Wikipedia ancora oscurata in Cina

La celebre enciclopedia partecipativa è ancora una volta irraggiungibile dall?interno dei confini nazionali cinesi. Colpa della censura di stato o problemi di natura tecnica? Monta la polemica contro il governo
La celebre enciclopedia partecipativa è ancora una volta irraggiungibile dall?interno dei confini nazionali cinesi. Colpa della censura di stato o problemi di natura tecnica? Monta la polemica contro il governo

Le notizie provenienti dalla Cina sono preoccupanti: le versioni della Wikipedia in lingua inglese e cinese risultano ancora una volta inaccessibili dall’interno del paese.

L’accesso libero all’enciclopedia aperta, autorevole quanto la blasonata Britannica secondo Nature , era stato sbloccato l’ottobre scorso , ma ora Ars Technica riporta che la boccata di ossigeno per i wikipediani in terra d’Oriente potrebbe essere stata di breve durata.

Al momento di scrivere è incerta la reale causa del blocco: per quanto se ne sa, l’irraggiungibilità potrebbe essere causata da un problema contingente delle infrastrutture di rete cinesi, ma molti dei commenti apparsi in rete propendono per l’ipotesi più verosimile, ovvero che la Grande Muraglia Telematica , anche nota come il Great Firewall of China , sia entrata nuovamente in funzione, filtrando quelle risorse (e Wikipedia in particolare) contenenti informazioni sgradite al regime comunista come la verità sui fatti di piazza Tienanmen .

“Vedremo quanto durerà”, avevano dichiarato i portavoce di Wikipedia in occasione della rimozione del blocco avvenuta un mese fa, e i nuovi sviluppi potrebbero far pensare che l’apertura degli apparati statali nei confronti di istituzioni e iniziative di matrice spiccatamente universalista (come in effetti è la Wikipedia, che chiunque da ogni parte del mondo può integrare e modificare) sia stata infine considerata come un errore a cui rimediare. Jimmy Wales, patron e fondatore della wiki, durante l’anno di blocco totale aveva espresso la propria volontà di non scendere ad alcun compromesso con il regime comunista , al contrario di quanto fatto in tempi recenti da società di primo piano della rete come Yahoo!, Google e Microsoft.

Wales ha sempre espresso stupore per il blocco della sua creatura: “Abbiamo regole interne incentrate sulla neutralità e sulla rimozione di attacchi personali, e siamo quanto di più distante ci possa essere da un covo per dissidenti o un sito di protesta”, ha avuto modo di dichiarare recentemente .

La portavoce del ministro degli esteri cinese Jiang Yu ha dichiarato che la Cina “supporta attivamente e promuove lo sviluppo di Internet”, sostenendo di non avere informazioni riguardo ad un nuovo blocco di Wikipedia. “Il nostro modo di gestire Internet è in accordo con le nostre leggi e regolamentazioni interne” ha aggiunto.

In attesa di nuovi sviluppi che possano diradare le ombre sui destini dell’enciclopedia libera cinese, rimane attiva, come segnalano in molti, una via alternativa per consultare le risorse wiki aggirando il blocco : Gollum, the Wikipedia Browser , può essere utilizzato per consultare, anche dalla Cina, il milione e mezzo di voci di cui è composta la Wikipedia in lingua inglese.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 11 2006
Link copiato negli appunti