Western Digital e Hitachi, acquisizione a ostacoli

L'antitrust statunitense approva l'acquisizione di Hitachi da parte di Western Digital a patto di favorire il rafforzamento di un concorrente terzo, Toshiba. Mentre la Cina temporeggia: acquisizione non prima di due anni

Roma – Percorso sempre più a ostacoli per l’ennesima, gigantesca operazione di consolidamento all’interno del mercato degli hard disk: dopo le condizioni imposte dall’Europa, Western Digital si vede ora costretta a rispettare anche i paletti fissati dalla Federal Trade Commission (FTC) statunitense prima di poter finalmente inglobare Hitachi GST (anche nota come Viviti Technologies).

Come già nel caso della UE, anche la FTC ha decretato l’obbligo, per Western Digital-Hitachi/Viviti, di rafforzare un soggetto esterno e garantire al mercato le dovute condizioni di concorrenza: WD sarà costretta a fornire preziosi asset produttivi (fabbriche) e intellettuali (brevetti, ricerca&sviluppo) a Toshiba, che sarà così messa nelle condizioni di “replicare” il posto di Hitachi/Viviti come terzo player di settore assieme alla succitata WD e a Seagate.

“La transazione proposta è stata visionata dalle autorità in tutto il mondo, oltre che dalla Commissione”, dice la FTC, e garantirà ai consumatori la possibilità di avere accesso a prodotti di qualità con prezzi competitivi. L’ordine imposto dai commissari di Capitol Hill è stato approvato all’unanimità (4-0), e ci sarà tempo per la valutazione pubblica fino al 4 di aprile prima della sua approvazione finale.

Se il consolidamento WD-Viviti sembra ricevere luce verde nei paesi occidentali, in Cina gli organi di controllo della concorrenza hanno piuttosto deciso di imporre uno stop temporaneo all’operazione: l’integrazione tra le due aziende degli HDD può procedere, ha deciso Pechino, ma solo tra due anni e non prima.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • remo scrive:
    proposta assurda
    E' una cosa a dir poco demenziale: google non attira gente certamente per le due righe che testo che mostra in anteprima, ma per la possibilità che dà alla gente di trovare i contenuti che cerca, e chi mai riuscirebbe a trovare i contenuti che cerca, se non potesse visualizzante prima un'anteprima, che poi si riduce a due mezze righe di testo e spesso neanche consecutive.
    • jepessen scrive:
      Re: proposta assurda
      basta eliminare le righe incriminate dai risultati... Poi quando gli stessi siti piangeranno per il calo di visitatori vedrai come ne saranno contenti...
      • Sherpya scrive:
        Re: proposta assurda
        - Scritto da: jepessen
        basta eliminare le righe incriminate dai
        risultati... Poi quando gli stessi siti
        piangeranno per il calo di visitatori vedrai come
        ne saranno
        contenti...no basta inserire robots. txt nel sito ho notato infatti che ultimamente tanti risultati non hanno anteprima e dice per via di robots o pensano di voler essere indicizzati senza poi far vedere cosa ha indicizzato?
Chiudi i commenti