ADSL senza tutela?

Breve intenso sfogo di un consumatore che si sente tutelato contro i cibi scadenti, ma non contro le depressioni da ADSL

Roma – Scrive Francesco P.: “I Carabinieri NAS tutelano noi consumatori italiani dai cibi scadenti. Ma chi ci tutela dalle ADSL scadenti, ovvero le ADSL vendute senza banda minima garantita?

Secondo quali garanzie per il consumatore, può essere autorizzata la vendita, anche sul mercato wholesale, di un prodotto spacciato per larga banda, ma che molto probabilmente andrà come una modesta connessione dial-up?

Sarebbe come dire: tu puoi vendere delle uova con la dicitura “uova fresche”, però puoi metterci dentro anche quelle vecchie.

Siamo al paradosso, uno dei tanti paradossi di questa nostra Italia, dove le Autorità sembrano occuparsi solo della forma, delle sensibilizzazioni, piuttosto che dell’applicazione delle regole, nella vigilanza del loro
rispetto, in definitiva, nella reale difesa e tutela degli utenti consumatori”.

Probabilmente qualcuno ti risponderà che se prendi un’ADSL senza banda minima garantita e ti aspetti qualcosa comunque allora sei un allocco. In fondo ha ragione: si può salvare solo chi sa informarsi, e si salvano davvero solo i più fortunati. E non è una bella cosa.
Lamberto (Lamb)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Google Boombing
    Dovrebbe essere illegale.Falsa i risultati in rete.E qui la redazione gli fa pure pubblicità.Ma non avete meglio da fare che favorire comportamenti scorretti?Se tutti avessero comportamenti così deplorevoli, Google non avrebbe più senso e la ricerca di informazioni in rete sarebbe più difficoltosa.Vergognatevi.
    • Bigjoints scrive:
      Re: Google Boombing
      Ma cosa stai dicendo???In questo caso è un modo per favorire la giusta informazione...E cmq anche wikipedia linka a quella pagina li...In questo modo ci arrivi con un passaggio in menose propio sei smanioso di sapere cos'è il wimax fai la ricerca su wikipedia...anzi te la risparmio eccoti il link http://it.wikipedia.org/wiki/WiMAX
  • Filosoffessa scrive:
    Io aderisco all'iniziativa dei pirati
    http://filosoffessa.wordpress.com/2007/01/11/liberate-il-wimax-io-ci-sto/
  • Anonimo scrive:
    Re: [SEMI-OT] E a proposito di copertura
    perche' la regione piemonte paga telecom affinche' copra tutta la regione...pensa te, ci tocca pagare e il mio comune neanche sara' coperto...
    • Anonimo scrive:
      Re: [SEMI-OT] E a proposito di copertura
      davvero? e allora xkè telecom se n'è assolutamente fregata della petizione da + di 100 firme ke le abbiamo mandato affinkè venga coperto il nostro comune?
      • Anonimo scrive:
        Re: [SEMI-OT] E a proposito di copertura
        il 100% (tra cui il mio comune RIPETO) non arrivera' mai, ma con i soldi della regione si arrivera' ben oltre la copertura del resto del paese....
  • Anonimo scrive:
    Re: [SEMI-OT] E a proposito di copertura
    io sono in piemonte, ma nn sono nemmeno nella lista dei comuni in prossima copertura :s
  • seghis scrive:
    WIMAX VS UMTS
    Al contrario dell'UMTS per WIMAX non sono necessari grandi investimenti e chiunque potrebbe acquistare le frequenze e renderle redditizie. Quindi il problema non si pone il ridimensionamento del monopolio delle TLC è segnato.
  • riddler scrive:
    Roaming garantito
    La cosa fondamentale e' che ci sia la possibilita' di ingresso di molti operatori, che abbiano o non abbiano le infrastrutture fisiche.Occorre inoltre che gli utenti possano collegarsi ovunque con lo stesso "username e password" come avviene (o dovrebbe) per i cellulari. Non come gli hotspot wifi dove ogni operatore fa per se' e gli utenti devono "abbonarsi" a tutti separatamente.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 gennaio 2007 10.37-----------------------------------------------------------
  • marcel scrive:
    Ma lo vogliamo il WiMax?
    L'iniziativa del "partito pirata" , pur riconoscendo che parte da presupposti giusti e condivisibili, porterà - ove attuata - alla non divulgazione della tecnologia wirless XiMax.L'assegnazione tramite asta è la più trasparente. Bisogna, però, allestire un'asta non soltanto al rialzo, sic et semèliciter, ma con altri correttivi (tipo obbligo della copertura totale del territorio geografico entro una certa data). O, meglio ancora, favorendo la costituzioni di "consorzi" di gestione delle frequenze, in modo che i grossi gestori (Tim compreso) possano creare una società che si occupi dell'installazione e manutenzione (particolare che sfugge ai "pirati" ma è fondamentale: applicare la stessa legge dell'antenna parabolica è semplicistico perché quest'ultima non ha bisogno di manutenzione, mentre i ripetitori del WiMax sì tant'è che l'Esercito ha creato una struttura autonoma per questo).Cerchiamo di rimanere con i piedi per terra e non tentiamo di renderci visibili, così come avviene per alcuni cespugli dell'attuale Governo se non vogliamo che il risultato finale sia un nulla di fatto che si ritorcerebbe su tutti noi utenti (tutti, anche quelli che hanno l'ADSL e che potrebbero avere una seconda scelta).
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma lo vogliamo il WiMax?
      vedo che hai capito ben poco, magari datti una studiata a cosa e' una rete wifi mesh e poi forse capirai perche' non serve l'infrastruttura di una tlc per tenere in piedi una rete del genere
      • marcel scrive:
        Re: Ma lo vogliamo il WiMax?
        Tu che hai capito e studiato mi spieghi, cortesemente, perché l'Esercito italiano ha creato una struttura per la manutenzione della sua "rete" WiMax?Sono dei cretini e tu sei l'unica persona "che sa"?Poichè ho un figlio allo stato maggiore della difesa che paga questa struttura (e le spese di manutenzione) la tua illuminata risposta potrebbe far risparmiare un sacco di soldi...
  • Anonimo scrive:
    Dipende dalle modalità della gara
    Deve necessariamente essere trovato un modo trasparente di assegnare le licenze (dato che le stesse non possono comunque essere illimitate per il medesimo ambito).Che piacia o no la gara, a mio avviso, è l'unico modo trasparente per assegnare un bene pubblico (in questo caso immateriale).Io sposterei piuttosto il problema sui requisiti che devono avere i partecipanti e sui criteri di valutazione dell'offerta. Se si fa un asta al massimo rialzo, è evidente che succederà quello che è già successo con l'umts; un disastro per l'utente-cittadino.Il problema può (deve) essere affrontato utilizzando criteri di aggiudicazione che tengano conto anche di altri parametri, quali ad esempio gli obblighi di copertura, le modalità tariffarie etc.E' quindi possibile che il prezzo offerto sia solo un elemento dell'offerta complessiva e non necessariamente il solo o il più significativo.
  • aghost scrive:
    WIMAX altra mangiatoia
    Mi pare che i timori di Antidigitaldivide siano fondati.Anche il wifi, assai pericoloso per telecom, fu a suo tempo stoppato con leggi ferree (col divieto di diffondere il segnale su fondi privati): non sia mai che qualcuno pensi di condividere la connessione col vicino della casa di fronte!Perciò blinderanno anche il wimax, che potrà essere utilizzato solo dai signori gestori autorizzati, che potranno cosi succhiare altri soldi al popolo bue.E meno male che abbiamo un governo di (centro) sinistra :@http://www.aghost.wordpress.com/
    • Anonimo scrive:
      Re: WIMAX altra mangiatoia
      - Scritto da: aghost
      Mi pare che i timori di Antidigitaldivide siano
      fondati.

      Anche il wifi, assai pericoloso per telecom, fu a
      suo tempo stoppato con leggi ferree (col divieto
      di diffondere il segnale su fondi privati): non
      sia mai che qualcuno pensi di condividere la
      connessione col vicino della casa di
      fronte!

      Perciò blinderanno anche il wimax, che potrà
      essere utilizzato solo dai signori gestori
      autorizzati, che potranno cosi succhiare altri
      soldi al popolo
      bue.

      E meno male che abbiamo un governo di (centro)
      sinistra
      :@

      http://www.aghost.wordpress.com/Ma se vuoi collegare due appartamenti con due antenne direttive in wimax lo puoi fare nessuno te lo impedisce come puoi farlo adesso con il wifi. Non puoi rivendere la connessione internet ai tuoi vicini, non puoi lucrarci ma puoi dare un servizio gratuito (casomai poi dividete le spese dell'adsl ma questo non sarebbe consentito ma chi lo viene a sapere se e' un accordo tra 2 o 3 persone?) le licenze servono per entrare a far parte del mercato quindi essere operatori internet in wifi ed e' ovvio che per fare questo ci vogliano le licenze come per televisione, radio, cellulari gsm e umts ecc ecc.
    • Anonimo scrive:
      Re: WIMAX altra mangiatoia
      ho visto piu' di un sito che spiegava come creare reti lan wireless tra palazzi anche molto distanti ed ho sempre letto che per fare cose del genere era semplicemente sufficiente richiedere un permesso in comune o qualche cosetta del genere,Se poi uno ha il permesso di farsi una lan e in questa la c'e' l'accesso a internet voglio proprio vedere se vengono a bussare alla porta per chiedermelo visto che di sicuro non si riescono a connettere con il traffico criptato...ps: se ricordo bene c'era pure un progetto di copertura di venezia con vari access point sui palazzi facendo triangolazioni...
    • Anonimo scrive:
      Re: WIMAX altra mangiatoia

      E meno male che abbiamo un governo di (centro)
      sinistra non esistono governi di centro/destra/sinistra... esistono i soliti politicanti che vanno a cena con i soliti monopolisti.
      • Anonimo scrive:
        Re: WIMAX altra mangiatoia

        non esistono governi di centro/destra/sinistra...
        esistono i soliti politicanti che vanno a cena
        con i soliti
        monopolisti.Che storie! Meno che c'e' qualcuno che sa queste cose e ce lo viene a dire!
  • Anonimo scrive:
    Iscriversi al partito pirata?
    A me l'idea del partito pirata sembra buona, per non dire entusiasmante. Semplicemente e' un movimento a difesa dei consumatori rapportato ad internet e che si butta in politica per tutelare meglio quei diritti.io ho voglia d'iscrivermi, qualcuno lo sconsiglierebbe? e perche'?
    • Anonimo scrive:
      Re: Iscriversi al partito pirata?

      io ho voglia d'iscrivermi, qualcuno lo
      sconsiglierebbe? e
      perche'?Perchè il giorno che l'UE lo mette fuori legge sequestrano le liste degli iscritti e tu finisci davanti al giudice?Partito o no, quello che promuovono è interpretato da molti come illegale, e quei "molti" sanno come farsi valere.
      • Anonimo scrive:
        Re: Iscriversi al partito pirata?
        - Scritto da:

        io ho voglia d'iscrivermi, qualcuno lo

        sconsiglierebbe? e

        perche'?

        Perchè il giorno che l'UE lo mette fuori legge
        sequestrano le liste degli iscritti e tu finisci
        davanti al
        giudice?

        Partito o no, quello che promuovono è
        interpretato da molti come illegale, e quei
        "molti" sanno come farsi
        valere.Siamo in italia !!!Le liste della P2 le avevano ma il massimo che e' successo e' che Paolo Rossi le ha lette nella prima puntata di "su la testa".
        • Anonimo scrive:
          Re: Iscriversi al partito pirata?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Perchè il giorno che l'UE lo mette fuori legge

          sequestrano le liste degli iscritti e tu finisci

          davanti al

          giudice?



          Partito o no, quello che promuovono è

          interpretato da molti come illegale, e quei

          "molti" sanno come farsi

          valere.

          Siamo in italia !!!
          Le liste della P2 le avevano ma il massimo che e'
          successo e' che Paolo Rossi le ha lette nella
          prima puntata di "su la
          testa".Non confondere il modo di trattare i papaveri con quello che si usa per le paperine...(Cavolo, quanto è vecchia, chi capira?)
      • emmeesse scrive:
        Re: Iscriversi al partito pirata?
        Le liste degli iscritti sono gia depositate presso le prefetture. Il Partito Pirata e' assolutamente legale e trasparente (compresa la partita IVA). E se un domani si finira' di fronte ai giudici per reati di opinione, allora vuol dire che Hitler e' tornato. Abbiamo bisogno di iscritti e di gente che tenga alta la attenzione, che ci aiuti a diffondere le idee.se un uomo non e' disposto a rischiare per le proprie idee, o non valgono nulla le sue idee, o non vale nulla quell'uomoclaudio brovellisegretario del partito pirata
        • Anonimo scrive:
          Re: Iscriversi al partito pirata?
          Sono perfettamente d'accordo, e parlando seriamente, la vogliamo fare allora una menifestazione sotto il Ministero?
          • Anonimo scrive:
            Re: Iscriversi al partito pirata?
            Tipo 50 sfigati che nessuno si fila, e pure minorenni?
          • emmeesse scrive:
            Re: Iscriversi al partito pirata?
            anche 5 sfigati che nessuno si fila. Cmq siamo tutti o quasi maggiorenni.tutti e 5 perlomeno.claudio brovelli
          • Anonimo scrive:
            Re: Iscriversi al partito pirata?
            - Scritto da: emmeesse
            anche 5 sfigati che nessuno si fila. Cmq siamo
            tutti o quasi
            maggiorenni.
            tutti e 5 perlomeno.

            claudio brovelliciao, vivo all'estero e non conosco il tuo partito, ma mi pottrebbe interessare.in che punto potrei identificarlo nell'arco costituzionale? destra? sinistra? o sopra come la lega? :-)ciaoMaX
          • Anonimo scrive:
            Re: Iscriversi al partito pirata?

            in che punto potrei identificarlo nell'arco
            costituzionale? destra? sinistra? o sopra come la
            lega?La lega sta sotto, non sopra. Sotto il quoziente medio d'intelligenza ;)
          • emmeesse scrive:
            Re: Iscriversi al partito pirata?
            - Scritto da:
            in che punto potrei identificarlo nell'arco
            costituzionale? destra? sinistra? o sopra come la lega?Non sapevo che la Lega fosse "sopra".Non saprei risponderti esattamentecerte tematiche sono affini alla sinistra storicaaltre alla destra storica (non quella fascista)Il fatto e' che queste tematiche sono filtratedalle "realta' digitali". Insomma, cerchiamo di pensare a come sarebbe il mondo se ci fosse internet...Claudio Brovellisegretario blah blah blah
          • Anonimo scrive:
            Re: Iscriversi al partito pirata?
            - Scritto da:
            Tipo 50 sfigati che nessuno si fila, e pure
            minorenni?Si vede che ragioni con la testa di chi vede in internet solo un mezzo per il p2p e basta ;)Dalle mie parti decine di aziende otterrebbero benefici dalla banda larga e ti assicuro che non sono gestite da minorenni 8)
  • Anonimo scrive:
    Wimax libero =
    Voip = fine tcl
    (newbie)(newbie)(newbie)
    • Teo_ scrive:
      Re: Wimax libero =
      Voip = fine tcl
      - Scritto da:
      (newbie)(newbie)(newbie)Fine delle TLC attuali, inizio TLC concorrenziali.
      • Anonimo scrive:
        Re: Wimax libero =
        Voip = fine tcl
        tutto a vantaggio nostro!Sarebbe l'ora che un po di concorrenza portasse a migliorare i servizi e abbassare i costi...
  • Anonimo scrive:
    fare cassa......
    questi metterebbero all'asta pure la madre pur di succhiare i soldi per mantenere i loro privilegi ed i loro privilegiati amici.loro mettono all'asta (e cioè la danno al miglior offerente) e i vincitori la faranno pagare al popolo bovino che quindi, come sempre, sarà l'unico che andrà a finanziare davvero non solo i politici di cui sopra, ma anche le inefficienze degli elefanti TLC in conto profittimeditare
    • Anonimo scrive:
      Re: fare cassa......
      Dobbiamo fermare l'ennesima porcata che sono sicuramente in procinto di fare....
      • clic scrive:
        Re: fare cassa......
        - Scritto da:
        Dobbiamo fermare l'ennesima porcata che sono
        sicuramente in procinto di
        fare....Quoto, ma ne Antidigitadivide ne il Partito Pirata sembrano capire che sia necessario scendere in piazza a far valere i nostri diritti, altro che googlebombing: il googlebombing lo possono apprezzare solo gli addetti ai lavori mentre la piazza finisce in tv e la vedono tutti.Stiamo perdendo una grande chance di sviluppo per noi ed i nostri figli e ce ne stiamo a guardare il nostro governo che permette che la cosa pubblica (le frequenze che manco usano piu) venga rivenduta tra ministeri e spartita tra tlc compiacenti, bah :(-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 gennaio 2007 10.25-----------------------------------------------------------
  • Fab978 scrive:
    Non saranno contenti...
    WiMax sarebbe la soluzione a tanti problemi, ma ne porrebbe uno, enorme, per chi attualmente detiene loligopolio sulla comunicazione in Italia. WiMax significa non solo internet, ma anche telefonate gratis, od a prezzi bassissimi, per tutti: un mondo dove tutti sono connessi ad internet ovunque essi si trovino, è anche un mondo in cui si può comunicare, uno ad uno, via voce e/o video, ovunque ci si trovi e senza pagare un centesimo in più di quello che non si paga già per il mero accesso ad internet.Va da sé che tale situazione è qualcosa di cui le telco mondiali, per non parlare solo di quelle italiane, hanno il terrore assoluto. A chi potrebbe sgraffignare più i suoi soldi, il Tronchetti Provera di turno?E in frangenti come questi che salgono a galla tutti i problemi del capitalismo, che fa gli interessi del singolo a discapito di quelli della comunità.Le comunicazioni dovrebbero essere un bele pubblico, le infrastrutture di base dovrebbero essere dello stato - cioè noi - e finanziate con le tasse della collettività. Il privato, volendo, potrebbe fornire servizi a valore aggiunto, ma io, da privato cittadino, dovrei poter rifiutare di passare attraverso il privato - ed arricchirlo - per poter usufruire di un servizio del quale oggigiorno non si può più fare a meno.Se questo pensiero fosse condiviso dalla maggioranza degli italiani, e se questa maggioranza facesse sentir forte la sua voce, forse qualcosa in tal senso la si potrebbe ottenere.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non saranno contenti...
      Ben detto. Se avessi punti per moderare: 5, interessante.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non saranno contenti...
      totalmente d'accordo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non saranno contenti...
      Se davvero si creerà un oligopolio col Wi-Max basterebbe sviluppare soluzioni Hyperlan a livello municipale... o no?
    • Anonimo scrive:
      Re: Non saranno contenti...
      - Scritto da: Fab978
      WiMax significa non solo internet, ma
      anche telefonate gratis, od a prezzi bassissimi,
      per tutti: un mondo dove tutti sono connessi ad
      internet ovunque essi si trovino, è anche un
      mondo in cui si può comunicare, uno ad uno, via
      voce e/o video, ovunque ci si trovi e senza
      pagare un centesimo in più di quello che non si
      paga già per il mero accesso ad
      internet.La società di TLc hanno già subito perdite a caUSA dell'arrivo di Internet: e-mail diffusa, per es.Che in molti casi è migliore di una semplice comunicazione solo voce (si possono inviare files, ecc.).Non mi pare che siano riuscite ad impedire lo sviluppo di Internet più di tanto.


      E in frangenti come questi che salgono a galla
      tutti i problemi del capitalismo, che fa gli
      interessi del singolo a discapito di quelli della
      comunità.Se la comunità non si informa, non reagisce, non c'è sistema economico che possa aiutarla:capitalismo, comunismo, economia mista, ecc.

      Le comunicazioni dovrebbero essere un bele
      pubblico, le infrastrutture di base dovrebbero
      essere dello stato - cioè noi - e finanziate con
      le tasse della collettività. Il privato, volendo,
      potrebbe fornire servizi a valore aggiunto, ma
      io, da privato cittadino, dovrei poter rifiutare
      di passare attraverso il privato - ed arricchirlo
      - per poter usufruire di un servizio del quale
      oggigiorno non si può più fare a
      meno.Se fosse vero che non se ne può fare a meno come il pane la gente avrebbe già protestato energicamente.A me non sembra che ci sia tutta questa protesta per Internet.

      Se questo pensiero fosse condiviso dalla
      maggioranza degli italiani, e se questa
      maggioranza facesse sentir forte la sua voce,
      forse qualcosa in tal senso la si potrebbe
      ottenere.Appunto: se, se, se..........
      • Anonimo scrive:
        Re: Non saranno contenti...
        -.
        La società di TLc hanno già subito perdite a
        caUSA dell'arrivo di Internet: e-mail diffusa,
        per es.Che in molti casi è migliore di una
        semplice comunicazione solo voce (si possono
        inviare files,
        ecc.).
        Non mi pare che siano riuscite ad impedire lo
        sviluppo di Internet più di
        tanto.Lo sviluppo Internet in Italia è a livelli disastrosi. I prezzi degli abbonamenti ADSL sono alti e offrono servizi scadenti. Sono mesi che i collegamenti ADSL lamentano disservizi. Con Wimax siamo dietro a paesi come Malesia e Thailandia. Sei sempre convinto che le Telecom non abbiano rallentato lo sviluppo di Internet?Io direi di aderire al Googlebombing. Io lo farò di sicuro.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non saranno contenti...
      - Scritto da: Fab978
      potrebbe sgraffignare più i suoi soldi, il
      Tronchetti Provera di
      turno?
      Le comunicazioni dovrebbero essere un bele
      pubblico, le infrastrutture di base dovrebbero
      essere dello stato - cioè noi - e finanziate con
      le tasse della collettività. Il privato, Le infrastrutture di base SONO state finanziate con le tasse della collettivita', poi sono state svendute... ehm... privatizzate. Quindi sono state lasciate andare in malora perche' i guadagni dovevano rimpinguare le tasche e non fare manutenzione.Ora come ora, essendo quasi allo sfascio, tenteranno di sbolognarle a qualcun altro, magari proprio allo stato, ossia pagandole una seconda volta con le nostre tasse, il quale poi dovra' rimetterle a posto (pagando con le nostre tasse). E qui ci vuole la citazione del principe.Alla fine dell'operazione, telecom diventera' brand, ossia non fornira' piu' altro che il nome o, meglio, il marchio.k1++
    • Anonimo scrive:
      Re: Non saranno contenti...
      Tanto per dirne una un piu' il sig. Vincenzo Novari, ad di TRE quella del "meglio cambiare no?", ha gia' fatto sapere che non potranno essere accettate soluzioni diverse dall'asta e con costi di partenza di molto inferiori a quello dell'asta per le licenze UMTS altrimenti chiederanno di rivedere i costi delle attuali licenze UMTS.Come a dire che l'aver puntato una montagna di soldi su una tecnologia venduta in giro per quello che non poteva essere deve ancora ricadere sulle spalle di piu' giovani e piu' promettenti tecnologie.Meditate gente, meditate....Saluti
    • Bigjoints scrive:
      Re: Non saranno contenti...
      - Scritto da: Fab978
      E in frangenti come questi che salgono a galla
      tutti i problemi del capitalismo, che fa gli
      interessi del singolo a discapito di quelli della
      comunità.il Problema nn è il capitalismo, Che ormai è inevitabile...è dello stato nn interviene x porre dei limiti ai poteri delle spietate corporatione dei cittadini che nn si ribellano ad uno stato che nn fa i nostri interessi
Chiudi i commenti