wikipedia, ma che è contento che esista.@ tutti: Quanto ai progetti di cooperazione in rete... vabbeh wikipedia, ma sourceforge? Voglio dire wikipedia non é il solo progetto e non so nemmeno se é il primo! In ogni caso ben venga la varietà.Riguardo all'amministrazione di un progetto simile, credo che lì sia l'inghippo di non facile soluzione. Credo che sistemi/progetti ben più piccoli (e teoricamente più facilmente amministrabili) cadano negli stessi rischi di manomissione dell'idea che sta alla base, quella si grande, di avere una nuova biblioteca di Alessandria!Salutoni.
          • ak11 scrive:
            Re: come al solito
            wikipedia è un'enciclopedia, google un motore di ricerca. sì lo so di dire un'ovvietà, ma leggendo il tuo post uno potrebbe pensare che fossero equiparabili (grave errore!)
          • Skywalker scrive:
            Re: come al solito
            "natura essenzialmente fascista"GODWIN!
          • psik0 scrive:
            Re: come al solito
            - Scritto da: ak11
            fonte: googleScusa, ma un "motore di ricerca" come fa ad essere una "fonte"?Ecco, vai su wikipedia a leggere cosa è google. :-)(senza offesa, e imho, OVVIAMENTE)
          • ak11 scrive:
            Re: come al solito
            tranquillo, lo so cos'è google. "fonte" era inteso in senso lato, OVVIAMENTE.
          • Torsolo scrive:
            Re: come al solito
            Infatti dal contesto era abbastanza evidente, ma (a parte i troll che lo fanno apposta) c'è sempre qualcuno che non si pone la semplice domandina: "non è che sono io che non ho capito un ca... di quel che ho letto?", perché certamente può accadere che una frase non sia scritta a prova di scimmia e fraintendersi può sempre succedere. Ma loro niente. Invece di fare girare il neurone, nel sano esercizio della comprensione della lettura, costoro partono certi e fieri al galoppo, fuori strada, dritti verso il fosso. Non esiste che possano avere capito male, che possano esistere altri sensi oltre al primo (sbagliato) che gli è venuto in mente. Anzi, se qualcosa non è chiara o qualcosa sfugge, non è perché loro possono avere capito male, ma perché l'altro è XXXXXXXXX.
          • HappyCactus scrive:
            Re: come al solito
            - Scritto da: ak11
            sinceramente non ho ne il tempo ne la voglia di
            mettermi a compilare una lista di tutte le
            piccole e grandi inesattezze riscontrate nel
            corso degli anni in wikipedia. il problema di
            fondo di wikipedia però, è la sua natura
            essenzialmente fascista ed autoreferenziale, che
            premia gli zeloti e i maniaci del controllo e di
            conseguenza non può che scoraggiare i veri
            esperti dal contribuire (non si fa distinzione
            tra un utente qualunque e un serio ricercatore,
            per cui all'opinione del primo è attribuito lo
            stesso peso di quella del secondo, ma i membri
            dello staff, non importa quanto in-competenti,
            hanno sempre l'ultima parola). come è logico
            aspettarsi, gli abusi di potere e gli episodi di
            pura incompetenza si sprecano. come pure, a
            cascata, le
            castronerie.

            fonte: googleCosa ti fa pensare che i membri dello staff siano meno competenti del ricercatore "serio" che tu citi?
          • deactive scrive:
            Re: come al solito
            non pensa, raglia. lascia perdere, fa pure la vittima.
    • Sgabbio scrive:
      Re: come al solito
      Guarda che se prendi come esempio il wikipedia italiano, non va bene :D
      • claudio scrive:
        Re: come al solito
        io oramai da anni faccio ricerche su wikipedia e nessun professore si è mai lamentato. la treccani se la comprassero loro! e poi se una grande enciclopedia come Encarta ha chiuso è perche' la gente cerca le cose aggiornate e in maniera piu' gratuita possibile! secondo me!
        • deactive scrive:
          Re: come al solito
          certo, l'importante e' avere alternative.Anche se si trattasse di qualche altra piu' blasonata encliclopedia, io un'occhiatina altrove la darei cmq per scrupolo.Per il resto, son d'accordo con te
        • gerry scrive:
          Re: come al solito
          - Scritto da: shevathas
          il problema è che se si vuol essere certi della
          qualità allora bisogna mettere mano al
          portafoglio. Mi sfugge il nesso fra soldi e qualità delle informazioni.Se vuoi la qualità delle informazioni devi avere un cervello allenato a trovarla.
        • shevathas scrive:
          Re: come al solito

          Quando imparerete che non sempre,
          anzi...fortunatamente SPESSO, le due cose non
          sono direttamente
          proporzionali?

          Non voglio parlare si sistemi operativi,
          altrimenti parte qualche
          troll...
          dipende da cosa ci devi fare con il tuo sistema operativo, ho trovato un po' di difficoltà ad usare GIMP sul mio router.
          Ma prendiamo ad esempio apache-httd (server
          web)...mi sembra più l'eccezione che conferma la regola. Hai altri esempi ?
          • krane scrive:
            Re: come al solito
            - Scritto da: shevathas

            Quando imparerete che non sempre,

            anzi...fortunatamente SPESSO, le due cose non

            sono direttamente proporzionali?

            Non voglio parlare si sistemi operativi,

            altrimenti parte qualche troll...
            dipende da cosa ci devi fare con il tuo sistema
            operativo, ho trovato un po' di difficoltà ad
            usare GIMP sul mio router.Solo perche' ha poca ram, se si potesse aggiungere io credo che potresti usarlo in remoto con X... Da provare :D

            Ma prendiamo ad esempio apache-httd (server

            web)...
            mi sembra più l'eccezione che conferma la regola.
            Hai altri esempi ?
          • psik0 scrive:
            Re: come al solito
            Eclipse;VLC;MySQL (credo che anche con l'acquisizione da parte di oracle continui ad essere free);OpenVNC;PHP;Inoltre, aggiungo, se proprio debbo pagare qualcosa, almeno sia OpenSource :-P
    • deactive scrive:
      Re: come al solito
      mhmm, caccia fuori qualche link plz soprattutto se dici cose di codesta indecenza"uno strumento che gode OGGETTIVAMENTE di una reputazione immeritata"Argomenta quell'OGGETTIVAMENTE dai ..
      • ak11 scrive:
        Re: come al solito
        nessuno con un briciolo di materia grigia si sognerebbe di mettere in discussione la popolarità di wikipedia. o è forse proprio questo che stai cercando di fare? quanto al fatto che sia immeritata, questo è altrettanto ovvio a chiunque abbia svolto anche una brevissima ricerchina in merito. un browser mi sembra che ce l'hai, sì? e allora usalo invece di pretendere che qualcun altro pensi per te.
        • deactive scrive:
          Re: come al solito
          io non pretendo tu pensi per me grazie a dio.Dico solo ( ed e' buona regola sul web, un po' ovunque ) argomentare cio' che si va scrivendo, in special modo se si parla di fatti oggettivi.E soprattutto, datti una calmata
        • ak11 scrive:
          Re: come al solito
          io non ho fatto proprio nessuna accusa. la mia è una pura e semplice constatazione. chiunque sia "a conoscenza dei fatti" per così dire, sa che ho ragione. gli altri possono continuare a crogiolarsi nella propria beata ignoranza, per quello che mi riguarda. io le mie argomentazioni le ho esposte, un solo link che raccolga ed elenchi tutti gli orrori di wikipedia non credo esista, altrimenti forse l'avrei postato. google e un paio di click dovrebbero sopperire egregiamente.
          • Skywalker scrive:
            Re: come al solito
            - Scritto da: ak11
            io non ho fatto proprio nessuna accusa. la mia è
            una pura e semplice constatazione. chiunque sia
            "a conoscenza dei fatti" per così dire, sa che ho
            ragione. Ok. Adesso è chiaro.Bravo perché sei stato fine, non grezzo e ci siamo cascati in tanti.Il miglior TROLL da mesi a questa parte.
          • ak11 scrive:
            Re: come al solito
            "ritenta, sarai più fortunato." dai che prima o poi ci azzecchi.
          • Ubunto scrive:
            Re: come al solito
            - Scritto da: ak11
            io non ho fatto proprio nessuna accusa. la mia è
            una pura e semplice constatazione. chiunque sia
            "a conoscenza dei fatti" per così dire, sa che ho
            ragione. gli altri possono continuare a
            crogiolarsi nella propria beata ignoranza, per
            quello che mi riguarda. io le mie argomentazioni
            le ho esposte, un solo link che raccolga ed
            elenchi tutti gli orrori di wikipedia non credo
            esista, altrimenti forse l'avrei postato. google
            e un paio di click dovrebbero sopperire
            egregiamente.Ma guarda che ce ne bastano pochi, 4 o 5 sono sufficienti.Sei tui che hai fatto delle affermazioni, non google.Argomentale con dati concreti, oppure torna a bere...
    • The Real Gordon scrive:
      Re: come al solito
      - Scritto da: ak11
      come al solito i fighetti di pi si nascondono
      dietro a un dito. sofisti da strapazzo. il tg5 ha
      mosso delle critiche serie ad uno strumento che
      gode OGGETTIVAMENTE di una reputazione
      immeritata. sono sempre le stesse da anni
      semplicemente perché lo staff di wikipedia si
      rifiuta di prenderle anche in considerazione, il
      che non dovrebbe sorprendere nessuno, dato il
      livello di immaturità di molti degli admin. che
      wikipedia si ideologizzata, in più di un senso, è
      vero. che non sia veramente libera, pure. sarà
      anche un progetto collaborativo di enorme
      sucXXXXX, ma come enciclopedia è un esperimento
      fallito. prima o poi dovrete farvene una ragione.
      io ho già smesso di usarla da qualche tempo, e
      non ne se sento minimamente la
      mancanza.Senti, facci un bel favore: accendi la tv, spegni il cervello e piantala di rompere. Guardati le puntate del gf o della de filippi invece di frequentare forum d'informatica.
      • ak11 scrive:
        Re: come al solito
        argomento ad hominem = invalido. vai a trollare da un'altra parte, 'kay? bai
        • gerry scrive:
          Re: come al solito
          - Scritto da: ak11
          argomento ad hominem = invalido. vai a trollare
          da un'altra parte, 'kay?
          bai chiunque sia "a conoscenza dei fatti" per così dire, sa che ho ragione. -
          Ricorso a credenze. 1-1 palla al centro.
          • ak11 scrive:
            Re: come al solito
            "Il Ricorso a credenze è un errore che ha questa struttura generale: 1. La maggior parte delle persone crede che un'affermazione, X, sia vera. 2. Quindi X è vera."non si applica nel caso specifico. gol annullato, cartellino giallo.
        • The Real Gordon scrive:
          Re: come al solito
          - Scritto da: ak11
          argomento ad hominem = invalido. vai a trollare
          da un'altra parte, 'kay?
          baiDalle risposte che hai ricevuto finora, direi che o siamo tutti trolls, o il troll qui sei solo tu.Che da un po di tempo il web italiano sia stato infestato dai "motorini azzurri" s'era capito, ma su PI non è proprio il caso, qui siamo allergici.
          • ak11 scrive:
            Re: come al solito
            troll è chi troll fa. se tenti di liquidare un argomento dandomi del lobotomizzato, fai azione di trollaggio ergo sei un troll fino al post successivo. se vuoi trasformare la discussione in un giochino al rimbalzo su chi trolla chi, liberissimo di farlo, ma senza la mia partecipazione. "motorini azzurri" mi è nuova, ma "a naso" non c'entra nulla con wikipedia.
          • Skywalker scrive:
            Re: come al solito
            Argomenti? E da quando si argomenta con un Troll?I Troll rispondono "ho ragione io", "è evidente che i fatti mi danno ragione", "dovete farvene una ragione".Argomentare prevederebbe di avere delle Ipotesi condivise, proporre una Tesi ed eseguire una dimostrazione. Che è quello che fino a quando non abbiamo capito che ti stai divertendo a prenderci in giro facendo il Troll abbiamo fatto.Devo dire che sei stato bravo perché non ti sei scoperto subito. Però adesso basta. Ti sei divertiti abbastanza e se si tratta di cercare di confrontarsi con qualcuno che la pensa diversamente, è tempo ben speso. Ma dar da mangiare ai Troll è tempo perso. E noi preferiamo passarlo migliorando le voci di Wikipedia fino a quando non sarà migliore della Treccani.
          • ak11 scrive:
            Re: come al solito
            è un vizio sempre più diffuso, quello di dare del troll a chi la pensa diversamente da te, per tentare di screditarlo. complimenti, sei uno di "loro". ma io vorrei proprio vedervici, al bar, a dare del troll al tipo che vota il partito avverso... sai le risate?
          • Skywalker scrive:
            Re: come al solito
            Ah, non avevo capito: non stiamo cercando di fare una discussione seria ed argomentata. Stiamo facendo chiacchere al bar!Ah, beh, allora si! Hai ragione! Ti dirò di più: mio cugino mi ha detto che l'ex-fidanzato della sua fidanzata è un admin di Wikipedia, e per il suo compleanno le ha creato un pagina dedicata a lei. Quando poi lei lo ha mollato, lui ha scritto tutte falsità sulla sua pagina e lei ha dovuto denunciarlo ai NAS. Pensa che per far cancellare quella pagina hanno dovuto entrare con le armi in Wikipedia e strappare la pagina dal computer! Eh, si. Tu si che la sai lunga!
    • Akiro scrive:
      Re: come al solito
      critiche serie? ma scherzi? credo basti il link sulla percentuale di errori a sfatare questo tuo mito.
      • ak11 scrive:
        Re: come al solito
        ah sì, la ricerca di nature. peccato che 1. i dati statistici da loro compilati si riferiscano al 2005 (quindi hanno necessariamente perso di rilevanza da allora) 2. i risultati della ricerca sono stati in seguito messi pesantemente in discussione dagli autori della britannica.non mi interessa entrare nella polemica tra gli editors di nature e della britannica, quindi mi attengo a quello che so per esperienza e ai resoconti di esperienze altrui.
        • Tokugawa scrive:
          Re: come al solito
          - Scritto da: ak11
          ah sì, la ricerca di nature. peccato che 1. i
          dati statistici da loro compilati si riferiscano
          al 2005 (quindi hanno necessariamente perso di
          rilevanza da allora) Ma allora erano validissimi. Intanto, Wikipedia nel tempo si autocorregge, la Britannica un po' meno.
          2. i risultati della ricerca
          sono stati in seguito messi pesantemente in
          discussione dagli autori della
          britannica.Eh, già, per sapere se una gallina è buona o meno si va a chiederlo alla volpe...

          non mi interessa entrare nella polemica tra gli
          editors di nature e della britannica, quindi mi
          attengo a quello che so per esperienza e ai
          resoconti di esperienze altrui.Ti potrei portare quintalate di esperienze opposte alle tue affermazioni. Lascia perdere.
    • Skywalker scrive:
      Re: come al solito
      - Scritto da: ak11
      sarà
      anche un progetto collaborativo di enorme
      sucXXXXX, ma come enciclopedia è un esperimento
      fallito.Ok, questa è la Tesi. Quali sono l'Ipotesi e soprattutto la dimostrazione?Cioè cosa definisce "sucXXXXX" una enciclopedia e cosa "fallimento"? Come misuriamo i fattori di sucXXXXX e di fallimento e come li pesiamo per ottenere il valore sintetico di "sucXXXXX" o di "fallimento"?Perché se consideriamo la Treccani e la Britannica di "sucXXXXX" perché hanno venduto tante copie per tanto tempo, beh, sul numero di copie non c'è neanche gara. Alzino la mano quanti hanno una qualunque edizione della Treccani in casa - ed io ne ho due: il Dizionario Enciclopedico e l'Enciclopedia del Novecento -. Alzino la mano quanti, non avendola in casa, per approfondire un termine sono andati in Biblioteca a consultare l'Enciclopedia Treccani.Se invece parliamo di "tempo", beh, allora possiamo già dire che Wikipedia ha già superato tante enciclopedie cartacee e non: tanto che oggi la si paragona con la Treccani e con la Britannica. Mica con l'Enciclopedia Garzanti, Bompiano o Fabbri. Ma neanche con le ben più blasonate De Agostini, UTET o Rizzoli Larousse. No, no: il confronto si fa con la Treccani e la Britannica. E già questo la dice lunga.Stiamo discutendo se sia meglio il Barcellona 2009 o l'Inter 2010.Perciò dire che, nella peggiore delle ipotesi, la seconda enciclopedia al mondo (dando per vincente sicura la Britannica) o la seconda enciclopedia in Italia (dando per vincente sicura la Treccani) sia un "insucXXXXX" mi sembra quantomeno forte.Allora l'Enciclopedia Garzanti o la Bompiani cosa sono?
      prima o poi dovrete farvene una ragione.E perché? Non c'è abbastanza spazio su questo pianeta per tutti e due?
      io ho già smesso di usarla da qualche tempo, e
      non ne se sento minimamente la
      mancanza.E quindi? Perché tu hai smesso di usarla e tu la ritieni inaffidabile io e gli altri 350.000.000 che la usiamo e la riteniamo sufficientemente affidabile dovremmo smettere?Guarda che la Treccani, dimostrando la lungimiranza che l'ha portata fino a qui, sul suo sito, di fianco alla voce che stai cercando, ti propone di cercare la stessa voce anche su Wikipedia e su altre enciclopedie estere.
      • ak11 scrive:
        Re: come al solito
        - Scritto da: Skywalker
        Cioè cosa definisce "sucXXXXX" una enciclopedia e
        cosa "fallimento"? Come misuriamo i fattori di
        sucXXXXX e di fallimento e come li pesiamo per
        ottenere il valore sintetico di "sucXXXXX" o di
        "fallimento"?attendibilità e coerenza (intesa come aderenza ai principi e agli standard di riferimento).
        Perché se consideriamo la Treccani e la
        Britannica di "sucXXXXX" perché hanno venduto
        tante copie per tanto tempo, beh, sul numero di
        copie non c'è neanche gara. Alzino la mano quanti
        hanno una qualunque edizione della Treccani in
        casa - ed io ne ho due: il Dizionario
        Enciclopedico e l'Enciclopedia del Novecento -.
        Alzino la mano quanti, non avendola in casa, per
        approfondire un termine sono andati in Biblioteca
        a consultare l'Enciclopedia
        Treccani.bella forza, wikipedia è gratis e sempre ad un click di distanza... sono due medium diversi, non si può non tenerne conto se si vuole usare il "sucXXXXX" come metro di paragone.
        Se invece parliamo di "tempo", beh, allora
        possiamo già dire che Wikipedia ha già superato
        tante enciclopedie cartacee e non: tanto che oggi
        la si paragona con la Treccani e con la
        Britannica.non c'è dubbio che un modello come quello di wikipedia abbia il potenziale per una velocità di espansione impressionante. questo nessuno l'ha mai messo in discussione, però, e non dice niente sull'effettivo valore dell'opera.
        Perciò dire che, nella peggiore delle ipotesi, la
        seconda enciclopedia al mondo (dando per vincente
        sicura la Britannica) o la seconda enciclopedia
        in Italia (dando per vincente sicura la Treccani)
        sia un "insucXXXXX" mi sembra quantomeno
        forte.

        Allora l'Enciclopedia Garzanti o la Bompiani cosa
        sono?dipende tutto da quali criteri si scelgono per arrivare ad un verdetto di sucXXXXX o insucXXXXX. posta così, la domanda non ha molto senso per me.
        E perché? Non c'è abbastanza spazio su questo
        pianeta per tutti e
        due?certo, come no. dico solo che, concorrenti a parte, prima o poi ci si dovrà pur rendere conto che wikipedia non è quel "miracolo di internet" che fa brillare gli occhi a molti anche qui su pi.
        E quindi? Perché tu hai smesso di usarla e tu la
        ritieni inaffidabile io e gli altri 350.000.000
        che la usiamo e la riteniamo sufficientemente
        affidabile dovremmo
        smettere?e quindi niente, era per dire. io non la uso più, se ne può fare a meno. non è che ad ogni singolo periodo debba per forza seguire qualche importante implicazione.
        Guarda che la Treccani, dimostrando la
        lungimiranza che l'ha portata fino a qui, sul suo
        sito, di fianco alla voce che stai cercando, ti
        propone di cercare la stessa voce anche su
        Wikipedia e su altre enciclopedie
        estere.è la loro strategia, e non mi sento di commentarla. avranno le loro ragioni, suppongo.
        • Skywalker scrive:
          Re: come al solito
          - Scritto da: ak11
          dipende tutto da quali criteri si scelgono per
          arrivare ad un verdetto di sucXXXXX o insucXXXXX.
          posta così, la domanda non ha molto senso per
          me.Ecco. Appena ci comunichi i criteri misurabili e confrontabili CHE TU HAI SCELTO per arrivare ad un verdetto di sucXXXXX o insucXXXXX, riprenderemo la discussione.Finché ti limiti a comunicarci solo che conclusioni, senza ipotesi e dimostrazione, che secondo te "come enciclopedia è un esperimento fallito. prima o poi dovrete farvene una ragione" ci stai comunicando una OPINIONE. E sulle opinioni già Cicerone 2000 anni fa aveva chiarito che non si discute.
    • James Kirk scrive:
      Re: come al solito
      Ronf Ronf Ronf .... le solite ragioni che si sentono da qualche annetto.OGGETTIVAMENTE? ... forse volevi dire OVVIAMENTE, perchè che Wikipedia non possa essere precisa è un ovvietà che tutti conoscono.Ma poi dove Sta il problema? Non affiderei certo una ricerca importante a Wikipedia ma, per quanto concerne le materie scientifiche non mi pare di aver individuato strafalcioni gravi.- Wikipedia è attendibile? No, come, d'altra parte nessuna enciclopedia.- Encarta è mai stata attendibile? ... eppure è stata utile a molti.- La Treccani o La Britannica sono più attendibili? probabilmente si, ma affideresti la tua reputazione alla ricerca su una Enciclopedia?- E, alla fine, meglio un mondo con o senza Wikipedia? Io dico che è meglio così.Il servizio del TG5 è un servizio da orecchianti, attento a più alla critica da cazzeggio che ad una analisi del fenomeno. E proprio perchè il fenomeno è complesso da analizzare ci si dovrebbe astenere da commenti banali.Le risposte al servizio postate su Youtube, pur nella volgarità di espressione, sono del tutto meritate.
      • No Nome scrive:
        Re: come al solito
        Quoto!Ma allora non ci sono solo troll, macachi, winari, cantinari, ...Nota personale: ricordarsi di correggere voce "punto-informatico" su http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Punto_Informatico
      • ak11 scrive:
        Re: come al solito

        le solite ragioni che si sentono da qualche annetto.fammi capire, se fin qui wikipedia non è stata in grado di rinnovarsi e migliorarsi, la colpa sarebbe mia? semmai, è un testamento alla debolezza strutturale del progetto. commenti come il tuo mi ricordano il modo che hanno certi politici di rispondere alle critiche: "conflitto di interessi? sprechi? connivenze? basta con questo qualunquismo, non se ne può più, sono anni che la menate con queste storie."
        • James Kirk scrive:
          Re: come al solito
          - Scritto da: ak11
          fammi capire, se fin qui wikipedia non è stata in
          grado di rinnovarsi e migliorarsi, la colpa
          sarebbe mia? semmai, è un testamento alla
          debolezza strutturale del progetto. Scusa ma cosa c'è di tanto problematico in Wikipedia da meritare commenti cosi aspri? Ben venga questa debolezza strutturale se i risultati sono quelli che si sono visti finora!I pregi sono tanti, i difetti ci sono e sono noti ... in cosa dovrebbero 'rinnovarsi' ... dovrebbero comprarsi la Britannica?Certo non è il caso di usare Wikipedia per ricerche sulla storia recente o, peggio, su personaggi della politica, ma per Matematica, Scienze, Fisica, Cinema e tante altre cose Wikipedia offre un servizio ottimo.
          • Skywalker scrive:
            Re: come al solito
            - Scritto da: James Kirk
            Certo non è il caso di usare Wikipedia per
            ricerche sulla storia recente o, peggio, su
            personaggi della politica,Permettimi di dissentire: la storia recente ed i personaggi della politica corrente sulla Treccani e sulla Britannica proprio non ci sono.Se voglio sapere in che partito milita un Deputato, quante legislazioni ha fatto, quali cariche ha ricoperto, dove è nato, con chi è sposato, quali cariche non politiche ricopre è proprio il caso di usare Wikipedia perché la scelta non c'è.Se invece intendevi dire che non è il caso di "fermarsi" alla pagina di Wikipedia per costruirsi una propria idea sulla storia recente o, peggio, su personaggi della politica attuale, non posso che concordare. Ma spesso resta un buon punto di partenza per recuperare le parole chiave con le quali approfondire l'argomento e costruirsi la propria opinione.
  • Sandro kensan scrive:
    5 euro non vi fanno fallire
    IBAN: IT25G0200861800000100330777BIC/SWIFT: UNCRITB1A40Unicredit BancaPiazza Duca d'Aosta, 2031021 Mogliano Veneto - TVIntestato a:Wikimedia Italia - Associazione per la diffusione della conoscenza libera***http://www.wikimedia.it/index.php/Donazionise avete un C/C on line il costo del bonifico è a volte gratis o quasi sempre di 1 euro o inferiore.
    • Sgabbio scrive:
      Re: 5 euro non vi fanno fallire
      Quella italiana non meriterebbe un soldo.
      • Ubunto scrive:
        Re: 5 euro non vi fanno fallire
        - Scritto da: Sgabbio
        Quella italiana non meriterebbe un soldo.ASD, ma perché ce l'hai con wikipedia italiana? :D
        • Sandro kensan scrive:
          Re: 5 euro non vi fanno fallire
          - Scritto da: Ubunto
          - Scritto da: Sgabbio

          Quella italiana non meriterebbe un soldo.

          ASD, ma perché ce l'hai con wikipedia italiana?
          :DImmagino perché ha discusso con amministratori di quella italiana, l'ho fatto pure io ma non me la sono legata al dito.
    • James Kirk scrive:
      Re: 5 euro non vi fanno fallire
      Ho fatto ben due cose:1) Ho fatto la mia donazione a wikipedia già da oltre un mese2) Dopo aver visto il video del servizio ho riprogrammato il telecomando del TV togliendo dai tasti principali canale 5 (anche Rete4 ed Italia 1 già che c'ero!).-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 gennaio 2011 16.34-----------------------------------------------------------
      • HappyCactus scrive:
        Re: 5 euro non vi fanno fallire
        Modificato dall' autore il 10 gennaio 2011 16.34
        --------------------------------------------------Solo dopo aver visto il servizio su W? :-)Io ho approfittato dello switch-off per fare switch-off dei canali mediaset, in cui Rai4, Rai5 e RaiStoria hanno preso il posto.
        • Nome e cognome scrive:
          Re: 5 euro non vi fanno fallire

          Solo dopo aver visto il servizio su W? :-)
          Io ho approfittato dello switch-off per fare
          switch-off dei canali mediaset, in cui Rai4, Rai5
          e RaiStoria hanno preso il
          posto.Straquoto in toto! :-)
  • Stever scrive:
    meglio W
    ...almeno se uno scrive baggianate (o ha una svista) su un argormento specie se importante prima o poi qualcuno se ne accorge e può revisionare, mentre sul cartaceo resta e difficilmente avvengono segnalazioni per le edizioni successive !
    • Torsolo scrive:
      Re: meglio W
      - Scritto da: Stever
      ...almeno se uno scrive baggianate (o ha una
      svista) su un argormento specie se importante
      prima o poi qualcuno se ne accorge e può
      revisionare, mentre sul cartaceo resta e
      difficilmente avvengono segnalazioni per le
      edizioni successive
      !Infatti quello è l'aspetto migliore di Wikipedia, ma se non c'è una figura autorevole che controlla le modifiche, ha i suoi pro e contro. Se arriva il tizio o la tizia convinto/a di sapere tutto e corregge o cancella parti di voci che in realtà erano giuste ma lui/lei credeva di no (senza verificare e informarsi meglio), oppure non ne ha capito il senso e non vuole sentire ragioni oppure vuole fare passare il suo punto di vista e si impunta sulla sua posizione, parte l'edit war. Solo che uno che ha reali competenze, ma non ha tanto tempo da perdere, dopo un po' si stufa, mentre il saccente che vuole avere l'ultima parola a tutti i costi, ti rigira le cose fino all'esaurimento e se ha una buona dialettica, magari riesce a convincere anche altra gente. Alla fine gliela dai vinta per abbandono di campo, ma la qualità dell'enciclopedia ne risente, perché contano i fatti e le cose come stanno, non la dialettica e gli orgogli personali. Le fonti aiutano, ma su Internet non c'è tutto, puoi citare dei libri, ma poi altri possono non averli e non poterli controllare. Le stesse fonti in rete non tutte sono autorevoli allo stesso modo e anche quelle autorevoli vanno capite: se uno fraintende la fonte, leggendoci un senso sbagliato, perché manca delle competenze necessarie o estrapolandone faziosamente qualcosa dal contesto, c'è poco da fare. Nel migliore dei casi ci metti il tag "voce da controllare", almeno i lettori (forse) si pongono il dubbio, ma se ci sono pochi competenti a controllare, la voce resterà in quello stato per mesi. Questo è particolarmente vero in quelle voci che trattano argomenti in cui pochi hanno reali competenze, ma molti un'infarinatura.
  • ilgioa scrive:
    Poche trascurabili differenze
    Premesso che il concetto generale trasmesso dall'articolo e' ampiamente condivisibile, rimane il fatto che riassumere con "poche trascurabili differenze" un articolo che dice "Tuttavia lo scarto tra le due enciclopedie, una open-source e gratuita, l'altra proprietaria ed assai costosa, aumenta in maniera sensibile quando si tratta di errori fattuali ed omissioni: in questo caso, specifica Nature, sono state scovate 162 sviste in Wikipedia e 123 nella Britannica" e "gli autori di questo insolito studio hanno messo in risalto l'altissima presenza di teorie insolite tra le pagine di Wikipedia, spesso evidenziate e rese più rilevanti rispetto a consolidate verità largamente condivise" mi fa cadere le braccia.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Poche trascurabili differenze
      - Scritto da: ilgioa mi fa cadere le
      braccia.Prendere a riferimento-confronto esclusivamente la Britannica puo' essere considerato serio ?
  • mela marcia doc scrive:
    Percentuale di esattezza
    Credo che la percentuale di inesattezze di Wikipedia ma anche delle enciclopedie cartacee sia da ricercare oltre che nelle sviste, principalmente nel revisionismo e nel fondamentalismo che è congenito alla natura umana.Altrimenti come spiegare tesi come la negazione dell'olocausto (antistorica) o il creazionismo (antiscientifica)?
    • shevathas scrive:
      Re: Percentuale di esattezza
      - Scritto da: mela marcia doc
      Credo che la percentuale di inesattezze di
      Wikipedia ma anche delle enciclopedie cartacee
      sia da ricercare oltre che nelle sviste,
      principalmente nel revisionismo e nel
      fondamentalismo che è congenito alla natura
      umana.mah per esperienza una enciclopedia che vuole vendere tende ad essere più curata ed evita posizioni troppo sbilanciate. Su wikipedia non hai il vincolo di dover fare profitti o campare da quello che scrivi. Ecco perché vicino a voci di qualità ci sono anche abbastanza voci fuffa.
      Altrimenti come spiegare tesi come la negazione
      dell'olocausto (antistorica) o il creazionismo
      (antiscientifica)?la madre dei cretini è sempre incinta.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Percentuale di esattezza
      - Scritto da: mela marcia doc
      Credo che la percentuale di inesattezze di
      Wikipedia ma anche delle enciclopedie cartacee
      sia da ricercare oltre che nelle sviste,
      principalmente nel revisionismo e nel
      fondamentalismo che è congenito alla natura
      umana.
      Altrimenti come spiegare tesi come la negazione
      dell'olocausto (antistorica) o il creazionismo
      (antiscientifica)?Di fatto wikipedia ha avuto il pregio in un breve lasso di tempo di far condividere e di far conoscere informazioni quanto le "tradizionali" enciclopedie generaliste nel giro di decenni.Di fatto wikipedia ha messo al bando e fatto chiudere le enciclopedie generaliste inesatte e minori.Io guardo al bicchiere mezzo pieno...
      • mela marcia doc scrive:
        Re: Percentuale di esattezza
        - Scritto da: Picchiatell o
        Io guardo al bicchiere mezzo pieno...Anche io, infatti utilizzo wikipedia quotidianamente
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Percentuale di esattezza
          - Scritto da: mela marcia doc
          - Scritto da: Picchiatell o

          Io guardo al bicchiere mezzo pieno...

          Anche io, infatti utilizzo wikipedia
          quotidianamentessssttt non farti sertire dall'articolista cosi' a voce alta...
    • Akiro scrive:
      Re: Percentuale di esattezza
      concordo, inoltre credo sia normale che certe teorie scientifiche siano giudicate obsolete dopo pochi anni, se non mesi, nonché spesso e volentieri si è in disaccordo perfino tra scienziati.
  • ExtraT scrive:
    Wikipedia
    WIkipedia è l'equivalente di chiedere al collega o amico esperto su qualche cosa. La risposta, ovviamente, dipende dalla cultura dell'amico e dalla specifica competenza in materia: personalmente non chiederei mai lumi di chimica ad un ideologizzato "naturalista" nè chiederei ad un ayurveda lumi su come curare una polmonite con gli antibiotici (sicurezza di risposta viziata da preconcetti e posizioni filosofiche che con l'oggettività scientifica nulla hanno a che fare). E sempre che, altrettanto ovviamente, la cultura chimica del "naturalista" e la cultura medica dell'ayurveda siano almeno all'altezza di una preparazione professionale universitaria... Ci vuole tanto a fare la tara a quanto si legge? N.B.: le stesse identiche precauzioni valgono per QUALSIASI enciclopedia o pubblicazione scientifica, troppe volte viene evidenziato il dito, in quanto la luna è scomoda. Non parliamo poi delle posizioni storiche/storiografiche, politiche o filosofiche, dove il proprio punto di vista personale assume un rilievo estremamente pesante, a livello quasi di religione o tifo calcistico. Detto questo, W wikipedia, non fosse altro che per l'idea di condividere la conoscenza (due persone con un'idea a testa, dopo aver parlato, hanno ciascuna DUE idee, la propria e quella dell'altro, anche se non condivisa).
    • mela marcia doc scrive:
      Re: Wikipedia
      Concordo
    • JokerAHAHAH scrive:
      Re: Wikipedia
      discorso impeccabile
    • giorgio scrive:
      Re: Wikipedia
      Sinceramente non capisco l'accanimento contro W: da molto tempo sento gente che muove obiezioni, ma non riesco a trovare riferimenti validi. Gli unici che mi hanno fornito "argomenti" sono persone che consultavano argomenti "interpretabili", come carriere politiche o pagine di storia.Penso che W sia un esempio reale di quello che potremmo fare, come umanita', a livello collaborativo: io dico una cosa e chiunque, argomenti alla mano, puo' confutarla. Naturalmente concordo con te sull'ayurveda, come esempio, ma penso anche che una biografia o un riferimento scientifico siano difficilmente smentibili.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Wikipedia
        la maggioranza delle contestazioni, riguardano la wikipedia italiana gestita da una cerchia di feticisi burocrati.
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Wikipedia
          - Scritto da: Sgabbio
          la maggioranza delle contestazioni, riguardano la
          wikipedia italiana gestita da una cerchia di
          feticisi
          burocrati.approvosopratutto se si travasa il sussidiario italiano della scuola media su wikipedia il risultato non cambia...
          • Torsolo scrive:
            Re: Wikipedia
            - Scritto da: Picchiatell o
            - Scritto da: Sgabbio

            la maggioranza delle contestazioni, riguardano
            la

            wikipedia italiana gestita da una cerchia di

            feticisi

            burocrati.

            approvo
            sopratutto se si travasa il sussidiario italiano
            della scuola media su wikipedia il risultato non
            cambia...Concordo anche io. Fanno cascare le palle e fanno passare la voglia anche di collaborarci per dare una mano a migliorarla. Nelle ricerche ormai la evito e la salto e consulto sempre quella inglese (e alle fonti delle voci). Wikipedia inglese è un'altra storia.
          • Rete scrive:
            Re: Wikipedia
            D' accordissimo sulla qualità della versione in inglese, è un altro mondo!Ma perchè la parte in italiano, se più povera non viene semplicemente tradotta dall' inglese invece di mettere delle informazioni più povere?
          • Sandro kensan scrive:
            Re: Wikipedia
            - Scritto da: Rete
            D' accordissimo sulla qualità della versione in
            inglese, è un altro
            mondo!
            Ma perchè la parte in italiano, se più povera non
            viene semplicemente tradotta dall' inglese invece
            di mettere delle informazioni più
            povere?Perché i wikipediani sono pochi (100 mila persone ho letto) e quelli italiani molto pochi. La voglia di tradurre le voci inglesi viene di tanto in tanto e quindi rimangono spesso poco aggiornate e dei sommari di quelle inglesi. Però ho una buona notizia: puoi iscriverti e diventare wikipediano e tradurre le voci che mancano.Ho una notizia ancora migliore, senza iscriverti puoi tradurre le voci, come anonimo puoi farlo.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Wikipedia
      - Scritto da: ExtraTconcordo , pensiamo per contro a quanto sono inesatti ( piu' certamente di wikipedia ) certi testi scolastici italiani...con prezzi altamente scandalosi...
    • Carlo Giordano scrive:
      Re: Wikipedia
      Concordo pienamente. Ma, dato che in questo modo avrei una sola idea per la testa, penso sarebbe opportuno concordare in parte, giusto per avere un'idea diversa dalla tua e al contempo due :-))
    • Rete scrive:
      Re: Wikipedia
      D' accordo ma sostituirei amico/ collega con amici e colleghi, in quanto le persone che visionano sono tutto il mondo, ( nela quale hai erborista, ayurvetico un po' di tutti)
Chiudi i commenti