WhatsApp, ora anche per Business

Il servizio di messaggistica si aggiorna con una nuova variante "business", una app contenente strumenti potenzialmente in grado di facilitare il rapporto tra le aziende - soprattutto PMI - e gli utenti

Roma – WhatsApp ha ufficialmente presentato WhatsApp Business , nuova variante “aziendale” dell’omonima app per la messaggistica via smartphone. L’esperienza di “chat” sul cellulare è stata ora adattata alle comunicazioni tra aziende e clienti, mentre sul fronte sicurezza ci saranno misure pensate per scoraggiare lo spam.

Attualmente disponibile solo per terminali Android , WhatsApp Business include caratteristiche specifiche rispetto alla versione liscia della app come un pagina profilo per le aziende, “strumenti di messaggistica” per creare risposte rapide alle domande frequenti e altro ancora, statistiche “semplici” sui messaggi, WhatsApp Web per inviare e ricevere messaggi via computer.

Una volta confermati, gli account aziendali verranno classificati come tali sulla piattaforma di messaggistica così da rendere evidente la differenza agli utenti. Lo spam sarà a quanto pare impossibile, visto che le aziende potranno contattare direttamente solo quegli utenti che abbiano già accettato di ricevere comunicazioni da una particolare attività di loro conoscenza.

Di fatto, WhatsApp spiega di voler offrire WhatsApp Business come strumento di comunicazione digitale privilegiato tra le piccole e medie imprese e i clienti con cui già hanno rapporti diretti – fuori e dentro il Web. A tal proposito, la società cita una statistica secondo la quale “più dell’80% delle piccole attività in India e Brasile già riconosce quanto WhatsApp sia d’aiuto per comunicare con i propri clienti e per fare più business.”

Gli utenti già attivi sulla piattaforma potranno continuare a utilizzare la app tradizionale senza alcuna perdita di controllo sui messaggi che ricevono, dice infine WhatsApp, mentre per quanto riguarda la disponibilità WhatsApp Business è al momento scaricabile dallo store Play ufficiale sui mercati nazionali di Italia, Indonesia, Messico, UK e Stati Uniti.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Basilisco di Roko scrive:
    Programma del 1985
    Certo che riscrivere un software che è nato nel 1985 e da allora non si è evoluto molto (le principali innovazioni sono state il supporto a più colori, e a nuovi formati grafici) non è una gran notizia. Qualunque linguaggio di programmazione che gestisca la grafica e il mouse poteva essere usato.
  • Painter scrive:
    aria fritta clonata
    Paint è una tragica schifezza, molto meglio Paint.net...
  • Vins69 scrive:
    Evabbe'
    Esiste anche un mondo al di fuori dell'abitacolo dell'utilitaria che non ha la liberta' di scelta che ha un amministratore *nix...Quali ditte hanno desktop *nix? nessuna, punto.Fuori discussione che *nix sia il meglio lato server, ma qui con Paint si parla di desktop... casomai affermerei a chiare lettere senza timore di smentita che Paint sembra un programma di ammissione all'esame di Informatica I, personalmente il suo rifacimento non meritava un articolo :D
    • kruks scrive:
      Re: Evabbe'
      ho dato un'occhiata (velocissima) al codice e sono d'accordo.Il motivo è semplicissimo: dove sono i test automatizzati?Niente unit tests, niente acceptance tests, non è un modo per poter far sopravvivere un programma
      • kruks scrive:
        Re: Evabbe'
        ho trovato i test, e mi rimangio quanto segue :s- Scritto da: kruks
        ho dato un'occhiata (velocissima) al codice e
        sono
        d'accordo.
        Il motivo è semplicissimo: dove sono i test
        automatizzati?

        Niente unit tests, niente acceptance tests, non è
        un modo per poter far sopravvivere un
        programma
        • volpe scrive:
          Re: Evabbe'
          ecco bravo aggiungici anche 1Kg di uva acerba
          • kruks scrive:
            Re: Evabbe'
            Siccome è su github avrebbe potuto integrare travis, che ha il vantaggio di eseguire i test automaticamente di modo da poter accettare una pull request più facilmente (le patch sarebbero controllate automaticamente).Inoltre c'è un solo file tests.js, che è un acceptance test (basato su casper), non sono definiti unit test per il codice.Non capisco perché ti sia sentito offeso, se sei l'autore del codice prendi in considerazione questi miei 2 cents.- Scritto da: volpe
            ecco bravo aggiungici anche 1Kg di uva acerba
    • C.A. scrive:
      Re: Evabbe'
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Comunque, su KDE/Plasma (disponibile anche per
      Windows) c'è KolourPaint che dovrebbe essere il
      clone di Paint su Linux, ma in realtà è 1000
      volte
      meglio.Wow allora domani installo GNIGNUX
  • divieto di affesso scrive:
    azz
    Azz... tanti sforzi, e questo per rifare un software di XXXXX in un linguaggio di XXXXX.Pare di vedere il progetto ReactOS
  • 73f41d50f52 scrive:
    Ha poco senso
    Con tutte le alternative che ci sono perché aggiungerne un'altra in un linguaggio che si presta molto a malwares e abusi?
    • ... scrive:
      Re: Ha poco senso
      - Scritto da: 73f41d50f52
      Con tutte le alternative che ci sono perché
      aggiungerne un'altra in un linguaggio che si
      presta molto a malwares e
      abusi?per favorire malwares e abusi, semplice.
    • panda rossa scrive:
      Re: Ha poco senso
      - Scritto da: 73f41d50f52
      Con tutte le alternative che ci sono perché
      aggiungerne un'altra in un linguaggio che si
      presta molto a malwares e
      abusi?Non devi mica venire a dirlo qui.Vai a dirlo al medico che ti ha prescritto di utilizzarlo.
    • iRoby scrive:
      Re: Ha poco senso
      Secondo me invece non è male per preparare al volo un'etichetta o mettere dei simboli, delle frecce o una sfumata a qualcosa.Soprattutto se non hai interesse ad installarti un Gimp o qualsiasi altro programma che non userai mai.
Chiudi i commenti