Whisper, soffiate con spiata

Bufera su una app pensata per agevolare le delazioni anonime in Rete. Gli utenti, checché ne dica Whisper, sarebbero tracciati e perfettamente identificabili, denuncia il Guardian. Anche anonabox, il box Tor, viene preso a sberle

Roma – Un’indagine del Guardian mette in croce Whisper, un servizio (composto da una app per smartphone più un sito Web ) pensato per offrire la protezione dell’anonimato a chiunque voglia rivelare notizie o fatti imbarazzanti, socialmente discutibili o anche illegali. In realtà gli utenti vengono tracciati sempre e comunque, e con precisione notevole, denuncia il quotidiano.

Whisper ha vocazioni da whistleblower social ma anche da fonte di notizie interessanti degne di essere pubblicate fuori e dentro dalla Rete: non a caso il Guardian era tra le organizzazioni (assieme a Buzzfeed) interessate a stringere una partnership con la start-up per approfittare della possibilità di scovare nuove fonti di interesse.

Il quotidiano ha inviato i suoi reporter negli uffici di Whisper, ma quello che i reporter hanno scoperto ha portato alla cancellazione di ogni prospettiva di partnership e all’indagine rimbalza in Rete: Whisper è una vera e propria app “spia”, che per di più non ha alcun problema a condividere le informazioni riservate sugli utenti con le autorità statunitensi e britanniche, laddove queste lo richiedano.

Le soffiate su Whisper possono avvenire in forma completamente anonima o circostanziata attraverso l’uso di geotag, ma stando a quanto hanno scoperto i giornalisti il pulsante di opt-out dal geotagging non servirebbe a niente e il servizio continuerebbe a tracciare la posizione dell’utente sempre e comunque. Anche la promessa di conservare i post dei netizen (composti da un’immagine descrittiva e qualche riga di testo in sovrimpressione) per “breve tempo” e poi procedere alla cancellazione è una pura e semplice bugia, sostiene il Guardian .

Il management di Whisper ha controbattuto alle accuse parlando a propria volta di bugie, una collezione di falsità di cui il giornale si sarebbe presto pentito: la geolocalizzazione e l’individuazione dell’indirizzo IP degli utenti sono estremamente imprecise, sostiene la società, e la posizione dell’utente può indicare una zona ampia 500 metri. Anche l’accusa, sempre avanzata dal Guardian , di aver cambiato policy in fretta e furia sarebbe ridicola: quelle modifiche, spiega Whisper, erano in discussione da mesi.

Whisper continua a sostenere di non tracciare i suoi utenti “anonimi”, e di collaborare con le autorità perché costretta. Ma i dubbi sul reale operato del servizio continuano a non essere pochi , e anche il codice della app (analizzato da un esperto di sicurezza) sembra confermare la storia del Guardian e incastrare la società alle proprie responsabilità.

L’anonimato è diventato un business ma la privacy è sempre aleatoria, un mantra post-Datagate che ha generato dubbi per ogni dove: anche per anonabox non mancano le polemiche e le accuse di truffa. Lo scatolotto che vuole anonimizzare tutto il traffico di rete grazie alla rete Tor è stato descritto come una copia di un prodotto cinese già disponibile – e molto meno costoso – mentre le promesse degli sviluppatori vengono messe in croce sul fronte della reale natura open source del gadget e sul fronte della propaganda che venderebbe una sicurezza inesistente illudendo gli utenti. Per il momento, la campagna di crowdfunding su Kickstarter continua come se nulla fosse e i soldi raccolti superano il mezzo milione di dollari (a fronte di un obiettivo iniziale di 7.500 dollari).

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti