Wales: buon compleanno, Wikipedia!

L'enciclopedia libera compie dieci anni. Per Jimbo è arrivato il tempo di bilanci e di buoni propositi per il futuro. Si punta al miliardo di utenti entro l'anno 2015. E ad una semplificazione del wikicodice per l'editing dei contenuti

Roma – Ancora poche ore e Wikipedia potrà festeggiare il suo decimo compleanno. Tempo di bilanci per la popolare enciclopedia online, che sembra ormai essersi stabilizzata tra i primi cinque siti più visitati al mondo . Ma con il decennale di Wikipedia verrà anche il momento di annunciare i buoni propositi per il futuro.

Jimmy Jimbo Wales ha così parlato a ruota libera, nel corso di un intervento su BBC News . Wikipedia pare aver fissato il suo più agognato traguardo, portando gli attuali 400 milioni di utenti a raggiungere la cifra tonda di un miliardo . Un obiettivo che dovrebbe essere raggiunto entro la fine del 2015.

Ma quella di Wales sembra essere una visione di più ampio respiro: la sua enciclopedia libera avrà bisogno di un vero e proprio ricambio generazionale. Nuovi contributor , che si affianchino progressivamente alla vecchia guardia di Wikipedia. Nuove leve che dovranno essere adottate dagli editor storici, istruite su un wikicodice non sempre semplice da usare.

“Si clicca sul tasto edit e ci si trova davanti alla wikisintassi – ha spiegato Wales – si osservano strutture a tratti oscure che spaventano la maggior parte delle persone. Brave persone, che alla fine non fanno alcunché per evitare di incasinare le cose”. Wikipedia dovrà lavorare su questo fronte, per rendere le interazioni degli utenti più immediate.

Quegli stessi utenti che hanno decretato il successo dell’enciclopedia online, di recente analizzato da uno studio di Pew Research . Il 53 per cento dei netizen statunitensi sfrutterebbe regolarmente Wikipedia per ottenere informazioni sul web . Quasi il 20 per cento in più rispetto all’anno 2007.

Rimanendo in terra britannica, Wales ha poi parlato nel corso di un incontro organizzato alla Bristol University . Un discorso quasi da paladino della libertà online, contro una filosofia – e un modello di business – incarnata da player come Apple. L’idea alla base di una piattaforma come l’ app store rappresenterebbe una minaccia per una Internet veramente libera .

Soffocamento . Questa l’espressione usata da Wales per descrivere le regole di accettazione imposte da ambienti web come quello della Mela. Ecosistemi chiusi di business, contrari a qualsiasi principio a tutela della cosiddetta neutralità della Rete.

Mentre il modello wikipediano – assicura Wales – resterà libero e lontano da qualsivoglia tentazione commerciale. Wikipedia andrà sempre avanti con le donazioni degli utenti, con l’ultima campagna di raccolta fondi fermatasi a 16 milioni di dollari. Soldi che serviranno a rendere l’enciclopedia più semplice da usare, con un occhio di riguardo ad una maggiore inclusione di donne tra gli editor.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bloccoappunti scrive:
    bug su facebook
    spero che abbiano riparato un bug (non credo, perché era un bug funzionale) che riguardava la gestione dei link su facebookquando si preme il tasto Condividi e nella finestra corrispondente premi il tasto "Invia ad un'amico" la finestra che appare presenta il campo del destinatario disattivatoquesto inconveniente non succede utilizzando Firefox e Safari (io utilizzo un macintosh)
    • Lre scrive:
      Re: bug su facebook
      Segnalato io e riparato da Google in solo 8 ore dal mio post!Grazie della dritta e grazie per i 3133,7$ che mi hai fatto guadagnare!
Chiudi i commenti