YouTube: il futuro sono i banner sui film

MGM ruggirà nei player del portalone con film d'annata e seminuovi. I dirigenti dello studio sperimentano con i film bannerizzati su YouTube, ma continuano a preferire piattaforme controllate come Hulu

Roma – Non solo video scaturiti dalla creatività degli utenti, non solo stralci di scene memorabili di film ritagliati e postati dai netizen: YouTube ospiterà film completi, senza interruzioni, conditi dalla pubblicità. A metterli a disposizione sarà Metro Goldwin Mayer .

I magnifici sette Il pubblico statunitense si potrà godere su YouTube i giovani Steve McQueen e Charles Bronson in I magnifici sette , i netizen potranno intrattenersi con gli scazzottamenti di Bulletproof Monk o con l’ironia di Legally Blonde . I rumor circolati nei giorni scorsi sono stati confermati dai dirigenti MGM: YouTube sarà terreno di sperimentazione e di promozione , vi si pubblicherà qualche manciata di film per sviluppare nei netizen l’interesse per le altre forme di distribuzione video su cui conta MGM, la partnership sarà utilizzata da MGM per controllare l’impatto del fair use e per ragionare sulle possibilità offerte dall’operato degli utenti.

I vertici di MGM ammettono però che YouTube non sarà il canale predestinato per disseminare i contenuti di sua proprietà in rete: i film d’azione che verranno dati in pasto agli utenti di YouTube, spiega il co-presidente dello studio Jim Packer, saranno un modo per condire l’offerta più strutturata di questa categoria di prodotti distribuita sul canale on demand Impact , trasmesso da Comcast. Se YouTube sarà impugnato da MGM con cautela e come un veicolo promozionale, la casa di produzione non rinuncerà a mettere a frutto i suoi contenuti: ancora si sta negoziando riguardo a formati e percentuali, ma è certo che i film verranno affiancati dalla pubblicità .

L’accordo negoziato da MGM accoglie la proposta formulata da YouTube nei giorni scorsi: è possibile che la pubblicità venga iniettata anche nei video postati dagli utenti , stralci di opere di cui MGM detiene i diritti. Se Viacom non ha rinunciato a pretendere da Mountain View un miliardo di dollari per essere compensata dalle violazioni commesse dagli utenti, sostenendo che il sistema antipirateria di YouTube non sia in grado di scongiurarle, MGM ha invece deciso di affidarsi alla tecnologia Video ID . YouTube si fa carico del compito di identificare i file postati in violazione dei diritti di MGM, entrambe le aziende si interrogheranno sulla possibilità di mettere a frutto l’esercizio del diritto al fair use da parte dei netizen: invece di chiedere la rimozione dei contenuti condivisi dagli utenti, MGM potrebbe ad esempio scegliere di circondarli di link che spingano l’utente all’acquisto dei prodotti, sulla falsariga di quanto ha scelto di fare EMI con le clip a sfondo musicale.

Sono in molti a sottolineare come l’offerta di MGM sia poco allettante, gli stessi dirigenti MGM ammettono di preferire piattaforme più governabili come Hulu : “Avremo qualche video di lunga durata su YouTube – spiega Packer – ma non credo che sia una piattaforma su cui poter caricare 30 o 40 video alla volta”. Sono altresì in molti coloro che inquadrano l’accordo con MGM nel più vasta tendenza di un’industria dei contenuti disposta a sperimentare schiudendosi alla distribuzione in rete: se la canadese Lionsgate ha timidamente iniziato a dispensare anteprime e trailer, CBS ha annunciato di voler sperimentare su YouTube sfondando la barriera dei 10 minuti e postando episodi completi di telefilm. I dirigenti di YouTube accennano al fatto che ci sarebbero delle negoziazioni in corso anche con Time Warner e con Sony: “Crediamo in un offerta la più completa possibile, e vogliamo stringere accordi con tutti – ha annunciato Jordan Hoffner, che presidia alle negoziazioni di YouTube – vogliamo essere in grado di offrire ai nostri utenti più contenuti possibile”.

Gaia Bottà

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paolo del bene scrive:
    GNOME FOUNDATION
    FORSE NON AVETE CAPITO CHE GNOME FA CAPO AL PROGETTO GNU, QUINDI DIOPENSOURCE NON C'E' NEMMENO 1 RIGA CODICE OPENSOURCE, E' INTERAMENTE SOFTWARE LIBERO OVVERO RILASCIATO SECONDO LA GNU GENERAL PUBLIC LICENSE, MA QUANTE VOLTE SARA' NECESSARIO FARVI CAPIRE LA DIFFERENZA FRA OPENSOURCE E SOFTWARE LIBERO ?UN'ALTRA COSA, MI SEMBRA UNO SFOTTO' PARLARE DI SOFTWARE LIBERO SUUN SITO INTERAMENTE IMOAGINATO CON SOFTWARE DI MAMMA MICROSOFT, CONSERVERS DI MAMMA MICROSOFT, VI SCIACQUATE LA BOCCA CON IL SOFTWARELIBERO FACENDOCI BUSINESS PER OGNI PERSONA CHE LASCIA IL SUO COMMENTO SUL SITO VOSTRO, COSI' COME TANTI ALTRI, MA LA COSA PEGGIORE E' CHE OLTRE A PARLARE DI SOFTWARE LIBERO SU UN SITO FATTO CON SOFTWARE NON LIBERO ED OSPITATO SU SERVERS CHE SONO SOFTWARE NON LIBERO COME SPONSOR AVETE LA MICROSOFT E SOTTO ALL'ARTICOLO DI GNOME AVETE MESSO UN FILMATO DI MICROSOFT.VOLETE PARLARE DI SOFTWARE LIBERO ? LEVATE FLASH, LEVATE L'IMPAGINAZIONE CON SOFTWARE NON LIBERO, CAMBIATE SERVERS E METTETECI GNU/linux E DOPO AVRETE DIRITTO A PARLARE DI SOFTWARE LIBERO, NON SI PUO' PARLARE DI SOFTWARE LIBERO E SI FINANZIA E SI VIENE FINANZIATI DA MICROSOFT PER IL SOFTWARE CHE RIUSCITE A FARVENDERE, PERCHE' ANCHE SE NON VI OCCUPATE DI VENDITA, UNO DEI VOSTRI FILMATI BASATO SULLA CAMPAGNA DI VISUAL STUDIO, INVITAVA LE PERSONE AD ACQUISTARE SOFTWARE NON LIBERO.MI SEMBRA DA PERSONA INCOERENTI E POCO RISPETTOSE VERSO CHI ILSOFTWARE LIBERO, LO USA QUOTIDIANAMENTE E CI FA ANCHE LE CONFERENZE
  • zzz scrive:
    Android al tappeto !!!
    ... lucchettatemi se avete il coraggio.
  • Infatti scrive:
    Ma guarda...
    "Nel comitato consultivo di GNOME, Google e Motorola si affiancano a Canonical, Debian, Free Software Foundation, Intel, Nokia, HP, Red Hat, Novell e Sun."L'open source non interessa proprio a nessuno!!Ma cosa volete che ne capiscano aziende come HP, Intel, Sun.... ;)
    • anonimo scrive:
      Re: Ma guarda...
      Advisory board member companies pay an annual fee which helps finance the operations of the GNOME foundation. There are two levels for commerical companies. * Small company: 1-49 employees. $5,000 / year * Medium and large company: 50 or more employees. $10,000 / yearOgni anno raccolgono quattro soldi da queste grandi aziende che servono solo per organizzare attività di marketing e promozione.
      • Olmo scrive:
        Re: Ma guarda...
        - Scritto da: anonimo
        Advisory board member companies pay an annual fee
        which helps finance the operations of the GNOME
        foundation. There are two levels for commerical
        companies.

        * Small company: 1-49 employees. $5,000 / year
        * Medium and large company: 50 or more
        employees. $10,000 /
        yearSono sempre 190.000 $ all'anno che arrivano gratis...
        • Olmo scrive:
          Re: Ma guarda...
          In ogni modo, qui trovi i loro conti, nero su biancohttp://foundation.gnome.org/finance/gnome-foundation-fiscal-year-04-and-03.pdf
          • anonimo scrive:
            Re: Ma guarda...
            - Scritto da: Olmo
            In ogni modo, qui trovi i loro conti, nero su
            bianco

            http://foundation.gnome.org/finance/gnome-foundatiInfatti è come dicevo io. Alla fine i soldi vengono pagati per lo stipendio di Stormy Peters, il marketing, i viaggi, il telefono, le spese bancarie e altre spese varie. Vedo solo 2500 dollari per Gimp.
          • anonimo scrive:
            Re: Ma guarda...
            - Scritto da: anonimo
            Alla fine i soldi
            vengono pagativolevo dire spesi
          • Olmo scrive:
            Re: Ma guarda...

            Infatti è come dicevo io. Alla fine i soldi
            vengono pagati per lo stipendio di Stormy Peters,
            il marketing, i viaggi, il telefono, le spese
            bancarie e altre spese varie.

            Vedo solo 2500 dollari per Gimp.yep. Cioè, gli stipendi, grossomodo...
          • anonimo scrive:
            Re: Ma guarda...
            - Scritto da: Olmo

            Infatti è come dicevo io. Alla fine i soldi

            vengono pagati per lo stipendio di Stormy
            Peters,

            il marketing, i viaggi, il telefono, le spese

            bancarie e altre spese varie.



            Vedo solo 2500 dollari per Gimp.


            yep. Cioè, gli stipendi, grossomodo...A parte Stormy Peters ci sono altre persone che ricevono uno stipendio?Cmq non dico che sia male che non prendano milioni di dollari, d'altro canto è una fondazione senza fini di lucro. Però era tanto per chiarire, perché alcuni vedono tutti quei nomi di aziende multimiliardarie e pensano chissà quale supporto finanziario e tecnico forniscano.Per chi non lo sapesse, tra le note positive, se uno vuole andare al Guadec (quest'anno è in Spagna) e paga la quota associativa alla Gnome Foundation, può usufruire del supporto della fondazione per il viaggio e l'alloggio. Probabilmente dovrà dividere la stanza con gente che indossa sandali e ha la coda di cavallo.
          • Infatti scrive:
            Re: Ma guarda...
            Dedvo dire che il tuo ultimo commento e alle soglie del razzismo....Non vali un cazzo!La tua frase" Ogni anno raccolgono quattro soldi da queste grandi aziende che servono solo per organizzare attività di marketing e promozione."denota un forte deficit mentale, con il quale speri di riuscire a parlare di cose che sono più grandi di te.Vai a nasconderti buffone!E adesso censuratemi! Questi buffoni che sparano a zero su tutto hanno rotto le palle!!4 soldi...ma vai a prenderlo in quel posto!!
    • amedeo scrive:
      Re: Ma guarda...
      Sono degli stolti che non danno retta a Ballmer ! Eppure lui ha ben spiegato ultimamente come quello sia un modello di business destinato a scomparire. Google poi risulta recidiva dato che gia' con Android ha solo sprecato risorse, per non parlare di Shuttleworth che si ostina a finanziare un'attivita' in perdita quale lo sviluppo di Ubuntu ! :D
      • alobama scrive:
        Re: Ma guarda...
        - Scritto da: amedeo
        Sono degli stolti che non danno retta a Ballmer !
        Eppure lui ha ben spiegato ultimamente come
        quello sia un modello di business destinato a
        scomparire. Google poi risulta recidiva dato che
        gia' con Android ha solo sprecato risorse, per
        non parlare di Shuttleworth che si ostina a
        finanziare un'attivita' in perdita quale lo
        sviluppo di Ubuntu !
        :Dma vai a pigiare l'olio con il cazzo
    • Giambo scrive:
      Re: Ma guarda...
      - Scritto da: Infatti
      "Nel comitato consultivo di GNOME, Google e
      Motorola si affiancano a Canonical, Debian, Free
      Software Foundation, Intel, Nokia, HP, Red Hat,
      Novell e
      Sun."Nokia ? Nokia ... Nokia ha acquistato la Trolltech e ha portato le QT su Symbian ... Nokia vende pure telefonini con Linux come OS. Nokia fa parte del consorzio Android ?Nokia fa tutto :) !
  • Opensurs scrive:
    errore: "Google Mobile"
    errore nel testo della notizia ;)
Chiudi i commenti