Wirelurker, il malware trasversale della Mela

Attacca i dispositivi iOS attraverso OS X. Tutta colpa di app scaricate da uno store alternativo. Gli scopritori preoccupati che possa diffondersi il contagio, Apple blocca alcune app infette

Roma – C’è una nuova minaccia in circolazione per i dispositivi della Mela, un bug che parte da OS X ma che prende di mira i gadget basati sul sistema operativo mobile iOS. WireLurker, questa la famiglia di malware identificata dai ricercatori di Palo Alto Networks , è un progetto ancora in divenire che potrebbe avere effetti ben più gravi nel prossimo futuro.

Un’infezione da WireLurker viene veicolata a partire da Maiyadi App Store, store di applicazioni OS X di terze parti diffuso in Cina attraverso cui vengono distribuiti trojan horse mascherati da applicazioni legittime. Finora i download dei suddetti cavalli di troia superano le 350.000 unità, dicono i ricercatori. Una volta mandato in esecuzione il malware, WireLurker è in grado di compromettere gli eventuali gadget iOS collegati al Mac tramite cavo USB: il trojan sfrutta una funzionalità pensata per l’installazione di una app aziendale su più dispositivi, abusa di un certificato enterprise falso e procede infine al side-loading di una app malevola sul gadget iOS.

WireLurker è in grado di compromettere sia dispositivi iOS bloccati che quelli passati attraverso una procedura di jailbreaking , spiegano da Palo Alto Networks, anche se al momento i problemi principali si presentano sui gadget sbloccati dove vengono compromesse due app sensibili come TaoBao (e-commerce) e AliPay destinate al mercato cinese.

WireLurker è una minaccia ancora in fase di sviluppo con un obiettivo non ancora pienamente dichiarato, spiegano ancora i ricercatori, mentre Apple dice di aver bloccato il download delle applicazioni OS X malevole da cui ha avuto origine l’infezione. La corporation consiglia poi agli utenti di non scaricare software da fonti non ufficiali.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • vederepercr edere scrive:
    vedere pe rcredere SSII
    Street Fighter II https://archive.org/stream/arcade_sf2/sf2.zip?module=sf2&scale=2&keyboard=arcade
  • Triste scrive:
    Triste
    Tranquilli tra poco sarà tutto in cloud e in abbonamento il problema non si pone
    • Passante scrive:
      Re: Triste
      - Scritto da: Triste
      Tranquilli tra poco sarà tutto in cloud e
      in abbonamento il problema non si poneE io continuerò ad usare libreoffice, quale sarebbe il problema ?
      • cicciobello scrive:
        Re: Triste

        E io continuerò ad usare libreoffice, quale
        sarebbe il problema
        ?Il problema è che si parlava di giochi, non di applicativi.
        • panda rossa scrive:
          Re: Triste
          - Scritto da: cicciobello

          E io continuerò ad usare libreoffice, quale

          sarebbe il problema

          ?

          Il problema è che si parlava di giochi, non di
          applicativi.Le rom dei mame le abbiamo gia'.L'emulatore per farle girare anche.Che ci importa a noi del cloud?
          • cicciobello scrive:
            Re: Triste
            Il concetto di usare le rom su emulatore andrebbe applicato anche ai giochi prodotti oggi: usare una sandbox (a sorgente aperto) su cui far girare il codice del gioco (che può essere aperto o chiuso). Certi giochi, infatti, non possono essere open source, ma l'uso di una sandbox emulata potrebbe eliminare la maggior parte dei problemi tipici del closed (non sai se il gioco contiene spyware, ma non te ne frega nulla perché dalla sandbox non può accedere a nulla)
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Triste
            Magari. Ci sarebbero i software di virtualizzazione, ma per ora trovo una grande difficoltà nel far girare i giochi per Windows 9X: l'unico software che sembra sopportare le DirectX nella scheda video emulata è VirtualBox, che non offre supporto per Windows 9X, pertanto le Additions, e comunque non è efficiente.Per il DOS nessun problema. DOBox, in versione SVN-Daun, supporta anche i save states !
          • prova123 scrive:
            Re: Triste
            Hai provato virtualPC o VMWare ?
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Triste
            VirtualPC, che per usi "desktop" preferisco per l'ottima integrazione con Windows; VMWare l'ho trascurato ... in passato ci ho giocherellato un po', ma mi sembrava che installasse un po' troppo drivers virtuali.
          • prova123 scrive:
            Re: Triste
            I drivers virtuali che non ti servono li puoi rimuovere come vuoi. Se ti serve far girare un gioco in single player rimuovi i driver di rete, le porte USB. Praticamente fai quello che vuoi. VMWare lo puoi utilizzare anche per installare MacOS, per accordi commerciali con Apple lo hanno tappato con "un pezzo di scotch" posticcio, ma si sblocca tranquillamente.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Triste
            Ok proverò. Esistono le additions per Windows 9X, giusto ?
          • prova123 scrive:
            Re: Triste
            SI, dovrebbero esserci. Molto tempo fa ho giocato a Silver e Woodruff and the Schnibble of Azimuth che avevano particolari addition per win98. Se non vado errato in quel tempo erano usate le Directx8. Prendi queste informazioni con beneficio di inventario perchè risalgono a molto tempo fa.
          • maxsix scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: Joe Tornado
            Magari. Ci sarebbero i software di
            virtualizzazione, ma per ora trovo una grande
            difficoltà nel far girare i giochi per Windows
            9X: l'unico software che sembra sopportare le
            DirectX nella scheda video emulata è VirtualBox,
            che non offre supporto per Windows 9X, pertanto
            le Additions, e comunque non è
            efficiente.

            Per il DOS nessun problema. DOBox, in versione
            SVN-Daun, supporta anche i save states
            !VMWare Fusion.Ah, gira su Mac.Orz.
          • prova123 scrive:
            Re: Triste
            VMWare Fusion lo usi per installare cosa? :-o
          • prova123 scrive:
            Re: Triste
            è chiaro perchè preferisci Win98 (rotfl)http://pixhst.com/pictures/3184850
          • prova123 scrive:
            Re: Triste
            Su MAc c'è VMWare Fusion e su PC WMWare Workstation.
          • winarez scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: Joe Tornado

            Magari. Ci sarebbero i software di

            virtualizzazione, ma per ora trovo una grande

            difficoltà nel far girare i giochi per
            Windows

            9X: l'unico software che sembra sopportare le

            DirectX nella scheda video emulata è
            VirtualBox,

            che non offre supporto per Windows 9X,
            pertanto

            le Additions, e comunque non è

            efficiente.



            Per il DOS nessun problema. DOBox, in
            versione

            SVN-Daun, supporta anche i save states

            !
            VMWare Fusion.

            Ah, gira su Mac.Frega niente, su sto sito solo tu e bertuccia usate mac.

            Orz.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: Triste
            Hai accertato che le DirectX sono supportate e qualunque software che ne faccia uso giri come su una macchina reale ?
          • maxsix scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: Joe Tornado
            Hai accertato che le DirectX sono supportate e
            qualunque software che ne faccia uso giri come su
            una macchina reale
            ?Per quello che uso io si.Tutto supportato e funzionante.Poi c'è quello che gira meglio e quello che gira peggio, inteso come prestazioni.
          • Triste scrive:
            Re: Triste

            Le rom dei mame le abbiamo gia'.
            L'emulatore per farle girare anche.

            Che ci importa a noi del cloud?Ma forse hai ragione meglio ripiegare sui vecchi arcade.Sta uscendo talmente tanta pattumiera videoludica che l'unico supporto dove devono stare e' un dvd pronto per essere macinato in un centro di riciclaggio ecco alcuni motivi:-Free to play paga e vinci-Giochi venduti a pezzi con i DLC-mmorg aprono e chiudono con velocita' impressionante generalmente pessimi -serie storiche completamente rovinate -DRM invadenti-gameplay nuovi completamente scadenti-gameplay ultrasemplificati e troppo facili-costi assurdi di sviluppo con tutto quello che ne consegue-niente MOD-novita' zero utilizzano le stesse meccaniche di gioco inventate 30 anni fa-tutto deve essere consumato in fretta per comprare il seguente-mancanza di creativita' Una volta si creavano giochi anche per passione e le SH che li producevano erano molto piu' piccole, poi sono subentrati gli affaristi e stanno facendo affondare tutto un settore.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Triste
            Amen, un'altra bella crisi purgante.
          • maxsix scrive:
            Re: Triste

            Una volta si creavano giochi anche per passione e
            le SH che li producevano erano molto piu'
            piccole, poi sono subentrati gli affaristi e
            stanno facendo affondare tutto un
            settore.Brutta roba la frustrazione di Battlefield eh.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: maxsix

            Una volta si creavano giochi anche per
            passione
            e

            le SH che li producevano erano molto piu'

            piccole, poi sono subentrati gli affaristi e

            stanno facendo affondare tutto un

            settore.

            Brutta roba la frustrazione di Battlefield eh.Ad esser sincero è tutto il settore che sta decadendo.
          • prova123 scrive:
            Re: Triste
            IL settore è in decadenza perchè per ogni gioco i parassiti sono un esercito. E' sufficiente leggere i titoli di coda di un gioco: capo del capo del vice del controllore del supervisore della commerciale sotto il tavolo ... ma i programmatori quando compaiono?Il problema è tutto qua una manciata di programmatori che devono fare un gioco in quattro e quattro otto. Non so se hai notato i giochi AAA di adesso: 40 GB di dimensione e 5/6 ore di gioco. Di fatto hanno inventato "il trucco dello spezzatino", dividono il gioco a episodi per contenere il prezzo tra i 10/15 euro a "episodio".Anche i giochi indie si sono dati allo spezzatino, non solo i cosiddetti AAA. Troppa gente inutile e tempi troppo ristretti per creare un videogioco e questo è il risultato finale.
          • Triste scrive:
            Re: Triste
            Io mi ricordo di Peter Molyneux che ha lasciato la EA perche' passava tutto il tempo in riunioni anziche' dedicarlo alla creazione dei nuovi giochi e si parla di 15 anni fa.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Triste
            La struttura ad episodi come fa una software house che ora mi sfugge il nome è un contro, i DLC sono un'altra cosa, molto spesso sono contenuti volutamente rimossi per farteli pagare a parte.
          • ermanno scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: prova123tempi troppo ristretti per creare un videogioco e questo è il risultato finale.[img]http://images.pistonheads.com/nimg/26274/KazunoriInterview_04.jpg[/img]
          • Triste scrive:
            Re: Triste
            stendiamo un velo pietoso
          • prova123 scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: Triste
            L'ultimo fps che mi e' veramente piaciuto e'
            stato UT2004 le mappe create da Bleszinski erano
            dei piccoli capolavori tutto il gameplay era
            curato nei dettagli
            Lo rigioco ogni tanto, spettacolare!Gli 8 livelli di difficoltà sono bene calibrati: Novizio, Mediocre, Discreto, Abile, Esperto, Magistrale, Disumano, Divino.In single player l'ho completato a livello Magistrale. A livello Disumano è difficile creare una ottima squadra in quanto i bot tra loro si massacrano ad un ritmo troppo alto. Il livello più difficile è quello in cui ti devi scontrare con tutti i bot della squadra contemporaneamente. Se puoi prova a rigiocare la versione PC di Quake sul nintendoDS ... impagabile e fa capire molte cose del mondo delle console...
          • Funz scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: Triste
            L'ultimo fps che mi e' veramente piaciuto e'
            stato UT2004 le mappe create da Bleszinski erano
            dei piccoli capolavori tutto il gameplay era
            curato nei dettagli


            Mentre veniamo oggi e tutti i titoli che evito
            come la peste:


            ti nascondi in un angolino e la salute si
            ripristina --
            ricordare dove e quando i medickit
            riappaiono e' troppo complicato e poi rischi che
            quello bravo surclassa tutti gli
            alti

            una lumaca che si fa dare un passaggio da una
            tartaruga e' piu' veloce di te --
            bisogna dare
            giustamente a tutti il tempo per prendere la
            mira...

            un colpo e sei morto --
            il contentino devono
            prenderlo
            tutti

            1 arma---
            stesso discorso del midickit scegliere
            l'arma giusta in base alla distanza e alla
            situazione deve essere troppo complicato meglio
            togliere tutte queste varianti
            tattiche.

            camper---
            valanga di camper in arrivo ad ogni
            round


            mappe --
            stendiamo un velo pietosoQuakelive, è lo stesso gioco di 20 anni fa e mi terrà compagnia per i prossimi 40 :D
          • Funz scrive:
            Re: Triste
            - Scritto da: Triste

            Le rom dei mame le abbiamo gia'.

            L'emulatore per farle girare anche.



            Che ci importa a noi del cloud?

            Ma forse hai ragione meglio ripiegare sui vecchi
            arcade.
            Sta uscendo talmente tanta pattumiera videoludica
            che l'unico supporto dove devono stare e' un dvd
            pronto per essere macinato in un centro di
            riciclaggio ecco alcuni
            motivi:

            -Free to play paga e vinci

            -Giochi venduti a pezzi con i DLC

            -mmorg aprono e chiudono con velocita'
            impressionante generalmente pessimi


            -serie storiche completamente rovinate

            -DRM invadenti

            -gameplay nuovi completamente scadenti

            -gameplay ultrasemplificati e troppo facili

            -costi assurdi di sviluppo con tutto quello che
            ne
            consegue

            -niente MOD

            -novita' zero utilizzano le stesse meccaniche di
            gioco inventate 30 anni
            fa

            -tutto deve essere consumato in fretta per
            comprare il
            seguente

            -mancanza di creativita'
            Tutte cose risolvibili in un unico modo: non comprare. Per le meccaniche di gioco antiche dissento, visto che 17 anni dopo QII ho ricominciato a divertirmi su Quakelive :D
    • rockroll scrive:
      Re: Triste
      - Scritto da: Triste
      Tranquilli tra poco sarà tutto in cloud e in
      abbonamento il problema non si
      poneSe siamo così co...glioni da permettere che tutto tra poco sarà in cloud, avremo il triste destino che ci saremo meritati con la nostra ignavia.Il probleme si pone eccome, ed è di ben più ampio respiro che non per i soli giochini.Ma basterebbe una cosa regola/legge semplicissima per ridimensionare i soprusi estesi per secoli legalizzati da DMCA, e risolvere questa stortura che condanna all'oblio prodotti ancor validi che i pescecani detentori dei cosidetti diritti considerano non più remunerativi commercialmente: se il prodotto non è più in commercio scade ogni diritto che lo infestava.In ogni caso è buona norma per i consumatori avveduti evitare come la peste prodotti che prevedano connessione on-line ove non ve ne sia tecnicamente bisogno, ed altrettanto evitarli come l'ebola se prevedono convalida on-line. Esporsi alle rappresaglie dei server dei pescecani vuol dire mettersi proni al loro voleri angolati a 90 gradi ovvero PiGreco/2 radianti.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 08 novembre 2014 00.44-----------------------------------------------------------
      • maxsix scrive:
        Re: Triste
        - Scritto da: rockroll
        - Scritto da: Triste

        Tranquilli tra poco sarà tutto in cloud e in

        abbonamento il problema non si

        pone

        Se siamo così co...glioni da permettere che tutto
        tra poco sarà in cloud, avremo il triste destino
        che ci saremo meritati con la nostra
        ignavia.

        Il probleme si pone eccome, ed è di ben più ampio
        respiro che non per i soli
        giochini.

        Ma basterebbe una cosa regola/legge semplicissima
        per ridimensionare i soprusi estesi per secoli
        legalizzati da DMCA, e risolvere questa stortura
        che condanna all'oblio prodotti ancor validi che
        i pescecani detentori dei cosidetti diritti
        considerano non più remunerativi commercialmente:
        se il prodotto non è più in commercio <b
        scade
        ogni diritto </b
        che lo
        infestava.

        In ogni caso è buona norma per i consumatori
        avveduti evitare come la peste prodotti che
        prevedano connessione on-line ove non ve ne sia
        tecnicamente bisogno, ed altrettanto evitarli
        come l'ebola se prevedono convalida on-line.

        Esporsi alle rappresaglie dei server dei
        pescecani vuol dire mettersi proni al loro voleri
        angolati a 90 gradi ovvero PiGreco/2
        radianti.
        --------------------------------------------------
        Modificato dall' autore il 08 novembre 2014 00.44
        --------------------------------------------------Come sta antani? [cit.]
      • prova123 scrive:
        Re: Triste
        - Scritto da: rockroll
        In ogni caso è buona norma per i consumatori
        avveduti evitare come la peste prodotti che
        prevedano connessione on-line ove non ve ne sia
        tecnicamente bisogno, ed altrettanto evitarli
        come l'ebola se prevedono convalida on-line.
        Nel caso da te indicato è sufficiente comprare il gioco e scaricare il crack, nulla di più. Nel caso invece in cui la connessione online è necessaria per la struttura del gioco (vedi Diablo 3) allora non acquistare il gioco è necessario.Sono un fan di Diablo e le sue espansioni (tutte rigorosamente originali) ma con quello che hanno fatto con Diablo 3 questi da me non vedranno più 1 euro sino a quando non cambieranno totalmente direzione.
    • prova123 scrive:
      Re: Triste
      Se sei un utente Apple è già così! :D
  • maxsix scrive:
    E quando è un MMORPG?
    Cosa facciamo diamo i server?Dai P.P. pensa al tuo emacs.
    • panda rossa scrive:
      Re: E quando è un MMORPG?
      - Scritto da: maxsix
      Cosa facciamo diamo i server?Diamo i sorgenti.Qualcuno provvedera' a farlo girare.
      Dai P.P. pensa al tuo emacs.Lascia perdere i games maxsix: il massimo a cui puo' ambire tu e' flappy birds.
      • maxsix scrive:
        Re: E quando è un MMORPG?
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: maxsix

        Cosa facciamo diamo i server?

        Diamo i sorgenti.
        Qualcuno provvedera' a farlo girare.
        Non credo proprio.Anche perché con i sorgenti del server serviranno anche configurazioni particolari molto probabilmente non riproducibili localmente et simila.


        Dai P.P. pensa al tuo emacs.

        Lascia perdere i games maxsix: il massimo a cui
        puo' ambire tu e' flappy
        birds.Certo certo pandino.Quando mi manderai gli script in bash per replicare itunes music match ne riparleremo.Fino a quella volta, mi raccomando, tieni su la baracca con gli aggiornamenti automatici.
        • panda rossa scrive:
          Re: E quando è un MMORPG?
          - Scritto da: maxsix
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: maxsix


          Cosa facciamo diamo i server?



          Diamo i sorgenti.

          Qualcuno provvedera' a farlo girare.


          Non credo proprio.
          Anche perché con i sorgenti del server serviranno
          anche configurazioni particolari molto
          probabilmente non riproducibili localmente et
          simila.Come al solito parli di cose che non capisci.


          Dai P.P. pensa al tuo emacs.



          Lascia perdere i games maxsix: il massimo a
          cui

          puo' ambire tu e' flappy

          birds.

          Certo certo pandino.
          Quando mi manderai gli script in bash per
          replicare itunes music match ne
          riparleremo.A che ti servirebbero? Tanto non li potresti usare.
          Fino a quella volta, mi raccomando, tieni su la
          baracca con gli aggiornamenti
          automatici.Tu invece il XXXXX dell'ufficio non lo hai pulito mica bene: prendi secchio e straccio e vai a fare il tuo lavoro.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: E quando è un MMORPG?
          - Scritto da: maxsix
          Non credo proprio.
          Anche perché con i sorgenti del server serviranno
          anche configurazioni particolari molto
          probabilmente non riproducibili localmente et
          simila.Bhe, se riescono a far server privati di certi MMORPG, non credo sia cosi impossibile, basta pensare a Ragnarok.
          • maxsix scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            - Scritto da: Sg@bbio
            - Scritto da: maxsix

            Non credo proprio.

            Anche perché con i sorgenti del server
            serviranno

            anche configurazioni particolari molto

            probabilmente non riproducibili localmente et

            simila.

            Bhe, se riescono a far server privati di certi
            MMORPG, non credo sia cosi impossibile, basta
            pensare a
            Ragnarok.Nessuno dice che sia impossibile.Sto solo dicendo che se TUTTI i giochi che hanno un DRM basato sull'autenticazione online possono essere rognosi.Sopratutto gli MMORPG che per la loro struttura richiedono risorse e configurazioni parecchio complesse.Una per tutta la questione della gestione del lag che fa diventare un MMORPG un piacere o un inferno a seconda del caso.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            L'autenticazione online non è mai stato un problema per chi cracca i drm, i MMORPG, ci stavano i server privati :D
          • gnammolo scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            no, tu stai dicendo che devono "dare anche i servers" come da inizio post, che è una cosa ben diversa
    • bubba scrive:
      Re: E quando è un MMORPG?
      - Scritto da: maxsix
      Cosa facciamo diamo i server?

      Dai P.P. pensa al tuo emacs.capisco che sei talmente abituato alla teleguida da cupertino che non ti viene neanche in mente.. MA, grazie a dio, il 99% dei games che interessano al progetto, non necessitano di internet per funzionare.
      • maxsix scrive:
        Re: E quando è un MMORPG?
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: maxsix

        Cosa facciamo diamo i server?



        Dai P.P. pensa al tuo emacs.
        capisco che sei talmente abituato alla teleguida
        da cupertino che non ti viene neanche in mente..
        MA, grazie a dio, il 99% dei games che
        interessano al progetto, non necessitano di
        internet per
        funzionare.Beh non direi visto che stiamo parlando proprio di quei giochi che richiedono l'autenticazione online anche per partire.Leggasi Assassin Creed, per dirne uno.E io aggiunto la questione MMORPG.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: E quando è un MMORPG?
          Ma è una cosa artificiosa, tanto che la cosa fu craccata in tempi rapidi.
        • bubba scrive:
          Re: E quando è un MMORPG?
          - Scritto da: maxsix
          - Scritto da: bubba

          - Scritto da: maxsix


          Cosa facciamo diamo i server?





          Dai P.P. pensa al tuo emacs.

          capisco che sei talmente abituato alla
          teleguida

          da cupertino che non ti viene neanche in
          mente..

          MA, grazie a dio, il 99% dei games che

          interessano al progetto, non necessitano di

          internet per

          funzionare.

          Beh non direi visto che stiamo parlando proprio
          di quei giochi che richiedono l'autenticazione
          online anche per
          partire.ah ok TU ne stai parlando... perche' il progetto di retrogame qui esposto invece no. Cmq se invece parli piu' in generale della conservazione e USO dei games con DRM/dongle/protezioni sul supporto, a prescindere dalla sopravvivenza delle sw house... allora si, se ne parla, e si fa "come facevano i pirati"... hw copier, patch e alla peggio tiny fake-server. Per i games dipendenti dal supporto server-side ovviamente e' piu complicato... cmq non e' esattamente retrogame questa roba... (eufem)
          Leggasi Assassin Creed, per dirne uno.che non e' certo "degli anni 70-'90" e non mi pare(!) che giri sul Mame
          E io aggiunto la questione MMORPG.aggiungila pure ma e' fuori tema....
          • bubba scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            mi replico da solo. in effetti stavamo parlando di robe diverse. tu eri focalizzato sulla proposta di eff, io sul progetto (che va avanti da anni) di archive.org. La chiacchiera di eff l'ho "digerita" come marginale (visto che e' archive che 'fa le cose') e che seguivo pure (anche nelle review periodiche del DMCA) ..sino tipo a un anno fa.
        • prova123 scrive:
          Re: E quando è un MMORPG?
          - Scritto da: maxsix
          Leggasi Assassin Creed, per dirne uno.
          E io aggiunto la questione MMORPG.Per giocare ad Assassin's Creed non è necessaria alcuna connessione online o account. Io ho i giochi originali e tutti i crack per il gioco offline.
          • maxsix scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            - Scritto da: prova123
            - Scritto da: maxsix


            Leggasi Assassin Creed, per dirne uno.

            E io aggiunto la questione MMORPG.

            Per giocare ad Assassin's Creed non è necessaria
            alcuna connessione online o account. Io ho i
            giochi originali e tutti i crack per il gioco
            offline.Ma dico eh.N O N S T I A M O P A R L A N D O D IC R A C K A R EPiù chiaro così?
          • prova123 scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            Allora quando non vorranno più farti giocare ad Assassin's Creed e cancelleranno gli account in quanto qualcuno dall'alto ha stabilito che il gioco è obsoleto tu cosa farai butterai via il gioco perchè qualcuno per te ha deciso che è obsoleto?Io i giochi li pago e ci gioco quando mi pare e piace. Non è previsto alcun c*gli*ne che possa stabilire per me se posso giocare o meno.RIDICOLO!!! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • maxsix scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            - Scritto da: prova123
            Allora quando non vorranno più farti giocare ad
            Assassin's Creed e cancelleranno gli account in
            quanto qualcuno dall'alto ha stabilito che il
            gioco è obsoleto tu cosa farai butterai via il
            gioco perchè qualcuno per te ha deciso che è
            obsoleto?
            Io i giochi li pago e ci gioco quando mi pare e
            piace. Non è previsto alcun c*gli*ne che possa
            stabilire per me se posso giocare o
            meno.

            RIDICOLO!!!
            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Qui di RIDICOLO c'è gente che ha comprato alla fonte un software che per funzionare abbisogna dell'autenticazione (login o qualunque altro sistema).Era noto a suo tempo? Si.Era una feature nascosta? No.Quindi se la cosa non si confaceva a te per quale maledettissimo motivo l'hai comprato?PS: la verità invece e che non hai comprato niente, l'hai zanzato in giro con il crack, e vorresti che tutti fossero così. Magari legittimati da PP & Friends. Questa è la verità. Punto.
          • Funz scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            - Scritto da: maxsix
            Quindi se la cosa non si confaceva a te per quale
            maledettissimo motivo l'hai
            comprato?perché ognuno ha il diritto di giocare a quello che gli pare e piace senza vincoli assurdi imposti dai produttori squali.Qui si discute di FAR ELIMINARE OBBLIGATORIAMENTE i DRM dopo un certo tempo, si parla esattamente di crack.
            PS: la verità invece e che non hai comprato
            niente, l'hai zanzato in giro con il crack, e
            vorresti che tutti fossero così. Magari
            legittimati da PP & Friends. Questa è la verità.
            Punto.qui l'unica verità è che tu fai insinuazioni offensive per cercare di sminuire le argomentazioni altrui. Penoso e vergognoso.PS:Si, ho giocato ad Assassin's Creed e si, l'ho comprato originale (in edicola) e si, l'ho craccato come faccio ogni volta che installo da disco ottico per levare l'inutile e fastidioso check.
          • prova123 scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: prova123

            Allora quando non vorranno più farti giocare
            ad

            Assassin's Creed e cancelleranno gli account
            in

            quanto qualcuno dall'alto ha stabilito che il

            gioco è obsoleto tu cosa farai butterai via
            il

            gioco perchè qualcuno per te ha deciso che è

            obsoleto?

            Io i giochi li pago e ci gioco quando mi
            pare
            e

            piace. Non è previsto alcun c*gli*ne che
            possa

            stabilire per me se posso giocare o

            meno.



            RIDICOLO!!!

            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

            Qui di RIDICOLO c'è gente che ha comprato alla
            fonte un software che per funzionare abbisogna
            dell'autenticazione (login o qualunque altro
            sistema).

            Era noto a suo tempo? Si.
            Era una feature nascosta? No.

            Quindi se la cosa non si confaceva a te per quale
            maledettissimo motivo l'hai
            comprato?

            PS: la verità invece e che non hai comprato
            niente, l'hai zanzato in giro con il crack, e
            vorresti che tutti fossero così. Magari
            legittimati da PP & Friends. Questa è la verità.
            Punto.L'ho comprato solo dopo che ho scaricato il crack. Il gioco merita di essere comprato, avevo già saputo che era necessaria l'autenticazione ed a me CLIENTE che gioca OFFLINE mi sta profondamente sulle balle l'autenticazione OBBLIGATORIA.A differenza di te che quando qualcuno ti obbliga a fare qualcosa ti metti a pecoroni lo paghi pure e lo giustifichi, io invece con animo zen gli spezzo le braccine e mentre sento il crack deve fare anche silenzio perchè potrebbe farmi salire il sangue alla testa.Conclusione il gioco l'ho pagato e nessuno ha il diritto di pensare di rompermi i maroni, in quanto come sempre quello che conta è il pensiero. C'est la vie! :)
          • prova123 scrive:
            Re: E quando è un MMORPG?
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: prova123

            Allora quando non vorranno più farti giocare
            ad

            Assassin's Creed e cancelleranno gli account
            in

            quanto qualcuno dall'alto ha stabilito che il

            gioco è obsoleto tu cosa farai butterai via
            il

            gioco perchè qualcuno per te ha deciso che è

            obsoleto?

            Io i giochi li pago e ci gioco quando mi
            pare
            e

            piace. Non è previsto alcun c*gli*ne che
            possa

            stabilire per me se posso giocare o

            meno.



            RIDICOLO!!!

            (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)

            Qui di RIDICOLO c'è gente che ha comprato alla
            fonte un software che per funzionare abbisogna
            dell'autenticazione (login o qualunque altro
            sistema).

            Era noto a suo tempo? Si.
            Era una feature nascosta? No.

            Quindi se la cosa non si confaceva a te per quale
            maledettissimo motivo l'hai
            comprato?

            PS: la verità invece e che non hai comprato
            niente, l'hai zanzato in giro con il crack, e
            vorresti che tutti fossero così. Magari
            legittimati da PP & Friends. Questa è la verità.
            Punto.L'ho comprato solo dopo che ho scaricato il crack. Il gioco merita di essere comprato, avevo già saputo che era necessaria l'autenticazione ed a me CLIENTE che gioca OFFLINE mi sta profondamente sulle balle l'autenticazione OBBLIGATORIA.A differenza di te che quando qualcuno ti obbliga a fare qualcosa ti metti a pecoroni lo paghi pure e lo giustifichi, io invece con animo zen gli spezzo le braccine e mentre sento il crack deve fare anche silenzio perchè potrebbe farmi salire il sangue alla testa.Conclusione il gioco l'ho pagato e nessuno ha il diritto di pensare di rompermi i maroni, in quanto come sempre quello che conta è il pensiero. C'est la vie! :)
    • ego scrive:
      Re: E quando è un MMORPG?
      Si fa come ha sempre fatto chi segue queste cose. Si sniffano i pacchetti in entrata e uscita, si spera non siano criptati, e si costruisce il server open riversando il tutto e sostituendo mysql a sql server.Il lato server non contenendo nessuna parte closed proprietaria è liberamente ridistribuibile. Al massimo viola qualche tos di validità 0
      • maxsix scrive:
        Re: E quando è un MMORPG?
        - Scritto da: ego
        Si fa come ha sempre fatto chi segue queste cose.
        Si sniffano i pacchetti in entrata e uscita, si
        spera non siano criptati, e si costruisce il
        server open riversando il tutto e sostituendo
        mysql a sql
        server.
        Il lato server non contenendo nessuna parte
        closed proprietaria è liberamente
        ridistribuibile. Al massimo viola qualche tos di
        validità
        0Dimmi, queste massa di stupidate le hai lette sull'ultimo numero di topolino?
    • prova123 scrive:
      Re: E quando è un MMORPG?
      Bisogna prima di tutto distinguere se è un MMORPG totalmente gratuito oppure no.Se è completamente gratuito (ad esempio Luna Online) in linea di principio possono spegnere i server in qualsiasi momento perchè gli utenti per il gioco hanno speso ZERO, ma comunque devono valutare per il futuro il fatto che diventerebbero agli occhi degli utenti quelli "che ti spengono all'improvviso i server".Se invece il gioco lo pago è tutta un'altra storia.
  • djechelon scrive:
    Obbligo di crack gratuito alla scadenza
    Io obbligherei i produttori di software a distribuire gratuitamente, col patrocinio di EFF, il crack per i giochi dei quali si vogliono spegnere i server, anche sotto forma di "ultimo aggiornamento prima della cessazione del supporto".Titoli come i primi Assassin's Creed meriterebbero di essere rivisitati legalmente se Ubisoft decidesse di spegnere i suoi server di autenticazione.I videogiochi sono patrimonio culturale dell'umanità, oltre ad una ricca fonte di meritato guadagno per taluni soggetti.
    • Passante scrive:
      Re: Obbligo di crack gratuito alla scadenza
      - Scritto da: djechelon
      Io obbligherei i produttori di software a
      distribuire gratuitamente, col patrocinio di EFF,
      il crack per i giochi dei quali si vogliono
      spegnere i server, anche sotto forma di "ultimo
      aggiornamento prima della cessazione del
      supporto".E se sono falliti chi paga ?
      • Fogin Laied scrive:
        Re: Obbligo di crack gratuito alla scadenza
        In quel caso si potrebbero rilasciare i sorgenti, se il gioco piace sicuramente ci saranno appassionati disposti portarlo avanti
    • fred scrive:
      Re: Obbligo di crack gratuito alla scadenza
      Avrei piacere che facessero funzionare anche i giochi attuali; avviare i giochi via Origin o via Uplay e' sempre un calvario.
      • fred scrive:
        Re: Obbligo di crack gratuito alla scadenza
        uh http://kotaku.com/ubisoft-pulls-big-games-from-steam-1655676773
        • Vattelalbic occa scrive:
          Re: Obbligo di crack gratuito alla scadenza
          - Scritto da: fred
          uh
          http://kotaku.com/ubisoft-pulls-big-games-from-stenon so dove vuoi arrivare, sono tornati il giorno stesso, la rimozione era un problema tecnico.
    • prova123 scrive:
      Re: Obbligo di crack gratuito alla scadenza
      - Scritto da: djechelon

      Titoli come i primi Assassin's Creed
      meriterebbero di essere rivisitati legalmente se
      Ubisoft decidesse di spegnere i suoi server di
      autenticazione.
      Quello che tu chiedi è giusto in quanto il gioco l'hai pagato e se non hai aspettato il prezzo "budget" lo hai pagato anche molto.Purtroppo viviamo in un mondo in cui esistono diverse monete e bisogna pagare tutti con la propria moneta.Tu chiedi correttamente di giocare legalmente ad un gioco che hai pagato ma chi te lo ha venduto alla tua richiesta ti risponde "Altrimenti ?"Se tu non hai un'alternativa non puoi fare nulla e questi con arroganza spegne i server di autenticazione. Allora con la stessa arroganza (un discorso equilibrato e democratico si basa sul principio di reciprocità) dopo aver acquistato il gioco è giusto scaricare il crack per evitare l'autenticazione.Acquistare un gioco originale e scaricare il crack relativo ha 3 effetti benefici:1. Pagare giustamente il lavoro di chi ha fatto il gioco. 2. Cautelare il proprio "acquisto" da parte di coloro che dopo aver preso il denaro ad un certo punto decidano che io non possa più giocare.3.Incentivare i crack writers a continuare la loro attività ed essere <s
      una spina nel fianco </s
      un ficodindia nelle mutande <s
      dei pezzi di merd* </s
      di quelli del punto 2.Così la domanda "Altrimenti ?" resta priva di qualsiasi senso logico.
  • Leguleio scrive:
    Il MAME
    " una nuova iniziativa in tal senso arriva anche dall'Internet Archive con il recentemente inaugurato Internet Arcade: 900 giochi arcade scelti tra i classici e meno classici delle decadi comprese tra gli anni '70 e '90, funzionanti direttamente all'interno del browser grazie alla versione JavaScript dell'emulatore MAME (JSMAME) "L'emulatore MAME per questi giochi esiste fin dagli anni Novanta, inizialemnte era per Dos; e tra l'altro, una volta tanto, è opera di italiani. ;)La novità, se ho capito bene, sarebbe che si possono utilizzare all'interno del browser, non è necessario scaricare il programma.
    • ccccerr scrive:
      Re: Il MAME
      fai il professore e non sai neanche leggere?
    • panda rossa scrive:
      Re: Il MAME
      - Scritto da: Leguleio
      " <I
      una nuova iniziativa in tal senso arriva
      anche dall'Internet Archive con il recentemente
      inaugurato Internet Arcade: 900 giochi arcade
      scelti tra i classici e meno classici delle
      decadi comprese tra gli anni '70 e '90,
      funzionanti direttamente all'interno del browser
      grazie alla versione JavaScript dell'emulatore
      MAME
      (JSMAME) </I
      "


      L'emulatore MAME per questi giochi esiste fin
      dagli anni Novanta, inizialemnte era per Dos; e
      tra l'altro, una volta tanto, è opera di
      italiani.
      ;)
      La novità, se ho capito bene, sarebbe che si
      possono utilizzare all'interno del browser, non è
      necessario scaricare il
      programma.Che contributo ritieni di aver dato con questa inutile precisazione?
      • Passante scrive:
        Re: Il MAME
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Leguleio
        Che contributo ritieni di aver dato con questa
        inutile precisazione?Lo sai che sei uno dei pochi che gli risponde ?Ma trovati un altro hobby e lascialo a parlare con gli infermieri.
        • panda rossa scrive:
          Re: Il MAME
          - Scritto da: Passante
          - Scritto da: panda rossa

          - Scritto da: Leguleio


          Che contributo ritieni di aver dato con
          questa

          inutile precisazione?

          Lo sai che sei uno dei pochi che gli risponde ?
          Ma trovati un altro hobby e lascialo a parlare
          con gli
          infermieri.Io svolgno nobile azione di volontariato.Finche' qualcuno gli risponde, il soggetto non va, vestito del solo impermeabile, ai giardinetti con le aiuole recintate riservate ai cani, ad aprire il suddetto impermeabile, al cospetto di un pitbull affamato.Lo faccio per la salvaguardia del pitbull.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Il MAME
      il Mame è dato da un italiano, vero, anche se il mame dev e molto internazionale.Comunque è un capostipide dell'emulazione dei vecchi sistemi videoludici.
    • prova123 scrive:
      Re: Il MAME
      Si hai capito bene, ma JSMAME non ha senso di esistere e deve essere boicottato perchè fa parte del progetto di portare tutto su cloud (tecnologia antidiluviana di fine anni 70). Per giocare con il MAME non c'è bisogno nè di browser tantomeno essere online. Repetita juvant.
  • panda rossa scrive:
    Abolire i DRM
    I DRM vanno aboliti.Quello che diciamo da sempre e' che i DRM sono illegali in quanto impediscono di fruire dei contenuti il giorno in cui questi diventeranno liberi per legge.I diritti hanno una scadenza (che le leggi stanno cercando di spostare sempre un paio di settimane oltre l'eternita') ma hanno una scadenza.E dopo quella scadenza il DRM deve cessare la sua funzione di blocco.Non lo fa, quindi il DRM e' illegale.E l'illegalita' va rimossa.
    • Leguleio scrive:
      Re: Abolire i DRM

      I DRM vanno aboliti.

      Quello che diciamo da sempre e' che i DRM sono
      illegali in quanto impediscono di fruire dei
      contenuti il giorno in cui questi diventeranno
      liberi per
      legge.In questo caso non si tratta di un vero e proprio DRM. Bisogna chiedere alla biblioteca del Congresso il permesso di modificare il codice, vediamo se lo daranno. Se ho ben capito, questa modifica potrà essere fatta solo su copie di giochi regolarmente acquistate.
    • bradipao scrive:
      Re: Abolire i DRM
      - Scritto da: panda rossa
      Quello che diciamo da sempre e' che i DRM sono
      illegali in quanto impediscono di fruire dei
      contenuti il giorno in cui questi diventeranno
      liberi per legge.Oserei precisare che il DRM ha la funzioni opposte a quanto dichiara:- colpisce solo chi rispetta i diritti: chi pirata le opere non è soggetto a DRM- riduce i diritti di chi li rispetta: chi compra legittimamente le opere, si trova il DRM, che ha l'effetto collatarale di ridurre i diritti che ha appena comprato, per esempio è vincolato a riprodurre l'opera solo su un dispositivo, etc- nel lungo termine distrugge il valore delle opere: perchè i DRM tendono a rendere l'opera non fruibile nel futuro, per incompatibilità varie e intrasportabilità, il che riduce il valore percepito dell'opera e disincentiva il consumatore a comprarne.
      I DRM vanno aboliti.Abolirli vorrebbe dire premiare i consumatori onesti, cosa che NON interessa minimamente ai money-collector.
      • rockroll scrive:
        Re: Abolire i DRM
        - Scritto da: bradipao
        - Scritto da: panda rossa

        Quello che diciamo da sempre e' che i DRM sono

        illegali in quanto impediscono di fruire dei

        contenuti il giorno in cui questi diventeranno

        liberi per legge.

        Oserei precisare che il DRM ha la funzioni
        opposte a quanto
        dichiara:
        - colpisce solo chi rispetta i diritti: chi
        pirata le opere non è soggetto a
        DRM
        - riduce i diritti di chi li rispetta: chi compra
        legittimamente le opere, si trova il DRM, che ha
        l'effetto collatarale di ridurre i diritti che ha
        appena comprato, per esempio è vincolato a
        riprodurre l'opera solo su un dispositivo,
        etc
        - nel lungo termine distrugge il valore delle
        opere: perchè i DRM tendono a rendere l'opera non
        fruibile nel futuro, per incompatibilità varie e
        intrasportabilità, il che riduce il valore
        percepito dell'opera e disincentiva il
        consumatore a
        comprarne.



        I DRM vanno aboliti.

        Abolirli vorrebbe dire premiare i consumatori
        onesti, cosa che NON interessa minimamente ai
        money-collector.Quoto, e vado oltre: un prodotto che si decide di non commercializzare, DEVE diventare di dominio pubblico!Perchè M$ non rilascia i sorgenti di XP? se vuole conservare i suoi segreti industriali (di Pulcinella) non ha che da continuare a commerciarlo!
Chiudi i commenti