Yahoo!, il quarto non ride

Risultati trimestrali sottotono per il colosso telematico: molti segni meno, qualche punto di incoraggiamento e calma piatta su tutto il fronte occidentale. Cresceremo, promette il CEO Carol Bartz

Roma – Yahoo! ha pubblicato i risultati finanziari riguardanti il secondo trimestre dell’anno, e le reazioni del mondo finanziario non sono certo state entusiastiche. Sunnyvale fa registrare il segno più davanti ai margini azionari e ai ricavi netti ma delude per i guadagni complessivi e l’advertising (con)testuale. Forte crescita dell’advertising grafico che lascia ben sperare per il futuro .

Nel complesso per Yahoo! si è trattato di un trimestre essenziale , con il valore delle azioni fissato a 0,15 dollari contro i 0,14 previsti dagli analisti. I ricavi sono cresciuti del 2% (1,6 miliardi di dollari contro gli 1,64 miliardi attesi dagli analisti), segno di crescita sostanzialmente piatta.

Le entrate operative sono cresciute dai 76 milioni del secondo quarto del 2009 ai 175 milioni dell’anno 2010, merito soprattutto della cura da cavallo imposta dal nuovo CEO Carol Bartz con ristrutturazioni, riassestamenti e licenziamenti a tutto spiano.

Yahoo! fa segnare crescita piatta ma Bartz dice di essere comunque soddisfatta dei risultati positivi – in particolare per le entrate operative e il leggero aumento nel valore delle azioni. La vera sorpresa del trimestre è la crescita a doppia cifra dell’advertising grafico (+19%), mentre l’advertising testuale è giù di un 8%.

Risultati finanziari a parte, per Yahoo! comincia la fase di sperimentazione della fusione con il motore di ricerca Bing , frutto dello storico accordo con Microsoft dello scorso luglio. I test preliminari prevedono un 25% di ricerche web su Yahoo! ” powered by Bing “, mentre l’advertising veicolato da Redmond è ancora fermo al 3,5%.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • digital scrive:
    Però!
    Considerando che gli USA sono immensi e che hanno zone desertiche è un buon risultato il 90% del territorio.E noi?Grandi un decimo e con molti più utenti che non possono avere una banda decente.....
Chiudi i commenti