ADSL per l'80 per cento dell'Italia

Lo promette Telecom Italia che annuncia il progressivo allargamento della rete abilitata fino a 600 comuni entro la fine del 2002. L'ex monopolista risponde alle accuse sullo sviluppo della banda larga


Roma – Ore bollenti per Telecom Italia dopo l’annuncio di Rocco Sabelli, alto funzionario dell’azienda, secondo cui entro la fine del 2002 le tecnologie xDSL, e dunque anche l’ADSL, saranno disponibili per l’80 per cento degli italiani.

Si tratta di una operazione di allargamento della rete compatibile con i servizi DSL che risponde alle impellenti richieste degli utenti, sia aziendali che privati. Utenti che da lungo tempo si lamentano per la scarsità della copertura sul territorio delle nuove tecnologie a banda larga basate sulla “rivitalizzazione” del doppino telefonico, le xDSL appunto.

Secondo Sabelli, entro la fine dell’anno prossimo saranno circa 600 i comuni in cui saranno disponibili i sistemi di connessione a banda larga offerti da Telecom Italia e dagli altri operatori.

Rimangono irrisolti alcuni nodi, primo tra tutti quello dell’effettiva disponibilità di banda per i servizi DSL ai privati, disponibilità che dipende anche dai diversi fornitori e che, fino a questo momento, sembra aver fortemente deluso l’utenza.

Va anche detto, però, che sono numerose le aziende che in queste settimane stanno moltiplicando i propri sforzi per competere al meglio sul fronte dell’ADSL, segno senz’altro positivo per le aspettative degli utenti-consumatori.

Sabelli ha anche sferrato un attacco alle politiche sulla liberalizzazione delle TLC e sullo sviluppo della banda larga fin qui adottate dalle Autorità di settore. Dice Sabelli: “E’ un anno che aspettiamo, se non si chiama incertezza e viscosità, come la chiamate voi?”.


Affermazioni che servono a tamponare l’offensiva che sulla banda larga, come noto, è stata attivata ormai da tempo dai provider della AIIP e da alcuni dei maggiori operatori telefonici, tra cui Enel-Infostrada. Già domani si dovrebbe tenere presso il Tar del Lazio la prima udienza sui ricorsi presentati da queste società.

Al di là degli esiti della battaglia in tribunale, che mira a stabilire le responsabilità per quello che gli operatori e la stessa Telecom ritengono un inaccettabile ritardo sul fronte dello sviluppo del mercato delle tecnologie a banda larga, occorre sottolineare che nel resto d’Europa le cose non sembrano andare molto meglio.

Come si ricorderà , infatti, un recente studio della Van Dusseldorp & Partners ha stabilito che sebbene in Germania queste tecnologie “corrano”, in altri paesi come Francia o Gran Bretagna sono ancora poche decine di migliaia i “fortunati” possessori di sistemi di connettività permanente e veloce come l’ADSL.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Adesso dovranno legalizzarla per forza!
    Sì perchè finora i preti hanno sempre detto che la prostituzione rovina la famiglia perchè chi frequenta le prostitute sono in larghissima parte uomini di mezza età e sposati.Non voglio dare un giudizio morale, ma i fatti sono questi:1) le ragazze giovani e carine non te le danno a meno che tu non sia: giovane, bello, ricco e non prometta di sposarle. Ci sono anche quelle che la danno in cambio di un "regalino", ma chiamarle prostitute sarebbe un'offesa (o no?)2) le donne sposate da più di 10 anni hanno quasi tutte l'amante (quasi sempre più giovane). Dal che si deduce che i mariti sono tutti cornuti. (io non sono sposato, anzi: se non mi facesse schifo, io che modestamente sono piuttosto belloccio potrei anche farci dei soldi).3) Ci sono anche quelle che per comprarsi la pelliccia e tutte le altre cose che il marito non può permettersi fanno le marchette (con tanto di annuncio sul giornale!).4) E infine ci sono quelle che la danno per fare carriera (molte ma molte di più di quanto non si possa credere).Allora, visto che questa è la realtà della società italiana, bisogna essere proprio ipocriti per dire che la prostituzione è una cosa da combattere, che i clienti delle prostitute vanno curati (o messi in galera, a seconda dei punti di vista), ecc. ecc.
Chiudi i commenti