Wi-fi anche nelle periferie romane

Ci sta arrivando uno dei pionieri del wireless nella capitale: mentre il Comune pensa ai parchi, Ydea pensa alle aree meno centrali, dove broad band e ultimo miglio non sono ancora a portata di mano


Roma – L’Ydea è già realtà. In attesa del progetto del Comune di Roma sul wi-fi nei parchi è già possibile collegarsi dalla Capitale senza cavi e in questi giorni lo ha voluto ribadire un fornitore di servizi che da tempo investe sul wireless. E’ infatti di Ydea la rete sperimentale già attiva in diverse zone di Roma e per questo i suoi dirigenti hanno espresso a Punto Informatico la propria perplessità circa l’iniziativa dell’amministrazione Veltroni di affidarsi sempre “ai soliti nomi piuttosto che sfruttare una rete già esistente ed un’impresa emergente”.

Le prime 40 stazioni sono state installate ed irradiano nei quartieri Esquilino, San Lorenzo, Piazza Bologna, quartiere San Giovanni/ Manzoni, Eur, Appio Tuscolano, Prenestino, Salario Nomentano. Fra pochi mesi la copertura sarà disponibile anche a Tragliatella, Trigoria, zone nelle quali il broad band stenta a farsi largo.

Stando all’azienda, il servizio offre “completa affidabilità a distanze di 500 m in perfetta visibilità, buon rendimento, flessibilità e interoperabilità degli apparati impiegati, sistemi di sicurezza per il trasporto dati, un positivo impatto sociale e alto gradimento dell’utenza”. Durante il periodo ottobre 2004-marzo 2005 sono stati posizionati apparati wireless 2.4ghz in standard 802.11b/g. “Gli apparati da noi usati – si legge nella relazione tecnica al progetto – sono Cisco. Le sue peculiarità sono: Sistema WDS, Software Open Source (Linux), possibilità di gestione via telnet o ssh, funzionalità di routing anche attraverso l’uso di protocolli dinamici come RIP e OSPF (è allo studio anche l’uso del protocollo BGP), flessibilità nell’ alimentazione. Gli apparati hanno due tipi di utilizzo: uno di backhauling necessario per l’interconnessione alla parte rimanente della rete wireless e uno di irradiazione necessario a diffondere il segnale sulle zone circostanti”.

Il software utilizzato è “implementazione IPSEC: per Linux, corredata di patch per NAT-Traversal e certificati x.509; Demone VPN PPTP; altro Demone per gateway vpn su Linux che implementa il protocollo PPTP invece che IPSEC; Demone di Routing: per Linux, supporta: RIP,OSPF,BGP, e anche altri protocolli di routing dinamico”. Il sistema di sicurezza è una VPN (Virtual Private Network) ossia una rete privata virtuale; i protocolli usati sono il PPTP, Point-To-Point Tunneling Protocol, e l’IPSEC che permettono l’implementazione di reti virtuali VPN in Intranet. “Grazie alla configurazione sui punti di accesso di un server VPN in grado di accettare i più comuni protocolli quali PPTP, IPSEC ogni utente – assicurano i progettisti – può accedere ai servizi creando un tunnel VPN con altissimi valori di sicurezza in rete”.

“Noi – spiega a Punto Informatico Erica Paggini, responsabile di Ydea – operiamo con autorizzazione alla sperimentazione da parte del Ministero delle Comunicazioni; quindi siamo fra i pochi che hanno veramente rispettato le regole. Infatti lottiamo con Assoprovider per la revisione del decreto”.

Punto Informatico: Una delle vostre peculiarità è la copertura momentanea…
EP: “Si è appurata l’utilità del Wi-Fi last miles per la realizzazione di postazioni momentanee utili a chi lavora (giornalisti, artisti, organizzatori, etc.) per eventi o manifestazioni non stabili, come Enzimi e il Concerto del Primo Maggio con cui Ydea ha collaborato: infatti nelle zone già coperte è possibile attivare il collegamento in poche ore, e per un tempo limitato alla durata dell’iniziativa. Questo non è possibile con la classica adsl i cui tempi di attivazione sono spesso molto lunghi e la cui durata è di tipo annuale”.

PI: Dove sono installati gli hot spot?
EP: “Gli access point sono dati in comodato d’uso gratuito all’utente, posizionati in esterno sui tetti o terrazzi. E’ bene precisare che la nostra è una struttura last miles. L’attuale rete si compone di un numero costantemente crescente di nodi interconnessi tra di loro che provvedono ad effettuare la copertura sul territorio”.

PI: Promettete un’attivazione veloce: cosa bisogna fare?
EP: “Basta contattarci e noi provvediamo all’installazione non essendo vincolati all’ultimo miglio Telecom. Gli utenti al momento sono meno di 100 visto che finora il servizio è stato completamente gratuito e molto oneroso per noi. Ora, con il rinnovo della sperimentazione, è previsto un rimborso spese di 9 euro al mese”.

PI: Come avete commercializzato l’idea finora?
EP: “Non l’abbiamo commercializzata, ci siamo concentrati sull’espansione della nostra struttura.
Ma il passa parola ha avuto i suoi effetti”.

PI: Ma non tutto va sempre liscio come dovrebbe…
EP: “Le lungaggini burocratiche che hanno ostacolato la liberalizzazione del Wi-Fi non ci hanno consentito di poter crescere come avremmo voluto; abbiamo dovuto stringere i denti e rifinanziarci molto spesso, visto che le banche non danno credito a piccoli operatori per giunta in sperimentazione”.

PI: E poi, ora, è arrivato il progetto per la rete wireless nei parchi del Comune di Roma..
EP: “Ci fa piacere che il Comune di Roma abbia abbracciato il wireless; ma siamo un po’ perplessi sul perchè non si sia rivolto a chi era già presente sul territorio con una struttura funzionante, valorizzando la libera iniziativa di aziende emergenti non legate ai soliti nomi. Il wireless è una grande opportunità per i piccoli operatori; molti, come noi, in questi anni hanno investito su questa tecnologia, maturando esperienza e conoscenza e costruendo, passo dopo passo, la propria rete.
Ci auguriamo che il nostro lavoro sia finalmente preso in considerazione perchè esiste, è una realtà concreta. Anche per questo stiamo collaborando con Anti Digital Divide per raggiungere la periferia romana, incredibilmente isolata da questo punto di vista”.

Alessandro Biancardi

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    assolutamente improbabile
    Vira in questo momento non è in grado di fornire nemmeno 15 k in download a causa di un congestionamento delle linee che perdura da diversi mesi, e che a detta di Vira dovrebbe essere risolto con il nuovo upgrade, figuratevi i 4MBit..CONSIGLIO: ASPETTARE UPGRADE E VALUTARE POI
    • Anonimo scrive:
      Vira è uno schifo
      Assolutamente da evitare l'ADSL di Vira. Banda ridottissima, filtri p2p al massimo, assistenza a pagamento e nemmeno la decenza di ammettere che hanno un'adsl che è peggio di un 56k.Assolutamente da evitare come la peste nera !!!!
  • corto scrive:
    Ma quale 4 bit
    Alice4MEGA non và certo a 4bit ma cosa state dicendo? Non diciamo fesserie x favore!Eccetto alcune iniziali occasioni (presentazione dell'offerta) ADESSO è TUTTO FERMO A 1280Kbps fino al passaggio gratuito x tutti gli utenti Mega ad ALICE4MEGA che avverrà secondo il benemerito 187 entro il la FINE del 2005 ma come tutti loro ben sanno non avverrà MAI! E' solo il classico "specchio x le allodole"
  • Anonimo scrive:
    Peccato che oltralpe stanno a 24Mbit/sec
    Che notiziona, eh? Finalmente in italia arriviamo come formichine a 4Mbit!! CHe faticata!! I nostri colleghi europei (che già stanno a 24Mbit/sec) staranno a 100Mbit prima della fine dell'anno... Non parliamo poi di Korea e Giappone, dove, come dicono su Slashdot, solo i vecchi usano connessioni in fibra... ;)
    • deathstar scrive:
      Re: Peccato che oltralpe stanno a 24Mbit
      Ma soprattutto mi chiedo come diamine è possibile che siamo così penosi... 4 Mbit in downstream e 0,000000000... in upstream. 4/0,25 non è un gran bel rapporto... Continuo a pensare sempre più ogni giorno che l'Italia fa schifo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Peccato che oltralpe stanno a 24Mbit
        - Scritto da: deathstar
        Ma soprattutto mi chiedo come diamine è possibile
        che siamo così penosi... 4 Mbit in downstream e
        0,000000000... in upstream. 4/0,25 non è un gran
        bel rapporto... Continuo a pensare sempre più
        ogni giorno che l'Italia fa schifo.oltrealpe il rapporto è peggio.24 megabit in down e 512 k in up. l'up è 48 volte inferiore al down. in italia è 20.
        • Anonimo scrive:
          Re: Peccato che oltralpe stanno a 24Mbit
          Preferisco avere 24Mbps in down e 1Mbps in up (configurazione fastpath) per 25? al mese invece di una 4Mbps down e 0.25Mbps a 35? al mesenon trovi anche tu che ci sia cmq un margine di convenienza?
    • puntomediatico scrive:
      Re: Peccato che oltralpe stanno a 24Mbit
      - Scritto da: Anonimo

      Che notiziona, eh? Finalmente in italia
      arriviamo come formichine a 4Mbit!! CHe
      faticata!! I nostri colleghi europei (che già
      stanno a 24Mbit/sec) staranno
      a 100Mbit prima della fine dell'anno...su fibra?
  • sonountoro scrive:
    Anche Tin.it...
    Vabbè che ormai è stata riacquistata da telecom (non si sa ancora con quali soldi...) però pure lei pubblicizza ai suoi utenti i 4Mb...
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche Tin.it...
      - Scritto da: sonountoro
      Vabbè che ormai è stata riacquistata da telecom
      (non si sa ancora con quali soldi...) però pure
      lei pubblicizza ai suoi utenti i 4Mb...Scusa, ma dove l'hai vista l'offerta Tin.it a 4Mb dato che nella pagina riepilogativa delle offerte adsl http://tin.virgilio.it/naviga/confronta.aspx?forfaitsono tutte a 1.2Mb. Te la sei forse sognata ieri notte?
      • Anonimo scrive:
        Re: Anche Tin.it...
        E-mail ricevuta:La tua ADSL a forfait fino a 4 Mega*SENZA COSTI AGGIUNTIVI Tin.it, sempre attenta alle novità del mercato a larga banda, aumenta la velocità di downstream della tua ADSL a forfait fino a 4Mb/s*. Con la nuova velocità sarà possibile navigare in Internet, scaricare file, audio e video ancora piu' velocemente!Stiamo pianificando l'adeguamento della rete alla nuova velocita'; l'upgrade sarà effettuato gradualmente e, ove tecnicamente possibile, nei prossimi mesi. Con Tin.it si scopre il piacere di navigare ancora più velocemente!Cordiali saluti.Il Customer Care di Tin.it * Velocità fino a 4 Mb/s in assenza di congestione della rete e/o del server a cui ci si collega La velocità di trasmissione (upstream) fino a 256 Kbit/s, invece, resta invariata.
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche Tin.it...
          Si, è arrivata anche a me...
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche Tin.it...
          pure a me
          • Anonimo scrive:
            Re: Anche Tin.it...
            credo che Tin.it sia stata uno dei provider migliori per molto tempo....e mi sa che è sempre stata di proprietà Telecom, ma dotata di grande autonomia.ma ora Telecom è talmente nella cacca che cercherà di scaricare tutti i suoi debiti sulle varie Tim e Tin.it che fino ad ora hanno reso un sacco di soldi.vedrete che riusciranno ad affondare anche queste società.:@altro che 4 Mbit...:s
      • Anonimo scrive:
        Re: Anche Tin.it...
        - Scritto da: Anonimo
        Scusa,No
        ma dove l'hai vista l'offerta Tin.it a 4Mb
        dato che nella pagina riepilogativa delle offerte
        adsl
        http://tin.virgilio.it/naviga/confronta.aspx?forfa
        sono tutte a 1.2Mb. E quando mai questo ha significato qualcosa ?
        Te la sei forse sognata ieri
        notte?Leggi gli altri post.
      • puntomediatico scrive:
        Re: Anche Tin.it...
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: sonountoro

        Vabbè che ormai è stata riacquistata da telecom

        (non si sa ancora con quali soldi...) però pure

        lei pubblicizza ai suoi utenti i 4Mb...



        Scusa, ma dove l'hai vista l'offerta Tin.it a 4Mb
        dato che nella pagina riepilogativa delle offerte
        adsl
        http://tin.virgilio.it/naviga/confronta.aspx?forfa
        sono tutte a 1.2Mb. Te la sei forse sognata ieri
        notte?E' arrivata via mail.
        • Anonimo scrive:
          Re: Anche Tin.it...
          - Scritto da: puntomediatico

          - Scritto da: Anonimo



          - Scritto da: sonountoro


          Vabbè che ormai è stata riacquistata da
          telecom


          (non si sa ancora con quali soldi...) però
          pure


          lei pubblicizza ai suoi utenti i 4Mb...







          Scusa, ma dove l'hai vista l'offerta Tin.it a
          4Mb

          dato che nella pagina riepilogativa delle
          offerte

          adsl


          http://tin.virgilio.it/naviga/confronta.aspx?forfa

          sono tutte a 1.2Mb. Te la sei forse sognata ieri

          notte?

          E' arrivata via mail.penso che è arrivata solo agli utenti forfait basea quelli pro non è arrivata.. la cacca dei 4mbit è solo per pochi 8)
  • zirgo scrive:
    tecnologie lato server...
    ma perchè diamine nessuno offre spazio web con almeno un cacchio di DB e tecnologia lato-server?java o .net sarebbero il massimo, ma almeno un php del cacchio ce lo vogliono mettere o no? basterebbe anche solo php5 che dentro c'ha già il suo bel sqlite....quanto può costargli in più?in fondo quanti usano lo spazio web del proprio provider....?mah...
    • Anonimo scrive:
      Re: tecnologie lato server...
      - Scritto da: zirgo
      ma perchè diamine nessuno offre spazio web con
      almeno un cacchio di DB e tecnologia lato-server?
      java o .net sarebbero il massimo, ma almeno un
      php del cacchio ce lo vogliono mettere o no?
      basterebbe anche solo php5 che dentro c'ha già il
      suo bel sqlite....

      quanto può costargli in più?in fondo quanti usano
      lo spazio web del proprio provider....?mah... Sono d'accordo. Capisco che mettere su roba come ASP.NET costa perché devi pagare alla Microsoft, ma adesso c'è Mono che permette di darti anche su Apache supporto ad ASP senza problemi (ed è pure più veloce della versione Microzozz). http://www.mono-project.com
      • Anonimo scrive:
        Re: tecnologie lato server...

        Sono d'accordo. Capisco che mettere su
        roba come ASP.NET costa perché devi
        pagare alla Microsoft, ma adesso c'è Mono
        che permette di darti anche su Apache supporto
        ad ASP senza problemi (ed è pure più veloce
        della versione Microzozz).
        http://www.mono-project.comComunque il framework è gratuito
    • Anonimo scrive:
      Re: tecnologie lato server...
      - Scritto da: zirgo
      ma perchè diamine nessuno offre spazio web con
      almeno un cacchio di DB e tecnologia lato-server?
      java o .net sarebbero il massimo, ma almeno un
      php del cacchio ce lo vogliono mettere o no?
      basterebbe anche solo php5 che dentro c'ha già il
      suo bel sqlite....

      quanto può costargli in più?in fondo quanti usano
      lo spazio web del proprio provider....?mah...Tutto molto bello ma che c'entra con la notizia???
      • awerellwv scrive:
        Re: tecnologie lato server...
        - Scritto da: Anonimo
        Tutto molto bello ma che c'entra con la notizia???ad ogni contratto adsl di norma ti viene fornito anche uno spazio web (spesso di svariati Mb) ma che e' solo puro e stupido spazio web con nessun supporto (nemmeno minimo) ad una tecnologia lato server...ecco perche' centra, aggingere una libreria per il supporto php o asp non costa nulla...
        • sathia scrive:
          Re: tecnologie lato server...

          ecco perche' centra, aggingere una libreria per
          il supporto php o asp non costa nulla...
          non in termini di calcolo
          • Anonimo scrive:
            Re: tecnologie lato server...
            - Scritto da: sathia
            non in termini di calcoloAl rene ? Di che parli ? Paghi un tot a parola ? Per quello scrivi una sola frase striminzita ?
          • ereilavak scrive:
            Re: tecnologie lato server...
            penso che intendesse dire che si mettessero a regalare questi tipi di servizi, poi non ci sarebbe più "nessuno" che se li accatta :D
          • sathia scrive:
            Re: tecnologie lato server...
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: sathia


            non in termini di calcolo

            Al rene ? Di che parli ?
            cpu
            Paghi un tot a parola ? Per quello scrivi una
            sola frase striminzita ?
  • Anonimo scrive:
    Aruba?
    Sapete se anche Aruba ha in programma un upgrade?
Chiudi i commenti