Warner venderà film online grazie a BitTorrent

E' la prima major cinematografica che utilizzerà la tecnologia P2P di BitTorrent per la vendita di film via Internet. L'abbattimento dei costi di distribuzione potrebbe portare ad un crollo dei prezzi online al dettaglio

Los Angeles (USA) – Dopo lunghi anni di previsioni ed anticipazioni, ecco la svolta che tutti attendevano: è appena nato un nuovo modello di business , basato sul connubio tra tecnologie di distribuzione peer-to-peer e vendita diretta di film in formato digitale. BitTorrent e Warner Bros. , divisione hollywoodiana del titanico gruppo TimeWarner , hanno infatti inaugurato il nuovo corso del cinema-on-demand grazie ad un accordo strategico .

Intere serie televisive e colossal targati Warner potranno essere scaricati da BitTorrent.com a partire dal prossimo autunno. I film saranno protetti da sistemi DRM , presumibilmente basati sugli standard adottati dal Media Player di Microsoft . Le pellicole acquistate avranno una compatibilità limitata: non potranno essere riprodotte sui lettori DVD tradizionali.

BitTorrent non è solo uno strumento estremamente diffuso tra i pirati multimediali, ma soprattutto un sistema P2P in grado di tagliare i costi della distribuzione telematica che sin da subito ha attirato l’attenzione di MPAA , l’associazione dei produttori cinematografici statunitensi. La piattaforma P2P scelta da Warner offre dinamiche distributive assai diverse da quelle del modello verticale one-to-many , scelto da alcune major per vendere film digitali sul web .

Invece di dover scaricare un singolo file da un singolo server, gli utilizzatori di BitTorrent scaricano piccoli frammenti dello stesso file, ciascuno proveniente da altri utenti. In poche parole, i costi strutturali che l’emittente deve sostenere diminuiscono con l’aumento progressivo della clientela.

I responsabili di Warner Bros. sostengono di voler convertire i pirati multimediali e dare un’alternativa legale a coloro che abusano quotidianamente delle potenzialità di BitTorrent. “Di fronte a noi abbiamo un’audience enorme”, ha detto Kevin Tsujihara, presidente della divisione Home Entertainment di Warner Bros. “Se riuscissimo a convertire anche solo una piccola percentuale dei pirati”, sostiene Tsujihara, “avremmo ottenuto un risultato eccellente”: i problemi sottolineati dall’ultimo rapporto MPAA sullo stato del mercato audiovisivo, ad esempio, potrebbero uscirne considerevolmente ridotti se le speranze di Warner Bros. si concretizzeranno.

“Abbiamo appena siglato un accordo con la più grande azienda del settore multimediale”, dice Ashwin Navin, cofondatore di BitTorrent: “A questo punto non possiamo che attendere ulteriori sviluppi in questa direzione”. In un’intervista rilasciata ad AP , Navin ha fatto sapere che BitTorrent è attualmente in contatto con altri studios di Hollywood.

Il nuovo modello di business fondato sul P2P è destinato ad avere un notevole impatto sul futuro della multimedialità via Internet. Warner Bros., seguita da chiunque crederà nella maturità della tecnologia, può forse mirare ad una politica di sostanziale abbattimento dei prezzi : secondo gli osservatori di BusinessWeek , il sistema apre la strada verso la “soglia psicologica” di un dollaro per ogni singolo download . Troppo bello per essere vero?

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francesco morgantini scrive:
    SANITA?
    Ippocrate vive al Nord ?Nel nord si è fatto "mercato" di esseri umani. Nella clinica S. Rita a Milano si sono asportati polmoni,seni non per il "bene" dei pazienti ma per riempire le tasche dei chirurghi. Senza che nessuno abbia controllato.non ha controllato la Regione che ha sborsato 2 milioni di euro "sporchi" .2 milioni di euro dei cittadini. non ha controllato chi gestisce la sanità privata non ha controllato l'ordine dei medici non ha denunciato un dipendente della clinica ecc... Come si chiama un simile comportamento al Nord ? OMERTA' ? non abita qui!Giuramento di Ippocrate"Consapevole dell'importanza e della solennità dell'atto che compio e dell'impegno che assumo, giuro:· di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento; · di perseguire come scopi esclusivi la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell'uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale; · di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di un paziente; · di attenermi alla mia attività ai principi etici della solidarietà umana, contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze; · di prestare la mia opera con diligenza, perizia, e prudenza secondo scienza e coscienza ed osservando le norme deontologiche che regolano l'esercizio della medicina e quelle giuridiche che non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione; · di affidare la mia reputazione esclusivamente alla mia capacità professionale ed alle mie doti morali; · di evitare, anche al di fuori dell' esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il prestigio e la dignità della professione; · di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni; · di curare tutti i miei pazienti con eguale scrupolo e impegno indipendentemente dai sentimenti che essi mi ispirano e prescindendo da ogni differenza di razza, religione, nazionalità condizione sociale e ideologia politica; · di prestare assistenza d' urgenza a qualsiasi infermo che ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità a disposizione dell'Autorità competente; · di rispettare e facilitare in ogni caso il diritto del malato alla libera scelta del suo medico, tenuto conto che il rapporto tra medico e paziente è fondato sulla fiducia e in ogni caso sul reciproco rispetto; · di osservare il segreto su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell'esercizio della mia professione o in ragione del mio stato; · di astenermi dall'"accanimento" diagnostico e terapeutico."
  • francesco morgantini scrive:
    ferito un giudice
    UN GIUDICE ITALIANO FERITO DALLESERCITO ISRAELIANO IN UNA MANIFESTAZIONE PACIFICA CONTRO IL MURO A BILIN (WEST BANK) Bilin, (Cisgiordania) 6 giugno 2008 Si è conclusa da poco con una manifestazione contro il muro a Bilin, la Terza Conferenza Annuale (4-6 giugno) organizzata dal Comitato popolare e di resistenza nonviolenta di Bilin, vicino Ramallah, a cui hanno preso parte la Vice Presidente del Parlamento Europeo Luisa Morgantini e il premio Nobel per la Pace nordirlandese, Maired Corrigan Maguire, oltre a diverse personalità palestinesi, israeliane e delegazioni provenienti da Francia, Belgio, Germania e altri paesi europei; dallItalia una delegazione di circa quaranta persone tra cui lassociazione Donne in Nero, varie ONG, lassociazione Aktivamente e una rappresentanza di Giuristi Democratici. Dopo la fine della Conferenza, si è svolta vicino al muro una partita di calcio, presenziata da Luisa Morgantini e da Jibril Rajoub, Presidente della FIFA palestinese, partita che ha visto giocare insieme attivisti internazionali, palestinesi e israeliani, ma che è stata interrotta dai gas lacrimogeni lanciati dallesercito israeliano. Alle 13 e 30 è iniziata la consueta manifestazione settimanale non-violenta del venerdì contro il muro che a Bilin confisca oltre il 60% delle terre del villaggio: nonostante il corteo abbia sfilato fino ai cancelli del cantiere di costruzione del muro pacificamente e senza alcuna forzatura, i soldati israeliani sono immediatamente intervenuti lanciando una grande quantità di gas lacrimogeni ad altezza-uomo e ferendo alcuni manifestanti tra cui il Magistrato siciliano, Giulio Toscano, appartenente alla delegazione di Giuristi Democratici. Luisa Morgantini con occhi lacrimanti e gola e polmoni che bruciavano a causa del gas inalato, ha dichiarato il suo sostegno per la lotta popolare e non-violenta a Bilin così come in tutti i villaggi dove il muro sta rubando le terre e le fonti di vita per il popolo palestinese attraverso una politica israeliana di colonizzazione e occupazione militare che uccide la pace e la giustizia. Anche il Premio Nobel per la Pace Maired Corrigan Maguire è stata intossicata dai gas lacrimogeni. Bilin e l'ostinazione dei suoi abitanti e degli attivisti per la pace palestinesi, israeliani e internazionali rappresentano da tre anni a questa parte un esempio straordinario di resistenza non-violenta contro il muro e la confisca delle terre palestinesi, frutto di 40 anni di occupazione militare israeliana.
  • francesco morgantini scrive:
    un libro
    La civiltà è quella cosa per cui una sedia viene impagliata, sopra e sotto, con ugual cura. La civiltà, quella autentica, si trova spesso nelle cose che non si vedono. Nei luoghi remoti, oscuri del vivere: quelli del dolore, della sofferenza. Delle marginalità. Delle privazioni: come il carcere. Dove ogni giorno la parola civiltà deve essere alimentata, sostenuta, tenuta in vita, con rigore e perseveranza (quasi come un fiore), da chi vi opera e da chi è in stato di detenzione. Una parola che va rinfocolata, rivitalizzata anche dallesterno: dallintervento degli uomini liberi. Che non possono essere distratti, rimanere indifferenti. Come se il carcere fosse altro da loro. Distinto. Distante. Il carcere è, nella sua drammaticità, laltra faccia del salotto buono. Col carcere bisogna fare i conti. Fino in fondo. Perché la civiltà o comprende tutto e tutti o non è. E un libro può rendere meno incivile, meno, inutilmente, crudele questo luogo. Un libro in cui la parola civiltà lasci intravedere, seppure in lontananza, la parola libertà. Nota: Chi volesse donare un libro per la biblioteca della Casa Circondariale Dozzapuò consegnarlo direttamente allUfficio Stranieri della Camera del Lavoro- Cgil, Via Marconi 69/D tel 051 6087190.cell.3357456877. I libri devono essere in lingua (arabo, francese, inglese, spagnolo, russo, albanese, rumeno, urdu, wolof etc) in quanto la popolazione carceraria è in prevalenza straniera. Mattia Fontanella Roberto Morgantini (Comitato delle Memorie) (Ufficio Stranieri-Cgil
  • Anonimo scrive:
    e poi dicono che
    le macchine windows non servono a niente..
  • Anonimo scrive:
    Re: Si va in prigione anche infastidendo
    la gente.Comunque tutto quell'immondizia che intasa le caselle di posta rendendole quasi inutili ha causato parecchi danni a tantissime persone.
  • Anonimo scrive:
    Wanna marchi ha preso di meno....
    e ha rovinato molte piu' persone, ed è un fatto compiuto e dimostrato... questo tizio avrebbe dovuto prendere 2 mesi di galera stando agli standard italiani...
    • Anonimo scrive:
      Re: Wanna marchi ha preso di meno....
      - Scritto da:
      e ha rovinato molte piu' persone, ed è un fatto
      compiuto e dimostrato...Tu sei fuori di melone. Wanna marchi è una truffatricenè più nè meno della fattucchiera/maga che trovi inogni città. Chi manovra le botnet, come questoqui, ricatta intere aziende con metodi che sonogli stessi dei mafiosi ("o paghi, o ti rovino").
      • Ics-pi scrive:
        Re: Wanna marchi ha preso di meno....
        Le aziende sono aziende, possono difendersi se si fanno furbe; le vecchiette invece possono subire e basta, soprattutto se non hanno marito e figli... la pena per quel botmaster è stata decisamente alta, bastava un bel multone e 6 mesi di patria galera per fargli cambiare subito idea su cosa fare per il resto della sua vita...
        • Anonimo scrive:
          Re: Wanna marchi ha preso di meno....
          - Scritto da: Ics-pi
          Le aziende sono aziende, possono difendersi se si
          fanno furbe; le vecchiette invece possono subire
          e bastaStai scherzando. Bloccare i server un'azienda del settore completamente dal poter andare su Internet, anche solo per due settimane, lo paragoni a "ti faccio il malocchio se non paghi"? Ma per favore. Ti rendi conto che per un'azienda che lavora su Internet una cosa del genere significa perdere tutti i clienti? "Sanno difendersi se si fanno furbe"? Come? Chiedendo aiuto alla Polizia Postale? E cosa fa questa contro un hacker senza nome che non si sa dov'è, e che magari si riesce a trovare solo contattando la polizia internazionale, e che magari si trova in Paesi che lasciano bellamente correre su queste cose (tipo l'Ucraina).Ma dico io, ma non facciamo discorsi ridicoli. Il discorso della "vecchiettina" è roba che può andar bene al massimo per Striscia la Notizia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Wanna marchi ha preso di meno....
            Non sta scherzando, è un buonista.
          • Ics-pi scrive:
            Re: Wanna marchi ha preso di meno....
            Io buonista? :D :D :DDarei la pena di morte volentieri a parecchia gente, ma uno che cracca dei PC (che alla fine sono macchine, cioè rimpiazzabili), non è alla stregua di uno che rovina le persone (che vanno in depressione e si ammazzano). Non dico che sia giusto, ma in america per ste cazzate sono capaci di darti la sedia elettrica, mentre per altre cose invece sono fin troppo di manica larga (basta vedere come gestiscono il discorso armi da fuoco). :@
          • Anonimo scrive:
            Re: Wanna marchi ha preso di meno....

            - Scritto da: Ics-pi

            Le aziende sono aziende, possono difendersi se
            si

            fanno furbe; le vecchiette invece possono subire

            e basta

            Stai scherzando. Bloccare i server un'azienda del
            settore completamente dal poter andare su
            Internet, anche solo per due settimane, lo
            paragoni a "ti faccio il malocchio se non paghi"?
            Ma per favore. Ti rendi conto che per un'azienda
            che lavora su Internet una cosa del genere
            significa perdere tutti i clienti? "Sanno
            difendersi se si fanno furbe"? Come? Chiedendo
            aiuto alla Polizia Postale?Se TU non sai come, cambia lavoro, puoi sempre vendere amuleti :D
          • Anonimo scrive:
            Re: Wanna marchi ha preso di meno....
            - Scritto da:
            Se TU non sai come, cambia lavoro, puoi sempre
            vendere amuleti :DBravo, ora torna nel cesso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Wanna marchi ha preso di meno....
            - Scritto da:
            Se TU non sai come, cambia lavoro, puoi sempre
            vendere amuleti :DCerto, è arrivato il genio. Meno male che ci sei tu che sai tutto di come sia facile evitare un DDOS di 100.000 zombie, non quei maledetti esperti. (rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Wanna marchi ha preso di meno....
          la pena è stata adeguata, se mai la Marchi ha avuto una pena troppo bassa.
      • Anonimo scrive:
        Re: Wanna marchi ha preso di meno....

        Chi manovra le botnet, come questo
        qui, ricatta intere aziende con metodi che sono
        gli stessi dei mafiosi ("o paghi, o ti rovino").Guarda che Wanna Marchi non ha agito diversamente.
        • Anonimo scrive:
          Re: Wanna marchi ha preso di meno....
          - Scritto da:

          Chi manovra le botnet, come questo

          qui, ricatta intere aziende con metodi che sono

          gli stessi dei mafiosi ("o paghi, o ti rovino").

          Guarda che Wanna Marchi non ha agito diversamente.Come, minacciando di fare il malocchio? E tu me lo paragoni a "blocco la tua azienda dal poter lavorare per settimane"?
          • Anonimo scrive:
            Re: Wanna marchi ha preso di meno....
            - Scritto da:

            - Scritto da:


            Chi manovra le botnet, come questo


            qui, ricatta intere aziende con metodi che
            sono


            gli stessi dei mafiosi ("o paghi, o ti
            rovino").



            Guarda che Wanna Marchi non ha agito
            diversamente.

            Come, minacciando di fare il malocchio? E tu me
            lo paragoni a "blocco la tua azienda dal poter
            lavorare per
            settimane"?Per persone credulone e con problemi, sì.
          • Anonimo scrive:
            Re: Wanna marchi ha preso di meno....
            - Scritto da:
            Per persone credulone e con problemi, sì.Le persone semplicemente "credulone" i problemi se li creano da sole.Certo, le persone con gravi problemi di salute e/o psicologici sono vulnerabili. Indubbiamente ciò che ha fatto Wanna Marchi è grave.Rimane il fatto che lei s'è semplicemente limitata a minacciare. Cosa meschina e abietta senza dubbio... ma i botmaster gli attacchi li compiono davvero, non si limitano a minacciare.
    • Anonimo scrive:
      Re: Wanna marchi ha preso di meno....
      - Scritto da: "Wanna marchi ha preso di meno...."*I* processi a carico di Wanna Marchi *NON* sono finiti.La tua premessa è totlamente falsa e pertanto inutili le tue considerazioni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Wanna marchi ha preso di meno....
      sì ma stiamo paragonando una pena severa attribuita negli stati uniti e una pena meno severa attribuita in italia.Secondo me è normale che sia andata così. In italia la giustizia non è così severa. Vedi tutti gli scandali di buchi finanziari e manager implicati.
  • Anonimo scrive:
    ben gli sta
    cavolo di spammer rompiballe!tra l'altro notavo che 60000 $ + 15000 $ fanno 75000 $(la somma delle multe), mentre la cifra da lui accumulata si aggira intorno ai 110000 $:significa che ha ancora in tasca qualcosa come 35000 $...forse forse dovrebbero dargli un piiiiiccolo aumento :@Omissis (apple)
    • Anonimo scrive:
      Re: ben gli sta
      - Scritto da:
      cavolo di spammer rompiballe!
      tra l'altro notavo che 60000 $ + 15000 $ fanno
      75000 $(la somma delle multe), mentre la cifra da
      lui accumulata si aggira intorno ai 110000
      $:
      significa che ha ancora in tasca qualcosa come
      35000
      $...
      forse forse dovrebbero dargli un piiiiiccolo
      aumento
      :@

      Omissis (apple)Gli altri soldi se li mangerà il suo avvocato difensore :p
      • Anonimo scrive:
        Re: ben gli sta
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        cavolo di spammer rompiballe!

        tra l'altro notavo che 60000 $ + 15000 $ fanno

        75000 $(la somma delle multe), mentre la cifra
        da

        lui accumulata si aggira intorno ai 110000

        $:

        significa che ha ancora in tasca qualcosa come

        35000

        $...

        forse forse dovrebbero dargli un piiiiiccolo

        aumento

        :@



        Omissis (apple)

        Gli altri soldi se li mangerà il suo avvocato
        difensore
        :phanno un accordo. quello che risparmiano lo dividono.
Chiudi i commenti