WiFi, navigare con lentezza

Uno studio misura quanto gli utenti sono disposti a cedere in velocità per avere la mobilità. Tutta colpa di interferenze e router non proprio d'avanguardia
Uno studio misura quanto gli utenti sono disposti a cedere in velocità per avere la mobilità. Tutta colpa di interferenze e router non proprio d'avanguardia

Secondo uno studio, condotto dalla società che si occupa di misuramenti delle reti Epitiro , connettersi via WiFi garantisce una velocità inferiore rispetto alla connessione via ethernet, e spesso gli utenti o non ci fanno caso o non se ne curano.

Effettuando un milione di test su 14mila utenze in Gran Bretagna, Stati Uniti, Spagna e Italia , Epitiro ha rilevato che in media la velocità raggiunta connettendosi via wireless alla propria linea viene degradata del 30 percento rispetto a quella che entra in casa. Si parla , nello specifico, di una perdita di velocità che va dal 26,5 percento delle utente britanniche al 40 di quelle italiane.

Le persone, dice lo studio, scambiano “la velocità per i benefici della mobilità”. Tanto che i ricercatori che hanno effettuato i rilevamenti si sono detti “sorpresi” dalla portata della dispersione, anche se nella maggior parte dei casi, affermano, il rallentamento non è notato dagli utenti: la differenza, d’altronde, si nota solo per servizi come il download video, lo streaming o il VoIP.

La cause dell’inefficienza sono l’utilizzo di un router di bassa qualità, la distanza da esso del dispositivo collegato e le interferenze di altri dispositivi, per cui gli utenti responsabili possono ridurre ai minimi termini il problema con un minimo di accortezza.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti