VPN vs HTTPS: alternative o complementari?

VPN vs HTTPS: alternative o complementari?

Un chiarimento sull'utilità delle VPN per la tutela di privacy e informazioni, anche in presenza del protocollo HTTPS ormai onnipresente.
Un chiarimento sull'utilità delle VPN per la tutela di privacy e informazioni, anche in presenza del protocollo HTTPS ormai onnipresente.

La maggior parte dei siti più importanti e visitati del Web, oggi, impiega il protocollo HTTPS. Ed è una gran cosa, il risultato di un’evoluzione del mondo online attuata nel corso dell’ultimo decennio, portando alla diffusione su larga scala di una tecnologia in grado di incrementare la sicurezza delle comunicazioni tra il browser e i server. È dunque venuta meno l’esigenza di utilizzare una VPN per proteggere dati e privacy? La risposta è no, vediamo perché.

Questo articolo prende spunto dall’approfondimento sul tema pubblicato dal team di NordVPN, soluzione accessibile oggi approfittando del 52% di sconto. Offre caratteristiche che vanno dalla possibilità di connessione a migliaia di server in tutto il mondo al blocco automatico dei malware.

Privacy e sicurezza: VPN e HTTPS non sono concorrenti

I due sistemi sono complementari, non concorrenti o alternativi. Per capirlo, facciamo un esempio: considerare l’uno superfluo perché possiamo disporre dell’altro sarebbe come affermare che è inutile chiudere a chiave la porta di casa perché disponiamo di un sistema d’allarme che monitora la nostra abitazione o perché nella nostra zona da tempo non si registrano furti.

In alcuni casi specifici, il solo protocollo HTTPS non è sufficiente per garantire un sufficiente livello di sicurezza alla nostra connessione o all’attività che svogliamo online. Eccoli:

  • quando il browser accede prima alla versione HTTP di un sito e viene solo successivamente rimbalzato a quella HTTPS;
  • HTTPS è pienamente efficace solo quando tutte le componenti in gioco supportano appieno la tecnologia (browser, sito e utente);
  • il protocollo non protegge da rischi quali le campagne di phishing;
  • senza una VPN, non è possibile verificare le modalità attraverso le quali le applicazioni mobile gestiscono il traffico Internet generato;

Sono tutti casi in cui l’impiego di una Virtual Private Network è in grado di tutelare l’utente. In conclusione, per rispondere alla domanda che dà il titolo a questo articolo, VPN e HTTPS sono complementari. Si tratta di tecnologie nate con obiettivi simili, ma che li perseguono attraverso strade differenti. Meglio non scendere a compromessi quando in gioco c’è la nostra privacy.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: NordVPN
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 16 mag 2022
Link copiato negli appunti