Wikipedia: ma quale diaspora!

Un post sul blog di Wikimedia Foundation ha contestato l'esodo di editor annunciati da una ricerca spagnola. Questa avrebbe usato parametri vaghi e poco lungimiranti

Roma – È recentemente apparso un post sul blog ufficiale di Wikimedia Foundation, scritto da Erik Moeller e Erik Zachte, rispettivamente vice-direttore e analista part-time dell’organizzazione che gestisce la popolare enciclopedia libera online. Un tentativo di scendere nelle profondità statistiche di Wikipedia, per provare a capire quello che sta accadendo effettivamente ai cosiddetti wikipediani, la comunità di utenti volontari che ha finora permesso al sito di diventare il quinto più visitato al mondo. Il risultato? La diaspora annunciata non è da considerarsi una minaccia reale.

L’articolo sul blog di Wikimedia Foundation ha contestato con una certa decisione i precedenti risultati ottenuti dal ricercatore spagnolo Felipe Ortega: la versione in lingua inglese di Wikipedia avrebbe incassato una perdita netta di circa 50mila editor nei primi tre mesi del 2009. Un allontanamento massiccio se i dati vengono paragonati allo stesso periodo del 2008, in cui c’era stato un calo di soli 5mila volontari circa. I due autori del post hanno subito sottolineato come molti giornalisti di settore avessero ripreso questi numeri, illustrando una catastrofe annunciata per i principi di diffusione della conoscenza e attivismo volontario.

Wikimedia ha descritto innanzitutto ciò che saprebbe per certo. Che, per prima cosa, il numero di persone che legge Wikipedia è in continuo aumento con 344 milioni di utenti unici nel mondo (6 per cento in più rispetto allo scorso settembre). Poi, che il numero di articoli continua a lievitare, raggiungendo di recente la cifra totale di 14,4 milioni. Questo Wikipedia sembra saperlo con estrema sicurezza, ma si tratta di dati che pur essendo reali non vanno a illuminare una situazione apparentemente oscura, con un numero sempre maggiore di contributor a lamentarsi di litigi snervanti ed infiniti sulle singole voci, oltre che di regole giudicate troppo severe e contrarie allo spirito originario.

Qui, la terza cosa che l’organizzazione con base a San Francisco ammette di conoscere : “Il numero di persone che scrive su Wikipedia ha raggiunto il suo apice due anni e mezzo fa, scendendo per un breve periodo successivo e poi rimanendo stabile. Ogni mese, alcuni utenti smettono di scrivere e ogni mese ne arrivano di nuovi a rimpiazzarli”. Ma i dati di Felipe Ortega non hanno detto questo, hanno detto che in tre mesi gli editor sono diminuiti in una cifra vicina ai 50mila. Secondo i due autori del post, bisognerebbe capire bene il significato dei numeri citati.

In primis, Wikimedia Foundation ha spiegato come Ortega si fosse concentrato su chiunque avesse contribuito all’enciclopedia libera, anche soltanto con una bozza. Bisognerebbe – stando al post – considerare invece un editor solo al raggiungimento di cinque modifiche , finendo così per ridurre il numero totale di contributor nel mondo dai 3 milioni del ricercatore spagnolo a un solo milione, che siano utenti attivi o meno. Inoltre, Ortega avrebbe considerato un abbandono il fatto di non avere più contribuito nel giro dei tre mesi presi in esame dalla ricerca. Questo, secondo la Foundation, non permetterebbe di ipotizzare che un determinato utente possa tornare a contribuire in futuro.

Certo, il ricercatore spagnolo non ha la famosa palla di vetro ed è pur vero che un utente possa decidere di smettere di contribuire a causa di quello che è stato già dipinto come un ambiente sempre più ostile. Wikimedia è sembrata sicura di sé, riportando una serie di statistiche in direzione contraria a quelle di Ortega. Per la versione in lingua inglese, il picco di utenti ha raggiunto quota 55mila circa nel marzo 2007, salvo poi subire un declino del 25 per cento e stabilizzarsi intorno ai 40mila, con un incremento continuo – non meglio specificato – di volontari relativi alle versioni in altre lingue dell’enciclopedia.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    Lavorerà al MIT, ma è un pelino invasato
    Tanto di cappello a "Herr Herr" per aver prodotto qualcosa che tra un non meglio specificato numero di anni potrà efficacemente essere d'aiuto a chi si trova incapacitato per motivi di vario tipo... ma da qui a dire che il suo piede finto sia migliore di quello che madre natura ha sviluppato dopo milioni di anni di evoluzione (ammesso che abbia detto veramente così e non sia piuttosto una traduzione libera), ce ne vuole!
  • Valeren scrive:
    Controllare la gamba da un cellulare?
    Onestamente mi sfugge la ragione.Se ho una protesi e si calibra 500 volte al secondo che se ne fa di un telefono?Mi chiama se appoggio male?Comunque un applauso alla redazione che, inserendo "iphone" nel titolo quando non c'entra una fava ("anche attraverso una applicazione per iPhone, oppure uno smartphone collegato via Bluetooth") genererà altri flame e discorsi inutili.
    • lellykelly scrive:
      Re: Controllare la gamba da un cellulare?
      avrà un contakilometri dentro, dopo un po' ti avverte che c'è da fare la revisione...
    • Marsh scrive:
      Re: Controllare la gamba da un cellulare?
      Peccato che ti entrano nell'iphone e poi sono gli altri che ti controllano gli arti inferiori XDChe poi non ho capito neanche io perché usare uno smartphone: se serve per il controllo diretto delle protesi non sarebbe meglio un device apposito? Così si garantisce un po' di più la sicurezza se si vuole usare un collegamento wireless...- Scritto da: Valeren
      Comunque un applauso alla redazione che,
      inserendo "iphone" nel titolo quando non c'entra
      una fava ("anche attraverso una applicazione per
      iPhone, oppure uno smartphone collegato via
      Bluetooth") genererà altri flame e discorsi
      inutili.N-mila applausi. Ma forse lo fanno perché si beccano dei riconoscimenti come "seguitissimi" dal numero di commenti... :-P
      • attonito scrive:
        Re: Controllare la gamba da un cellulare?

        N-mila applausi. Ma forse lo fanno perché si
        beccano dei riconoscimenti come "seguitissimi"
        dal numero di commenti...
        :-Pio toglierei il "forse".
    • LuNa scrive:
      Re: Controllare la gamba da un cellulare?

      Comunque un applauso alla redazione che,
      inserendo "iphone" nel titolo quando non c'entra
      una fava ("anche attraverso una applicazione per
      iPhone, oppure uno smartphone collegato via
      Bluetooth") genererà altri flame e discorsi
      inutili.stavo per dire la stessa cosa :)
    • MeX scrive:
      Re: Controllare la gamba da un cellulare?
      - Scritto da: Valeren
      Onestamente mi sfugge la ragione.
      Se ho una protesi e si calibra 500 volte al
      secondo che se ne fa di un
      telefono?
      Mi chiama se appoggio male?

      Comunque un applauso alla redazione che,
      inserendo "iphone" nel titolo quando non c'entra
      una fava ("anche attraverso una applicazione per
      iPhone, oppure uno smartphone collegato via
      Bluetooth") genererà altri flame e discorsi
      inutili.magari é per evitare al poveretto di tenersi in tasca un telecomando con 20 tasti e led luminosi... se si puó fare con il cellulare é piú comodo e piú discreto
      • Valeren scrive:
        Re: Controllare la gamba da un cellulare?
        Fammi capire, deve comandare la protesi col joypad?E se ha due protesi gli servono due telefoni?Dai, non regge.
        • MeX scrive:
          Re: Controllare la gamba da un cellulare?
          - Scritto da: Valeren
          Fammi capire, deve comandare la protesi col
          joypad?suppongo di no, non e' un gioco per playstation :)
          E se ha due protesi gli servono due telefoni?no, gli serve una GUI che permette di controllare una o l'altra o entrambe
          Dai, non regge.perche' no? pensi che il tizio in questione sia un pazzo?
        • markoer scrive:
          Re: Controllare la gamba da un cellulare?
          Basta leggersi l'articolo originale, linkato nell'articolo.Usa l'iPhone (e proprio l'iPhone) per aggiustare certi parametri delle gambe, per esempio per avere più potenza (magari per camminare in salita?). Dato che non può controllare certe cose direttamente col cervello (almeno finché non avrà collegamenti nervosi bionici...), gli serve qualcos'altro.Cordiali saluti
      • albertobs88 scrive:
        Re: Controllare la gamba da un cellulare?
        - Scritto da: MeX
        magari é per evitare al poveretto di tenersi in
        tasca un telecomando con 20 tasti e led
        luminosi... se si puó fare con il cellulare é piú
        comodo e piú discretoNon c'è solo l'iPhone...
    • bluefox scrive:
      Re: Controllare la gamba da un cellulare?
      Per una volta che sono in buona fede... leggendo l'articolo originale sembra che proprio lui abbia precisato che ci farà in futuro un'applicazione per iPhone :p
Chiudi i commenti