Vajont.info, ritorno al web

Accolto il ricorso. Il portale di Tiziano Del Farra potrà tornare online. Ma senza la metafora alpina sugli On. Scilipoti e Paniz. L'admin condannato per diffamazione
Accolto il ricorso. Il portale di Tiziano Del Farra potrà tornare online. Ma senza la metafora alpina sugli On. Scilipoti e Paniz. L'admin condannato per diffamazione

Il sito Vajont.info , eccettuata la frase ironica sugli On. Domenico Scilipoti e Maurizio Paniz su cui permane il sequestro, dovrà tornare online nella sua interezza. È quanto stabilito dal Tribunale della Libertà di Belluno, accogliendo il ricorso presentato dai responsabili di Assoprovider-Confcommercio in seguito all’ordine di inibizione di tutti gli accessi al portale gestito da Tiziano Del Farra .

Pubblicata la scottante metafora alpina, Vajont.info era stato sottoposto a sequestro preventivo per diffamazione. “Il blocco degli accessi per gli utenti italiani adottato attraverso il sequestro degli IP e dei DNS a carico dei provider italiani, in caso di presunta diffamazione, deve ritenersi eccessivo rispetto al bene giuridico da tutelare”, scrive ora l’avvocato Fulvio Sarzana.

È stato lo stesso Del Farra a rimuovere la frase incriminata, come certificato da un fax inviato ai provider dalla polizia postale. Secondo il Tribunale del Riesame di Belluno, la misura del sequestro dovrà restare solo ed esclusivamente sui passaggi indicati da Paniz e Scilipoti .

Secondo Sarzana, “Il GIP avrebbe dovuto disporre il sequestro solo della presunta frase diffamatoria e non dell’intero sito perché diversamente argomentando si porrebbero delle gravi questioni relative alla tutela della libertà del pensiero, di libertà di espressione e di stampa in quanto valori costituzionali protetti dall’art 21 della Costituzione”.

Vajont.info potrà dunque riprendere le sue normali attività di pubblicazione, anche se al momento il sito resta non accessibile con alcuni ISP. Il Tribunale di Udine ha però dato ragione all’On. Paniz, con Del Farra condannato per diffamazione al pagamento di una multa pari a 900 euro , più un mega-risarcimento di 10mila euro per danni nei confronti del parlamentare.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 03 2012
Link copiato negli appunti