Agcom: la banda 700MHz non può attendere

Nella relazione annuale presentata alla Camera il presidente Cardani dell'Agcom richiama tutti i soggetti coinvolti. La liberazione deve arrivare già nel 2017

Roma – L’Italia deve dotarsi di un piano d’azione per il passaggio della banda 700 MHz dai broadcaster agli operatori di telefonia mobile per i servizi a larga banda senza fili, al massimo entro giugno del prossimo anno come previsto dalle regole della UE, ed è bene iniziare a pensarci subito. Questo il monito che il presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, Angelo Marcello Cardani, ha rivolto a tutta la filiera delle comunicazioni nell’ intervento tenuto alla Camera lo scorso 5 luglio sulla relazione annuale dell’Authority.

“La recente decisione europea di armonizzazione delle frequenze dei 700 MHz – si legge nel discorso – unitamente ad un uso combinato delle frequenze già riservate agli usi radiomobili e del piano di azione delineato a tale scopo a partire dal 2017, merita una riflessione circa gli effetti generati sugli operatori radiotelevisivi, attuali utilizzatori della banda di frequenza 470-790 MHz. L’Autorità ritiene che l’Italia non possa permettersi ulteriori ritardi nel definire il Piano di azione e, pertanto, appare urgente e non più procrastinabile l’avvio di un’azione dei soggetti pubblici e privati in cui le Istituzioni preposte dettino le strategie e gli obiettivi di interesse generale”. Buoni propositi che si scontrano con la cattiva abitudine, tipicamente italiana, di arrivare sempre a ridosso delle scadenze per prendere le dovute iniziative.

“La programmazione e l’accelerazione del percorso di attuazione – continua Cardani – sono condizioni fondamentali per consentire la transizione delle frequenze 700 MHz ai servizi di comunicazione a larga banda senza fili anche con l’orizzonte al 2022”. Insomma, il Presidente sembra invitare tutti, operatori e istituzioni, a non ridursi all’ultimo momento, tenendo presente che altri paesi europei non solo hanno già stabilito una roadmap per reperire le risorse per il 5G, ma in diversi casi hanno già provveduto a indire la gara per la riassegnazione delle frequenze, come in Francia e in Germania. Nella stessa relazione si fa notare come l’Italia occupi ancora il 20simo posto nella classifica dell’armonizzazione dello spettro radioelettrico, insomma non sia proprio fra i primi della classe.

Angelo Marcello Cardani

Se il termine per stabilire un percorso di migrazione della banda 700 MHz appare piuttosto vicino, quello per l’effettiva liberazione e riassegnazione delle frequenze prevede un orizzonte che spazia dal 2020 al 2022, se si considerano gli ulteriori due anni di proroga di cui potrebbe godere l’Italia per la particolare situazione dell’emittenza radiotelevisiva. L’avviso dell’Authority comunque è chiaro: mettiamoci in cammino, altrimenti il nostro Paese uscirà svantaggiato nei servizi a banda larga di quinta generazione.

Nel suo esplicito richiamo a non perdere tempo utile, il presidente Cardani pare essere consapevole che una accelerazione sulla migrazione della banda 700 MHz non venga percepita al momento come una priorità, né dai broadcaster che dispongono di licenze d’uso per la tv digitale terrestre che arrivano fino al 2032, e nemmeno dagli operatori mobili che dovrebbero partecipare alle gare per aggiudicarsi le nuove frequenze sborsando cifre notevoli. Questi hanno infatti chiesto all’Agcom di pensare a nuove formule di gara che evitino il ricorso ad aste al rialzo. Per quanto riguarda l’emittenza televisiva, la sottrazione di ulteriori undici canali – corrispondenti ad altrettanti multiplex – comporterà necessariamente una riorganizzazione del piano delle frequenze e, con molta probabilità, scelte tecnologiche che consentano di sfruttare in modo più efficiente la banda che rimarrà a disposizione dei broadcaster. Che riguarderanno anche i telespettatori, sebbene appaia lontano lo spettro di un nuovo switch-off.

Da parte della UE il commissario all’Economia digitale, Gunther Oettinger, lavora per spingere tutti i Paesi membri a liberare la banda 700 MHz entro il 2020. Salvo eccezioni, appunto.

Pierluigi Sandonnini

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Giorgio Beggiora scrive:
    dai siti ai browser
    basta spostare il banner dai siti ai browser: quando installi un browser, questo ti avvisa che esistono diversi tipi di tracciamento, tipo "Ricorda: quando esci di casa, sei per strada". Forza UE, un po' di praticità, no?
  • iRoby scrive:
    Re: Difficile trovare Direttiva UE + inutile
    Quel XXXXXXX di avviso dei cookie è una delle trovate più idiote e inutili...Poi tutti a osannare questa EU.È un carrozzone di burocrati completamente rinXXXXXXXXti.
  • socialobserv scrive:
    I cookie servono
    Sono contrario agli inutili avvisi sui cookies ma favorevole a pene detentive per coloro che utilizzano i "biscottini" utilizzano per scopi diversi dall' erogazione del servizio chiesto dall'utente-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 10 luglio 2016 18.27-----------------------------------------------------------
  • AxAx scrive:
    Metodi di tracciamento
    Ci sono metodi di tracciamento che non hanno bisogno di cookies (per non parlare delle cdn gratuite che chissà perchè dovrebbero lavorare gratis)
    • urca ma davvero scrive:
      Re: Metodi di tracciamento
      - Scritto da: AxAx
      Ci sono metodi di tracciamento che non hanno
      bisogno di cookies Si i metodi AxAx quelli 123 quelli xcaso quelli fuddaro e infine quelli del mago merlino.è garantito che funzionano!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Osvy scrive:
    Re: Difficile trovare Direttiva UE + inutile
    - Scritto da: dtcgvcr
    - Scritto da: Osvy

    e tra l'altro ha tolto all'utente la

    possibilità di dire "ma io non sapevo che mi

    tracciavate in questo modo schifoso" con quel
    che ne consegue:

    Guarda che se una corporation raccoglie dati su
    di te non te lo viene mica a dire. Tutto
    succederà sempre alle tue spalle e non avrai mai
    in mano gli elementi per fargli causa per qualche
    motivo.stiamo parlando di dati "durante la navigazione". Basta avere i softwrae giusti per leggere "cosa va in uscita" e vedi cosa leggono... ovviamente IO non lo posso fare, ma una associazione si
    Quindi la storia dell'utente che vuole la
    possibilità di dire "ma io non sapevo" non reggeguarda che in USA hanno risarcito persone morte di cancro per il fumo di sigaretta...
    adesso, se sei su un sito giocoforza


    La soluzione a questa cosa è probabilmente una

    sola, cioè vietare per normativa alcuni tipi di

    tracciamento,

    Il classico, per bloccare qualcosa si propone
    un'altra soluzione impossibile da realizzare.che sia impossibile da realizzare lo scrivi tu. Tu intanto vieta "certe cose" (esempio? vieta che i prodotti MS siano "di default", o quelli Google su Android), poi il sistema tecnico per controllare, si vede se è possibile o impossibile.

    Tra l'altro, già adesso per esperienza personale

    mi risulta che ci sia chi (addirittura una

    informativa di una rivista dei Consumatori!...)

    non rispetta le norme vigenti.

    Anche se tutte le associazioni di consumatori
    violano la normativa non è un buon motivo per
    cambiare la normativa.mi sa che hai capito tutto il mio ragionamento all'inverso, io non sono per la mano libera, anzi, sono per un laccio più forte che mi eviti di perdere tempo a leggere le informative... ciao
  • azz scrive:
    involuzione
    Da quando hanno messo l'avviso sui cookies, i siti sono diventati innavigabili da mobile.
    • Osvy scrive:
      Re: involuzione
      - Scritto da: azz
      Da quando hanno messo l'avviso sui cookies, i
      siti sono diventati innavigabili da mobile.Mah, per la verità a me pare che siano i banner/pubblicità/video,per i cookies clicchi su SI, x o prosegui la navigazione, e più o meno vaiInvece appunto ormai è tutto un apparire di pubblicità, ma su un cell effettivamente diventa un'impresa navigare
      • iRoby scrive:
        Re: involuzione
        Adesso vanno di moda questi mega banner e immagini enormi a mezza pagina.Io dico che sono le tecniche per fare siti che non hanno niente da dire.
    • Igor scrive:
      Re: involuzione
      - Scritto da: azz
      Da quando hanno messo l'avviso sui cookies, i
      siti sono diventati innavigabili da
      mobile.Da quando c'è quell'avviso, è per altro anche più difficile gestire la privacy.Per esempio se usi i cookie temporanei (cioè li cancelli quando esci dal browser) oppure dici non registrare i cookie per il sito ... il banner appare sempre e da un fastiXXXXXXXX.Poi se c'è in mezzo il redirect a volte si incasina tutto e continua a refreshare la pagina, anche se consenti i cookie temporaneamente ma non permanentemente.
  • Ueh scrive:
    Ueh, ma che scemenze!
    " Dall'altra parte, naturalmente, ci sono gli utenti ".Ah si?E dove esattamente?Gli utenti rappresentati da corrotti di ogni genere?Incredibile UE
    • dtcgvcr scrive:
      Re: Ueh, ma che scemenze!
      I corrotti di ogni genere sono quelli che votiamo noi italioti. A fare più schifo della nostra classe politica ci riescono solo i greci.
      • urca ma davvero scrive:
        Re: Ueh, ma che scemenze!
        - Scritto da: dtcgvcr
        I corrotti di ogni genere sono quelli che votiamo
        noi italioti. A fare più schifo della nostra
        classe politica ci riescono solo i
        greci.già è un vero peccato che la grecia e l'italia siano alle fondamenta di tutta la cultura occidentale.Certo gli altri stavano certamente meglio quando portavano le corna in testa e cagavano direttamente nel tamigi nella senna e nel reno senza quelle fastidiose fognature in mezzo alle palle.Adesso mi informo subito da AxAx e gli chiedo se è vero... :D ;)
        • ctgcx scrive:
          Re: Ueh, ma che scemenze!

          già è un vero peccato che la grecia e l'italia
          siano alle fondamenta di tutta la cultura
          occidentale.
          Certo gli altri stavano certamente meglio quando
          portavano le corna in testa e cagavano
          direttamente nel tamigi nella senna e nel reno
          senza quelle fastidiose fognature in mezzo alle
          palle.
          Adesso mi informo subito da AxAx e gli chiedo se
          è
          vero...
          :D ;)Quanta ignoranza.Illudersi di poter vantare almeno una eredità culturale decente aggrappandosi alla memoria di popoli e culture scomparsi da quasi un millennio.
      • urca ma davvero scrive:
        Re: Ueh, ma che scemenze!
        dimenticavo gli inglesi poi erano così puliti che "bagno" si dice ancora col nome di una città (bath) dove i romani han costruito le "termae" giusto sul confine del vallo Adriano dove si sono fermati capendo che proseguire non valeva la pena.Nella carta geografica dopo quel punto hanno scritto "hic sunt leones"che in "romanesco moderno" si traduce con "ah morè... lassa perdé che nun vale la pena".... oppure "ah tutto scemo... vacce te..." :D
        • ctgcx scrive:
          Re: Ueh, ma che scemenze!
          - Scritto da: urca ma davvero
          dimenticavo gli inglesi poi erano così puliti che
          "bagno" si dice ancora col nome di una città
          (bath) dove i romani han costruito le "termae"
          giusto sul confine del vallo Adriano dove si sono
          fermati capendo che proseguire non valeva la
          pena.Quanta ignoranza.Illudersi di poter vantare almeno una eredità culturale decente aggrappandosi alla memoria di popoli e culture scomparsi da quasi un millennio.
          Nella carta geografica dopo quel punto hanno
          scritto "hic sunt
          leones"
          che in "romanesco moderno" si traduce con "ah
          morè... lassa perdé che nun vale la pena"....
          oppure "ah tutto scemo... vacce
          te..."(rotfl)(rotfl)(rotfl)Certo!!!! Allora esistevano i leoni celtici.
      • Panda scrive:
        Re: Ueh, ma che scemenze!
        - Scritto da: dtcgvcr
        I corrotti di ogni genere sono quelli che votiamo
        noi italioti. A fare più schifo della nostra
        classe politica ci riescono solo i
        greci.Italiota dillo a tua sorella, grazie.Evita di offendere gratuitamente il prossimo.Ma pensa tu che razza di gente scrive sui forum.
  • panda rossa scrive:
    Quali avvisi sui cookies?
    Ma e' possibile che nella seconda meta' del 2016 ci sia ancora in giro gente che non ha capito che IL BROWSER E' MIO E LO GESTISCO IO?I server mandano i dati, ma e' il client quello che decide quali ricevere, quali visualizzare, quali rigettare...
    • mementomori scrive:
      Re: Quali avvisi sui cookies?
      tu parli della gente 'comune' e ti scandalizzi.Prova a fare una chiacchierata con i neo laureati in informatica. Ti passa la speranza nel genere umano....
      • panda rossa scrive:
        Re: Quali avvisi sui cookies?
        - Scritto da: mementomori
        tu parli della gente 'comune' e ti scandalizzi.Io parlo ad informatici in un forum di informatica.
        Prova a fare una chiacchierata con i neo laureati
        in informatica. Ti passa la speranza nel genere
        umano....Al contrario! Ho la conferma che avranno bisogno di me per ancora molto tempo.
        • Panda scrive:
          Re: Quali avvisi sui cookies?
          - Scritto da: panda rossa
          Io parlo ad informatici in un forum di
          informatica.Sarà un sito di informatica, ma stiamo parlando di ricette di biscotti, attieniti all'argomento, grazie.Di client nessuno vuole sapere nulla qui.
      • iRoby scrive:
        Re: Quali avvisi sui cookies?
        Quando lavoravo in una web agency ho fatto il colloquio ad un neo-laureato.Molto brillante all'apparenza e volenteroso.Ci ha mostrato un suo progetto di social network tipo Facebook.Bellino...Poi ci dice che aveva un piccolo problema... Poteva loggarsi un solo utente per volta.
    • Osvy scrive:
      Re: Quali avvisi sui cookies?
      - Scritto da: panda rossa
      Ma e' possibile che nella seconda meta' del 2016
      ci sia ancora in giro gente che non ha capito che
      IL BROWSER E' MIO E LO GESTISCO IO?
      I server mandano i dati, ma e' il client quello
      che decide quali ricevere, quali visualizzare,
      quali rigettare...cioè, spiegami perché è interessante: tu riesci a navigare sui siti dicendo no ai cookies? Come funziona un po' più in dettaglio questa possibilità?
      • panda rossa scrive:
        Re: Quali avvisi sui cookies?
        - Scritto da: Osvy
        - Scritto da: panda rossa

        Ma e' possibile che nella seconda meta' del 2016

        ci sia ancora in giro gente che non ha capito
        che

        IL BROWSER E' MIO E LO GESTISCO IO?

        I server mandano i dati, ma e' il client quello

        che decide quali ricevere, quali visualizzare,

        quali rigettare...

        cioè, spiegami perché è interessante: tu riesci a
        navigare sui siti dicendo no ai cookies? Come
        funziona un po' più in dettaglio questa
        possibilità?No, io riesco a navigare senza ricevere avvisi insulsi.I cookies li accetto solo se sono necessari alla mia fruizione di quel servizio e per il tempo necessario alla fruizione del servizio.Si tratta solo di configurare opportunamente il proprio browser.
      • mementomori scrive:
        Re: Quali avvisi sui cookies?
        RTFMhttps://tools.ietf.org/html/rfc6265
        • Osvy scrive:
          Re: Quali avvisi sui cookies?
          - Scritto da: mementomori
          RTFM
          https://tools.ietf.org/html/rfc6265faccio prima a leggermi le informative sulla privacy.... ;-)
      • lorenzo scrive:
        Re: Quali avvisi sui cookies?
        Ci riescono tutti , a parte l'apposita estensione " non me ne importa di meno dei cookie " https://addons.mozilla.org/it/firefox/addon/i-dont-care-about-cookiesla maggior parte dei cookies e' una pezza aggiunta , quindi in genere e' uno script che manda il cookie e legge se c'e' , se blocchi lo script il tutto semplicemente e' come se non ci fosse , gli script li blocchi agevolmente con adblockplus .quanto ai cookie li gestisci per bene con cookieculler .Il tracciamento non si fa piu' con i cookies ma con i fingerprint e ancora meglio con gli identificatori univoci ( presente quando reinstallate il sistema da zero ed il venditore del sistema vi riconosce ? ) i vari tentativi di creare computer "affidabili" non sono altro che tentativi di identificare con certezza quel particolare pc , quanto ai dispositivi mobili li la privacy non esiste ad ogni sito viene conXXXXX di sapere il numero di telefono dell'utente ( altrimenti come attivano gli abbonamenti con un click sui banner ? ) . A qualcuno viene in mente che i cookie sono l'ultimo dei problemi per la privacy ?
        • lorenzo scrive:
          Re: Quali avvisi sui cookies?
          "la maggior parte dei cookies " sta per i cookie per la gestione della cookie law non per i cookie in generale
      • Mao99 scrive:
        Re: Quali avvisi sui cookies?


        cioè, spiegami perché è interessante: tu riesci a
        navigare sui siti dicendo no ai cookies? Come
        funziona un po' più in dettaglio questa
        possibilità?Ciao, io semplicemente con Firefox ho detto di cancellare all'uscita TUTTO, cookies, cache, cronologia, password ecc.. (impostazione personalizzata)Ovvio che non puoi senza, ma ad ogni chiusura CLEAN! e in aggiunta resta leggero Browser e HD.Spero di essere stato utile.
        • Lillo scrive:
          Re: Quali avvisi sui cookies?
          - Scritto da: Mao99



          cioè, spiegami perché è interessante: tu riesci
          a

          navigare sui siti dicendo no ai cookies? Come

          funziona un po' più in dettaglio questa

          possibilità?

          Ciao, io semplicemente con Firefox ho detto di
          cancellare all'uscita TUTTO, cookies, cache,
          cronologia, password ecc.. (impostazione
          personalizzata)
          Ovvio che non puoi senza, ma ad ogni chiusura
          CLEAN! e in aggiunta resta leggero Browser e
          HD.
          Spero di essere stato utile.Per curiosità, prova andare qui e tenta di leggere il giornale :www.lastampa.itfunziona ?
          • Panda scrive:
            Re: Quali avvisi sui cookies?
            - Scritto da: Lillo
            - Scritto da: Mao99
            Per curiosità, prova andare qui e tenta di
            leggere il giornale
            :

            www.lastampa.it

            funziona ?io riesco a leggere la stampa, con il giornale faccio più fatica.
Chiudi i commenti