Aceto Balsamico di Modena, anche in realtà virtuale

Il Consorzio per la Tutela dell'Aceto Balsamico di Modena ha lanciato un progetto per far vivere in realtà virtuale il mondo delle acetaie modenesi.
Il Consorzio per la Tutela dell'Aceto Balsamico di Modena ha lanciato un progetto per far vivere in realtà virtuale il mondo delle acetaie modenesi.

Cosa c’è nel gusto dell’Aceto Balsamico di Modena? Cosa contribuisce a trasformare un’ottima materia prima in un prodotto finale che è ambasciatore della qualità italiana nel mondo? Comprendere come l’Aceto Balsamico di Modena possa diventare quel che è, significa poterne non soltanto assaporare l’essenza, ma anche e soprattutto capire l’intero percorso di maturazione. Significa, quindi, spostare la percezione dal gusto alla vista, potendo apprendere così nel dettaglio tutte quelle sensazioni che confluiscono nella trasformazione del prodotto.

Il Consorzio di Tutela per l’Aceto Balsamico di Modena ha voluto sfruttare questo periodo di isolamento per fare qualcosa di speciale: esaltare la vista, abbattere le distanze e portare il prodotto nelle case di tutti. E la tecnologia può fare molto per raggiungere questo obiettivo.

Aceto Balsamico di Modena, eccellenza reale in realtà virtuale

Il balzo dal mondo del materiale a quello dell’immateriale è stato realizzato grazie al lavoro della startup Digital Mosaik, cercando di portare il mondo dell’Aceto Balsamico in una dimensione virtuale nel quale tempi e distanze sono annullati: in qualsiasi momento, ed in qualsiasi luogo al mondo, chiunque avrà ora la possibilità di fare un viaggio verso il modenese ed entrare nei luoghi sacri in cui il prodotto riposa e matura prima di arrivare sulle tavole.

Quello della realtà virtuale è un mondo in piena evoluzione e con grandi potenzialità, non solo nel mondo dell’entertainment ma anche a fini commerciali, educativi ed informativi. Abbiamo voluto trasportare l’utente in un piacevole ma dinamico percorso sensoriale, per un’esperienza che punta a fissare, nelle mente del consumatore, le caratteristiche distintive del prodotto autentico

Federico Desimoni, Direttore del Consorzio di Tutela Aceto Balsamico di Modena IGP

Aceto Balsamico di Modena in realtà virtuale

Chi cerca la qualità, la sa distinguere e la vuole vivere, toccare, respirare. Tuttavia usciamo da mesi complessi ed entriamo in un periodo altrettanto complicato, nel quale una serie di limitazioni rischiano di allontanarci da quella che è l’esperienza viva del prodotto, del produttore, della sua storia, del suo contesto. Il lavoro compiuto dal Consorzio intende aggirare questa inevitabile muraglia che improvvisamente la pandemia ha costruito attorno alle persone, sfruttando la virtualità per regalare un “assaggio”:

Obiettivo principale di questo progetto è tutelare gli interessi delle acetaie consorziate ed al contempo dei consumatori, ma anche e soprattutto l’originalità di un prodotto con caratteristiche uniche al mondo. In un contesto in cui diventa difficile spostarsi per le restrizioni alla libera circolazione tra Paesi in tempo di Covid, diventa di fondamentale importanza trovare canali alternativi di promozione, in questo caso avvalendoci della realtà virtuale, per trasferire i valori identificativi e distintivi del prodotto, nonché aiutare il grande pubblico di tutto il mondo a saper apprezzare, riconoscere e cercare il vero Aceto Balsamico di Modena IGP

Mariangela Grosoli, Presidente del Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP

Food è esperienza

Il mondo italiano del food è in gran parte legato a quella che è l’esperienza poiché per esprimere appieno la qualità occorre farla vivere a tutto tondo: questo è il non-plus-ultra che il mondo riconosce al nostro Paese, alla sua biodiversità ed all’eccellenza che ha saputo costruire attorno ai suoi prodotti. L’esempio dell’Aceto Balsamico di Modena e del Consorzio di Tutela che lavora per la miglior espressione del valore del suo “Oro Nero”, è un esempio di perfetto connubio tra i valori della tradizione e quelli dell’innovazione: il materiale sviluppato non soltanto sarà fruibile tramite visori di realtà virtuale, ma consentirà altresì di godere di video a 360 gradi e di voli sulle colline ed i vigneti, nonché di entrare negli ambienti (densi di una vera e propria spiritualità costruita attorno al culto della qualità) delle acetaie.

Acetaia

Dentro una singola goccia di Aceto Balsamico di Modena ci sono migliaia di vite, secoli di storie ed una cultura millenaria scritta a fuoco nel DNA italiano. Ma ora c’è anche l’innovazione e quel suo spirito di adattamento che consente a tutti questi valori di sapersi esprimere anche nel nuovo millennio. Dentro l’innovazione c’è una storia che si perpetua e dentro la realtà virtuale non c’è una realtà diversa: c’è un modo diverso, e nuovo, di vivere tutte le sensazioni che quella singola goccia di aceto è in grado di sprigionare.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

05 10 2020
Link copiato negli appunti