2015, conferme per lo streaming musicale

Lo streaming è diventato il primo comparto per fatturato negli States. Ma l'industria musicale denuncia l'iniquità di un modello che non ricompensa adeguatamente i detentori dei diritti
Lo streaming è diventato il primo comparto per fatturato negli States. Ma l'industria musicale denuncia l'iniquità di un modello che non ricompensa adeguatamente i detentori dei diritti

Nel 2015 il mercato dello streaming musicale si è schierato con servizi attesi come Apple Music e il panorama statunitense, tratteggiato con i dati diffusi da RIAA, presenta novità, ma nessuna sorpresa.

Fatturato per comparti Le premesse gettate nel primo semestre dell’anno trascorso sono dunque state confermate dai dati di fine 2015 : lo streaming, superando per la prima volta il fatturato dei download digitali, rappresenta il 34 per cento del fatturato dell’industria musicale statunitense, la fetta più sostanziosa di una torta da 7 miliardi di dollari. Il comparto dello streaming supera i 2,4 miliardi di dollari, in crescita del 29 per cento rispetto al 2014 anche grazie all’ ingresso sul mercato di nuovi soggetti come Apple Music e al trend costantemente positivo di servizi come Spotify.

Mercato dello streaming

A contribuire in maniera determinante al fatturato raccolto dal settore sono gli abbonamenti : valgono 1,2 miliardi di dollari, in crescita del 52 per cento rispetto al 2014. Nonostante la possibilità di approfittare delle offerte gratuite dei modelli freemium, le sottoscrizioni non accennano a rallentare, anzi: complici soluzioni come Apple Music, Tidal o gli esperimenti a pagamento di YouTube, su cui mercato e utenti riversavano le proprie aspettative, ma anche il consolidamento di servizi come Spotify, che sanno convincere gli utenti della validità della propria proposta a pagamento, la media degli abbonati per il 2015 è pari a 10,8 milioni di utenti (+ 40 per cento rispetto al 2014).

A soffrire dell’avanzata dello streaming sono le soluzioni di download, come già rilevato nelle precedenti analisi di mercato: i download negli USA sono stati scalzati dalla prima posizione per fatturato (-10 per cento, a quota 2,3 miliardi) ma questo declino, compensato dallo streaming, non ha impedito all’intero comparto del digitale di continuare a crescere: per il 2015 si è registrato un aumento di fatturato del 6 per cento, a raggiungere i 4,8 miliardi di dollari , a fronte dei 2 miliardi di dollari di valore per la musica distribuita su supporto fisico.

A soffrire dell’avanzata dello streaming, inoltre, sono gli artisti , non perde occasione di sottolineare il CEO di RIAA Cary Sherman: “Il consumo di musica sta esplodendo, ma le entrate per i creatori non tengono il passo”. “Nel 2015 – osserva Sherman – i fan hanno ascoltato centinaia di miliardi di flussi audio e video su piattaforme on demand supportate dalla pubblicità come YouTube, ma le entrate provenienti da questi servizi sono state magre, decisamente meno consistenti rispetto a altri tipi di servizi musicali”.

Lo streaming per i detentori dei diritti

La responsabilità, denuncia il CEO di RIAA, sarebbe da attribuire a “certi giganti della tecnologia che si sono arricchiti ai danni delle persone che creano la musica” approfittando di “leggi e regolamentazioni datate” che permettono loro di evitare di pagare per la musica, o di retribuire i detentori dei diritti molto meno di quanto spetterebbe loro. Sherman cita fra l’altro il “sistema di notice e takedown del DMCA”, che molte piattaforme avrebbero “piegato a proprio vantaggio per rastrellare miliardi di dollari” approfittando dei caricamenti dei propri utenti e dell’esenzione di responsabilità riconosciuta agli intermediari: il CEO di RIAA descrive queste dinamiche come comportamenti che distorcono l’andamento del mercato , paragonando i 385 milioni di dollari di fatturato spremuto dallo streaming basato sulla pubblicità con il fatturato afferente a un mercato di nicchia come quello del vinile, 416 milioni di dollari per 17 milioni di album venduti negli States.
Se quello a cui RIAA fa riferimento per denunciare le “iniquità” delle piattaforme di streaming è un modello che ha dominato il secolo scorso, replica YouTube reagendo alle parole di Sherman, forse le “distorsioni” operate sul mercato non sono che una fisiologica evoluzione.

Gaia Bottà

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 03 2016
Link copiato negli appunti