Washington infonde nuova vita nel Grande Fratello

E' ufficiale: le autorità federali approvano due leggi che stabiliscono la legittimità delle intercettazioni elettroniche di massa condotte senza mandato. Il governo avrà il controllo totale sui mezzi di comunicazione digitale

Washington (USA) – La commissione giustizia del Senato federale degli Stati Uniti ha approvato due leggi che spianano la strada del governo verso il controllo totale delle telecomunicazioni. La National Security Agency , principale apparato governativo impegnato nelle attività antiterrorismo, avrà poteri illimitati per effettuare intercettazioni su linee telefoniche, reti telematiche e telefonia mobile. L’approvazione in via definita al Senato appare scontata.

Il testo delle leggi è stato pubblicato da Wired , una tra le più autorevoli riviste statunitensi dedicate alle nuove tecnologie. Jim Dempsey, responsabile del Center for Democracy and Technology intervistato da Wired, ha parlato di “leggi estremamente restrittive che danno il via libera agli aspirapolvere del governo: telefonate ed e-mail finiranno tutte all’NSA”.

Sembra quindi destinata a concludersi così l’intera vicenda legata allo spionaggio domestico voluto dal Presidente Bush all’indomani dell’11 Settembre 2001 . La decisione di Bush scatenò una tempesta di critiche, perché attuata senza le dovute autorizzazioni giudiziarie.

Tuttavia, le nuove norme rendono totalmente legittima l’ arbitrarietà delle intercettazioni : il governo riuscirà così, in un sol colpo, a far valere il primato della sicurezza nazionale e spegnere il fuoco delle polemiche , scatenatesi in seguito alle denunce dell’associazione Electronic Frontier Foundation .

L’organizzazione in difesa delle libertà digitali è infatti il principale accusatore degli operatori telefonici americani , accusati di aver collaborato tacitamente ai disegni dell’NSA per la creazione del “Grande Fratello” americano.

Associazioni storiche come la American Civil Liberties Union , promotrice di campagne per i diritti civili, hanno tuonato pesantissimi anatemi per i rischi connessi alla privacy dei cittadini. “L’approvazione di queste due leggi è il timbro ufficiale per ratificare l’abuso di potere condotto in modo sistematico da parte del governo”, hanno riferito i portavoce della ACLU.

Tommaso Lombardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    certo, come no...
    Imbavagliare chi conosce la legge, far bloggare sulla legge solo ai politici. Non so a voi, ma la cosa mi puzza da un chilometro...
    • painlord2k scrive:
      Re: certo, come no...
      Sarà per questo che, in Italia, è vietato a medici, infermieri, etc. di farsi pubblicità?Il massimo concesso è la targa fuori dalla porta e una riga sulle pagine gialle.
    • Anonimo scrive:
      Re: certo, come no...
      - Scritto da:
      Imbavagliare chi conosce la legge, far bloggare
      sulla legge solo ai politici. Non so a voi, ma la
      cosa mi puzza da un
      chilometro...Ben vengano le persone che scrivono blog e che diffondono la cultura della legge, il problema è che scrivendo un Blog gli avvocati diventano famosi. Ma se lo fanno per pubblicità, allora lo devono scrivere a chiare lettere. Danno pareri per far vedere come lavorano : allora che lo dicano, è pubblicità.Non so se la legge è giusta ma probabilmente è una resistenza a internet della lobby degli avvocati.Da noi è stato abbolito il divieto di farsi pubblicità, ma l'ordine sta ostacolando in ogni modo le liberalizzazioni : tutto il mondo è paese.
Chiudi i commenti