WiFi, a Siena la maggiore rete universitaria

Oggi esce dalla sperimentazione il progettone che apre il servizio wireless all'intera comunità accademica. Attivo nelle tre città dove è presente l'Università di Siena, conta 326 punti di accesso

Roma – “Sì, la nostra rete è la maggiore rete wireless al servizio di studenti, docenti e dipendenti dell’ateneo, e da oggi esce ufficialmente dalla fase di sperimentazione”. Così ieri a Punto Informatico i responsabili dell’ Università di Siena hanno confermato l’apertura della nuova fase del progetto UnisiWireless , accompagnato da una diretta web a cui hanno partecipato anche i rappresentanti di Cisco, il fornitore delle tecnologie WiFi impiegate.

Università di Siena e WiFi Uscita dalla sperimentazione, la rete con i suoi 326 punti di accesso è ora disponibile alla comunità accademica non solo nella sede di Siena, ma anche nelle distaccate di Arezzo e Grosseto. Nel complesso si tratta di una rete che si espande su 22 edifici “e che si integra con la rete tradizionale preesistente”.

Al contrario di altre iniziative universitarie italiane, la rete dell’Università è stata finanziata con fondi di bilancio dell’Ateneo: una spesa di 370mila euro per un progetto del Centro universitario per l’Informatica e la telematica (Q.IT) dell’Università, presieduto da Giuliano Benelli, a cui hanno anche collaborato, come vincitrici della gara europea d’appalto, Telecom e NextraOne. In particolare, 325mila euro sono andati in fornitura e configurazione, spiega l’Università, mentre 46mila per l’installazione e il “site survey”, lo studio preventivo dei luoghi ove posizionare gli hotspot. I risultati sono all’altezza delle necessità, dicono all’Università. “La nuova rete – spiegano i responsabili a Punto Informatico – è in grado di supportare fino a 15mila utenze contemporanee “.

Per la componente di sicurezza e di controllo degli accessi, tengono a sottolineare i responsabili, l’Università ha utilizzato i “Network Admission Control” di Cisco, installandone 15 nella rete consentendo così, tra le altre cose, l’automatizzazione del riconoscimento, l’autenticazione, l’autorizzazione e il ripristino di tutti i metodi di accesso, compresi quelli LAN, WAN, wireless e remoti.

Siena già oggi può vantare una cablatura senza eguali in Italia , e da diversi anni, ma sono evidenti i vantaggi che la mobilità offre non solo agli studenti, sempre più spesso accompagnati dai propri portatili o anche da smartphone WiFi, ma anche ai docenti, che sembrano aver gradito la novità già durante la sperimentazione, partita formalmente all’inizio del 2008 ed ora, appunto, conclusa.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pentolino scrive:
    Vedremo
    Guardo alla notizia con ottimismo ma senza creduloneria; vedremo come verrà fuori questa nuova versione di POI, alla fine potrebbe beneficiarne anche OpenOffice. La licenza è ok (ovviamente a MS non converrebbe rilasciarlo con licenza GPL), quindi ben venga, non vedo cosa ci possa essere di meglio di una specifica "live" come un progetto open source!
    • Nifft scrive:
      Re: Vedremo
      "lo scopo dichiarato è quello di sviluppare nuove librerie a sorgenti liberi per garantire maggiore interoperabilità e un accesso più semplice ai formati office prodotti dall'azienda di Redmond."La MS riconosce la superirorità del software aperto? In pratica sembra di si... Ed allora tutti gli attacchi e fud fatti in passato all'open source?
      • icecuber scrive:
        Re: Vedremo
        - Scritto da: Nifft
        "lo scopo dichiarato è quello di sviluppare nuove
        librerie a sorgenti liberi per garantire maggiore
        interoperabilità e un accesso più semplice ai
        formati office prodotti dall'azienda di
        Redmond."

        La MS riconosce la superirorità del software
        aperto? In pratica sembra di si... Ed allora
        tutti gli attacchi e fud fatti in passato
        all'open
        source?Se non li riesci a battere.. fatteli amici... o almeno provaci ;)
      • pecos scrive:
        Re: Vedremo

        La MS riconosce la superirorità del software
        aperto? In pratica sembra di si... Ed allora
        tutti gli attacchi e fud fatti in passato
        all'open
        source?MS non ha *mai* attaccato l'open source o il sw aperto. MS attacca da sempre la licenza GPL. Giusto o sbagliato che sia, sono cmq concetti estremamente differenti.
        • Varro86 scrive:
          Re: Vedremo
          In ogni caso non ritengo un cambio di vedute, o una tacita ammissione di errore o mea culpa come una cosa da condannare :)
          • pecos scrive:
            Re: Vedremo

            In ogni caso non ritengo un cambio di vedute, o
            una tacita ammissione di errore o mea culpa come
            una cosa da condannare
            :)Ma guarda che a me di MS non frega poi molto: mi sono solo "permesso" di correggere una affermazione inesatta, tutto qui :-)
          • Varro86 scrive:
            Re: Vedremo
            Ma ci mancherebbe, hai fatto benissimo :)
    • CCC scrive:
      Re: Vedremo
      - Scritto da: pentolino
      Guardo alla notizia con ottimismo ma senza
      creduloneria; ottimismo trattandosi di M$? ce ne vuole davvero tanto...
      vedremo come verrà fuori questa
      nuova versione di POI, alla fine potrebbe
      beneficiarne anche OpenOffice. mah... non riesco a immaginare come...
      La licenza è okmica tanto...
      (ovviamente a MS non converrebbe rilasciarlo con
      licenza GPL), appunto... e questo la dice molto lunga sulle reali intenzioni di M$...
      quindi ben venga, non vedo cosa ci
      possa essere di meglio di una specifica "live"
      come un progetto open
      source!ci potrebbe essere, che so, una specifica totalmente libera, con licenza GPL (magari pure GPLv3) e l'uso di (veri) formati standard ISO esistenti, tipo ODT, piuttosto che duplicazioni arraffazzonate e farraginose utili solo ed esclusivamente a (pure dichiarati) scopi commerciali (leggi: OOXML = come ti rinnovo il monopolio ed il lock-in)...
  • iced scrive:
    Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
    Le pecorelle immacolate e innocenti che popolano i forum sono troppo giovani. Non sanno che chi le ha precedute è morto nello stesso modo: nelle fauci del Lupo CattivoSveglia! Microsoft sta "aprendo" un suo formato, non il suo codice! Questo è molto diverso dall'aprire il codice sorgente dei programmi che lo usano!!E lo sta aprendo quel tanto che basta per poi richiuderlo a piacimento nella prossima versione di Office o in quella dopo, quando avrà "sconfitto" ODF e sarà standard "de facto", e pazienza se non sarà standard certificato.Care pecorelle, toglietevi gli occhiali rosa, e pensate con la testa, non con la lana. Poi non ditemi che non vi avevo avvertito.Il vostro fidato Cane Pastore.BAU!
    • .... scrive:
      Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
      Rilassati,persone che hanno affidato l'IT a Microsoft si trovano una soluzione funzionante, senza mostruosi costi di integrazione di ogni nuova applicazione ... ma piuttosto un solo costo di possesso come si sarebbe avuto con ogni altra soluzione...- Scritto da: iced
      Le pecorelle immacolate e innocenti che popolano
      i forum sono troppo giovani. Non sanno che chi le
      ha precedute è morto nello stesso modo: nelle
      fauci del Lupo
      Cattivo

      Sveglia! Microsoft sta "aprendo" un suo formato,
      non il suo codice! Questo è molto diverso
      dall'aprire il codice sorgente dei programmi che
      lo
      usano!!
      E lo sta aprendo quel tanto che basta per poi
      richiuderlo a piacimento nella prossima versione
      di Office o in quella dopo, quando avrà
      "sconfitto" ODF e sarà standard "de facto", e
      pazienza se non sarà standard
      certificato.

      Care pecorelle, toglietevi gli occhiali rosa, e
      pensate con la testa, non con la lana.


      Poi non ditemi che non vi avevo avvertito.

      Il vostro fidato Cane Pastore.

      BAU!
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
        - Scritto da: ....
        Rilassati,
        persone che hanno affidato l'IT a Microsoft si
        trovano una soluzione funzionante, senza
        mostruosi costi di integrazione di ogni nuova
        applicazione ...Sei sicuro? Va bene che Microsoft fa le sue "soluzioni integrate" che senz'altro semplificano la vita se hai TUTTO Microsoft e Windows-based, ma ricordiamoci che ogni tot Microsoft riscalda le sue minestre e dopo un altro tot conclude il supporto alle versioni precedenti, costringendo di fatto i suoi clienti a versarle periodicamente altri soldi per improbabili "upgrade" dei software, upgrade che quasi sempre sono superflui.
        ma piuttosto un solo costo di
        possesso come si sarebbe avuto con ogni altra
        soluzione...Ma, per quanto detto sopra, condannati per sempre a pagare licenze e sempre allo stesso fornitore. Non mi sembra una idea lungimirante. Magari anni fa non c'era molta scelta, quelli che hanno basato tutto su windows e Microsoft ormai hanno fatto la frittata, dovrebbero buttare tutto il know-how e tutto il software e le personalizzazioni sviluppate negli anni per un'improbabile migrazione, non lo faranno mai ed è anche comprensibile.Ma oggi la situazione è cambiata, un'azienda che nasce oggi ci pensa due volte ad affidarsi a Microsoft.TAD
        • di passaggio scrive:
          Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
          guarda che tutte le aziende di sw si basano su meccanismi simili... i famosi "contratti di assistenza annuali"... anche le piccolissime ditte. E mi pare anche normale cmq, sennò vuol dire che con l'informatica nn ci puoi vivere.
          • TADsince1995 scrive:
            Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
            - Scritto da: di passaggio
            guarda che tutte le aziende di sw si basano su
            meccanismi simili... i famosi "contratti di
            assistenza annuali"... anche le piccolissime
            ditte. E mi pare anche normale cmq, sennò vuol
            dire che con l'informatica nn ci puoi
            vivere.Sì, ma non parliamo di un software "normale", che so, un gestionale che, se non ti va bene più, lo cambi e ti rivolgi a un altro fornitore. Parliamo del sistema operativo e degli strumenti di lavoro che userai per produrre il tuo software e la documentazione. Una scelta che influenzerà profondamente il tuo lavoro e avrà ricadute anche sui tuoi prodotto e sui tuoi clienti.TAD
        • .... scrive:
          Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
          Giusto, se il software e l'hardware lo dovessi comprare... ma oggi lo noleggi, quindi hai la flessibilità di aggiungere e togliere hw (e quindi il relativo os e applicativi installati)E per quanto riguarda gli aggiornamenti sw NON intendo la software assurance ma il noleggio di un software e quando ne vuoi la versione nuova annulli un contratto e stipuli il nuovo...Le tue considerazioni sono corrette se invece COMPRI hw e sw...- Scritto da: TADsince1995
          - Scritto da: ....

          Rilassati,

          persone che hanno affidato l'IT a Microsoft si

          trovano una soluzione funzionante, senza

          mostruosi costi di integrazione di ogni nuova

          applicazione ...

          Sei sicuro? Va bene che Microsoft fa le sue
          "soluzioni integrate" che senz'altro semplificano
          la vita se hai TUTTO Microsoft e Windows-based,
          ma ricordiamoci che ogni tot Microsoft riscalda
          le sue minestre e dopo un altro tot conclude il
          supporto alle versioni precedenti, costringendo
          di fatto i suoi clienti a versarle periodicamente
          altri soldi per improbabili "upgrade" dei
          software, upgrade che quasi sempre sono
          superflui.


          ma piuttosto un solo costo di

          possesso come si sarebbe avuto con ogni altra

          soluzione...

          Ma, per quanto detto sopra, condannati per sempre
          a pagare licenze e sempre allo stesso fornitore.
          Non mi sembra una idea lungimirante. Magari anni
          fa non c'era molta scelta, quelli che hanno
          basato tutto su windows e Microsoft ormai hanno
          fatto la frittata, dovrebbero buttare tutto il
          know-how e tutto il software e le
          personalizzazioni sviluppate negli anni per
          un'improbabile migrazione, non lo faranno mai ed
          è anche
          comprensibile.
          Ma oggi la situazione è cambiata, un'azienda che
          nasce oggi ci pensa due volte ad affidarsi a
          Microsoft.

          TAD
      • r p scrive:
        Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
        Il problema è che se queste persone un giorno vorranno cambiare soluzione, potranno farlo?questo è quello che preoccupa molti...- Scritto da: ....
        Rilassati,
        persone che hanno affidato l'IT a Microsoft si
        trovano una soluzione funzionante, senza
        mostruosi costi di integrazione di ogni nuova
        applicazione ... ma piuttosto un solo costo di
        possesso come si sarebbe avuto con ogni altra
        soluzione...
        • .... scrive:
          Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
          Puoi sempre cambiare soluzione...Non vorrei stupirti, ma funziona così:COSTI ATTUALI
          COSTI DI MIGRAZIONE + COSTI FUTURI ??Se Sì =
          CambioSe No =
          Non cambio- Scritto da: r p
          Il problema è che se queste persone un giorno
          vorranno cambiare soluzione, potranno
          farlo?

          questo è quello che preoccupa molti...

          - Scritto da: ....

          Rilassati,

          persone che hanno affidato l'IT a Microsoft si

          trovano una soluzione funzionante, senza

          mostruosi costi di integrazione di ogni nuova

          applicazione ... ma piuttosto un solo costo di

          possesso come si sarebbe avuto con ogni altra

          soluzione...

      • Anonimo scrive:
        Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
        - Scritto da: ....
        Rilassati,
        persone che hanno affidato l'IT a Microsoft si
        trovano una soluzione funzionante, senza
        mostruosi costi di integrazione di ogni nuova
        applicazione ... ma piuttosto un solo costo di
        possesso come si sarebbe avuto con ogni altra
        soluzione...
        Costo di possesso, costo di aggiornamenti obbligatori, costo di sangue versato per tenere in piedi quei maledetti server, costo di cpu per tenere antivirus su tutte le macchine...
      • Dr. House scrive:
        Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
        - Scritto da: ....
        Rilassati,
        persone che hanno affidato l'IT a Microsoft si
        trovano una soluzione funzionante, senza
        mostruosi costi di integrazione di ogni nuova
        applicazione ... ma piuttosto un solo costo di
        possesso come si sarebbe avuto con ogni altra
        soluzione...Ahahaha divertente.... quasi quasi ci credo sul serioAh si quota al contrario, smetti di usare outlook
    • al lupo scrive:
      Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
      - Scritto da: iced
      Sveglia! Microsoft sta "aprendo" un suo formato,
      non il suo codice! Questo è molto diverso
      dall'aprire il codice sorgente dei programmi che
      lo
      usano!!ma non vi basta tutto il codice open source che c'è in giro? quanto siete ingordi!
    • Giocatore110 scrive:
      Re: Ma chi si fida del Lupo Cattivo?
      Così i documenti andrebbero fuori standard.Non serve aggiungere altro, per dirti che l'hai sparata grossa.
  • Anonimo scrive:
    ODF AL TAPPETO
    come da oggetto(anonimo)
    • Diego Zanga scrive:
      Re: ODF AL TAPPETO
      Strano ODF e' ancora standard ISO, OOXML ancora non lo e'.Se basta pagare(?) sourcesense per mettere al tappeto uno standard ISO, devono essere davvero bravi quelli di sourcesense: non ho capito pero' che accordo hanno fatto? (li pagano per il lavoro o si accordano per altro?)
    • Guastardo scrive:
      Re: ODF AL TAPPETO
      ms invece tra poco sarà costretta a VENDERLI i tappeti,visto che win non lo vuole più nessuno!!
  • 123 scrive:
    OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
    Questo articolo lo dimostra. 8)
    • qwerty scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      - Scritto da: 123
      Questo articolo lo dimostra. 8)Quoto.
    • Davide Impegnato scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      Peccato per quella storiella delle "estensioni proprietarie", che ne fanno un formato chiudibile.
      • .... scrive:
        Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
        Ecco,così finiamo di parlare di storielle... ci dai un bel link dove si trovi informazione?- Scritto da: Davide Impegnato
        Peccato per quella storiella delle "estensioni
        proprietarie", che ne fanno un formato
        chiudibile.
        • Giambo scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          - Scritto da: ....
          Ecco,
          così finiamo di parlare di storielle... ci dai un
          bel link dove si trovi
          informazione?Ai tempi mi ero imbattuto in questo:http://www.sutor.com/newsite/blog-open/?p=1343
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          Example #1: Unspecified binary content in MS Office 2007 generated MS-OOXML files hinders interoperabilityAnalysis has shown that XLSX documents created by MS Office 2007 have binary content in addition to content described in the proposed MS-OOXML specification. This hinders interoperability and has the potential to reduce document fidelity. The analysis was conducted by downloading a XLSX document from microsoft.com and unpacking the zipped contents to allow review of the internal file structure. http://www.italy.fsfeurope.org/documents/msooxml-interoperability.sq.html
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

            Analysis has shown that XLSX documents created by
            MS Office 2007 have binary content in addition to
            content described in the proposed MS-OOXML
            specification. E vorrei ben vedere: Office 2007 è stato rilasciato *prima* che fosse avviato il processo di standardizzazione, ergo... E' normale che implementi un draft
        • Davide Impegnato scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          http://www.google.it/search?hl=it&client=firefox-a&rls=com.ubuntu%3Ait%3Aofficial&hs=D1w&q=site%3Awww.noooxml.org+proprietary&btnG=Cerca&meta=Come puoi vedere dai titoli, dentro a un file OOXML possono starci anche oggetti proprietari, come audio (per esempio, un bel WMA con DRM?) e animazioni flash (formato proprietario). Mi domando se possa starci anche Silverlight.Fai un giro su noooxml.org, se non hai nulla da fare, ci sono tante cosette interessanti.
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

            Fai un giro su noooxml.org, se non hai nulla da
            fare, ci sono tante cosette
            interessanti.Invece che "fare un giro" su un sito chiaramente schierato, scaricati il draft dello standard e studiatelo, così almeno non avrai informazioni "drogate"
          • CCC scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            - Scritto da: pecos

            Fai un giro su noooxml.org, se non hai nulla da

            fare, ci sono tante cosette

            interessanti.
            Invece che "fare un giro" su un sito chiaramente
            schierato, scaricati il draft dello standard e
            studiatelo, così almeno non avrai informazioni
            "drogate"questa come fonte ti sembra piu' attendibile?http://download.microsoft.com/download/a/a/3/aa3411df-5b02-463a-8ab1-9587dd8a2508/Salesdata.xlsxma non ti vergogni neanche un po' ?
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

            1) non parlo io parla M$, che è il proponente di
            OOXMLMS è il proponente, non il "proprietario". Il "proprietario" dello standard è ECMA e forse, in futuro, ISO. Altrtimenti significherebbe affermare che Sun è proprietaria, in quanto proponente, di ODF
            2) non mi vergogno per nullaMale :-)
            3) conosco benissimo le tematiche di cui tu parli
            (a
            vanvera)Urka! Davvero? Vuol dire che ci siamo incontrati durante qualche riunione del JTC1-SC34
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            Mmmhhh.... una persona così importante come te che ci fa a discutere con dei poveri frustrati come noi?Una persona così in alto, come fa ad essere così poco pacata da dire che FSF DROGA le notizie?
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

            Mmmhhh.... una persona così importante come te
            che ci fa a discutere con dei poveri
            frustrati come
            noi?
            Una persona così in alto, come fa ad essere così
            poco pacata da dire che FSF DROGA le
            notizie?"importante"? Cosa c'è di "importante" nel lavorare per una azienda che partecipa il comitato ISO JTC1?
          • CCC scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            - Scritto da: pecos

            Mmmhhh.... una persona così importante come te

            che ci fa a discutere con dei poveri

            frustrati come

            noi?

            Una persona così in alto, come fa ad essere così

            poco pacata da dire che FSF DROGA le

            notizie?
            "importante"? Cosa c'è di "importante" nel
            lavorare per una azienda che partecipa il
            comitato ISO
            JTC1?AHHHHHH.... BEH!!!MA SCUSA!!!... POTEVI DIRLO SUBITO CHE SEI UNO DEI TANTI LOBBISTI AL SOLDO M$!!!AVEVO RAGIONE CHE TI DOVRESTI PROPRIO VERGOGNARE!!!
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            Siccome io non sono un tecnico di formati di documentazione, non posso pigliare e studiarmi un documento di x-mila pagine, poi verificare se tutto è uguale a come dovrebbe essere (installandomi windows e office2007, pagando) e poi sperare di avere fortuna nel beccare il baco, se c'è.Ovviamente, io vado a prendere le notizie sui siti che danno spazio a queste notizie. Noooxml è un sito di FSF, FSFE è un sito di FSF, FSF è una fondazione che, fino a prova contraria, si è sempre dimostrata corretta ed ha sempre esposto in maniera chiara e precisa tutte le sue idee, con persone che hanno sempre documentato con chiarezza le loro affermazioni.Dire che le informazioni di noooxml o della fsf sono "drogate" è palesemente una presa di posizione FALSA e TENDENZIOSA, in quanto, fino a prova contraria, quelle notizie sono VERE.All'interno di ISO ci sono persone che hanno esposto questi stessi argomenti e questo fatto non può che avvalorare ancora di più la posizione di FSF in questo campo.Ora, se davvero credi che le informazioni siano drogate, ti consiglio di andare a piè di pagina, prendere TUTTI gli estremi che FSF ha correttamente elencato e, visto che sicuramente hai Windows e Office2007 (originali) prova e poi torna qui a confermare quello che ha detto FSF, ho seri motivi per dubitare che FSF possa essere stata così falsa da mentire nell'indicare un fenomeno verificabile, grazie alle sue stesse informazioni.Se ritieni che FSF sia falsa, esponi i motivi per i quali la ritieni falsa. Altrimenti, vergognati di sputare fango su chi lavora con pochi mezzi, in maniera corretta, contro multinazionali che hanno una quantità di avvocati che farebbero spaventare la nazione italiana al completo.Se non hai prove o motivazioni per definire le informazioni di FSF drogate, allora sappi che esiste la DIFFAMAZIONE e, come puoi vedere nella scritta davanti all'OK che hai dovuto premere per postare il tuo messaggio, c'è scritto chiaro e tondo che tu ti sei preso la responsabilità per quello che scrivi ed hai dichiarato di non scrivere qualcosa che "non è diffamante e non viola le leggi italiane."
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

            Dire che le informazioni di noooxml o della fsf
            sono "drogate" è palesemente una presa di
            posizione FALSA e TENDENZIOSA, in quanto, fino a
            prova contraria, quelle notizie sono
            VERE.
            La "prova contraria" è che le critiche che citi sono state affrontate nel BRM ISO tenutosi 2 settimane addietro a Ginevra, nel quale sono state scelte delle direttive per affrontare le problematiche citate.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            Quindi? affrontare cosa vuol dire? vuol dire che è vero? allora perché l'informazione dovrebbe essere drogata ?
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            - Scritto da: Davide Impegnato
            Quindi? affrontare cosa vuol dire? vuol dire che
            è vero? allora perché l'informazione dovrebbe
            essere
            drogata ?è "drogata" perchè, pur essendo disponibili dei draft più recenti che afrontano le tematiche criticate, non è stata corretta perchè farlo avrebbe significato recedere dalla posizione ostracista
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            Allucinante. Come se il Corriere della sera correggesse un articolo vecchio di 2 anni solo perché forse è cambiato qualcosa.E' un dato di fatto che Office2007 scrive così i file, non vedo perché FSF dovrebbe cambiare l'articolo.
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

            Allucinante. Come se il Corriere della sera
            correggesse un articolo vecchio di 2 anni solo
            perché forse è cambiato
            qualcosa.

            E' un dato di fatto che Office2007 scrive così i
            file, non vedo perché FSF dovrebbe cambiare
            l'articolo.Perchè non stiamo discutendo di come Office scriva i file, bensì di OOXML. SeOOXML diventasse uno standard ISO, MS dovrà *quanto meno* realizzare un service pack che permetta ad Office di salvare nel formato *standard*.Ti faccio un esempio: Visual Studio 2002 fu rilasciato *prima* che ISO emettesse lo standard definitivo del linguaggio C#, ed infatti il compilatore incluso nel prodotto non rispetta tutto lo standard ma solo il draft.Il compilatore in versione 1.1, invece, è "ISO compliant".
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            Perfetto. Allora, visto che hai ben chiara la distinzione, perché dici che l'articolo di FSF, che parla "di come Office salva i file" deve essere cambiato ed è drogato?L'articolo è giusto e non deve essere cambiato.
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            http://en.wikipedia.org/wiki/Standardization_of_Office_Open_XML Embedded controls can be of any type, such as Java or ActiveX, Book 1 §15.2.8. Oltre al fatto che dentro a OOXML possono esserci file come i WMA e WMV con DRM, leggibili soltanto con WMP.
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

            http://en.wikipedia.org/wiki/Standardization_of_Of
            *Addirittura* wikipedia? Una fonte maggiormente attendibile no, eh? :-)
            Embedded controls can be of any type, such as
            Java or ActiveX, Book 1
            §15.2.8.

            Oltre al fatto che dentro a OOXML possono esserci
            file come i WMA e WMV con DRM, leggibili soltanto
            con
            WMP.Per tua informazione, i contenuti binari sono stati spostati tra le caratteristiche "deprecate" a partire dall'aggiornamento del draft pubblicato in data 6 gennaio 2008
          • pippo scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

            Ovviamente, io vado a prendere le notizie sui
            siti che danno spazio a queste notizie. Noooxml è
            un sito di FSF, FSFE è un sito di FSF, FSF è una
            fondazione che, fino a prova contraria, si è
            sempre dimostrata corretta ed ha sempre esposto
            in maniera chiara e precisa tutte le sue idee,
            con persone che hanno sempre documentato con
            chiarezza le loro
            affermazioni.Bella battuta. Fa morire dal ridere. FSF è chiaramente di parte. Se non ci arrivi, fatti tuoi
          • Davide Impegnato scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            Di parte sicuramente, visto che ha opinioni chiare in merito. Ma di qui a dire che fornisce informazioni "drogate", cioè false, beh, ce ne passa.Se vuoi una fonte non di parte, aspetta che ne parlino al TG5.
      • pecos scrive:
        Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO

        Peccato per quella storiella delle "estensioni
        proprietarie", che ne fanno un formato
        chiudibile.concordo: fortunatamente le "estensioni proprietarie" nel documento sottoposto ad ISO sono dichiarate deprecate e quindi destinate alla rimozione
        • Dr. House scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          - Scritto da: pecos

          Peccato per quella storiella delle "estensioni

          proprietarie", che ne fanno un formato

          chiudibile.
          concordo: fortunatamente le "estensioni
          proprietarie" nel documento sottoposto ad ISO
          sono dichiarate deprecate e quindi destinate alla
          rimozioneE a quel punto mi piacerebbe sapere che cosa succederà agli attuali documenti salvati con office2007
          • pecos scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO



            Peccato per quella storiella delle "estensioni


            proprietarie", che ne fanno un formato


            chiudibile.

            concordo: fortunatamente le "estensioni

            proprietarie" nel documento sottoposto ad ISO

            sono dichiarate deprecate e quindi destinate
            alla

            rimozione

            E a quel punto mi piacerebbe sapere che cosa
            succederà agli attuali documenti salvati con
            office2007ecco: questa è una bella domanda IMHO MS rilascerà un service pack per Office e prolifereranno "convertitori vari"...
        • CCC scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          - Scritto da: pecos

          Peccato per quella storiella delle "estensioni

          proprietarie", che ne fanno un formato

          chiudibile.
          concordo: fortunatamente le "estensioni
          proprietarie" nel documento sottoposto ad ISO
          sono dichiarate deprecate e quindi destinate alla
          rimozionema davvero? e chi lo dice che saranno rimosse?e quando saranno rimosse, che ne facciamo di tutti i "vecchi" documenti con ext propietarie che diventeranno fuori-standard? non sarà che ci dovremo comprare una licenza M$ Office per poterli leggere legalmente?
        • mech_user scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          Ma indipendentemente da qualsiasi discorso OOXML-ODT o che altro, secondo te, Micro$oft fa l'interesse di tutti o il proprio?Partirei da questo punto per valutare ogni proposta e/o soluzione di OOXML.Cioè, senza gridare "AL LUPO!" in modo sconsiderato ma con una certa vena di "vedere per credere"...
    • vac scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      Rettifico:Essendo al tappeto l'hanno aperto sperando nell'aiuto esterno.N.B. Per ora è un formato aperto, non può essere definito STANDARD se è supportato da una sola applicazione.
    • Drago84 scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      fino a quando non sara' un vero standard a quel punto microsoft blindera tutto e incomincera' a dire tu puoi usarlo tu no...ma dai siate realisti
      • al lupo scrive:
        Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
        - Scritto da: Drago84
        fino a quando non sara' un vero standard a quel
        punto microsoft blindera tutto e incomincera' a
        dire tu puoi usarlo tu
        no...
        ma dai siate realistiFUD
    • olah scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      - Scritto da: 123
      Questo articolo lo dimostra. 8)C'è un brevetto sul formato, il che significa che chi lo ha prodotto può imporre le proprie politiche a chi lo usa e quindi anche, indirettamente, sui tuoi file. Aperto a chi?
      • Giocatore110 scrive:
        Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
        Se va fuori standard gli utenti useranno lo standard e non la versione fuori standard.Comunque sia se il contratto d'uso prevede la proprietà del documento da parte di chi l'ha realizzato, non comprendo i tuoi problemi.
        • CCC scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          - Scritto da: Giocatore110
          Se va fuori standard gli utenti useranno lo
          standard e non la versione fuori
          standard.

          Comunque sia se il contratto d'uso prevede la
          proprietà del documento da parte di chi l'ha
          realizzato, non comprendo i tuoi
          problemi.mi sa che sono tante le cose che non comprendi...a iniziare dall'italiano...
          • Giocatore110 scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            Comincia tu dal vocabolo STANDARD, e ripassa le regole ISO ed ECMA.
    • al lupo scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      - Scritto da: 123
      Questo articolo lo dimostra. 8)non cantare vittoria troppo presto. lo dimostra a te, ma a quanto pare non ai sostenitori dell'open source che continuano a vedere complotti e tranelli.intanto l'ODF viene supportato solo dai prodotti derivati da OpenOffice.org. se si tenta di aprire un documento di testo con un'applicazione diversa dal gruppo sopraccitato, il layout del documento e alcune porzioni dello stesso vanno a farsi benedire. spero veramente che l'approvazione ad ISO del formato promosso da Microsoft porti un po' di concorrenza nel mercato dei formati per l'interscambio di documenti fra diverse suite office... così i sostenitori dell'ODF invece di perdere tempo a gettar fango sulla concorrenza, iniziano finalmente a darsi una bella mossa!
      • Gaglia scrive:
        Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
        - Scritto da: al lupo
        intanto l'ODF viene supportato solo dai prodotti
        derivati da OpenOffice.org.Falso.
        se si tenta di aprire
        un documento di testo con un'applicazione diversa
        dal gruppo sopraccitato, il layout del documento
        e alcune porzioni dello stesso vanno a farsi
        benedire.Problema dell'"applicazione diversa", essendo odf LO standard.
        • al lupo scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          - Scritto da: Gaglia
          - Scritto da: al lupo

          intanto l'ODF viene supportato solo dai prodotti

          derivati da OpenOffice.org.

          Falso.tenta di aprire un documento di testo con applicazioni che solo nominalmente sostengono di supportare l'ODF e che sono diverse da StarOffice, OpenOffice, Lotus Symphony e go-oo e scoprirai che quanto ho detto è vero.ma voi sostenitori dell'ODF lo avete mai utilizzato in vita vostra?

          se si tenta di aprire

          un documento di testo con un'applicazione
          diversa

          dal gruppo sopraccitato, il layout del documento

          e alcune porzioni dello stesso vanno a farsi

          benedire.

          Problema dell'"applicazione diversa", essendo odf
          LO
          standard.lo standard de che? è come aver inventato un nuovo combustibile pulito e non avere molte marca di automobili che riescono a sfruttarla. quale utilità ha questo "standard"???
          • CCC scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            - Scritto da: al lupo
            - Scritto da: Gaglia

            - Scritto da: al lupo


            intanto l'ODF viene supportato solo dai
            prodotti


            derivati da OpenOffice.org.



            Falso.

            tenta di aprire un documento di testo con
            applicazioni che solo nominalmente sostengono di
            supportare l'ODF e che sono diverse da
            StarOffice, OpenOffice, Lotus Symphony e go-oo e
            scoprirai che quanto ho detto è
            vero.al massimo puoi scoprire quali implementano meglio di altre lo standard ODF ODF, per tua informazione (cosa di cui evidentemente difetti) è supportato, bene o male che sia, da taaaante altre applicazioni: Koffice, Abiword, Ibm Workplace Documents, TextMaker, WordPerfect, Lotus Notes, Gnumeric, ecc...http://en.wikipedia.org/wiki/OpenDocument_software
            ma voi sostenitori dell'ODF lo avete mai
            utilizzato in vita
            vostra?ODF è un formato. ODF non si utilizza.Semmai si utilizzano applicazioni che implementano ODF.E, personalmente, ne utilizzo molte.


            se si tenta di aprire


            un documento di testo con un'applicazione

            diversa


            dal gruppo sopraccitato, il layout del
            documento


            e alcune porzioni dello stesso vanno a farsi


            benedire.



            Problema dell'"applicazione diversa", essendo
            odf

            LO

            standard.

            lo standard de che? LO standard (unico) approvato da ISO
            è come aver inventato un
            nuovo combustibile pulito e non avere molte marca
            di automobili che riescono a sfruttarla. quale
            utilità ha questo
            "standard"???beh... se non sai a cosa serve uno standard allora è meglio che la smetti di venire qui a scrivere caxxate...
      • CCC scrive:
        Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
        - Scritto da: al lupo
        - Scritto da: 123

        Questo articolo lo dimostra. 8)

        non cantare vittoria troppo presto. lo dimostra a
        te, ma a quanto pare non ai sostenitori dell'open
        source che continuano a vedere complotti e
        tranelli.

        intanto l'ODF viene supportato solo dai prodotti
        derivati da OpenOffice.org. FALSO
        se si tenta di aprire
        un documento di testo con un'applicazione diversa
        dal gruppo sopraccitato, il layout del documento
        e alcune porzioni dello stesso vanno a farsi
        benedire. nel qual caso il problema sta nelle applicazioni e NON certo nello standard ODFe cosa dire, peraltro, dei documenti M$ Office che NON sono apribili su versioni diverse dello stesso M$ Office?(es: Office 2008 per Mac NON APRE i file M$ .doc generati con Word95)
        spero veramente che l'approvazione ad
        ISO del formato promosso da Microsoft porti un
        po' di concorrenza nel mercato dei formati per
        l'interscambio di documenti fra diverse suite
        office... concorrenza? con M$? il RE dei monopolisti?mi diresti poi di quali "formati per l'interscambio di documenti fra diverse suite office" vai parlando?di sicuro NON è roba M$, i cui formati sono la negazione dell'interscambio
        così i sostenitori dell'ODF invece di
        perdere tempo a gettar fango sulla concorrenza,
        iniziano finalmente a darsi una bella
        mossa!ODF è standard ISO da un paio d'anni...altri (M$) si muovono solo ora, gettando fango su ODF (come fai tu)...chi è che si deve dare una mossa?ma non ti vergogni per le caxxate che scrivi?
    • waldo scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      - Scritto da: 123
      Questo articolo lo dimostra. 8)Sperèm! :(
    • Ramba scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      Già! Aperto proprio come il tuo cuxo!
    • CCC scrive:
      Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
      - Scritto da: 123
      Questo articolo lo dimostra. 8)invece questo articolo dimostra a tutti (anche a chi non è un "tecnico"), molto semplicemente ed indiscutibilmente, che OOXML FA CAGARE:http://www.theopensourcerer.com/2008/03/18/ooxml-is-really-bad-but-then-we-already-knew-that-didnt-we/
      • DLR scrive:
        Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
        Diciamo che non è di parte...
        • DLR scrive:
          Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
          Aggiungo: sei la tipica persone che quando non sa dove pararsi, fa le ricerche. Guarda che girando si trova quello che vuoi su google.
          • CCC scrive:
            Re: OOXML E' UN VERO STANDARD APERTO
            - Scritto da: DLR
            Aggiungo: sei la tipica persone che quando non sa
            dove pararsi, fa le ricerche. Guarda che girando
            si trova quello che vuoi su
            google.tutto qui? un po' debole come argomentazione no?
Chiudi i commenti