Amazon brevetta la history degli utenti

Questa volta il brevetto riguarda la relazione tra due o più prodotti visti da un utente durante una sessione di navigazione. Problemi in arrivo per molti negozi web?

San Francisco (USA) – “Metodi per tracciare le attività di browsing dell’utente che indichino gli interessi dello stesso per particolari prodotti o altri elementi, e per l’uso di queste informazioni per identificare prodotti collegati l’uno all’altro”.

Questa la sintesi della descrizione di un singolare brevetto che Amazon ha richiesto nel 2001 e che nelle scorse ore è stato approvato dall’Ufficio brevetti americano. Non appena è stato notato su Slashdot , la notizia ha comprensibilmente iniziato a fare il giro della rete.

L’Ufficio brevetti, dunque, ritiene che il titolo 6,912,505 sia del tutto legittimo. Stando alla descrizione del brevetto, Amazon avrebbe dunque la paternità di una metodologia già ampiamente utilizzata da moltissimi negozi online, e non solo, quella che, per tornare all’abstract del brevetto, “mette in relazione i prodotti di un catalogo online identificando i prodotti più visti da un singolo utente nel corso di una sessione di navigazione”.

Non è la prima volta che Amazon ottiene il deposito di un brevetto di questo tipo. Lo shop fondato da Jeff Bezos era già stato sotterrato di critiche dopo aver registrato il singolo clic per l’acquisto ma aveva poi insistito con altri brevetti, come quello sull’ acquisto di usato e persino un titolo per tracciare gli utenti durante gli acquisti.

Per violare il nuovo brevetto, dunque, basterà che un negozio qualsiasi metta in relazione due prodotti visti da un singolo utente, un “suggerimento” tipico e, come detto, ampiamente utilizzato. Non è ancora chiaro se Amazon abbia intenzione di ottenere royalty da tutti gli shop online che utilizzano questa tecnica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    e se...
    e se i bug stanno proprio nel codice che non fanno vedere con la shared source (le varie backdoor)?
  • Anonimo scrive:
    Regole rigidissime?
    "L'accesso al codice di Microsoft è regolamentato da regole rigidissime..."Cioé? In cosa consisterebbero queste regole rigidissime?
    • avvelenato scrive:
      Re: Regole rigidissime?
      - Scritto da: Anonimo
      "L'accesso al codice di Microsoft è regolamentato
      da regole rigidissime..."


      Cioé? In cosa consisterebbero queste regole
      rigidissime?Principalmente NDA severissime che impongono la separazione delle gonadi di chi visiona il codice dal resto del suo corpo, se putacaso in un suo programma una sola linea di codice conterrà una sola parola identica a quelle osservate nel codice protetto. Indipendentemente che la parola rappresenti, nell'uno o nell'altro programma, una keyword, una variabile, una direttiva al compilatore, un commento, o qualsiasi altra cosa.(sì insomma ho esagerato, si chiama "iperbole", ma penso d'aver reso l'idea)
  • Anonimo scrive:
    Ma con tutti gli yen
    che anno in quel stramaledetto paese di psiconevroticichiamato Jappone piuttosto di trastullarsi con le schifezzed'importazione dal paese "nemico di sempre" ovveroi prodotti Microsozz, non potrebbero invesitire a lungotermine in prodotti fatti dalla comunita' mondiale edunque liberamente fruibili da tutti e senza sotterfugidi "codice ai poliziotti"(ma che e' un racconto di P. Dick) ???Se lo fa anche Lula che gli Yen non sa manco cosa sianonon possono farlo loro che gli Yen non sanno manco piu'dove metterli ???Piu' penso a ste assurdita del monto piu' mi rendo contoche Zio Bill fa dei gran bei pentoloni ma di coperchinon ne ha mai prodotto uno... non serve la gente seli fa da se'! :(bb
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma con tutti gli yen

      Se lo fa anche Lula che gli Yen non sa manco cosa
      sianoLula ha le palle!Ha violato anche i brevetti e stà iniziando a produrre farmaci anti-AIDS in industrie statali, facciamo un offerta e mettiamolo a governare l'Italia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma con tutti gli yen
      - Scritto da: Anonimo
      che anno in quel stramaledetto paese di
      psiconevroticiPensa che 9 su 10 prendono pillole anti schizofrenia paranoide, 8 su 10 sono vegetali umani, 9 su 10 si suicidano prima dei 12 anni.Che paese di merda eh?! Ma che vuoi mica tutti possono avere la stabilita' emotiva dei gloriosi e posati italiani.
      chiamato Jappone piuttosto di trastullarsi con le
      schifezze
      d'importazione dal paese "nemico di sempre" ovvero
      i prodotti Microsozz, non potrebbero invesitire a
      lungo
      termine in prodotti fatti dalla comunita'
      mondiale e
      dunque liberamente fruibili da tutti e senza
      sotterfugi
      di "codice ai poliziotti"(ma che e' un racconto
      di P. Dick) ???A queste domande non viene in mente di rispondersi "devo indagare di piu' sulle cause perche' chi fa una cosa non e' meno stupido di me e avra' ben le sue ragioni" anzicche' concludere sempre con "la gente e' stupida e si lega le mani da sola"?
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma con tutti gli yen
        - Scritto da: Anonimo
        Pensa che 9 su 10 prendono pillole anti
        schizofrenia paranoide, 8 su 10 sono vegetali
        umani, 9 su 10 si suicidano prima dei 12 anni.
        Che paese di merda eh?! Ma che vuoi mica tutti
        possono avere la stabilita' emotiva dei gloriosi
        e posati italiani.Ma 6 per caso un Japponese :D
        ?

        A queste domande non viene in mente di
        rispondersi "devo indagare di piu' sulle cause
        perche' chi fa una cosa non e' meno stupido di me
        e avra' ben le sue ragioni" anzicche' concludere
        sempre con "la gente e' stupida e si lega le mani
        da sola"?Siceramente non e' una questione di + o - intelligenzae' una questione di piu' o meno $(o yen, dipende daicasi)BB
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma con tutti gli yen
          - Scritto da: Anonimo
          Ma 6 per caso un Japponese :DPerche', bisogna essere giapponesi per non credere ai luoghi comuni?

          A queste domande non viene in mente di

          rispondersi "devo indagare di piu' sulle cause

          perche' chi fa una cosa non e' meno stupido di
          me

          e avra' ben le sue ragioni" anzicche' concludere

          sempre con "la gente e' stupida e si lega le
          mani

          da sola"?

          Siceramente non e' una questione di + o -
          intelligenza
          e' una questione di piu' o meno $(o yen, dipende
          dai
          casi)Davvero?Se tu sei ricco sfondato compri qualunque casa ti propongano di acquistare? E no! Ricco, non stupido. Le scelte sono fatte in base a molte cose, non solo ai soldi.Ma siccome degli investimenti altrui si vedono i soldi spesi ma non si sanno i motivi alle spalle, e' piu' facile credere che non ci siano motivi o fraintenderli.Nel caso specifico, se Lula ha preso una certa direzione, perche' il Giappone che ha piu' soldi non ha fatto lo stesso? Che "assurdita del monto" eh? Bastano i soldi, ed e' tutto fatto. Ma forse il Brasile non e' il Giappone e viceversa, ed economia e storia ed esigenze sono diverse. Forse solo forse, che "assurdita del monto" eh?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma con tutti gli yen
            - Scritto da: Anonimo
            - Scritto da: Anonimo


            Ma 6 per caso un Japponese :D

            Perche', bisogna essere giapponesi per non
            credere ai luoghi comuni?Luogo comune ???Azzo ma tu almeno ci sei stano in Giappone ?Hai mai letto qualche relazione sociologicasulla vita nel paese del sol levante ?Un bel libro tipo "Giapponesi giorno per giorno" ?di F. Mezzetti ?Documentati allora prima di parlare.I luoghi comuni li hai te non io.


            A queste domande non viene in mente di


            rispondersi "devo indagare di piu' sulle cause


            perche' chi fa una cosa non e' meno stupido di

            me


            e avra' ben le sue ragioni" anzicche'
            concludere


            sempre con "la gente e' stupida e si lega le

            mani


            da sola"?



            Siceramente non e' una questione di + o -

            intelligenza

            e' una questione di piu' o meno $(o yen, dipende

            dai

            casi)

            Davvero?
            Se tu sei ricco sfondato compri qualunque casa ti
            propongano di acquistare? E no! Ricco, non
            stupido.
            Le scelte sono fatte in base a molte cose, non
            solo ai soldi.
            Ma siccome degli investimenti altrui si vedono i
            soldi spesi ma non si sanno i motivi alle spalle,
            e' piu' facile credere che non ci siano motivi o
            fraintenderli.
            Parlavo di tangenti, su dai non ci voleva molto percapirlo. Ma probabilmente visto che ne sai veramentepoco sul Giappone non saprai neanche che e' unodei paese con il piu' alto indice di corruzione tra ipolitici. Ma probabilmente mi risponderai che anchequesto e' un lugo comune, vero ? ;)
            Nel caso specifico, se Lula ha preso una certa
            direzione, perche' il Giappone che ha piu' soldi
            non ha fatto lo stesso? Che "assurdita del monto"
            eh? Bastano i soldi, ed e' tutto fatto.Questa e' farina del tuo sacco, mai detto questo...
            Ma forse il Brasile non e' il Giappone e
            viceversa, ed economia e storia ed esigenze sono
            diverse. Forse solo forse, che "assurdita del
            monto" eh?Bah, vedo che finalmente ti sei documentato. Bravo!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma con tutti gli yen
            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo

            - Scritto da: Anonimo




            Ma 6 per caso un Japponese :D



            Perche', bisogna essere giapponesi per non

            credere ai luoghi comuni?

            Luogo comune ???
            Azzo ma tu almeno ci sei stano in Giappone ?Certo, ci vivo.
            Hai mai letto qualche relazione sociologica
            sulla vita nel paese del sol levante ?
            Un bel libro tipo "Giapponesi giorno per giorno" ?
            di F. Mezzetti ?
            Documentati allora prima di parlare.
            I luoghi comuni li hai te non io. Gia' gia'...Che ignorante che sono... :)Ne sai certo piu' tu.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma con tutti gli yen
            Chissà perchè mi sembra di conoscerti..... Mi sembra di riconoscere lo stile visto in altri forum......Sei quello che solo tu conosci ed hai capito il giappone, gli altri che ci vivono sono degli ignorantoni che non hanno capito un caxo e sanno solo lamentarsi.Anche questa volta arriverai alle minacce?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma con tutti gli yen
            - Scritto da: Anonimo
            Chissà perchè mi sembra di conoscerti.....
            Mi sembra di riconoscere lo stile visto in altri
            forum......
            Sei quello che solo tu conosci ed hai capito il
            giappone, gli altri che ci vivono sono degli
            ignorantoni che non hanno capito un caxo e sanno
            solo lamentarsi.
            Anche questa volta arriverai alle minacce?Se frequenti della gentaglia non e' colpa mia, non mi mettere in mezzo. Certo, e' vero, di gente che dice che solo loro hanno capito il Giappone sono pieni i forum, e anzi l'Italia intera. Anche l'esperienza diretta sul posto genera giudizi spesso opposti, perche' il Giappone, come ogni paese e' sfaccettato ed e' pure diverso l'occhio che lo guarda.Di sicuro pero' meglio farci una vista che abboccare ai libri di gente che scrive per vivere. questi confezionano ad hoc per il pubblico italiano un Giappone esagerato, descrivendo il paese che il lettore italiano vuole: hentai, gente pazza, stressata, persone che fanno cose folli, societa' opprimente, prezzi salati, donne schiave, scuola lager ecc.Invece descrivendo un paese normale di persone tranquille, cordiali ed amichevoli, con prezzi buoni e ottima assistenza sociale, televisione istruttiva e scuole all'avanguardia non si vendono ne' libri ne' film.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma con tutti gli yen
            - Scritto da: Anonimo
            Certo, e' vero, di gente che dice che solo loro
            hanno capito il Giappone sono pieni i forum, e
            anzi l'Italia intera. vero....
            Anche l'esperienza diretta
            sul posto genera giudizi spesso opposti, perche'
            il Giappone, come ogni paese e' sfaccettato ed e'
            pure diverso l'occhio che lo guarda.
            Vero anche questo....
            Di sicuro pero' meglio farci una vista che
            abboccare ai libri di gente che scrive per
            vivere. questi confezionano ad hoc per il
            pubblico italiano un Giappone esagerato,
            descrivendo il paese che il lettore italiano
            vuole: hentai, gente pazza, stressata, persone
            che fanno cose folli, societa' opprimente, prezzi
            salati, donne schiave, scuola lager ecc.
            Verissimo, anche se vale lo stesso per i libri sull'italia che si trovano in giappone.
            Invece descrivendo un paese normale di persone
            tranquille, cordiali ed amichevoli, con prezzi
            buoni e ottima assistenza sociale, televisione
            istruttiva e scuole all'avanguardia non si
            vendono ne' libri ne' film.Bè, non è proprio tutto così, e se vivi in Giappone lo sai anche tu.Si vede che non hai figli in età scolare.Se conosci persone i cui figli vanno a scuola, perchè non gli chiedi come gli insegnano le tabelline? prova, ma non ti fermare ad un solo caso. chiadi a più di uno.Inoltre, cosa ne pensi delle juku? Non mi dire che fanno avanguardia...E poi, senti, davvero la televisione no!Noi siamo messi male, ma anche in Giappone non si scherza!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma con tutti gli yen
            - Scritto da: Anonimo...

            salati, donne schiave, scuola lager ecc.
            Verissimo, anche se vale lo stesso per i libri
            sull'italia che si trovano in giappone.Gia'... :s

            Invece descrivendo un paese normale di persone

            tranquille, cordiali ed amichevoli, con prezzi

            buoni e ottima assistenza sociale, televisione

            istruttiva e scuole all'avanguardia non si

            vendono ne' libri ne' film.

            Bè, non è proprio tutto così, e se vivi in
            Giappone lo sai anche tu.
            Si vede che non hai figli in età scolare.Lavoro alle elementari e ne so qualcosa.Non hanno scuole perfette. Ma non sono nemmeno quei luoghi drammatici di sofferenze su cui si ricama molto all'estero.
            Se conosci persone i cui figli vanno a scuola,
            perchè non gli chiedi come gli insegnano le
            tabelline? prova, ma non ti fermare ad un solo
            caso. chiadi a più di uno.Mah, le studiano a memoria, come noi.E come ai nostri studenti, la cosa non piace, altri invece si divertono.
            Inoltre, cosa ne pensi delle juku? Non mi dire
            che fanno avanguardia...Beh, perche' no, non sono tanto male, molti studenti le apprezzano perche sono piu' animate e hanno lezioni piu' stimolanti .
            E poi, senti, davvero la televisione no!
            Noi siamo messi male, ma anche in Giappone non si
            scherza!Mah, dipende cosa intendiamo per qualita'... con tutti i programmi di viaggi, piu' o meno intelligenti, almeno in Giappone sanno e vedono molte cose degli altri paesi, gli italiani sgranano gli occhi quando sentono parlare di universita' in Africa, di paesi arabi istruiti dove la gente va al carrefour, di indiani ricchi e puliti.Senza contare tutti i corsi di lingue - stupidi ma interessanti - di cui in Italia non c'e' traccia.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma con tutti gli yen
            - Scritto da: Anonimo

            Nel caso specifico, se Lula ha preso una certa

            direzione, perche' il Giappone che ha piu' soldi

            non ha fatto lo stesso? Che "assurdita del
            monto"

            eh? Bastano i soldi, ed e' tutto fatto.

            Questa e' farina del tuo sacco, mai detto
            questo...Cito:"...piuttosto di trastullarsi con le schifezzed'importazione (...) non potrebbero invesitire a lungotermine in prodotti fatti dalla comunita' mondiale...?Se lo fa anche Lula che gli Yen non sa manco cosa siano non possono farlo loro che gli Yen non sanno manco piu' dove metterli ???"Insomma che e' una questione di yen (e non di altre specifiche esigenze di due paesi diversissimi) sta scritto qui, altro che farina del mio sacco. Una grande analisi!Ma scusa dimenticavo che ne sai piu' tu che hai letto un bel libro.
    • avvelenato scrive:
      Re: Ma con tutti gli yen
      - Scritto da: Anonimo
      che anno in quel stramaledetto paese di
      psiconevrotici
      chiamato Jappone piuttosto di trastullarsi con le
      schifezze
      d'importazione dal paese "nemico di sempre" ovvero
      i prodotti Microsozz, non potrebbero invesitire a
      lungo
      termine in prodotti fatti dalla comunita'
      mondiale e
      dunque liberamente fruibili da tutti e senza
      sotterfugi
      di "codice ai poliziotti"(ma che e' un racconto
      di P. Dick) ???
      Se lo fa anche Lula che gli Yen non sa manco cosa
      siano
      non possono farlo loro che gli Yen non sanno
      manco piu'
      dove metterli ???
      Piu' penso a ste assurdita del monto piu' mi
      rendo conto
      che Zio Bill fa dei gran bei pentoloni ma di
      coperchi
      non ne ha mai prodotto uno... non serve la gente
      se
      li fa da se'! :(

      bballora.. se un operaio in italia prende X... se in brasile prende X/5, e in giappone prende 3X, presumo che anche lo stipendio di un tecnico informatico mantenga proporzioni similari.Invece la licenza windows costa più o meno uguale per tutti, salvo sconti che però hanno i loro limiti (vedasi il windows che bg propose a Lula, la "reduced edition" con multitasking fino a max 3 applicazioni... o gli sconti dedicati però esclusivamente alle PA). Diciamo che costa Y.allora:in brasile, farsi installare linux e relativa assistenza costerà comunque un multiplo di X/5, che potrebbe essere facilmente minore di un multiplo di Y (certo bisogna vedere CHE multiplo, comunque questo è un discorso spannometrico)invece in giappone è probabile anche il contrario, ovvero che l'installazione e la manutenzione da parte di tecnici autoctoni sia più costosa di chiedere ad aziende straniere di occuparsene a distanza. Quindi il discorso corretto è proprio il contrario del tuo: con tutti i soldi che hanno, in Giappone, non sono costretti a scegliere linux per risparmiare e perché tanto il reddito dei tecnici sarà sempre misero, ma sceglieranno di volta in volta la soluzione economicamente e tecnicamente migliore.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma con tutti gli yen
        Non e' assolutamente questa la situazione giapponese.L'assistenza tecnica locale in Giappone e' di gran lunga piu' conveniente se svolta da tecnici locali, special modo nell'ambito di contratti di assistenza. Ma anche per un intervento una tantum, vale certamente la pena contattare il tecnico sotto casa o il reparto del megastore piu' vicino. Fioriscono tutt'ora compagnie di assistenza tecnica o tecnici privati in ambito locale. Assolutamente sconveniente l'assistenza a distanza di aziende straniere, molte delle quali tra l'altro non saprebbe barcamenarsi trovandosi a leggere computer in giapponese.Il motivo per cui il ricco Giappone continua ad usare Windows e' simile alla situazione italiana. Si e' imposto come standard di fatto in uffici scuole ed aziende, a fianco ad una quota non indifferente di mac e di linux in crescita.Per cui, si e' vero che hanno tanti quattrini e potrebbero fare dei grossi cambiamenti, ma poi dopo aver investito i soldi per i cambiamenti, bisogna riformare la testa a tutti gli impiegati, e a questo punto l'impresa fa tremare anche il bilancio in tempo e soldi dello stato e delle zaibatsu giapponesi.In Italia cosa si e' preferito? Rendere Word ed Excel e windows lo standard della pubblica amministrazione. Perche'? Perche' standard di fatto, indubbiamente e' piu' facile continuare sulla strada gia' percorsa. E in Giappone? Benche' tutti credano che sia un paese completamente diverso dal nostro (perche' poi?) anche li' e' piu' facile continuare sulla strada gia' percorsa.
        • avvelenato scrive:
          Re: Ma con tutti gli yen
          - Scritto da: Anonimo
          Non e' assolutamente questa la situazione
          giapponese.
          L'assistenza tecnica locale in Giappone e' di
          gran lunga piu' conveniente se svolta da tecnici
          locali, special modo nell'ambito di contratti di
          assistenza. Ma anche per un intervento una
          tantum, vale certamente la pena contattare il
          tecnico sotto casa o il reparto del megastore
          piu' vicino. Fioriscono tutt'ora compagnie di
          assistenza tecnica o tecnici privati in ambito
          locale. Assolutamente sconveniente l'assistenza a
          distanza di aziende straniere, molte delle quali
          tra l'altro non saprebbe barcamenarsi trovandosi
          a leggere computer in giapponese.

          Il motivo per cui il ricco Giappone continua ad
          usare Windows e' simile alla situazione italiana.
          Si e' imposto come standard di fatto in uffici
          scuole ed aziende, a fianco ad una quota non
          indifferente di mac e di linux in crescita.

          Per cui, si e' vero che hanno tanti quattrini e
          potrebbero fare dei grossi cambiamenti, ma poi
          dopo aver investito i soldi per i cambiamenti,
          bisogna riformare la testa a tutti gli impiegati,
          e a questo punto l'impresa fa tremare anche il
          bilancio in tempo e soldi dello stato e delle
          zaibatsu giapponesi.

          In Italia cosa si e' preferito? Rendere Word ed
          Excel e windows lo standard della pubblica
          amministrazione. Perche'? Perche' standard di
          fatto, indubbiamente e' piu' facile continuare
          sulla strada gia' percorsa. E in Giappone?
          Benche' tutti credano che sia un paese
          completamente diverso dal nostro (perche' poi?)
          anche li' e' piu' facile continuare sulla strada
          gia' percorsa.alla fine, anche effettuando un'analisi più accurata della mia, non fai che darmi ragione: i vantaggi del risparmio sulle licenze non è compensato dai costi della migrazione... mentre in paesi più poveri la convenienza può esserci.tuttavia ti smentisco dicendoti che effettivamente il giappone è differente, e l'utilizzo di linux non è, come da noi, scartato e snobbato, ma è valutato come potenziale alternativa, che certo si deve rapportare al budget presente e ai vantaggi offerti, ma questo è per dire che lì non impera l'inerzia e l'inadattabilità mastodontica tipica delle nostre PA.(mi riferisco a vecchie notizie di PI che parlavano di linux e giappone, magari ricordo male ma la mia impressione è questa)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma con tutti gli yen
            - Scritto da: avvelenato
            alla fine, anche effettuando un'analisi più
            accurata della mia, non fai che darmi ragione: i
            vantaggi del risparmio sulle licenze non è
            compensato dai costi della migrazione... mentre
            in paesi più poveri la convenienza può esserci.Veramente ti sto danto torto sul fatto che l'assistenza tecnica locale in Giappone sia piu' conveniente se svolta da ditte estere.Si, siamo d'accordo che i vantaggi del risparmio sulle licenze non sono compensati dai costi della migrazione, ma per i costi di aggiornamento del personale, non per i costi di assistenza.
            tuttavia ti smentisco dicendoti che
            effettivamente il giappone è differente, e
            l'utilizzo di linux non è, come da noi, scartato
            e snobbatoNo forse mi sono espresso male, non e' scartato e snobbato affatto, anzi come ho scritto, e' in crescita, e anche il mac in questo paese ha quote di mercato notevoli rispetto ad altri stati, ma cio' nonostante impera e domina windows, windows, windows! E dove c'e', rimane.
  • Anonimo scrive:
    Secondo me
    Questa frase:"I tecnici delle autorità nipponiche avranno accesso ad informazioni riservate su falle e problemi noti soltanto agli ingegneri di Redmond."va intesa così:"Gli ingegneri di Redmond avranno accesso ad informazioni riservate su falle e problemi noti soltanto ai tecnici delle autorità nipponiche"Tecnico nipponico: "Gualda che se ploglammi così il sistema si blocca. Si fa così."Ingegnere di Redmond: "Yes, sorry for my incompetence":D:D:D:D
    • castigo scrive:
      Re: Secondo me
      - Scritto da: Anonimo
      Questa frase:

      "I tecnici delle autorità nipponiche avranno
      accesso ad informazioni riservate su falle e
      problemi noti soltanto agli ingegneri di
      Redmond."

      va intesa così:

      "Gli ingegneri di Redmond avranno accesso ad
      informazioni riservate su falle e problemi noti
      soltanto ai tecnici delle autorità nipponiche"mmmm..... potresti anche dire che i "tecnici" di redmond comunicano ai poliziotti falle e backdoors in modo che possano più facilmente introdursi nei pc degli utenti che utilizzano s.o. microzozz ;)
      • avvelenato scrive:
        Re: Secondo me
        - Scritto da: castigo

        - Scritto da: Anonimo

        Questa frase:



        "I tecnici delle autorità nipponiche avranno

        accesso ad informazioni riservate su falle e

        problemi noti soltanto agli ingegneri di

        Redmond."



        va intesa così:



        "Gli ingegneri di Redmond avranno accesso ad

        informazioni riservate su falle e problemi noti

        soltanto ai tecnici delle autorità nipponiche"

        mmmm..... potresti anche dire che i "tecnici" di
        redmond comunicano ai poliziotti falle e
        backdoors in modo che possano più facilmente
        introdursi nei pc degli utenti che utilizzano
        s.o. microzozz ;)è stata la prima cosa a cui ho pensato.
Chiudi i commenti