WiFi a nanna, batteria contenta

Una nuova tecnologia promette di ottimizzare la connessione WiFi dei dispositivi mobile massimizzando l'efficienza energetica e incrementando in maniera sostanziale la durata della batteria

Roma – Si chiama SleepWell , è la creazione dello studente Justin Manwelier e promette di incrementare in maniera sensibile l’efficienza energetica dei dispositivi connessi a hot-spot WiFi. Il ricercatore della Duke University spiega che il segreto dell’ottimizzazione delle connessioni wireless risiede nella riduzione dei tempi entro i quali i dispositivi sono costretti a restare “all’erta”, per sapere quando è il proprio turno di scaricare e scambiare dati sul network.

La scarsa efficienza delle connessioni WiFi è causata dall’utilizzo condiviso degli hotspot WiFi, dice Manwelier, una condizione in cui l’attesa per il download dei dati richiesti impedisce al dispositivo connesso di risparmiare energia riducendo autonomamente l’utilizzo dei componenti interni.

Al contrario, dice Manweiler, “gli access point WiFi abilitati all’uso di SleepWell sono in grado di scalare i loro cicli di attività per sovrapporsi in maniera minima con gli altri, risultando in definitiva in promettenti guadagni energetici con effetti trascurabili sulle performance”.

Mettere a nanna i dispositivi WiFi allunga la durata della batteria, dice Manweiler, e il guadagno energetico stimato dal ricercatore si quantifica in un potenziale raddoppio della carica energetica a parità di condizioni di utilizzo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • W.O.P.R. scrive:
    Google
    Goolge, stava scendendo anche lui a patti con la Cina ma, a quanto è dato sapere, alla fine non ha accettato le condizioni censorie die cinesi.Allora pur essendo tutte società che guardano al profitto e basta, comunque qualche differenza c'è.Google +1.
  • collione scrive:
    il draga
    si è calato di nuovo i pantaloni, prima col doj adesso con la Cinagoogle tutta la vita!!!!
    • Axel scrive:
      Re: il draga
      si infatti: GOOLE come motore di ricerca primario e BLEKKO come motore secondario... bing neanche di striscio!
Chiudi i commenti