Visual Studio 2012 in consegna

Microsoft avvia la distribuzione del nuovo IDE. Complemento ideale di Windows 8 e delle nuove app. Ma in dirittura d'arrivo ci sono molte altre funzionalità, anche per i vecchi Seven e XP

Roma – Dopo aver raggiunto la fase RTM e la successiva distribuzione sui canali per sottoscrittori Microsoft, Visual Studio 2012 è ora pronto a cominciare la propria vita commerciale anche sugli scaffali dei negozi (digitali o meno): il nuovo ambiente di sviluppo è pensato per l’utilizzo preferenziale con Windows 8, ed è figlio di una nuova strategia produttiva più veloce e al passo coi tempi.

Visual Studio 2012 è la versione commerciale di una linea di prodotti che comprende anche una edizione “Express” (per “app” Metro/Modern UI) e “Desktop” (per applicazioni x86 complete ) – entrambe gratuite e disponibili assieme a Visual Studio “Pro”.

Per quanto riguarda la versione commerciale, il pacchetto per lo sviluppo software offre una nuova interfaccia grafica – una caratteristica su cui Microsoft ha puntato molte delle sue scommesse per la stagione autunnale del mercato hi-tech – supporto migliorato allo standard C++, la capacità di realizzare “app” per l’interfaccia Metro/Modern UI.

Assieme a Visual Studio 2012 sono stati poi rilasciati strumenti accessori per l’integrazione dello sviluppo con l’infrastruttura “cloud” di Microsoft (cioè Azure), mentre le (già pianificate) caratteristiche future includeranno la capacità di realizzare software in grado di girare anche su XP oltre che sui sistemi Windows più recenti (Vista, 7, 8).

Sul futuro di Visual Studio 2012 Microsoft ha investito molto, facilitando e migliorando il lavoro del team di sviluppo del software tra le “nuvole” telematiche e promettendo aggiornamenti (bugfix e nuove funzionalità) distribuiti ogni poche settimane.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Claudio Rossi scrive:
    Scuola 0.2
    Io lavoro in una scuola e posso assicurare che non si sa nulla dei registri online e dell'abolizione della carta. Nessuna circolare e nessuna indicazione ministeriale. Le uniche notizie che abbiamo in merito sono le parole di Profumo che tutti hanno sentito nei telegiornali. Per i registri online la scuola non è assolutamente pronta perché non esiste alcun portale o software davvero soddisfacente e funzionale. Ci sono alcuni servizi a pagamento, alcuni fatti da privati gratis e poi c'è il famigerato portale ScuolaMia, portale ministeriale che si basa su SISSI, un vecchio sistema informatico per le segreterie. A giudicare dai commenti su internet un vero dinosauro tecnologico! Le LIM costano un sacco (circa 6000 euro l'una) e poche scuole se le possono permettere (perché ogni scuola se le paga da sé. Il ministero fa la bella pubblicità sulla scuola digitale, poi mica ti dà i soldi per fare qualcosa...). Poi tra l'altro le ditte che le producono non creano nessuno standard per i file delle lezioni. Ognuno fa per sé e obbliga le scuole ad usare SOLO il loro software. Risultato: io dovrei ricreare la stessa lezione per ogni classe senza possibilità di passarla da una lavagna all'altra. Per quanto riguarda il wi-fi esiste la possibilità per le scuole di richiederlo gratis, previa iscrizione a ScuolaMia (il dinosauro di cui sopra).
  • ultimate scrive:
    antenne
    nessuna notizia sul fatto che i condomini nn potranno opporsi alla installazione di antenne?
  • Mr Stallman scrive:
    La Carta di Identità annunciata nel 1999
    Bassanini annunciò la carta di identità elettronica nel 1999, con firma digitale inclusa. Dopo 15 anni ancora fanno annunci.
    • Petecchione scrive:
      Re: La Carta di Identità annunciata nel 1999
      - Scritto da: Mr Stallman
      Bassanini annunciò la carta di identità
      elettronica nel 1999, con firma digitale inclusa.


      Dopo 15 anni ancora fanno annunci.Infatti sono tutti governi della "rassicurazione". Non combinano mai niente di buono ...ben _un_ PC per classe, wow che agenda digitale .. ahahahahahahahaQuello che mi preoccupa di più è la dematerializzazione: chi e cosa garantisce l'autenticità dei documenti, la conservazione nel tempo, l'interoperabilità delle procedure, la comunicazione tra gli uffici e i privati, l'acXXXXX autorizzato dei cittadini alle proprie informazioni, la formazione del personale interessato?Fanno solo spot pubblicitari questi qui .. che pena di ministri!
      • Sgabbio scrive:
        Re: La Carta di Identità annunciata nel 1999
        un pc per classe ? era una cosa che andava bene 10 o 20 anni fà, ora la situazione è cambiata.
        • Mela avvelenata scrive:
          Re: La Carta di Identità annunciata nel 1999
          - Scritto da: Sgabbio
          un pc per classe ? era una cosa che andava bene
          10 o 20 anni fà, ora la situazione è
          cambiata.Già...20 anni fa (o giù di lì) si auspicava un pc per ogni alunno/studente, adesso invece ci si accontenta di un pc per ogni classe!Diciamo la verità, la scuola italiana è sempre più un fallimento...
      • UbuPinguino scrive:
        Re: La Carta di Identità annunciata nel 1999
        Così, magari, potranno collegare una LIM (http://it.wikipedia.org/wiki/Lavagna_interattiva_multimediale) ed averne una per classe (la LIM è PC+videoproiettore+videocamera+software).
Chiudi i commenti