AIIP sul Report 2002 della UE

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un commento di Ermanno Delia, membro del board dell'associazione dei provider, sui dati presentati dal commissario europeo Liikanen sull'innovazione


Roma – Il Rapporto 2002 della Commissione Europea sull’Innovazione sentenzia riguardo all’Italia “nessun miglioramento significativo” rispetto all’anno precedente. La spesa privata per Ricerca e Sviluppo rimane inchiodata allo 0,53% del PIL.

Ma nelle more dello stesso Rapporto si scorge un risultato positivo incoraggiante: i nuovi prodotti sono cresciuti nel nostro Paese del 13,5% contro il 6,5% della media dei 15 a dimostrazione della vocazione creativa delle risorse umane del nostro Paese. In base allo stesso Rapporto le PMI italiane che attuano innovazione sono il 44,4% contro il 44% della media UE.

La straordinaria capacità del Sistema Italia di reagire nonostante vincoli di sistema deve rappresentare un obbligo morale per le Istituzioni perché mettano in campo tutte le misure necessarie al fine di valorizzare il patrimonio creativo delle risorse umane del nostro Paese, in particolare supportando le PMI.

Le PMI devono essere in grado di trasferire sul “mercato virtuale” le loro competenze e la loro creatività al fine di evitare l’estinzione.

La situazione è chiara se si pensa al fenomeno dei Marketplace elettronici. Si stima che nel 2005 il 18% del valore totale delle esportazioni mondiali transiterà per via telematica.
I marketplace telematici rappresentano un’opportunità unica di espansione per le PMI potendo abbattere costi e barriere geografiche.
Nella Classifica Europea dei marketplace elettronici l’Italia è 4° posto con 75 siti telematici settoriali.

Poichè il processo di presenza delle PMI sui “network mondiali” passa attraverso “nuovi spazi” come i marketplace elettronici è vitale che le Istituzioni mettano in campo le misure necessarie al fine di consentire al TUTTE le aziende di entrare a fare parte del “nuovo mercato”.

Come? In primo luogo è necessario che le PMI prendano coscienza di tale opportunità.

I 600 ISP italiani, che rappresentano in molti casi l’outsourcing della funzione di ICT delle PMI, compiono un’opera di alfabetizzazione e sensibilizzazione insostituibile, consentendo alle PMI di entrare a pieno titolo nel “network mondiale”.

La loro attività è in linea con le considerazioni di Liikanen che presentando il Rapporto in oggetto ha osservato che “L’Europa non sta cogliendo gli obiettivi del programma eEurope di fare dell’Unione l’area più competitiva del pianeta” e che quindi risulta necessario “intraprendere azioni urgenti per stimolare l’innovazione”.

Le risorse umane del nostro Paese stanno dimostrando che l’imprenditorialità la creatività individuale e la volontà di innovare non mancano. Essa va incentivata, supportata e promossa a tutti i livelli istituzionali affinchè si traduca in innovazione e quindi crescita sociale ed economica del Paese.

Un mercato delle telecomunicazioni in cui si è concretizzato un sistema di garanzie della concorrenza efficace, rappresenta la cornice in cui risorse umane qualificate (gli ISP) possono contribuire con i loro progetti, la creatività e l’imprenditorialità a sostenere le PMI del Paese.

E’ necessario, quindi, che anche le Autorità di settore facciano la loro parte, interpretando la Regolamentazione come fattore di promozione del bene sociale, intervenendo prontamente quando la concorrenza è a rischio, ovvero, quando il mercato selvaggio mette a repentaglio la preziosa opera degli ISP.

Ermanno Delia
Membro board AIIP

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • TADsince1995 scrive:
    Ma non basterebbero dei Jammer?
    Esistono delle bellissime schermature che impediscono totalmente l'ingresso dei segnali radio dei cellulari, basterebbe installarli nelle pareti dei cinema e teatri per impedire il funzionamento dei cellulari al loro interno. Si eviterebbero multe ai "distratti" o ai maleducati e i nervi a chi sta cercando di vedere lo spettacolo!Sarebbe bellissimo!TAD since 1995
  • Anonimo scrive:
    Almeno schermassero le toilet
    Quando mi squilla mentre sono sul wc e se non rispondi dopo ti senti uno incazzato che ti dice ma perche' non rispondi??!!!Erooooooo suuuuuulllllllll ce**o Capitoooo UFFAAAA!!!!PS Scusate lo sfogo :-P
    • Anonimo scrive:
      Re: Almeno schermassero le toilet
      - Scritto da: Anonimo
      Quando mi squilla mentre sono sul wc e se
      non rispondi dopo ti senti uno incazzato che
      ti dice ma perche' non rispondi??!!!
      Erooooooo suuuuuulllllllll ce**o Capitoooo
      UFFAAAA!!!!


      PS
      Scusate lo sfogo :-PAncra piu' divertente quando capita di sentire squillare il cesso vicino al tuo :-))) ...E vai di grida "O tipo questa non e' una cabina telefonica...." oppure aspetti che il vicino mandi i bacini alla ragazza per tirare rumorosamente l'acqua... :-)))
  • Vertigo scrive:
    Ci voleva proprio!
    Sinceramente mi sono rotto le palle di pagare il biglietto, entrare nel cinema, e mentre mi godo il film, sentire il solito COGLIONE a cui squilla il telefono e risponde tranquillamente, parlando di cazzate immani.che palle!ovvio che il buonsenso imporrebbe di inserire il vibracall e spengere la suoneria, ma il buonsenso e' una merce rara...spero che quella legge arrivi presto anche in Italia
    • Xendorf scrive:
      Re: Ci voleva proprio!
      - Scritto da: Vertigo
      ovvio che il buonsenso imporrebbe di inserire il
      vibracall e spengere la suoneria, ma il buonsenso
      e' una merce
      rara...Direi di più ... il buonsenso imporrebbe che il telefono venisse spento per consentire a tutti gli altri di godersi in pace il film/opera/concerto/etc.Ma lasciamo perdere le aree di "divertimento" e pensiamo ad altre aree meno "divertenti" quali possono essere gli ospedali: non ho idea se un telefono possa o meno interferire con gli eventuali strumenti ospedalieri ma, in ogni caso, il cellulare lo spengo e lo faccio spegnere.
  • Anonimo scrive:
    vietare solo la suoneria?
    non sarebbe stato sufficente?cosi` niente proteste per la liberta` di espressione, e se uno ha un telefono datato senza vibrazione e` anche invogliato a cambiarlo e mi gira l`indotto..Caio
    • avvelenato scrive:
      Re: vietare solo la suoneria?
      c'è scritto che ne è vietato l'uso.dunque, niente squilli, niente conversazioni, niente ticchettio dei tasti per scrivere un sms.dunque lo puoi pure tenere (con vibrazione), a patto di non osare a rispondere nel cinema. Credo che vedere il numero della persona chiamante non rappresenti un atto tale da far scattare la sanzione. (spero)una legge intelligente, peccato che sarà difficile metterla in pratica (come qui da noi è stato difficile mettere in pratica le leggi contro il fumo nei luoghi pubblici).
      • Anonimo scrive:
        Re: vietare solo la suoneria?
        si vabe` ma ci vuole una normativa apposta per i cellulari? non ce l`hanno una norma generica sul non rompere i @@ nei luoghi pubblici? insomma se passa QUESTA legge ci sono mille altre cose che danno possono dare fastidio;per esempio quando al cinema il pubblico di un film drammaticoride .. perche` volevano quasi tutti andare a vedere i vanzina, ma c`era la fila, non e` meno fastidioso fatidico del trillo.dovrebbe essere:in certi posti se entri puoi uscire solo al termine dello spettacolo oppure in barella per motivi seri, se disturbi sei allontanato per qualche anno dai luoghi pubblici dell`arte e dello spettacolo, come avviene per i tifosi da curva.le norme specifiche danno la misura della miseria umana,piu` leggi si fanno piu` significa che siamo portati ad avere atteggiamenti antisociali.Cai0
  • Anonimo scrive:
    Reperibile anche da morto.....
    Siamo tutti schiavi di questa mania di essere sempre reperibili, sempre disponibili, sempre.....Il telefonino è una gran comodità ma la maggior parte delle persone (me compreso) non ha alcun bisogno di essere trovata *sempre*Vai al cinema, lo spegni, tanto registra le chiamate perse, poi esci e richiami o ti fai richiamare....così difficile ?La cosa grave è che i cafoni non lo fanno neanche più con la volontà di dare fastidio e farsi notare....peggio...per loro è perfettamente normale rispondere e parlare.....E con gli mms smm smsmsss la gente si guarderà i filmati comici in sala?Sigh Sigh
  • Anonimo scrive:
    Macche legge.. basta il buon senso
    le persone intelligenti hanno l'accortezza di usare la vibrazione al cinema o a teatro, e se si viene chiamta basta uscire e rispondere o ritelefonare, o forse è anche vietato uscire?
    • Anonimo scrive:
      Re: Macche legge.. basta il buon senso
      - Scritto da: Anonimo
      le persone intelligenti hanno l'accortezza
      di usare la vibrazione al cinema o a teatro,
      e se si viene chiamta basta uscire e
      rispondere o ritelefonare, o forse è anche
      vietato uscire?Il problema è che NON TUTTI sono abbastanza intelligenti da mettere vibrazione e uscire per rispondere!!Allora, come sempre, si deve obbligare le persone a sapere che potrebbero prendere la multa.E' come quello che si mette le cinture di sicurezza "perché ci sono i vigili" non perché "potrei salvarmi la vita"!!!E' triste e stupido ma è così!!CiaoMaX!
    • Anonimo scrive:
      Re: Macche legge.. basta il buon senso
      Gli italiani mi sembrano abbastanza civili in questo senso, in tanti anni non ho mai sentito squillare un cellulare al cinema, io stesso lo spengo quando comincia lo spettacolo.CiaoAtlantis
      • Anonimo scrive:
        Re: Macche legge.. basta il buon senso

        Gli italiani mi sembrano abbastanza civili
        in questo senso, in tanti anni non ho mai
        sentito squillare un cellulare al cinema, io
        stesso lo spengo quando comincia lo
        spettacolo.Beato te. A me è successo che uno si sia perfino messo a parlare al telefono durante il film!All' ultimo gli ho gentilmente detto di ficcarselo in quel posto. :-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Macche legge.. basta il buon senso
      - Scritto da: Anonimo
      le persone intelligenti hanno l'accortezza
      di usare la vibrazione al cinema o a teatro,
      e se si viene chiamta basta uscire e
      rispondere o ritelefonare, o forse è anche
      vietato uscire?il problema e che mancano le persone intelligenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Macche legge.. basta il buon senso
      Beh, scusa, di noi italiani hai un esempio enorme: dopo che hanno messo il casco obbligatorio per tutti, pochissimi (al nord) non lo mettono, (non parlo del sud per pietà e per non scatenare inutili discussioni), eppure prima oltre i 18 non lo metteva quasi nessuno...E infatti la mortalità da incidenti in scooter è precipitata.Noi italiani siamo così: o c'è la legge o chissenefrega (purtroppo)
    • Anonimo scrive:
      Re: Macche legge.. basta il buon senso
      - Scritto da: Anonimo
      le persone intelligenti hanno l'accortezza
      di usare la vibrazione al cinema o a teatro,
      e se si viene chiamta basta uscire e
      rispondere o ritelefonare, o forse è anche
      vietato uscire?Secondo me, una persona che esce dalla sala per rispondere al telefono rompe comunque i coglioni, che abbia la suoneria o no. Se sono al cinema, sono al cinema e basta. Non vedo perche' debba rovinarmi il film (e rovinarlo agli altri) in nome della reperibilita' a tutti i costi (un'esigenza che 6 anni fa non aveva nessuno).A teatro, la mancanza di rispetto si estende anche nei confronti di chi in quel momento sta recitando.Interrompere la visione di uno spettacolo (per cui si ha anche pagato) per rispondere ad una telefonata, probabilmente di importanza relativa, e' per molti un fastidio, per altri no. A questi ultimi consiglierei di starsene a casa e guardare la tv, che piu' si confa' alla loro sensibilita' artistica.u.d.o.
  • Emilio scrive:
    Barbarie
    A me sembra che una decisione del genere voglia dire tornare indietro a quando il telefonino non c'era. Tipica di gente che non ha voglia di innovare. L'educazione e' una cosa le multe sono un 'altra.
    • fDiskolo scrive:
      Re: Barbarie
      - Scritto da: Emilio
      A me sembra che una decisione del genere
      voglia dire tornare indietro a quando il
      telefonino non c'era. Tipica di gente che
      non ha voglia di innovare. L'educazione e'
      una cosa le multe sono un 'altra.cosa centra l'innovazione con l'educazione?E' come paragonare la velocità di un treno con l'altezza di un grattacielo: assurdo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Barbarie
      Adesso non esageriamo, mi sembrano delle norme comportamentali molto sensate.La tecnologia e la scienza sono asettiche, e poi l'uso che ne fai che risulta corretto o meno, morale o meno. La lama e' un invenzione: poi nei fai un bisturi o un pugnale. L'invenzione è utile l'uso è un'altra cosa.
    • Anonimo scrive:
      Re: Barbarie
      - Scritto da: Emilio
      A me sembra che una decisione del genere
      voglia dire tornare indietro a quando il
      telefonino non c'era. Tipica di gente che
      non ha voglia di innovare. L'educazione e'
      una cosa le multe sono un 'altra.Siccome l'educazione non ce l'ha nessuno e le multe rendono educati quelli che prima erano soltanto dei rompiballe; ben venga la legge! :-)))Ciauz!
  • Anonimo scrive:
    Che tristezza....
    ...dover insegnare la buona educazione a suon di leggi...Ma se questo dovesse arginare in qualche modo l'avanzata dilagante dei maleducati allora... VIVA QUESTA LEGGE!
  • Cavallo GolOso scrive:
    FINALMENTE!
    EVVIVA!Prova di grande civiltà contro quei buzzurri che usano i cellulari al cinema e sul più bello di altre performance ... non solo suona il telefono ... ma questi stronzi rispondono !!! EVVIVA QUESTA LEGGE! Non la vedo come una restrizione della libertà, perché riguarda specifici luoghi e nessuno è obbligato ad entrarci. Se fosse vietato al lavoro o in altri luoghi in cui uno si deve recare, sarebbe un'altra faccenda.Ma se vai ad un concerto sai che ti aspetti arte: se rompi i coglioni a tutti e all'artista mentre c'è un momento particolare, allora significa che non hai un minimo di rispetto e di educazione... quindi meriti che qualcuno te la faccia pagare.La tristezza è che, come sempre, chi ha i soldoni se ne fregherà delle regole.In questo non scherza nessuno, States, Europa, Italia ... ovunque.Ditemi che sono contro gli americani adesso! Loro hanno questa buona legge: sarebbe da imitare. Ma noi in Italia abbiamo diverse cifre che ruotano attorno alla telefonia cellulare...
    • Anonimo scrive:
      Re: FINALMENTE!
      Si... però non si può fare una legge per ogni comportamento umano...Ci vorrebbe allora anche una legge per chi butta le gomme da masticare a terra, per chi lascia le cicche di sigaretta sotto la sabbia in spiaggia, per chi sputa per la strada... se dovessimo elevare a reato pure la maleducazione sarebbe forse un po' troppo... (senza contare che a tutti prima o poi può capitare una volta di dimenticare di spegnere il cellulare al cinema...)
      • Anonimo scrive:
        Re: FINALMENTE!
        - Scritto da: Anonimo
        Ci vorrebbe allora anche una legge per chi
        butta le gomme da masticare a terra, per chi
        lascia le cicche di sigaretta sotto la
        sabbia in spiaggia, per chi sputa per la
        strada... Infatti c'e': se un vigile ti becca a buttare qualcosa per terra ti fa (giustissimamente) la multa.
        ... (senza contare che a tutti prima o
        poi può capitare una volta di dimenticare di
        spegnere il cellulare al cinema...)No, io vado spesso al cinema e non mi e' mai capitato.Capita a chi non gliene importa un tubo del rispetto per gli altri, ed e' giustissimo che paghi per questo.SalutiGiorgio
Chiudi i commenti