WhatsApp cifra i messaggi dall'inizio alla fine

Con la tecnologia TextSecure gli utenti Android possono stare tranquilli. Su iOS c'è ancora da aspettare, ma comunque l'instant messenger di Facebook fa sul serio sulla privacy

Roma – WhatsApp ha reso disponibile una nuova versione della popolare app di messaggistica su terminali Android, e la novità principale della release consiste nell’inclusione delle tecnologia crittografica TextSecure per messaggi sicuri al riparo da intercettazioni. Le chat e i messaggi di WhatsApp risultano ora cifrati “end-to-end”, sono cioè leggibili solo dai partecipanti alla conversazione e non possono essere decriptati nemmeno dallo stesso team di sviluppatori della app.

La disponibilità di canali di comunicazioni protetti end-to-end (su mobile o meno) non è certo una novità, nondimeno la base di utenza di WhatsApp (600 milioni di “messaggiatori” in tutto il mondo) fornisce un certo peso alla novità. Per ora comunque il cambiamento riguarda solo Android, e non c’è una data precisa di rilascio della stessa funzione su iOS: evidentemente sussistono delle differenze tra le due piattaforme, tali da spingere l’azienda acquisita da Facebook a procedere a passi successivi. Dettaglio curioso, il lavoro per implementare TextSecure in WhatsApp è iniziato proprio a ridosso dell’operazione che ha portato il social network di Mark Zuckerberg a pagare più di 21 miliardi di dollari per il servizio di messaggistica.

Interessante anche la scelta di adottare TextSecure, tecnologia realizzata dalla Open Whisper di Moxie Marlinspike e rilasciata da Twitter con licenza open source: secondo il noto esperto di sicurezza , adattare la tecnologia di cifratura al codice di WhatsApp ha richiesto sei mesi di lavoro e non pochi sforzi da parte di WhatsApp stessa. Si tratta probabilmente della più vasta implementazione mai avvenuta per questa tecnologia.

Il lavoro, comunque, non è finito: iOS a parte, WhatsApp introdurrà prossimamente anche un meccanismo di verifica delle chiavi crittografiche tra i client, in modo tale da arginare qualsiasi tentativo di attacco man-in-the-middle che potrebbe consentire l’intercettazione dei messaggi scambiati. In questo modo si dovrebbe concretizzare uno degli obiettivi posto dal creatore di WhatsApp Jan Koum per quanto attiene la libertà di comunicazione a distanza degli utenti della sua app: di certo WhatsApp dovrà essere rivalutata da EFF per riclassificare la sua posizione nello studio sui servizi di messaggistica più sicuri in circolazione .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • micio70 scrive:
    C'e' da fidarsi?
    Chiunque abbia un account di posta elettronica, sa quanti passi avanti abbiano fatto i motori antispam, tuttavia ancora oggi, ogni tanto, qualche mail "sana" finisce in spam.Ditemi come e' possibile affidare la posta aziendale allo stesso tipo di trattamento, con il rischio di perdersi mail importanti solo perche' un motore automatico ha deciso che importanti non sono.
    • Passante scrive:
      Re: C'e' da fidarsi?
      - Scritto da: micio70
      Chiunque abbia un account di posta elettronica,
      sa quanti passi avanti abbiano fatto i motori
      antispam, tuttavia ancora oggi, ogni tanto,
      qualche mail "sana" finisce in spam.
      Ditemi come e' possibile affidare la posta
      aziendale allo stesso tipo di trattamento, con il
      rischio di perdersi mail importanti solo perche'
      un motore automatico ha deciso che importanti non
      sono.E tutto questo dovrebbe farti scattare un allarme nella testa: "ma quindi leggono tutto il contenuto delle mie email !". E dovrebbe essere quello a preoccuparti...
  • redlord59@yahoo.it scrive:
    Ma come mai non si sa nulla...
    ...del problema avuto da AZURE nei giorni scorsi? Cosa e' sucXXXXX???... Come mai PI non ne parla in nessun articolo?Qualcuno ha avuto dei disservizi? Anche sulle email?... Io personalmente ho avuto un paio di clienti che avevano servizi (non email!) ospitati su server Azure e che sono rimasti fermi una mattinata! Qualcuno ha avuto servizi di email (office365) impattati dai problemi sull'infrastruttura Microsoft? Siamo proprio sicuri che il cloud sia poi la vera panacea a tutti i problemi delle infrastrutture informatiche attuali?...
    • ugo besugo scrive:
      Re: Ma come mai non si sa nulla...
      - Scritto da: redlord59@yahoo.it
      ...del problema avuto da AZURE nei giorni scorsi?
      Cosa e' sucXXXXX???...
      Come mai PI non ne parla in nessun articolo?
      Qualcuno ha avuto dei disservizi?
      Anche sulle email?...
      Io personalmente ho avuto un paio di clienti che
      avevano servizi (non email!) ospitati su server
      Azure e che sono rimasti fermi una mattinata!
      Qualcuno ha avuto servizi di email (office365)
      impattati dai problemi sull'infrastruttura
      Microsoft?

      Siamo proprio sicuri che il cloud sia poi la vera
      panacea a tutti i problemi delle infrastrutture
      informatiche
      attuali?...Office 365 zero problemi.Live.com (mail personale) ho avuto continui problemi legati ai certificati.
    • Passante scrive:
      Re: Ma come mai non si sa nulla...
      - Scritto da: redlord59@yahoo.it
      Siamo proprio sicuri che il cloud sia poi la vera
      panacea a tutti i problemi delle infrastrutture
      informatiche attuali?...Assolutamente, anzi consideriamo dei gaggi chi lo usa, tipo te...E magari paghi pure :D :D :D
  • Passavo scrive:
    IBM Lotus Notes !!!
    Se l'hanno sviluppato con la stessa qualità con cui hanno sviluppato Lotus Notes... penso sia meglio tenersi alla larga!Chi non conosce Lotus Notes, non mi può capire.
    • ugo besugo scrive:
      Re: IBM Lotus Notes !!!
      - Scritto da: Passavo
      Se l'hanno sviluppato con la stessa qualità con
      cui hanno sviluppato Lotus Notes... penso sia
      meglio tenersi alla
      larga!


      Chi non conosce Lotus Notes, non mi può capire.Ti capisco fratello e ti accompagno nel dolore.
  • BUDUS scrive:
    Ma veramente l'e-mail è morta ?
    Come da oggetto, mi chiedo se e dove l'e-mail sia morta o comunque moribonda.
    • BeddaMatrix scrive:
      Re: Ma veramente l'e-mail è morta ?
      mbutu
    • Apocrifo scrive:
      Re: Ma veramente l'e-mail è morta ?
      Che domande che fai!L'email moribonda serve per introdurre uno (pseudo) stato di fatto, così tutto quel che segue nell'articolo ha una ragione d'essere, che altrimenti non avrebbe.Distillato di giornalismo da oratorio...
    • vituzzo scrive:
      Re: Ma veramente l'e-mail è morta ?
      L'email è uno degli standard più aperti e distribuiti che ci siano.Se io ho excite e tu hai aol, io ti posso scrivere mail e tu le puoi leggere.Se io ho MySpace e tu hai Twitter, assolutamente non posso mandarti qualcosa che tu riesca a leggere.L'email è scomoda, perché è un ottimo servizio e nessuno riesce a specularci sopra in modo eccessivo, perché sono in tantissimi ad offrire un buon servizio mail.Ciò non vuol dire che sia perfetto. Potremmo fare la mail peer to peer, ad esempio. Ci sono tantissime cose che potrebbero essere migliorate.
Chiudi i commenti