Yahoo Gruppi al capolinea (RIP, 2001-2019)

Online da quasi vent'anni, Yahoo Gruppi si appresta alla chiusura, almeno nella forma conosciuta fino ad oggi: queste le date degli stop in programma.
Online da quasi vent'anni, Yahoo Gruppi si appresta alla chiusura, almeno nella forma conosciuta fino ad oggi: queste le date degli stop in programma.

Un altro pezzo di storia della grande Rete sta per scomparire: annunciata in via ufficiale la parziale chiusura di Yahoo Gruppi. Il portale è stato lanciato nel 2001 con un obiettivo chiaro e preciso, fornire agli utenti un punto di incontro all’interno del quale intavolare discussioni su argomenti di qualsiasi natura. Uno strumento posto nelle mani delle community online con alcune caratteristiche che ne hanno spinto la crescita a partire dall’integrazione con i servizi di posta elettronica, a metà strada tra forum e mailing list.

Yahoo annuncia la (parziale) chiusura di Gruppi

Nell’ultimo decennio, complice anche il progressivo spostamento dell’attenzione verso i social network, il servizio ha risentito di un importante calo d’interesse. Ciò nonostante, uno zoccolo duro di fedeli non l’ha mai abbandonato. Non sembra comunque essere sufficiente a giustificare il suo mantenimento, almeno nella forma attuale, tanto che Yahoo oggi ne annuncia un parziale addio ormai imminente. Entro la fine del mese prossimo gli iscritti non saranno più in grado di pubblicare nuovi contenuti e l’intero archivio di quelli condivisi scomparirà inghiottito da un enorme buco nero in dicembre. È quanto rende noto un comunicato ufficiale.

Yahoo ha deciso che non permetterà più agli utenti di aggiungere contenuti al sito Yahoo Gruppi. A partire dal 28 ottobre non sarete più in grado di caricare alcun contenuto sul sito e il 14 dicembre tutti i contenuti postati in precedenza sul sito saranno eliminati in modo permanente. Avrete tempo fino a quella data per salvare tutto quanto caricato.

Per scaricare quanto pubblicato è possibile far riferimento entro tale data alla Privacy Dashboard di Yahoo. La pagina del supporto specifica in ogni caso che il sito rimarrà online, ma al tempo stesso tutti i gruppi pubblici saranno resi privati o “limitati”. L’aggiunta di nuovi membri dovrà necessariamente passare dall’approvazione o dall’invito di un amministratore e l’interazione potrà ancora avvenire tramite email. Non sarà più possibile aggiungere documenti, immagini, link, allegati e così via.

Fonte: Yahoo
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti