Adobe Cloud, 24 ore di passione

Il sistema di autenticazione per l'accesso alla Creative Suite nelle nuvole si blocca. In molti lamentano l'impossibilità di usare il software. Adobe si scusa e risolve il problema

Roma – Adobe si è scusata con i suoi clienti per il disservizio che ha colpito la sua Creative Suite Cloud: un problema ai sistemi di autenticazione ha di fatto messo KO l’intero corredo di applicazioni dedicate alla grafica e alla produzione multimediale, creando per oltre 24 ore parecchi grattacapi a chi ha sottoscritto un abbonamento al pacchetto. Senza accesso al servizio online è di fatto impossibile lavorare: una volta individuato l’errore l’azienda l’ha risolto nel più breve tempo possibile, e ha cercato di rasserenare gli infiammati animi riversatisi su Twitter per lamentarsi dell’accaduto.

A partire dalla nottata di mercoledì, chi avesse effettuato il logout dal proprio account si è visto impossibilitato dal riprendere il lavoro: i fortunati che avevano ancora a disposizione delle ore o dei giorni residui del periodo di prova del software hanno potuto approfittarne per cominciare a lavorare, gli altri non hanno potuto fare altro che attendere e rimandare le scadenze fissate . In taluni casi era possibile avviare il software mettendo il computer offline, ma lo stratagemma non ha funzionato per tutti allo stesso modo.

Oltre alle scuse, Adobe ha anche fornito una spiegazione per quanto avvenuto: durante le normali procedure di manutenzione si è generato un problema al database del servizio di autenticazione, creando a cascata le difficoltà a tutti i prodotti inseriti nella Creative Cloud. Sebbene non sia stato chiarito quale sia l’errore intervenuto, Adobe assicura di aver compreso appieno l’incidente e di aver intrapreso le iniziative necessarie ad evitare che possa ripetersi. Una promessa che vale molto, visto che di fatto l’autenticazione è un passaggio chiave a garantire la funzionalità di un software a sottoscrizione che necessità dell’autorizzazione fornita online per funzionare. ( L.A. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Get Real scrive:
    Perchè scaldarsi tanto?
    Tanto le decisioni saranno prese molto in alto, dove noi non possiamo arrivare. Alla fine, internet diventerà comunque TV 2.0, come vogliono i governi e i grandi interessi economici (ormai la stessa cosa, praticamente).La resa di Firefox al DRM dovrebbe avere insegnato qualcosa. Ci sono tendenze a cui non ci si può opporre.
Chiudi i commenti