Acrobat DC, così Adobe ridefinisce il PDF

Adobe annuncia importanti novità per la suite Document Cloud: nuovi strumenti per rendere più facile, veloce e intelligente la produzione di file PDF.

Acrobat DC, così Adobe ridefinisce il PDF

Un importante aggiornamento all’interno della Document Cloud spinge Adobe ad annunciare che le novità in arrivo “trasformeranno radicalmente ciò che è oggi possibile fare con i file PDF“. Non una semplice evoluzione, insomma, ma un modo per arricchire e ridefinire un formato che è diventato uno standard operativo in molti settori. La direzione è quella del mobile e della possibilità di interagire con i file da più device, con più modalità, sposando meglio le dinamiche più complesse di un mondo del lavoro che non è più incentrato esclusivamente sulla postazione desktop.

Con oltre 200 miliardi di PDF aperti con le app di Adobe nell’ultimo anno, il formato PDF è diventato lo strumento privilegiato del lavoro moderno, lo strumento utilizzato per comunicare qualsiasi tipo di informazione e creare qualsiasi tipo di documento, dai contratti ai libri, passando per documenti finanziari e progetti creativi. […]  Gli aggiornamenti includono un nuovo servizio per semplificare la revisione dei documenti, la possibilità di modificare i testi su tablet con touchscreen, una nuova funzionalità di Adobe Sensei che integra l’AI all’interno di Adobe Scan e Acrobat DC per automatizzare operazioni ripetitive e risparmiare così tempo.

Dato il presupposto per cui il formato PDF è la forma finale che prenderà un documento, Adobe intende fare in modo che il percorso di creazione e conversione possa essere assistito, intelligente, rapido e semplificato: è questo il principio su cui si basano tutte le novità incluse nella nuova release.

Adobe, le novità per i file PDF

La prima novità è relativa ad Acrobat DC, ove è in essere una home ridisegnata per consentire una più semplice condivisione e revisione dei documenti. “Ora è possibile“, spiega Adobe, “condividere rapidamente un PDF e tenere traccia di chi lo ha visualizzato, condividere contenuti con più persone e impostare promemoria automatici per rispettare le scadenze dei processi di approvazioni dei testi“. E continua: “gli utenti possono facilmente lasciare commenti all’interno del PDF stesso, eliminando innumerevoli e-mail e rendendo il processo molto più efficiente“.

Una seconda novità di rilievo consta nella gestione intelligente dei documenti da parte di Adobe Scan. In particolare:

  • si possono facilmente trasformare i biglietti da visita in contatti digitali grazie alla gestione di cinque nuove lingue, tra le quali l’Italiano (le altre: Francese, Tedesco, Spagnolo e Portoghese): “Adobe Sensei è in grado infatti di riconoscere le informazioni di contatto, come nome, e-mail e numero di telefono, e può ora scansionare più biglietti da visita contemporaneamente“;
  • Adobe Scan è in grado di riconoscere moduli e di compilarli nel modo più opportuno non soltanto in termini di contenuto (inserendo i dati corretti nel modulo giusto), ma anche in quanto a forma, ordine, allineamento e gestione del testo;
  • con Acrobat Pro DC si possono ora modificare file PDF da tablet iOS o Android;
  • riprogettata completamente la gestione delle firme digitali: “Adobe Sign è stato infatti integrato in Acrobat DC e Acrobat Reader DC, consentendo di firmare o inviare elettronicamente i documenti per la firma, indipendentemente dal supporto su cui si sta lavorando“.

Gli utenti abbonati avranno le nuove funzionalità disponibili fin da oggi.

 

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti