Zuckerberg: abbiamo sbagliato, rimedieremo

Le condizioni di utilizzo del social network verranno riviste e semplificate. Per garantire la privacy di tutti. Il fondatore e CEO interviene per tentare di arginare le polemiche

Roma – “Abbiamo commesso degli errori”: così il CEO di Facebook, Mark Zuckerberg, ha riassunto gli ultimi mesi del social network in blu, su cui sono piovute addosso critiche da più parti a causa della gestione della privacy degli utenti, secondo molti non sempre tutelati a dovere. Ora l’ex studente di Harvard ha confermato la propria volontà di mettere ordine sulla piattaforma da lui creata nel 2004, per riguadagnarsi la fiducia dei netizen.

In uno scambio di mail con Robert Scoble, techican evangelist statunitense, Zuckerberg ha ammesso i suoi errori sottolineando che la volontà sua e dei suoi colleghi era e rimane quella di creare un prodotto sempre migliore: “Spero che la gente capisca che abbiamo agito con le migliori intenzioni – ha scritto – e che teniamo molto ai feedback degli utenti”. L’ultima frase in particolare è volta a spazzare via le voci secondo cui i commenti negativi agli annunci dello staff di Facebook venissero accuratamente cancellati in modo da mostrare una situazione di generale consenso.

Nonostante le peripezie sono ancora in molti a sostenere che l’approccio innovativo di Facebook sia quello giusto, dettato dall’implementazione frenetica di nuove feature da regolare successivamente secondo quello che si ritiene essere il giudizio della community. Uno di questi è Steve Ballmer che ha posizionato Zuckerberg nella schiera dei “bravi ragazzi” benedicendone l’operato. Rispondendo ad alcuni reporter su questioni inerenti la privacy, il CEO di Microsoft ha dichiarato che “con tutte le opportunità, gli argomenti che ci interessano e l’evoluzione delle cose è necessario lavorare duramente per non creare più problemi di quelli che possiamo risolvere”.

Dunque nei prossimi giorni, stando a quanto promesso da Zuckerberg, i 400 milioni di utenti Facebook assisteranno alle prime fasi del processo di semplificazione della gestione della privacy. Nelle ultime due settimane sono stati consultati esperti in materia e sono state saggiate le reazioni della community, in particolare dopo l’innesto di Open Graph. In un annucio ufficiale, anticipato in parte dalla lettera di Zuckerberg, viene spiegato che “a breve verranno apportati dei cambiamenti” e che “gli utenti apprezzano le ultime novità introdotte ma pretendono un interazione più semplice con esse”.

È ancora presto per capire quali saranno gli effetti di questi provvedimenti , ufficiali e non, soprattutto visto il crescente interessamento dei governi , in particolare quello USA , per verificare l’effettiva tutela della privacy da parte dei responsabili di Palo Alto. C’è però chi è convinto che queste vicissitudini saranno presto dimenticate e che Facebook continuerà a macinare utenti e record affermandosi sempre più come unità fondante dell’esperienza Web dei nativi digitali.

Giorgio Pontico

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giggetto scrive:
    Tesoro, mi si è ristretto lo Shuttle..
    4*9 metri.. praticamente un autobus :D
  • MrT. scrive:
    Stati Uniti
    Quando si tratta di tecnologia, particolarmente di tecnologia in ambito militare, gli USA sono sempre avanti a tutti di 10-20 anni!
    • Redpill scrive:
      Re: Stati Uniti
      - Scritto da: MrT.
      Quando si tratta di tecnologia, particolarmente
      di tecnologia in ambito militare, gli USA sono
      sempre avanti a tutti di 10-20
      anni!O quanto meno sono bravi a far parlare di se. Esistono sempre prototipi di aerei dei quali negano l'esistenza per poi puntualmente doverla ammettere.Nella corsa alla luna la tecnologia statunitense è stata messa a dura prova da quella sovietica (meno elettronica e più meccanica) e talvolta si è trovata a doverla inseguire.Oggigiorno però come rivale tecnologico non guarderei tanto in europa quanto nell'estremo oriente. Di sicuro ormai sarà difficile passare inosservati anche fuori dall'atmosfera terrestre con tutti i satelliti che trafficano l'orbita del globo!
    • TheBouncing Thing scrive:
      Re: Stati Uniti
      Se fosse stato di interesse militare, a quest'ora avevamo una base umana su Marte.
      • OldDog scrive:
        Re: Stati Uniti
        - Scritto da: TheBouncing Thing
        Se fosse stato di interesse militare, a quest'ora
        avevamo una base umana su
        Marte.Voi avete in mente i bilanci della guerra fredda. Oggi gli USA stanziano ancora dei bei soldi, ma la gran parte se ne va nel mantenimento di basi, stipendi e sostentamento dei militari in forza, oltre che nei rifornimenti e riparazioni necessari a mantenere operativi i reparti schierati sui fronti di guerriglia di Iraq e Afghanistan.Leggete qualche informazione: reparti e basi chiuse, velivoli dei quali si arresta l'ordinazione di altri esemplari (F22 Raptor, C17 Globemaster III) e si tengono operativi vecchi B52, Orion antisom, elicotteri presidenziali (cancellato l'acquisto dei nuovi Agusta Westland), aerorifornitori ecc.Certo, restano la più potente forza militare al mondo, ma hanno dovuto tagliare i progetti più grandiosi, e sicuramente questo minishuttle non è paragonabile al programma che sta per andare in pensione. :-)
    • Funz scrive:
      Re: Stati Uniti
      - Scritto da: MrT.
      Quando si tratta di tecnologia, particolarmente
      di tecnologia in ambito militare, gli USA sono
      sempre avanti a tutti di 10-20
      anni!Insomma, è un satellite-spia con la particolarità di poter rientrare e essere riutilizzato come lo Shuttle. Non ci vedo grandi innovazioni di principio.
      • Sky scrive:
        Re: Stati Uniti
        No ma infatti: gli aerei spia esistono da un sacco di tempo, così come i satelliti: hanno "semplicemente" mischiato le due cose.
Chiudi i commenti