VLC 2.0, un player per tutto

Il noto lettore multimediale tornerà con una versione ancora più completa, rinnovata nel codice e nell'interfaccia. Già disponibile la Release Candidate

Roma – In casa VideoLAN fervono i preparativi per il salto di VLC, pronto a passare dall’attuale versione 1.1.1x alla 2.0 . Questa major release del mediaplayer introdurrà nuove funzioni, nuovo look e la possibilità di leggere anche i Blu-ray. Nella speranza che il software, notoriamente leggero, non venga appesantito troppo.

La lista delle novità è davvero molto lunga. Il nuovo VLC apre i file con il trascinamento (drag&drop), supporta la modalità schermo intero di Lion (Mac), mastica archivi RAR e sfrutta equalizzatori e filtri per controllare gli effetti audiovisivi. È possibile cercare e scaricare sottotitoli senza uscire dal programma e controllare l’opacità dei testi in sovrimpressione sul filmato.

Video LAN sottolinea che si tratta di un lavoro mastodontico perché il codice è stato completamente riscritto. Il noto lettore gratuito continua ad includere i principali codec audio e video. Per quanto concerne il “supporto sperimentale” ai Blu-ray, il player non baderà ai codici regionali ma non saranno supportati i film con protezione anti-copia. La nuova interfaccia grafica per Mac abbandona il look essenziale e spigoloso per strizzare l’occhio alle smussature di iTunes.

La versione stabile sarà rilasciata entro questa settimana. Nel frattempo è già possibile provare la Release Candidate del programma, passando dai server FTP di Videolan. VLC 2.0 girerà su sistemi Windows, MAC OS X e Linux. Il player per Windows sarà disponibile anche in versione 64 Bit e in una edizione “portable”, che si avvierà senza installarsi sul computer.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Funz scrive:
    In pratica, Google Alert
    <i
    servizi a pagamento di monitoraggio di notizie digitali. Ovvero basati sull'invio ai clienti di avvisi con gli specifici indirizzi delle news online che nominano aziende e argomenti per loro interessanti. </i
    Servizio a pagamento, per i gonzi che non sanno che esiste Google alert.Adesso se la prenderanno anche con Google? Vista la fine che (non) ha fatto GNews, la vedo dura :D
  • Skywalker scrive:
    Rassegna Stampa?
    Fatemi capire: questi di Meltwater si leggono tutte le pagine di tutti i giornali online e inviano agli abbonati i link alle notizie che li riguardano? Cioè fa un servizio di Rassegna Stampa Aziendale esternalizzato?!?! Anzi, meno. Perché un servizio di Rassegna Stampa ti manda i PDF degli articoli già ritagliati e senza pubblicità.Ma da quanto scritto questi mandano le URL: il cliente poi, se vuole leggere l'articolo, deve andare sul sito del giornale e leggerselo con tutta la pubblicità.E' come se una azienda faccesse un Servizio di Rassegna Stampa inviandoti Nome del Giornale, Data di pubblicazione, Pagina e posizione nella pagina della notizia che ti interessa, ma se poi vuoi veramente leggere la notizia, dovessi comprarti tu quel giornale.A volte veramente non capisco fino a che punto si potrà spingere questa storpiatura del Copyright.
  • bubba scrive:
    AP come debenedetti?
    http://archiviostorico.corriere.it/2010/ottobre/09/Benedetti_Confalonieri_alleati_contro_monopolio_co_9_101009080.shtmlstoria vecchia (da noi) ormai... per fortuna i vecchi rimba hanno smesso di pestare su quel tasto.. (se no c'e' sempre robots.txt)
Chiudi i commenti