Wolfram e i documenti senzienti

Wolfram Research annuncia la disponibilità di un nuovo formato di documenti capaci di "prendere vita". L'obiettivo ora è coinvolgere sviluppatori e diffondere l'adozione del nuovo standard

Roma – Dopo aver donato al mondo Wolfram Alpha , il primo (autocelebrato) engine di conoscenza computazionale venduto al saldo sull’app store di Cupertino, Wolfram Research dice di voler trasformare i banali “documenti privi di vita” in qualcosa di interattivo e capace di fare molto di più che trasportare dati in formato binario.

La novità di Wolfram Research si chiama Computable Document Format (CDF), un formato di documenti che porta con sé la capacità di trasformare i suddetti in applicazioni interattive – posto che si abbia il “lettore” software adeguato, naturalmente.

Conrad Wolfram, direttore strategico della società e fratello del più famoso Stephen creatore del software Mathematica , parla di progetti CDF attraverso cui sarà possibile dare vita ai dati, illustrare concetti ed eseguire operazioni su database.

La tecnologia dietro CDF non è ancora pronta per fare il suo debutto come sistema aperto all’utilizzo quotidiano, nondimeno Wolfram dice di essere arrivata al punto da poter rendere pubblico il suo lavoro su quello che si vorrebbe diventasse uno standard “pubblico”.

L’obiettivo, ammette candidamente la società statunitense, è quello di coinvolgere sviluppatori per portare la tecnologia CDF a maturazione sufficiente per dare il La a un nuovo (e tutt’ora ignoto) modello di business. I publisher di contenuti, dice Wolfram, si sono già dimostrati parecchio interessati.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • nessuno scrive:
    Chi troppo vuole
    Avevo letto che prima del fallimento della Sun Google avesse rifiutato un accordo di collaborazione con Sun per molto, ma molto, meno.Anche un accordo extragiudiziale a Google gli costerá non poco.Mi sa che stanno iniziando a pentirsi di quel rifiuto.
    • massimo scrive:
      Re: Chi troppo vuole
      Un accordo per utilizzare un prodotto sotto GPL? (newbie)
      • nessuno scrive:
        Re: Chi troppo vuole
        - Scritto da: massimo
        Un accordo per utilizzare un prodotto sotto GPL?
        (newbie)La questione delle licenze per Java é complessa. Quello che sta in OpenJDK é GPL mentre alcune librerie di Hotspot no.Poi la Sun aveva esplicitamente dichiarato di voler mantenere le licenze per la parte mobile.
  • Al3xI98O scrive:
    Per ogni Android daremo soldi...
    a Google, a Microsoft, a Oracle... a Apple proprio niente??Al3x
    • bertuccia scrive:
      Re: Per ogni Android daremo soldi...
      - Scritto da: Al3xI98O

      a Google, a Microsoft, a Oracle...
      a Apple proprio niente??infinite ore di intrattenimento gratuito :D
      • hermanhesse scrive:
        Re: Per ogni Android daremo soldi...
        Eh eh eh eh.... non l'ho capita, ma di sicuro trollavi vero?
      • Darwin scrive:
        Re: Per ogni Android daremo soldi...
        - Scritto da: bertuccia
        infinite ore di intrattenimento gratuito :DIl perdere il mercato degli smartphone per voi è un godimento?Ah no...è vero. Voi siete abituati alle basse percentuali. Siete nicchia-oriented.
    • nessuno scrive:
      Re: Per ogni Android daremo soldi...
      - Scritto da: Al3xI98O
      a Google, a Microsoft, a Oracle... a Apple
      proprio
      niente??

      Al3xTi sei forse perso le vicende della causa intentata da Apple contro HTC ?
  • IlTester scrive:
    Cioè praticamente...
    ...anche i giudici gli stanno dicendo di non dire str0nz4t3.
  • bubba scrive:
    Oracle deve #%@!
    Certo che comprare una compagnia (sun) solo per scatenare cause legali per sfruttare biecamente l'IP posseduto, e' vergognoso.Cmq il buon(?) schwartz aveva copiato tutto nel suo blog personalehttp://jonathanischwartz.wordpress.com/2007/11/05/congratulations-google-red-hat-and-the-java-community/
    • harvey scrive:
      Re: Oracle deve #%@!
      - Scritto da: bubba
      Certo che comprare una compagnia (sun) solo per
      scatenare cause legali per sfruttare biecamente
      l'IP posseduto, e'
      vergognoso.Ma anche google a utilizzare una macchina virtuale java per android e' stata proprio stupida....Se si sviluppava tutto in un codice open ci guadagnava molto e soprattutto non stava dietro a sanguisughe come la sun
      • bubba scrive:
        Re: Oracle deve #%@!
        - Scritto da: harvey
        - Scritto da: bubba

        Certo che comprare una compagnia (sun) solo
        per

        scatenare cause legali per sfruttare
        biecamente

        l'IP posseduto, e'

        vergognoso.

        Ma anche google a utilizzare una macchina
        virtuale java per android e' stata proprio
        stupida....

        Se si sviluppava tutto in un codice open ci
        guadagnava molto e soprattutto non stava dietro a
        sanguisughe come la
        sunCosa ti sfugge di "The original and reference implementation Java compilers, virtual machines, and class libraries were developed by Sun from 1995. As of May 2007, in compliance with the specifications of the Java Community Process, <b
        Sun relicensed most of its Java technologies under the GNU General Public License </b
        . Others have also developed alternative implementations of these Sun technologies, such as the GNU Compiler for Java, GNU Classpath, (and Dalvik.)" ?
      • Sunnita scrive:
        Re: Oracle deve #%@!

        e soprattutto non stava dietro a sanguisughe come la sunda cosa derivi questa definizione: quali eventi ti portano a definire Sun sanguisughe?
        • Legione scrive:
          Re: Oracle deve #%@!
          - Scritto da: Sunnita

          e soprattutto non stava dietro a sanguisughe
          come la
          sun

          da cosa derivi questa definizione: quali eventi
          ti portano a definire Sun
          sanguisughe?Hai ragione non sanguisuga, ma sunguisuga ...
Chiudi i commenti