Xbox 360 è (quasi) nuda

la nuova console di Microsoft, il cui debutto è previsto per la fine dell'anno, mostra finalmente la sua reale fisionomia e la dotazione tecnologica ufficiale, inclusi i due chipponi che macineranno istruzioni e poligoni

Roma – Verso la fine della scorsa settimana Microsoft ha annunciato ufficialmente al mondo Xbox 360, erede di quel (x)box tutto nero che, nel novembre del 2001, ha visto il debutto del big di Redmond nel settore delle console da gioco.

In occasione dell’annuncio, dato attraverso la nota emittente televisiva MTV, Microsoft ha anche rivelato le specifiche tecniche del suo nuovo pargolo, il cui elenco è stato pubblicato qui da HighScore.it.

In termini di hardware, le differenze tra l’Xbox di prima e seconda generazione sono abissali: mentre la prima è di fatto un PC “addomesticato”, e ha per cuore un processore Pentium 3 a 733 MHz, la seconda adotta un’architettura ad hoc completamente nuova e un processore PowerPC a 3,2 GHz: quest’ultimo chip, progettato specificamente da IBM per la console di Microsoft, integra 3 core simmetrici capaci, ciascuno, di elaborare due thread per ciclo di clock.

Xbox 360 Il divario tecnologico che caratterizza le due console si riflette in modo diretto sulle relative performance teoriche: mentre Xbox è accreditata di una capacità di calcolo pari a 80 gigaflops, ossia 80 miliardi di operazioni in virgola mobile al secondo, Microsoft afferma che Xbox 360 è capace di sgranocchiare 1 teraflops, pari a un migliaio di gigaflops. Tale potenza di calcolo rende di fatto Xbox 360 un supercomputer in miniatura: basti pensare, infatti, che nell’attuale classifica Top500 il centesimo sistema più veloce al mondo fornisce 2 teraflops.

Il processore tricore di Xbox 360 non solo verrà sfruttato per migliorare l’intelligenza artificiale e la complessità della simulazione nei giochi, ma aprirà anche la strada alla possibilità di svolgere contemporaneamente più azioni, come giocare, ascoltare musica, vedere un video o la TV in una finestra, acquisire il video da un cam e navigare sul Web.

Per quanto riguarda la sezione grafica, in Xbox 360 è affidata ad una GPU di ATI da 500 MHz capace di raggiungere una prestazione teorica di mezzo miliardo di triangoli al secondo: per confronto, il GeForce 3 di Nvidia che equipaggia Xbox ne macina, al massimo, 125 milioni. La potenza bruta dei due chip da sola non è sufficiente a definire l’ampiezza del salto che ci sarà nella qualità grafica dei giochi, basti tuttavia sapere che le 48 pipeline ibride vertex/pixer shader del chippone grafico di Xbox 360 dovrebbero fornire, almeno sulla carta, qualche cavallo in più anche rispetto alla Radeon X850, l’attuale e più potente GPU di ATI per personal computer.

Nella nuova Xbox la memoria RAM è di tipo unificato, ossia condivisa tra CPU e GPU, e ammonta a 512 MB di GDDR3 a 700 MHz. L’ampiezza di banda del bus dati è di 22,4 GB/s, quello della memoria di 256 GB/s e quello del front-side bus di 21,6 GB/s.

Xbox 360 sarà la prima console da gioco a supportare il video ad alta definizione, anche nei giochi, con supporto al formato 16:9 e alle risoluzioni di 720 linee e 1.080 linee interlacciate. Sotto il profilo dell’audio le specifiche parlano invece di 320 canali di decompressione indipendenti e supporto a oltre 256 canali: la qualità rimane di 48 KHz e 16 bit.

La futura console di Microsoft conterrà un hard disk da 20 GB e un lettore di DVD-ROM: alcuni ipotizzano che la versione finale potrebbe montare un’unità compatibile con lo standard HD DVD, maggiormente in grado di rivaleggiare con il drive Blu-ray di cui sarà dotata la PlayStation 3 di Sony. A tal proposito c’è tuttavia da considerare che un lettore HD DVD potrebbe risultare ancora troppo costoso per essere integrato in un prodotto, come una console da gioco, dedicato al mercato di massa.

Per il resto Xbox 360 erediterà alcune delle caratteristiche oggi incluse in Windows XP Media Center Edition, e sarà in grado di collegarsi a player MP3, fotocamere digitali e PC, rippare le tracce audio su hard disk e organizzarle in playlist, pilotare access point wireless e telecamere. Un’altra novità sarà data dal game pad, che pur conservando la stessa foggia dell’attuale Controller-S, sarà senza fili.

Sul sito ufficiale di Xbox Microsoft ha pubblicato una presentazione virtuale della sua nuova console e un primo elenco dei titoli che saranno disponibili al momento della sua uscita sul mercato, previsto per la fine dell’anno.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • tony2005 scrive:
    Il Voip anche per le P. a e i comuni
    Sto usando il voip e funziona benissimo e le tariffe sono assai competitive, metà di prima. Uso il mio telefono normale e la qualità è ottima, a differenza di SKIpe non serve avere il Pc acceso e quando qualcuno mi chiama al vecchio numero, il mio telefono risponde come prima.Leggendo l'articolo sembra che le P.A. come i comuni, ancora non possono sfruttare qesta teconologia, anche se hanno la banda larga che permetterebbe loro di ridurre i costi telefonici che, dalla mia esperienza di amministratore locale, incidono molto. E' proprio così?
  • Anonimo scrive:
    Assegnate i numeri come per i dominii!!
    Credo che un punto di partenza importante sarebbe quello di gestire i numeri telefonici come si fa per i dominii internet:: fino a quando non ci sarà un'entità esterna indipendente, con regole chiare, con un database pubblico a cui chiedere a chi è stato assegnato un numero e quale operatore lo sta gestendo, non ne usciremo MAI.Adesso grazie al sistema PITAGORA, i gestori giocano allo scarica barile e l'utente non può vedere cosa succede ai suoi numeri. La conseguenza è che di fatto il mercato si ingessa perchè sempre meno persone vorranno rischiare di passare un numero da un gestore all'altro per paura di perdere i vari servizi....Purtroppo anche in questo settore stiamo perdendo un sacco di terreno, mentre molti altri paesi UE corrono: all'estero con 30Euro all'anno potrei avere un numero di telefono. Se avete un account Skype andate allo store e fate avviate l'aquisto di un numero Skype-In; sono già disponibili da tempo in Francia e UK, da poco anche nei paesi scandinavi e persino in Polonia!!!E noi siamo qui a discutere con le varie lobby degli OLO, operatori, gestori, ISP, tronchi dell'infelicità e altri personaggi loschi che invece di sviluppare un mercato in espansione pretendono di bloccarlo inserendo i soliti lacci e lacciuoli.Che tristezza...Il GARANTE, dovrebbe garantire al massimo la concorrenza e il libero mercato!!!
  • Anonimo scrive:
    intercetteranno anche skype?
    mi risulta che utilizzi crittografia forte. Dovranno renderla più debole per fare contento il garante?
    • Anonimo scrive:
      Re: intercetteranno anche skype?
      "Tutto quello che non capisco o non posso intercettare è illegale"Vi piace la massima? L'ho inventata io, ma credo che stia già nei pensieri di molti di quelli seduti lassù molto in alto... uhhh come sono in altro... che tempo fa lassù??CiauzIngenuo 2001
  • Anonimo scrive:
    tiscali_rivoluzione_servizio_voip?
    Cosa ne pensate del nuovissimo servizio "Tiscali Voce"?http://tecnologia.tiscali.it/telefonia/articoli/maggio/tiscali_rivoluzione_servizio_voip.html
    • Anonimo scrive:
      Re: tiscali_rivoluzione_servizio_voip?
      - Scritto da: SturmTruppen
      Cosa ne pensate del nuovissimo servizio "Tiscali
      Voce"?
      http://tecnologia.tiscali.it/telefonia/articoli/maAspetta almeno che esca l'offerta !Io comunque con l'ADSL Tiscali ho usato Netphone e funziona discretamente (ed è gratis anche verso tutti i numeri geografici di rete fissa, non solo tra PC).:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: tiscali_rivoluzione_servizio_voip?
      Se ho ben capito c'è una piccola gabola: l'Adsl costa 19,95, ma è obbligatorio (perlomeno io non sono riuscito deslezionare l'opzione) il noleggio del modem/voip, a botte di 5 euro al mese. Quindi i prezzi effettivi partono da 25 euro al mese o giù di lì.
  • vegetus scrive:
    Ma che vuol dire?
    "Resta inteso che, nelle intenzioni del Garante, le nuove regole non si applicheranno agli operatori che fanno un VoIP semplice, senza numeri di telefono assegnati, e che permettono di chiamare solo via computer."Ma che fa differenza se si usa un softphone invece di un ATA? Se cosi' fosse, avrebbero veramente dei "pezzi di m...." al posto dei neuroni!
    • giu scrive:
      Re: Ma che vuol dire?
      - Scritto da: vegetus
      "Resta inteso che, nelle intenzioni del Garante,
      le nuove regole non si applicheranno agli
      operatori che fanno un VoIP semplice, senza
      numeri di telefono assegnati, e che permettono di
      chiamare solo via computer."

      Ma che fa differenza se si usa un softphone
      invece di un ATA? Se cosi' fosse, avrebbero
      veramente dei "pezzi di m...." al posto dei
      neuroni!Significa che non viene considerato un gestore telefonico voip che fornisce solamente il servizio di "centralino SIP", senza la presenza di un gateway che consenta l'intrconnessione con la rete telefonica.Il che e` ovvio se si conosce il funzionamento del protocollo SIP, il quale gestisce solamente la "segnalazione" (ovvero tiene e distribuisce il db che contiene i dati relativi agli utenti (indirizzo IP, porte, codec, ...). Quando tu esegui una chiamata con SIP, il centralino restituisce al tuo softphone (o ATA) solamente l'IP e i dati della persona con cui vuoi parlare. Il traffico effettivo avviene poi direttamente fra i due apparati mediante una connessione diretta. Per questo motivo sarebbe assurdo richiedere ad esempio l'intercettazione delle telefonate, in quanto semplicemente non passano per il centralino.Al contrario se il gestore oltre al centralino SIP fornisce anche un gateway di connessione con la rete telefonica, allora questo diventa uno dei due interlocutori nella telefonata voip e ha senso richiedere l'intercettazione.Giuseppe
  • Anonimo scrive:
    stesso problema con isdn
    altro che voip, io ho lo stesso problema (la portabilità del numero) con i numeri aggiuntivi dell' isdn...in sostanza cambierei volentieri operatore ma a costo di perdere i numeri aggiuntivi perche' telecom e' obbligata a darti la portabilità solo sul numero principale...possibile che non si possa fare niente al riguardo?
  • Anonimo scrive:
    Della serie " E io pago!"...............
    Aka " Ma facciamoci del male serio!"
Chiudi i commenti