Via libera alla Firma digitale in Italia

Sarà presto possibile firmare con effetto legale i documenti elettronici


Roma – Recependo la direttiva europea n. 93 del 1999, anche l’Italia si appresta all’utilizzo concreto della Firma digitale. Il Consiglio dei Ministri ha infatti approvato questa mattina la proposta del Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie (MIT), Lucio Stanca, per il regolamento della nuova disciplina.

Secondo quanto si apprende da una nota rilasciata dal MIT, la Firma digitale sarà registrata all’interno di una smart card e potrà essere utilizzata per firmare documenti elettronici utilizzando un device da collegare al computer.

“L’Italia – ha dichiarato il Ministro Stanca – con oltre 500 mila firme elettroniche già emesse è il Paese europeo all’avanguardia nell’uso di questa tecnologia. Il provvedimento approvato oggi darà uno slancio ulteriore a questo strumento, importantissimo nell’ottica della definitiva affermazione del “governo digitale” nel nostro Paese. I vantaggi saranno evidenti sia per chi quotidianamente produce e scambia documenti informatici – come già accade ad esempio tra le Camere di commercio e soggetti quali commercialisti e ragionieri – ma anche per il comune cittadino che avrà finalmente a disposizione uno strumento legale per dialogare con la Pubblica Amministrazione”.

Il nuovo provvedimento introduce due novità: da una parte la liberalizzazione dei servizi di certificazione e dall’altra l’introduzione di due categorie di firma digitale. Una firma “leggera” permetterà l’identificazione personale e l’accesso ai servizi della PA, una firma più “complessa” per firmare documenti più importanti.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Vi rivelo un segreto sull'arabia saudita!
    Ve ne racconto una su questi "morigerati" islamici. Tanto morigerati da voler fare stupri pubblici per riparare ad una colpa o a lapidare viva una adultera, ma molto diversi al chiuso delle loro 4 mura..Gestisco un piccolo sito in italiano dedicato a informazioni e consigli per teenager. Il traffico non e' molto ma mi fa piacere cercare di dare una mano per quanto posso ai ragazzi e alle ragazze che mi scrivono. Per via del target del sito e dei temi trattati, amore, sesso, amicizie eccetera, spesso viene visitato anche da chi cerca pornografia (che sul sito naturalmente non trova!) con ragazze e a volte anche ragazzine.Guardando le statistiche di accesso al sito il primo paese di provenienza degli accessi (escludendo gli stati uniti perche' usando domini .com o .net non vengono riconosciuti come statunitensi) e' l'italia ovviamente perche' il sito e' in italiano. Il secondo e' la svizzera perche' anche li' in alcuni cantoni si parla italiano. Qual e' il primo stato non di lingua italiana che fa piu' accessi al mio sito magari avendo inserito in un motore di ricerca la parola "teens"?Avete indovinato, proprio l'arabia saudita!!Noi occidentali saremo anche brutti e cattivi e infedeli e "crociati" (come ci chiama bin laden e la sua gentaglia) secondo questi islamici ma evidentemente gli piace allungare gli occhi sulle nostre (o nostri??) "infedeli" teenager!!
    • Anonimo scrive:
      Ti butto benzina sul fuoco...
      ...e ti consiglio di leggere (se non l'hai già fatto) "La rabbia e l'orgoglio" della mitica Oriana Fallaci.Sono un paio di ore spese bene.
      • Anonimo scrive:
        Pensate con i vostri cervelli...
        Sono sicuro del fatto che tra gli islamici ci sono elementi depravati e "fortemente repressi", ma da qua a generalizzare ce ne passa....In base a questa logica, siccome in USA c'è stato lo scandalo dei preti pedofili dovremmo desumere che tutti i preti sono pedofili??Guardate che è molto facile considerare il diverso un "inferiore"... solo che la II guerra mondiale dovrebbe aver insegnato al mondo dove può portare questo ragionamento.....La rabbia e l'orgoglio è solo una gran stronzata di libro... per il semplice fatto che istiga alla violenza, alla soppressione di una civiltà "inferiore"...Come ultima cosa vi dico che non sono un mussulmano e che trovo perlomeno discutibile (e abonevole) alcune pratiche e pensieri che alcuni mussulmani posseggono (meglio sarebbe dire pratiche e pensieri che sono stati loro inculcati). Ciò non toglie che credo sia giusto che ognuno di noi abbia il suo credo, senza che questo leda IL RISPETTO DEGLI ALTRI!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Vi rivelo un segreto sull'arabia saudita!
      Daniele, tu ti sei fatto un'idea dei Sauditi spulciando i logs tel tuo sito web... io in Arabia ci sono stato e ti assicuro che ci sono ragazzi assolutamente simili a me e a te, la maggior parte essendo stati educati in prestigiosi colleges occidentali. Non credo che la morigeratezza dei costumi islamici sia la causa delle presunte depravazioni che tu noti... è assurdo trarre certe conclusioni su problemi così importanti basandosi solo sull'analisi dei logs!!!!Cerchiamo tutti insieme invece di capirci e comprenderci, ognuno con le proprie differenze e sempre co il massimo rispetto reciproco. Vi assicuro che gli islamici hanno un senso del rispetto molto più sentito rispetto agli occidentali.
      • Anonimo scrive:
        Re: Vi rivelo un segreto sull'arabia saudita!

        Arabia ci sono stato e ti assicuro che ci
        sono ragazzi assolutamente simili a meQui si sta parlando di censura imposta dai governi ... vediamo di non cadere in facili generalizzazioni ...Ah, domandina ... tempo fa su PI c'è stata una sollevazione popolare contro la censura operata a danno di alcuni siti che bestemmiavano il dio dei cattolici,Secondo te cosa sarebbe successo in Arabia Saudita al gestore di un sito che bestemmiava il dio dei mussulmani?
Chiudi i commenti