Windows 11 Pro: per configurarlo sarà necessario un account Microsoft

Windows 11 Pro: per configurarlo sarà necessario un account Microsoft

Microsoft ha recentemente rilasciato le prime versioni di prova della nuova build di Windows 11 Pro, ma non tutto è positivo.
Microsoft ha recentemente rilasciato le prime versioni di prova della nuova build di Windows 11 Pro, ma non tutto è positivo.

Molte volte, alcune delle modifiche apportate al codice degli aggiornamenti software sono così piccoli da risultare invisibili per l’utente. Altre volte invece, talmente fastidiosi, come in questo caso, da essere fin troppo evidenti. Come avrete infatti capito dal titolo l’ultima build di Windows 11 renderà necessaria la creazione di un account Microsoft, o comunque di dati di accesso validi per il login. Tutto ciò potrebbe non sembrare un problema così grave, se non fosse che, per eseguire l’accesso, bisognerà per forza di cose disporre anche di una connessione internet. Scopriamo tutto in questo articolo.

Internet e account Microsoft necessari per completare il set up iniziale delle future versioni di Windows 11 Pro

Ricordate quando, subito dopo aver acquistato e avviato l’ultimo modello di iPhone, appariva sullo schermo il logo di connessione ad iTunes, operazione necessaria per avviare la configurazione dello smartphone? Beh, il concetto alla base del problema con l’ultima build di Windows 11 Pro sarà essenzialmente la stessa: bisognerà attendere di tornare a casa, o comunque in un luogo in cui è disponibile una rete internet.

Data e ora anche sugli schermi secondari del PC grazie all'update di Windows 11

Certo, si potrà sempre e comunque utilizzare l’hotspot dello smartphone, ma era realmente necessario dover inserire una “funzionalità” di questo tipo, che con ogni probabilità andrà a peggiorare l’esperienza di utilizzo? Tuttavia, c’è da specificare che non si tratta ancora di una cosa attiva, anzi, il tutto è stato scoperto da Windows Insider, che per prima è riuscita a testare la nuova versione in versione beta.

Probabilmente Microsoft vuole spingere tutti gli utenti a creare un account, così da poter presentare sin dalla prima accensione tutte le funzionalità basate su di esso, come ad esempio la sincronizzazione dei dati, OneDrive, il download delle app dal Microsoft Store e molto altro ancora.

Per completezza quindi, vediamo anche quali sono le altre novità che con ogni probabilità vedremo nella nuova versione di Windows 11: un Task Manager ridisegnato, cartelle per le app bloccate all’interno nel menu Start, un nuovo modo di trascinare elementi nella barra delle applicazioni, miglioramenti alle opzioni di Non disturbare e alle altre modalità di Focus, nuove gestures del touchscreen e un lunghissimo elenco di altre correzioni e miglioramenti di vario tipo, come correzioni di bug e ottimizzazioni. 

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 19 feb 2022
Link copiato negli appunti