Woody Allen vs Amazon: pace fatta, rapporto chiuso

Si conclude con un accordo (i termini non sono stati resi noti) la battaglia legale tra Woody Allen e Amazon Studios per i film mai realizzati.
Si conclude con un accordo (i termini non sono stati resi noti) la battaglia legale tra Woody Allen e Amazon Studios per i film mai realizzati.

Si è conclusa con una stretta di mano la causa legale intentata da Woody Allen nei confronti di Amazon per non aver rispettato un contratto da 68 milioni di dollari, siglato nel 2015, che prevedeva la realizzazione di quattro lungometraggi. La società di Jeff Bezos ha deciso di tirarsi indietro dopo che in concomitanza con l’esplosione della campagna #MeToo sono nuovamente tornate in auge le accuse di stupro mosse da Dylan Farrow nei confronti del padre.

Woody Allen e Amazon hanno fatto pace

Denunce etichettate dallo stesso Allen come “vecchie di 25 anni” e “senza fondamento”. Per Amazon però il danno è stato fatto, con inevitabili conseguenze. Non sono dati a sapere gli eventuali termini economici dell’accordo firmato nei giorni scorsi. Nell’immagine di apertura un fotogramma da “Crisi in sei scene”, mini-serie realizzata proprio dal regista per Prime Video nel 2016.

Tra le pellicole interessate dal contratto anche “Un giorno di pioggia a New York” (“A Rainy Day in New York”) con Timothée Chalamet, Elle Fanning, Selena Gomez, Jude Law, Diego Luna e Liev Schreiber. Il film arriverà nelle sale nonostante il dietrofront di Amazon. Qui sopra il trailer.

Fonte: Variety
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti