Allarme pre-hijacking su servizi popolari come Instagram e LinkedIn

Allarme pre-hijacking su servizi popolari come Instagram e LinkedIn

I sempre più numerosi casi di pre-hijacking fanno tremare le grandi piattaforme online: da Instagram a LinkedIn, da Zoom a Dropbox.
I sempre più numerosi casi di pre-hijacking fanno tremare le grandi piattaforme online: da Instagram a LinkedIn, da Zoom a Dropbox.

Alcuni studi riconducibili a Microsoft e a ricercatori indipendenti hanno sollevato una problematica finora poco conosciuta come il pre-hijacking.

La ricerca che ha coinvolto piattaforme tra le più popolari online come Instagram, LinkedIn, Zoom, WordPress e Dropbox hanno dimostrato come tali servizi sono potenzialmente soggetti a questo fenomeno. Ma di cosa si tratta e come funziona il pre-hijacking?

Di fatto, si tratta di una sorta di “hacking preventivo” che vede il pirata informatico creare e prendere il controllo dell’account di un utente. Il tutto ancora prima che lo stesso crei un profilo sul servizio. Si tratta di una sorta di furto d’identità difficile da individuare e contrastare, almeno con i mezzi attuali.

Questa forma di attacco viene di solito effettuata in seguito al furo dell’indirizzo e-mail della vittima che, una volta ottenuto, permette la creazione di account su qualunque piattaforma.

Nonostante non esista un modus operandi preciso per il pre-hijaking, gli esperti hanno lasciato intendere che la prevenzione è, senza ombra di dubbio, il miglior modo per contrastare tale fenomeno. Sotto questo punto di vista, utilizzare l’autenticazione a due fattori e un buon antivirus è essenziale per evitare rischi.

Pre-hijacking: un fenomeno in crescita che può essere arginato

Il furto d’identità non è una novità. Per gli hacker infatti, le informazioni questo tipo di informazioni può risultare utile sia per la vendita delle stesse sul dark web, sia per perpetrare ulteriori atti criminosi.

Dunque, al fine di evitare di incorrere in azioni simili, un antivirus può sicuramente rappresentare un ottimo punto di partenza. Norton Antivirus, vero e proprio pilastro del settore, rappresenta dunque una certezza tra i tanti pericoli della rete.

Bisogna tenere conto che, nel pacchetto Norton Antivirus Plus infatti, sono inclusi diversi strumenti utili a contrastare qualunque tipo di attacco informatico. Oltre al classico sistema di rilevamento ed eliminazione di minacce, la suite può vantare un ottimo gestore di password. A questi si aggiungono anche un firewall intelligente e uno spazio su cloud per il backup dei dati da 2 GB.

A rendere ancora più interessante il tutto vi sono i costi: Norton Antivirus Plus, grazie all’83% di sconto, è attualmente disponibile per appena 9,99 dollari all’anno. Un’occasione imperdibile per proteggere un computer Windows o Mac da tutti i pericoli del web.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 25 mag 2022
Link copiato negli appunti