Windows 11: in Esplora file tornano le schede

Windows 11: in Esplora file tornano le schede

Con l'ultima build di Windows 11 per gli utenti Insider, sono state reintrodotte le schede in Esplora file e aggiunte nuove funzioni.
Con l'ultima build di Windows 11 per gli utenti Insider, sono state reintrodotte le schede in Esplora file e aggiunte nuove funzioni.

A quanto pare, Microsoft intende rinnovare Esplora file di Windows 11 andando a modificare il modo in cui la soluzione è fruibile e come viene esercitata la gestione dei documenti. La dimostrazione più evidente della cosa è data dall’aggiornamento per l’interfaccia del file manager del sistema operativo che il colosso di Redmond ha per l’appunto rilasciato nelle score ore per tutti gli iscritti al programma Insider, il quale va a reintrodurre l’uso delle schede e porta in dote diverse funzioni extra.

Windows 11: il ritorno delle schede in Esplora file

Da notare che l’interfaccia a schede era stata implementata nelle scorse settimane, ma poi Microsoft aveva scelto di rimuoverla con la penultima build del sistema operativo. Ora è tornata in auge e unitamente fa il suo debutto pure la possibilità di riordinare le finestre aperte su Esplora file, un piccolo ma comodissimo miglioramento che ricorda molto quanto è possibile fare su browser come Chrome ed Edge quando occorre dare una sistemata alle varie tab aperte.

Con il ritorno dell’interfaccia a schede vengono apportate delle leggere modifiche pure al design della home page di Esplora file, al fine di renderla maggiormente intuitiva e per concedere maggiore spazio alle schede, le quali possono essere trascinate e spostate sullo schermo, oltre che aperte in finestre separate, pure “al volo”, semplicemente facendo clic destro sulla tab di riferimento.

WIndows 11

Da notare che non essendo state introdotte nella relase finale di Windows 11, le novità in questione sono ancora soggette a sperimentazione, motivo per cui Microsoft potrebbe pure decidere di non inserirle in via definitiva nel suo sistema operativo. Tutto dipenderà da come risponderanno gli utenti alla cosa e, dunque, da quanto l’azienda di Redmond valuti effettivamente utile il tutto.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 30 mar 2022
Link copiato negli appunti