Windows 12: un nuovo indizio da Microsoft

Windows 12: un nuovo indizio da Microsoft

L'ultima build rilasciata da Microsoft per il test interno del sistema operativo potrebbe indicare il futuro arrivo di Windows 12.
Windows 12: un nuovo indizio da Microsoft
L'ultima build rilasciata da Microsoft per il test interno del sistema operativo potrebbe indicare il futuro arrivo di Windows 12.

Il 2024 sarà un anno di novità importanti per Microsoft, in particolare per quanto riguarda i progetti legati al suo sistema operativo e, ancora più nel dettaglio, sul fronte delle novità legate all’intelligenza artificiale generativa. Oggi si torna a parlare del possibile arrivo di Windows 12. È doveroso specificare che, al momento, non ci sono conferme (né smentite) ufficiali in merito alla piattaforma e che altre fonti recenti sembrano invece escluderne il debutto in tempi brevi.

La build 27545 è la prima di Windows 12?

A suggerire che W12 sia stato messo  in cantiere è un aggiornamento appena rilasciato nel canale Canary interno che porta l’OS dalla build 26047 alla build 27545. Un balzo in avanti, dal punto di vista prettamente numerico, ritenuto troppo significativo per non far ipotizzare il passaggio a una nuova versione. Tra gli altri, è di questo parere anche XenoPanther, sempre attento a questi cambiamenti. Di seguito il suo post su X.

Potrebbe dunque essere all’orizzonte un passaggio di consegne, come avvenuto negli anni scorsi quando dalle build 19*** di Windows 10 si passò alle build 22*** del successore Windows 11.

Ad ogni modo, toccherà comunque prima al Moment 5 di W11, nuovo aggiornamento atteso entro le prossime settimane e già approdato nel canale Beta che coinvolge gli Insider nella fase di test.

Il fattore frammentazione

In vista dell’eventuale lancio di Windows 12, Microsoft dovrà tenere conto del fattore frammentazione. Il riferimento è alla suddivisione degli utenti tra più versioni del sistema operativo in circolazione. Un problema che da sempre affligge Android nel panorama mobile e che potrebbe farsi sentire ancor di più anche in ambito PC.

Secondo i rilevamenti di StatCounter, aggiornati a fine dicembre, il 67,42% di chi utilizza la piattaforma è fermo a W10. Il successore, nonostante la crescita costante, è ancora al 26,54% della quota complessiva. Stupisce poi quel 3,35% di irriducibili che, nonostante il termine del supporto ufficiale e i conseguenti rischi sul fronte della sicurezza, rimangono fedeli al buon vecchio W7.

L'offerta per te oggi è...

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.
Fonte: Deskmodder
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 30 gen 2024
Link copiato negli appunti