Windows 8 e Trusted Computing non piacciono alla Germania

Un'agenzia governativa tedesca si esprime in toni critici sull'accoppiata tra chip TPM e l'OS di Redmond. Poi corregge il tiro: ma restano perplessità che andranno chiarite entro il 2015
Un'agenzia governativa tedesca si esprime in toni critici sull'accoppiata tra chip TPM e l'OS di Redmond. Poi corregge il tiro: ma restano perplessità che andranno chiarite entro il 2015

Nuovi grattacapi per la complicata avventura commerciale di Windows 8 arrivano dalla Germania, dove l’Ufficio Federale per la Sicurezza Informatica (BSI) lancia un allarme sull’utilizzo del nuovo OS a piastrelle in accoppiamento a un sistema dotato di chip Trusted Platform Module 2.0: si tratta di una combinazione in grado di esporre il PC a un maggior numero di rischi, avverte la BSI.

un chip tpm La presenza on-board di un modulo TPM 2.0 è indicata come requisito obbligatorio per i PC di marca commercializzati con OS Windows (8.1 e oltre) a partire dal 2015, un requisito proposto come garanzia di maggiore sicurezza per le comunicazioni cifrate e l’uso di software la cui provenienza risulti certificata.

Ma l’assoluta mancanza di controllo sul funzionamento del TPM da parte dell’utente, e fatto che il TPM è a tutti gli effetti una black box controllata da remoto da Microsoft secondo i propri desiderata e la propria agenda di interessi rappresentano per BSI una perdita di controllo – sia sull’OS che sull’hardware del PC – capace di prestare il fianco a nuovi rischi “soprattutto per le infrastrutture critiche e federali” tedesche.

BSI avverte poi dell’esistenza del rischio di sabotaggio da parte di soggetti esterni, e conclude dicendo che tutti questi rischi vanno affrontati e risolti molto prima del 2015. Microsoft, dal canto suo, giustifica il requisito per un modulo TPM 2.0 obbligatorio parlando di una accresciuta sicurezza e negando la perdita di controllo da parte dell’utente: gli OEM – e l’utente finale – hanno la possibilità di disabilitare la black box sulle macchine basate su CPU x86, dicono da Redmond.

Anche BSI, in seguito all’esplosione del nuovo caso con protagonista Windows 8, prova a fare una parziale retromarcia con un nuovo comunicato che parla di “alcuni aspetti critici in relazione ad alcuni scenari specifici in cui Windows 8 opera in combinazione con un hardware dotato di TPM 2.0”. Le indagini continuano, l’opera di tecnocontrollo della NSA pure.

Alfonso Maruccia

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

26 08 2013
Link copiato negli appunti