WebTheatre/ Berlusconi, Chuck Norris e la digestione

di Gabriele Niola - Il video in cui è stata catturata l'aggressione al premier non è diventato un meme, non è stato ruminato e riproposto sotto altre forme. Una gavetta collettiva che ancora non è stata intrapresa

Roma – A pochi giorni dall’incidente che ha coinvolto Silvio Berlusconi nei pressi del Duomo di Milano si è molto parlato delle implicazioni che la rete avrebbe nel fomentare odio o correnti di pensiero che incitano alla violenza e poco al ruolo che il video dell’accaduto ha avuto in rete. Cioè si è parlato molto poco della sua diffusione, del suo successo e della sua capacità di diventare parte della discussione in rete.
Mentre le fotografie del premier ferito sono diventate meme, cioè sono state rielaborate diverse volte entrando in altri contenuti per essere decontestualizzate e fatte proprie dagli utenti all’interno di un meccanismo di slittamento dei significati attribuiti a quell’immagine fissa, il video di Berlusconi colpito e ferito ancora no.

È stato già fatto notare come un anno esatto fa accadde qualcosa di simile, ovvero l’aggressione a mezzo scarpa subita dall’allora presidente degli Stati Uniti George Bush Jr., filmata anch’essa dagli organi di stampa e poi diffusa in rete e a quel punto diventata meme. Le differenze tra i due eventi non stanno solo nella risonanza ma anche nella sostanza: una probabile contusione sventata e un incidente realmente avvenuto con rischio di danni ben più gravi e relative conseguenze sul clima politico. È stato allora VisibleMeasures a rilasciare uno studio semplice ma efficace secondo il quale in pochissime ore il video dell’incidente si è moltiplicato in 300 versioni diverse attraverso la rete e solo il giorno dopo le clip erano diventate 900. La7, che è stata la prima ad avere immagini chiare dell’accaduto, non è stata sufficientemente accorta da mettere online le immagini e catalizzare sul proprio video le visualizzazioni arrivate (sommando tutte le clip) quasi a 6 milioni in tutto il mondo. In confronto, sempre secondo VisibleMeasures , le molte clip di George Bush jr. che schiva la scarpa sono state viste 10 milioni di volte.

berlusconi bush

A quel punto però cominciano le differenze. Perché con il video di Bush jr. è diventato in poco qualcos’altro, in poco tempo è stato ricevuto e digerito dalla rete che l’ha moltiplicato non solo nei termini di clip ma anche e soprattutto in termini altri. Video satirici , clip musicali , videogiochi “prendi il presidente” e via dicendo.
Questo è accaduto in minor misura al video berlusconiano e non certo per una forma di rispetto del dolore o della gravità dell’accaduto perché ad esempio la foto che lo vede sanguinante è stata in fretta “digerita” diventando foto-racconto ironico con protagonista, oltre al premier italiano, anche Obama (con la foto di un altro exploit berlusconiano noto in tutto il mondo) e il re dei meme Chuck Norris.

berlusconi bush

Proprio l’accostamento con una delle figure più popolari e digerite della rete, protagonista di infiniti video satirici, fotomontaggi, racconti, facts e via dicendo fa venire in mente come nella nostra Internet non ci sia ancora lo spazio che il video ha nel resto del mondo, quella centralità causata dalla produzione individuale che meriterebbe.

Molte volte da questa rubrica si è sottolineato come una delle tante differenze tra la produzione video per la rete italiana e in quella statunitense sia che da noi manca la “gavetta collettiva”, ovvero la lunga fase di sperimentazione effettuata dai singoli utenti che in maniera immatura e amatoriale uploadano video e webserie personali girate in casa per arricchirsi a vicenda di idee, esperienze, prove e relazioni con il pubblico. Da noi mancano le piccole star del video (fatta eccezione per il popolare willwoosh e il più snob Zoro ) e mancano i piccoli artisti del rimontaggio mentre abbondano one-liners e battutisti (ne è una fonte inesauribile di dimostrazioni Spinoza.it ) e blogger che lavorano sulle foto (fenomeno che ha i suoi picchi in campagna elettorale).
Il video però non ha ancora il suo paulthewineguy né uno stile o un’estetica tutta italiana. Se non riusciamo a gestire e digerire immagini girate da altri è difficile riuscire a produrne di nostre.

BERLUSCONI COLPITO AL DUOMO

GEORGE BUSH JR. SHOE ATTACK PARODY

Gabriele Niola
Il blog di G.N.

I precedenti scenari di G.N. sono disponibili a questo indirizzo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • dixie scrive:
    gli embedded video sono la rovina di FF
    gli embedded video di HTML5 introdotti in Firefox, sono e saranno la rovina di Firefox: falle a go-go sfruttabili da remoto!
  • barba gianni scrive:
    Troppi bug
    Mi sono rotto di questi bug.Me ne ritorno col mio blocco note, che almeno non ho sti problemi del cavolo.
  • Marcello Romani scrive:
    Tre giorni...
    Mozilla Foundation Security Advisory 2009-71Title: GeckoActiveXObject exception messages can be used to enumerate installed COM objectsImpact: LowAnnounced: December 15, 2009Tre giorni per risolvere un bug mi sembrano un buon "tempo"...
    • dixie scrive:
      Re: Tre giorni...
      - Scritto da: Marcello Romani
      Tre giorni per risolvere un bug mi sembrano un
      buon
      "tempo"...purtroppo il bug era noto da almeno 3 mesi
      • quota scrive:
        Re: Tre giorni...
        - Scritto da: dixie
        - Scritto da: Marcello Romani

        Tre giorni per risolvere un bug mi sembrano un

        buon

        "tempo"...

        purtroppo il bug era noto da almeno 3 mesiVero... torna a IE6 cosi sei al sicuro!!!anzi se vuoi un consiglio torna al 5 e meglio ;)
  • mimmo scrive:
    nessun commento
    se ci sono delle falle su internet explorer vediamo dicussioni che non finiscono più invece qui nemmeno un intervento...
Chiudi i commenti