Adobe annuncia l'acquisizione di Figma

Adobe annuncia l'acquisizione di Figma

A fronte di un investimento economico quantificato in circa 20 miliardi di dollari, Adobe ha annunciato la sua nuova acquisizione: Figma.
A fronte di un investimento economico quantificato in circa 20 miliardi di dollari, Adobe ha annunciato la sua nuova acquisizione: Figma.

Figma è la nuova acquisizione annunciata oggi da Adobe, a fronte di un investimento economico (di tipo cash-and-stock) quantificato in circa 20 miliardi di dollari. L’obiettivo dichiarato da parte della software house di San Jose è quello di offrire strumenti inediti ed evoluti per esprimere al meglio la creatività in modalità collaborativa.

Figma è la nuova acquisizione di Adobe

Si rafforza così la visione attraverso la quale il gruppo californiano ha intenzione di agevolare il compito dei team, anche da remoto. Una finalità perseguita da Figma con tool dedicati al design e pensati per semplificare il flusso di lavoro. Riportiamo di seguoto le parole di Shantanu Narayen, chairman e CEO di Adobe.

La grandezza di Adobe è radicata nella nostra capacità di definire nuove categorie e di offrire tecnologie all’avanguardia, attraverso un’innovazione organica e acquisizioni inorganiche. La combinazione di Adobe e Figma è trasformativa e accelererà la nostra visione per la creatività collaborativa.

La prima versione di Figma risale al 2016, ma i fondatori del progetto (Dylan Field e Evan Wallace) hanno iniziato a lavorarci ben prima, fin dal 2012, con la volontà di permettere a chiunque di essere creativo attraverso uno strumento gratuito e semplice disponibile nel browser. Ha all’attivo una collaborazione con Google for Education per l’accesso ai tool sviluppati dai computer della linea Chromebook. Tra le realtà che ne fanno uso figurano nomi importanti come Zoom, Airbnb e Coinbase.

Stando a quanto riportato nel comunicato stampa diramato, l’acquisizione andrà a concludersi formalmente nel corso del 2023, dopo aver ottenuto il necessario via libera da parte delle autorità competenti.

Il 71% dei conti di clienti al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD con questo broker. Valuta se comprendi il funzionamento dei CFD e se riesci a sostenere l’elevato rischio di perdita di denaro.

Fonte: Reuters
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 15 set 2022
Link copiato negli appunti