Warner Bros, rimozioni indebite su Hotfile

La major ha ammesso di aver inviato al cyberlocker ordini di rimozione illegittimi. Ovvero su contenuti i cui diritti non sono effettivamente detenuti dalla casa di produzione. Che non avrebbe il tempo di controllare tutti i file

Roma – Dichiarazioni sorprendenti, recentemente rilasciate in aula dai responsabili legali di Warner Bros. La major statunitense ha ammesso di aver inviato ordini di rimozione illegittimi, ovvero relativi a contenuti non effettivamente detenuti . Materiale audiovisivo presente sulla piattaforma di file hosting Hotfile, i cui diritti non sono affatto controllati dalla grande casa di produzione cinematografica.

La saga legale era iniziata con l’offensiva scatenata da MPAA contro il cyberlocker con base a Panama. La piattaforma gestita dall’oscuro Anton Titov aveva risposto al fuoco, sottolineando come Warner Bros sfruttasse indebitamente gli stessi strumenti di rimozione dei contenuti messi a disposizione per i legittimi titolari dei diritti . Accuse che hanno ora trovato fondamento nei documento presentato presso il tribunale della Florida.

La major a stelle e strisce ha infatti ammesso di aver sfruttato determinate chiavi di ricerca – esempio The Box , ultimo film di Richard Kelly – per ottenere la rimozione di contenuti relativi. Come ad esempio la produzione The Box That Saved Britain, i cui diritti sono in realtà detenuti dalla BBC . I legali di Warner Bros hanno parlato di ordini di rimozione non intenzionali.

A sbagliare sarebbe stato un software automatico per la ricerca dei file illeciti all’interno di Hotfile. La major statunitense non avrebbe il tempo di controllare tutti i file, da qui le richieste illegittime . Il cyberlocker aveva tirato in ballo anche un software open source fatto rimuovere da Warner senza autorizzazione. La casa di produzione ha sottolineato come lo stesso programma servisse a velocizzare i tempi di download delle sue opere.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • trullo scrive:
    pena di morte e via
    basterebbe mettere la pena di morte per chiunque si macchi di crimini legati al traffico di stupefacenti e appartenenza ai cartelli della droga in messico.E' in atto una guerra, i cartelli della droga non si fanno problemi ad ammazzare chiunque gli si mette in mezzo, e o si usano sistemi drastici e veramente dissuasivi oppure non se ne viene a capo, perche' il fatto di finire in prigione non gli fa ne caldo ne freddo.
    • Funz scrive:
      Re: pena di morte e via
      - Scritto da: trullo
      basterebbe mettere la pena di morte per chiunque
      si macchi di crimini legati al traffico di
      stupefacenti e appartenenza ai cartelli della
      droga in
      messico.

      E' in atto una guerra, i cartelli della droga non
      si fanno problemi ad ammazzare chiunque gli si
      mette in mezzo, e o si usano sistemi drastici e
      veramente dissuasivi oppure non se ne viene a
      capo, perche' il fatto di finire in prigione non
      gli fa ne caldo ne
      freddo.Si vede come funziona, la pena di morte negli USA... altroché se funziona...
    • krane scrive:
      Re: pena di morte e via
      - Scritto da: trullo
      basterebbe mettere la pena di morte per chiunque
      si macchi di crimini legati al traffico di
      stupefacenti e appartenenza ai cartelli della
      droga in messico.Basterebbe quindi togliere i cocainomani dal governo quindi ?
  • antonella passero scrive:
    omicidi
    Non condivido per niente questi omicidiAnonymus non sono pero' degli stinchi di santiE lo sappiamo tuttiGia' il fatto che non dicono chi siano...Poi si scopre che ne fanno parte pervertiti che praticano l'esibizionismo o la pedofilia come Mark Fisher....Ma! Caino contro Caino
    • A R scrive:
      Re: omicidi
      - Scritto da: antonella passero
      Non condivido per niente questi omicidimeno male
      Anonymus non sono pero' degli stinchi di santi
      E lo sappiamo tutti
      Gia' il fatto che non dicono chi siano...poiché fanno azioni dimostrative, durerebbero pococon nomi e cognomi pubblici.
      Poi si scopre che ne fanno parte pervertiti che
      praticano l'esibizionismo o la pedofilia come
      Mark
      Fisher....una persona discutibile non necessariamente rendetutto il gruppo o le loro motivazioni discutibili
      Ma! Caino contro Caino
  • malto scrive:
    LEGALIZZATE
    ...E come per magia il problema SCOMPARE in una notte!
    • krane scrive:
      Re: LEGALIZZATE
      - Scritto da: malto
      ...E come per magia il problema SCOMPARE in
      una notte!Quoto...Lo dice ogni studio disponibile ormai...
Chiudi i commenti