Afghanistan, talleri per le TLC

La Banca Mondiale approva un fondo da 22 milioni di dollari per sviluppare l'infrastruttura di telefonia e TLC del paese


Roma – In Afghanistan ci sono due linee telefoniche ogni mille abitanti, una media che non è comparabile in alcun modo con i paesi ricchi, nei quali talvolta le linee disponibili sono in numero maggiore rispetto ai residenti. A questa situazione vuole porre rimedio la Banca Mondiale che ha confermato uno stanziamento di 22 milioni di dollari dedicato alle TLC afgane.

Il progetto è considerato una iniziativa di emergenza perché mira a mettere in piedi prima di tutto un network infrastrutturale di comunicazione telefonica e telematica attivo in ambito governativo e nella disastrata pubblica amministrazione. L’idea è quella di cercare di coinvolgere soggetti privati a capitale estero per la realizzazione di ulteriori infrastrutture necessarie alla crescita economica del paese.

Fino a questo momento alcuni fondi della Banca Mondiale, non compresi in questa nuova tranche, sono stati spesi per sostenere lo sviluppo della rete per la telefonia mobile sulla quale operano in licenza due diversi carrier. Altri fondi, pari a circa tre milioni di dollari, sono stati fin qui utilizzati per collegare la disgregata rete telefonica afgana con il resto del mondo .

Per ottenere risultati però non basterà certo l’intervento della Banca Mondiale. Sembra esserne perfettamente consapevole il ministro alle Comunicazioni afgano, Mohammad Masoom Stanakzai, secondo cui “per espandere rapidamente la nostra rete di telecomunicazione e di servizi nel paese dobbiamo ricollegare le persone e sviluppare il nostro sistema economico e sociale. Per farlo, dobbiamo capire quanto sia importante creare le condizioni per una competizione vera e per investimenti privati in questi settori”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nonninz scrive:
    Ahhh ecco il perche'...
    ... di tutti quei siti .sk ...ma vi costano cosi' tanto quei 30 euro all'anno per un .it,com,net...?Mah...
    • Nonninz scrive:
      Precisazione...
      Dopo aver lettto il post "il costo dei 20 euro"tengo a precisare che intendo tutti quelli che purdi non pagare si fanno un dominio.sk, (o tk), nongli slovacchi stessi...
      • Anonimo scrive:
        Re: Precisazione...
        gli opensorci sono per lo scrocco ad oltranza.Figurarsi se pagano 20 euro all'anno x un dominio!- Scritto da: Nonninz
        Dopo aver lettto il post "il costo dei 20
        euro"
        tengo a precisare che intendo tutti quelli
        che pur
        di non pagare si fanno un dominio.sk, (o
        tk), non
        gli slovacchi stessi...
  • Anonimo scrive:
    Domanda...
    Ma quali altri domini ci sono registrabili gratuitamente?Vabbè .sk è andato, poi ci dovrebbe essere punto .us ma mi suona male... Ne conoscete quacun'altro?
  • Anonimo scrive:
    astalavista.box .. puto .. SK !!!
    Porcaccia miaseria.. vuoi vedere che è la fine di un mito durato orami anni ???E on ditemi che non lo conoscete..
    • Anonimo scrive:
      Re: astalavista.box .. puto .. SK !!!
      - Scritto da: Anonimo
      Porcaccia miaseria.. vuoi vedere che è la
      fine di un mito durato orami anni ???

      E on ditemi che non lo conoscete..Infatti non lo diciamo :-)Prosit!
  • Anonimo scrive:
    il costo di 20 euro...
    D'accordo, non è facile capire il costo reale di 20 euro per uno slovacco...Per noi rappresenta una cena in pizzeria, o cinema+birra, ma per loro, beh, credo che non tutti saranno disposti a investirci su...Quello che mi stupisce però è che non l'abbiano fatto università o addirittura banche!!Accidenti, loro ce l'avranno pure 20 euro l'anno, no?!?!?!
    • Anonimo scrive:
      Re: il costo di 20 euro...
      - Scritto da: Anonimo
      D'accordo, non è facile capire il costo
      reale di 20 euro per uno slovacco...
      Per noi rappresenta una cena in pizzeria, o
      cinema+birra, ma per loro, beh, credo che
      non tutti saranno disposti a investirci
      su...Poco più del costo di un CD musicale...... lo stipendio medio la un anno fa era di circa 300-400E...
Chiudi i commenti