Amazon ci prova, diventa editore

Contratti direttamente con gli autori. Una rivoluzione di mercato o uno sgarbo ai suoi un tempo fidi alleati? I piccoli hanno paura, i grandi si preparano allo scontro

Roma – Amazon esordisce nel settore dell’editoria, non più solo con strumenti di autoproduzione per autori fai-da-te, ma arrivando a pubblicare direttamente 122 libri : sia in formato cartaceo che ebook. Con questa mossa il negozio sembra andare in parte contro gli editori, scavalcandoli.

Amazon ha di fatto traghettato l’editoria del mondo del digitale, legandosi a doppio filo alla sorte degli ebook: per garantire volumi a prezzi contenuti (puntando in particolare alla soglia dei 9,99 dollari anche per le nuove uscite) Amazon era disposta a vendere anche in perdita, in modo da spingere il suo Kindle e in generale il settore degli e-reader e dell’editoria digitale. Per questo si era affidato ad un modello che permetteva agli editori di stabilire il prezzo all’ingrosso, e a lei di scegliere quello di vendita .

I rapporti fino a quel momento pressoché idilliaci si sono tuttavia incrinati quando è entrato in scena un nuovo personaggio: Apple. Per attirare editori e contenuti su iPad e iBook Store, infatti, Cupertino ha spinto il modello dell’ agency model , secondo il quale gli editori possono stabilire liberamente il prezzo di vendita, lasciando al rivenditore una percentuale fissa del 30 per cento.

Uno dopo l’altro tutti gli editori hanno fatto pressione su Amazon per vedersi garantite le stesse libertà: la paura, supposta o reale, degli operatori del settore era e rimane quella di veder svalutato il libro come prodotto e marginalizzato nella sua forma tradizionale cartacea. E Amazon si è così ritrovata nelle condizioni di inseguire Apple, perdendo dunque il precedente rapporto privilegiato.

Ora Amazon esordisce collaborando con un rappresentante della vecchia guardia come Laurence Kirshbaum e sembra aver già fatto offerte ad autori di punta di altre case editrici .

I principali editori non hanno commentato il nuovo spunto imprenditoriale di Amazon, ma piccoli editori e agenti letterari hanno parlato chiaramente di “paura”: doversela vedere da un giorno all’altro con un soggetto come Amazon potrebbe significare davvero la fine di molti sonni tranquilli.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ninjaverde scrive:
    Adeguare
    Anche Libre Office si deve adeguare alla "nuvola" anche se è una stupidaggine. Con l'esca del costare meno, servirà a spiare tutti e tutto nonostante le promesse (e chi ci crede a questa "sicurezza"?)) della crittazione dati. Poi non parliamo di quando la connessione andrà in tilt per qualche guasto di linea sia essa fissa o mobile. Magari la si "aggiusta" con un pò di cassa integrazione (rotfl)Ad ogni modo anche il software si deve adeguare alle stupidaggini di moda altrimenti qualcuno continuerà a dire che winoffice "c'è l'ha più lungo". (rotfl)
    • uno nessuno scrive:
      Re: Adeguare
      Sinceramente, se proprio dovessi usare una nuvola, piuttosto userei google pur di fargli un dispetto.Mi spieghi cosa c. cambia tra una nuvola free software e una proprietaria????
      • ninjaverde scrive:
        Re: Adeguare
        - Scritto da: uno nessuno
        Sinceramente, se proprio dovessi usare una
        nuvola, piuttosto userei google pur di fargli un
        dispetto.
        Mi spieghi cosa c. cambia tra una nuvola free
        software e una
        proprietaria????Logicamente da un punto di vista teorico: niente.Ma occorre sempre considerare che vi sono dei XXXXX.Quindi per accontentare i XXXXX serve che anche il software libero (i SO) si adeguino. Ciò non dà obbligo (comunque) a nessuno entrare nella nebbia delle "nuvole".
  • anamil scrive:
    non funziona
    come da titolo
  • VITRIOL scrive:
    Nessuna richiesta esplicita di fondi
    Apache Foundation sconfessa direttamente questa cosa:http://www.itworld.com/it-managementstrategy/213997/apache-disavows-team-openofficeorg-evSalutiVITRIOL
    • Gino Er Nano scrive:
      Re: Nessuna richiesta esplicita di fondi
      Effettivamente quella richiesta di fondi è fatta dagli ex sviluppatori lasciati a casa da Oracle che stanno cercando una maniera per fare business in proprio sfruttando la propria competenza. Non è così facile....
      • uno nessuno scrive:
        Re: Nessuna richiesta esplicita di fondi
        Mi sa che non hai letto bene l'articolo. Sono loro che se la passano bene, a differenza di OOo.
  • Anonymous scrive:
    LibreOffice per Cloud Private?
    Qualcuno ne parla? Perchè, potrebbe anche interessare. Io personalmente, non implementerei nulla di Public-Cloud nella mia rete privata. Piuttosto mi creo una cloud privata e sposto tutto lì, in maniera da facilitare l'acXXXXX ai software (i quali diverrebbero webapps e quindi, nei terminali, basterebbe solamente un sistema operativo capace nell'esecuzione di un browser, stile chromium), nonchè gestione e backup. Se poi scoppia qualcosa nei singoli PC, in tal caso, la loro sostituzione diverrebbe cosa da poco.
    • Nome e cognome scrive:
      Re: LibreOffice per Cloud Private?
      http://www.freebsd.org/doc/it/books/handbook/term.html#TERM-DUMB
    • prova123 scrive:
      Re: LibreOffice per Cloud Private?
      Capisco la recessione mondiale, ma non sono disposto a ritornare ai terminali anni '70 ... i miei dati aziendali col piffero che li metto in una nuvola ... LibreOffice o altro!
      • TuttoaSaldo scrive:
        Re: LibreOffice per Cloud Private?
        - Scritto da: prova123
        Capisco la recessione mondiale, ma non sono
        disposto a ritornare ai terminali anni '70 ... i
        miei dati aziendali col piffero che li metto in
        una nuvola ... LibreOffice o
        altro!Costa meno !!!
        • uno nessuno scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          - Scritto da: TuttoaSaldo
          Costa meno !!!E ci credo: regali i tuoi dati ad altri e se qualcosa va in crash non puoi far altro che pregare il tuo dio di non infierire troppo sulla tua stoltezza... ci mancherebbe solo che costasse di più!!! :D :D :D
      • MacGeek scrive:
        Re: LibreOffice per Cloud Private?
        - Scritto da: prova123
        Capisco la recessione mondiale, ma non sono
        disposto a ritornare ai terminali anni '70 ... i
        miei dati aziendali col piffero che li metto in
        una nuvola ... LibreOffice o
        altro!L'approccio migliore alla "nuvola" è quello di Apple: la nuvola come mezzo di sincronizzazione e backup, ma le mie applicazione e i miei dati risiedono sempre nei MIEI device.Questa cosa di dati e addirittura applicazioni nella nuvola, anche per me, non ha mai avuto senso.
        • hermanhesse scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          Bravo! Sei riuscito ad infilare Apple anche qui.Incredibile!!! Spero ti pagano, per aver rinunciato ad una coscienza propria.
          • MacGeek scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: hermanhesse
            Bravo! Sei riuscito ad infilare Apple anche qui.

            Incredibile!!! Spero ti pagano, per aver
            rinunciato ad una coscienza
            propria.Non mi paga, ma sembra davvero l'unica ad applicare la tecnologia in modo sensato oggigiorno.Gli altri usano la tecnologia perché C'E', senza farsi la domanda se il suo utilizzo abbia un senso o meno.Applicazioni/dati sulla nuvola, in generale, non hanno senso. Ringraziamo Apple per averci mostrato, ancora una volta, come una tecnologia innovativa va usata.
          • TuttoaSaldo scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?

            Ringraziamo Apple per averci
            mostrato, ancora una volta, come una tecnologia
            innovativa va
            usata.Grazie, oh Apple, per gli insegnamenti.
          • hermanhesse scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: hermanhesse

            Bravo! Sei riuscito ad infilare Apple anche
            qui.



            Incredibile!!! Spero ti pagano, per aver

            rinunciato ad una coscienza

            propria.

            Non mi paga, ma sembra davvero l'unica ad
            applicare la tecnologia in modo sensato
            oggigiorno.Già: infatti ha fatto una cloud che... funziona solo per iCosi!!!Fantastico: tutta l'utilità delle cloud di poter accedere a dati/programmi da qualunque postazione va a farsi benedire!Dei geni, proprio vero!
            Gli altri usano la tecnologia perché C'E', senza
            farsi la domanda se il suo utilizzo abbia un
            senso o
            meno.Infatti... leggi sopra.

            Applicazioni/dati sulla nuvola, in generale, non
            hanno senso. Per te che con il computer ci giochi e non hai persone in tutto il pianeta no di certo.
            Ringraziamo Apple per averci
            mostrato, ancora una volta, come una tecnologia
            innovativa va
            usata.Fatti furbo, va! E pulisciti la bavetta...
          • MacGeek scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: hermanhesse
            Già: infatti ha fatto una cloud che... funziona
            solo per iCosi!!!
            Fantastico: tutta l'utilità delle cloud di poter
            accedere a dati/programmi da qualunque postazione
            va a farsi benedire!Perché? Lo sharing e via web (quindi accedi con tutto quello che vuoi), e alcune funzionalità mi pare vadano anche su Windoze. Certo è pensata per i dispositivi Apple. D'altra parte in qualche modo ci devono pur guadagnare...
            Per te che con il computer ci giochi e non hai
            persone in tutto il pianeta no di
            certo.Quindi quando non ho il network non posso lavorare (stile nuvola di Google)? BELLOQuindi devo essere limitato alle interfacce in HTML? BELLOQuindi devo essere limitato dalla velocità del mio collegamento internet? BELLO!!Mi sa che sei tu che non ci hai mai lavorato con i computer, ma solo cazzeggiato su internet...
          • illegale o contrario scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: hermanhesse

            Già: infatti ha fatto una cloud che...
            funziona

            solo per iCosi!!!

            Fantastico: tutta l'utilità delle cloud di
            poter

            accedere a dati/programmi da qualunque
            postazione

            va a farsi benedire!

            Perché? Lo sharing e via web (quindi accedi con
            tutto quello che vuoi), e alcune funzionalità mi
            pare vadano anche su Windoze. Certo è pensata per
            i dispositivi Apple. D'altra parte in qualche
            modo ci devono pur
            guadagnare...


            Per te che con il computer ci giochi e non
            hai

            persone in tutto il pianeta no di

            certo.

            Quindi quando non ho il network non posso
            lavorare (stile nuvola di Google)?
            BELLOPer un'azienda (ma anche per i privati, volendo) esiste sempre un collegamento di riserva. Già oggi i datacenter sono spesso delocalizzati rispetto ai terminali/PC nelle medio/grandi aziende, in una piccola è sufficiente che si rompa lo switch che sta sotto la scrivania del capo per rendere impossibile lavorare :)O intendevi dire che ogni postazione deve avere tutto in locale? Nel caso, come pensi di riallineare variazioni fatte su postazioni differenti?
            Quindi devo essere limitato alle interfacce in
            HTML?
            BELLOCon HTML si fanno cose ottime (la stessa iCloud si presenta come un web service, quindi HTML) ma esistono altri modi, anche il vecchio e vituperato JAVA può fare egregiamente il lavoro.
            Quindi devo essere limitato dalla velocità del
            mio collegamento internet?
            BELLO!!Se fai un'applicazione alla "membro di segugio" si, altrimenti ci sono tecniche per ottimizzare il trasferimento dei dati.

            Mi sa che sei tu che non ci hai mai lavorato con
            i computer, ma solo cazzeggiato su
            internet...La mia impressione è invece che tu usi il computer per lavorare ma in "stand-alone", ovvero non hai la necessità di condividere quello che fai con altre persone. Altrimenti ti accorgeresti che una cloud è solo un'estensione della tua LAN
          • MacGeek scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: illegale o contrario
            O intendevi dire che ogni postazione deve avere
            tutto in locale? Nel caso, come pensi di
            riallineare variazioni fatte su postazioni
            differenti?E' proprio quello che fa la nuvola di Apple. Come fa? Magia!Certo per ora questa cosa funziona solo sulle sue app, ma la tecnologia è aperta anche per gli altri. E quindi presto la cosa si farà interessante.
            Con HTML si fanno cose ottime (la stessa iCloud
            si presenta come un web service, quindi HTML) Infatti i primi iPhone prevedevano solo WebApp. Ma poi sono uscite le App NATIVE e le web app non le ha più volute usare nessuno!! Chissà perché...
            ma esistono altri modi, anche il vecchio e
            vituperato JAVA può fare egregiamente il
            lavoro.Java? Ahahah
            Se fai un'applicazione alla "membro di segugio"
            si, altrimenti ci sono tecniche per ottimizzare
            il trasferimento dei
            dati.Penso sia sempre meglio lavorare in locale o su una gigabit ethernet che su una linea ADSL italiana. E' proprio un fatto fisico, non facilmente superabile...
            La mia impressione è invece che tu usi il
            computer per lavorare ma in "stand-alone", ovvero
            non hai la necessità di condividere quello che
            fai con altre persone. Altrimenti ti accorgeresti
            che una cloud è solo un'estensione della tua
            LANAlcune applicazioni sono usabili su internet e anche preferibili, certamente. Basta pensare a cose tipo Booking com, Amazon, ecc. Ma quando devi usare dati pesanti e applicazioni che sfruttano l'hardware (come per il tipico lavoro di ufficio o ancora di più in un utilizzo grafico/multimediale), le app native sono insostituibili e concettualmente superiori. Non potrai mai fare tutto sulla nuvola con la stessa efficienza e velocità, come vorrebbe Google.Solo per condividere ci sono già soluzioni (Dropbox, una cartella webdav sul proprio server, ecc), ma per lavorare con efficienza sfruttando i vantaggi della nuvola (backup decentralizzato, sincronizzazione) ma anche quella del tuo device/computer e con la sicurezza di avere SEMPRE acXXXXX (e rapido) ai propri dati, la soluzione Apple è sicuramente la soluzione del futuro.
          • TuttoaSaldo scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?

            Ma quando
            devi usare dati pesanti e applicazioni che
            sfruttano l'hardware (come per il tipico lavoro
            di ufficio o ancora di più in un utilizzo
            grafico/multimediale)Lavoro di ufficio che sfrutta l'hardware?Stampa la fattura e la bolla in 3D?
          • MacGeek scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: TuttoaSaldo

            Ma quando

            devi usare dati pesanti e applicazioni che

            sfruttano l'hardware (come per il tipico
            lavoro

            di ufficio o ancora di più in un utilizzo

            grafico/multimediale)

            Lavoro di ufficio che sfrutta l'hardware?
            Stampa la fattura e la bolla in 3D?Pensavo a documenti con immagini scanerizzate, presentazioni con tante foto/grafici o fogli di excel
          • hermanhesse scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            Da quest'ultimo commento si evince il tuo pollice verde.
          • Darwin scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: MacGeek
            Pensavo a documenti con immagini scanerizzate,
            presentazioni con tante foto/grafici o fogli di
            excelE questo sarebbe sfruttare pesantemente l'hardware? Azz...stiamo freschi allora.
          • bubba scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: Darwin
            - Scritto da: MacGeek

            Pensavo a documenti con immagini
            scanerizzate,

            presentazioni con tante foto/grafici o fogli
            di

            excel
            E questo sarebbe sfruttare pesantemente
            l'hardware? Azz...stiamo freschi
            allora.beh anche la RAM e' hardware. :) un gb di ram se ne va solo per l'os+ammenicoli...
          • Darwin scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: bubba
            un gb di ram se
            ne va solo per
            l'os+ammenicoli...Grazie a dio la mia RAM (che è un GB) non supera il 60% durante l'uso di applicativi pesanti :)
          • hermanhesse scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            Ma tu ti occupi di giardinaggio vero?Dimmi di sì, ti prego.- Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: hermanhesse

            Già: infatti ha fatto una cloud che...
            funziona

            solo per iCosi!!!

            Fantastico: tutta l'utilità delle cloud di
            poter

            accedere a dati/programmi da qualunque
            postazione

            va a farsi benedire!

            Perché? Lo sharing e via web (quindi accedi con
            tutto quello che vuoi), e alcune funzionalità mi
            pare vadano anche su Windoze. Certo è pensata per
            i dispositivi Apple. D'altra parte in qualche
            modo ci devono pur
            guadagnare...Ah ecco! Peccato che il loro guadagnare consiste nel monopolizzare i sistemi!A questo punto veramente: preferisco regalare i dati a Google (ROTFL)


            Per te che con il computer ci giochi e non
            hai

            persone in tutto il pianeta no di

            certo.

            Quindi quando non ho il network non posso
            lavorare (stile nuvola di Google)?
            BELLOHTML5 questo sconosciuto. Io lo leggerei fossi in te.
            Quindi devo essere limitato alle interfacce in
            HTML?
            BELLOWeb service questi sconosciuti: Io li leggerei fossi in te.
            Quindi devo essere limitato dalla velocità del
            mio collegamento internet?
            BELLO!!Scusa un secondo, giusto per capire: ma con le VPN come credi si sia lavorato finora? (anzi... ancora ora, anche qui da me).

            Mi sa che sei tu che non ci hai mai lavorato con
            i computer, ma solo cazzeggiato su
            internet...Già, proprio così... anche perchè a questo punto non vorrei essere accomunato a te..... a meno che... ti occupi di giardinaggio vero? Mi trovi della corteccia di pino di buona qualità a buon prezzo? Grazie!
          • Nome e cognome scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            Don't Feed The Troll/fanboy
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: hermanhesse

            Bravo! Sei riuscito ad infilare Apple anche
            qui.



            Incredibile!!! Spero ti pagano, per aver

            rinunciato ad una coscienza

            propria.

            Non mi paga, ma sembra davvero l'unica ad
            applicare la tecnologia in modo sensato
            oggigiorno.
            Gli altri usano la tecnologia perché C'E', senza
            farsi la domanda se il suo utilizzo abbia un
            senso o
            meno.

            Applicazioni/dati sulla nuvola, in generale, non
            hanno senso. Ringraziamo Apple per averci
            mostrato, ancora una volta, come una tecnologia
            innovativa va
            usata.Dici che non hanno senso? Io dico che per le aziende ciò ha senso, a patto di implementare il cloud "in casa", senza affidarsi a soluzioni esterne! Per gli utenti, invece, concordo, utilizzare le applicazioni dalla nuvola non è un grande affare, in genere!
          • Darwin scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: MacGeek
            Non mi paga, ma sembra davvero l'unica ad
            applicare la tecnologia in modo sensato
            oggigiorno.Veramente è l'unica a non usarla.Il cloud computing è l'opposto di iCloud.
            Gli altri usano la tecnologia perché C'E', senza
            farsi la domanda se il suo utilizzo abbia un
            senso o
            meno.Ossignur...
            Applicazioni/dati sulla nuvola, in generale, non
            hanno senso.Ancora una volta la tua ignoranza supera le aspettative.Complimenti.Se ti prepari per le olimpiadi di XXXXXXXte, vinci sicuro.
        • MacGeek scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          Mi sono dimenticato "condivisione".La nuvola è utile a condividere i dati. Quando appropriato. Di solito in via temporanea. Fermo restando che una copia del documento che è stato condiviso rimane anche nel proprio HD.
          • hermanhesse scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            Ti sei dimenticato anche due "Salve Apple" e 3 "ave a Jobs"Un meteorite alle volte risolverebbe i problemi dell'umanità...
          • nome e cognome scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: MacGeek
            Mi sono dimenticato "condivisione".
            La nuvola è utile a condividere i dati. Quando
            appropriato. Di solito in via temporanea. Fermo
            restando che una copia del documento che è stato
            condiviso rimane anche nel proprio
            HD.Quindi serve la nuvola per condividere i dati? Eccezionale, e c'è ancora qualcuno che lo fa con dei "superatissimi" server. Chi è che prendeva in giro quello che aveva detto che apple ha inventato rsync?
        • mmmm scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          tutti fanno così, da dropbox a live mesh...............
        • la redazione scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          - Scritto da: MacGeek
          L'approccio migliore alla "nuvola" è quello di
          Apple: la nuvola come mezzo di sincronizzazione e
          backup, ma le mie applicazione e i miei dati
          risiedono sempre nei MIEI
          device.Cosa che altri fanno da anni...
        • Nome e cognome scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          Come tu stesso dici: I tuoi dati stanno sui tuoi server e su quelli di Apple...
          • MacGeek scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: Nome e cognome
            Come tu stesso dici: I tuoi dati stanno sui tuoi
            server e su quelli di Apple...Che i tuoi dati siano nel computer di qualcun altro è intrinseco nel concetto di cloud.Almeno con Apple stanno sicuramente ANCHE sui miei! (per gli altri la cosa non sempre è scontata).
          • la redazione scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: MacGeek
            - Scritto da: Nome e cognome

            Come tu stesso dici: I tuoi dati stanno sui
            tuoi

            server e su quelli di Apple...

            Che i tuoi dati siano nel computer di qualcun
            altro è intrinseco nel concetto di
            cloud.
            Almeno con Apple stanno sicuramente ANCHE sui
            miei! (per gli altri la cosa non sempre è
            scontata).Come ti è stato già detto, Apple ha semplicemente riproposto un'idea che altri (molti) fanno già (bene) da parecchio tempo. Altro che think different
        • Darwin scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          - Scritto da: MacGeek
          L'approccio migliore alla "nuvola" è quello di
          Apple: la nuvola come mezzo di sincronizzazione e
          backup, ma le mie applicazione e i miei dati
          risiedono sempre nei MIEI
          device.Se devi condividere le foto di Natale si. Ti va bene iCloud.Se devi lavorare no.Ti serve una infrastruttura cloud degna di questo nome.
          Questa cosa di dati e addirittura applicazioni
          nella nuvola, anche per me, non ha mai avuto
          senso.Certo. Si sa che Windows Azure non ha senso ROTFL
        • uno nessuno scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          - Scritto da: MacGeek

          L'approccio migliore alla "nuvola" è quello di
          Apple: la nuvola come mezzo di sincronizzazione e
          backup, ma le mie applicazione e i miei dati
          risiedono sempre nei MIEI
          device.Scusa ma secondo te come fa a sincronizzarli?
      • illegale o contrario scrive:
        Re: LibreOffice per Cloud Private?
        semplicemente memorizzi i dati criptati e hai l'affidabilità di un grosso CED con un costo di gestione inferiore di ordini di grandezza.Ma anche senza criptarlo, in termini di security il maggiore problema non è un terzo soggetto ma i propri dipendenti/consulenti/etc. Presenta una sicurezza minore un PC che permette l'acXXXXX con chiave USB o con disco non criptato che una "nuvola" che sta in un altro continente :)
        • TuttoaSaldo scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?


          Ma anche senza criptarlo, in termini di security
          il maggiore problema non è un terzo soggetto ma i
          propri dipendenti/consulenti/etc. Presenta una
          sicurezza minore un PC che permette l'acXXXXX con
          chiave USB o con disco non criptato che una
          "nuvola" che sta in un altro continente
          :)Io ho paura proprio dell'altro continente. Avrebbero un controllo totale sull'industria (e non solo). Mi ricordo che si diceva che anche Echelon fu usato per spionaggio industriale. Povera Europa :-(
        • Cisto scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          OK la crittografia ma dove? Sulla stazione utente prima di mandarli sul server? Poi sono rispediti sul client e lì decrittati? Oppure c'è un momento che passano in rete in chiaro o che girano sui server del fornitore? Chi tiene le chiavi? Sono abbastanza complesse? Le cambiamo spesso? E se mi perdo la chiave mi mangio i dati (e allora ci vuole una backdoor)?La crittografia è il minimo ma il problema è come, pure su Dropbox i dati sono crittografati, peccato che la ditta abbia la chiave, peccato che c'è scritto che hanno acXXXXX al tuo pc, almeno relativamente alla cartella che contiene i dati.Insomma per stare tranquillo dovresti avere i dati sul client, crittografarli sul client, aprire la connessione, buttarli su criptati, ritirarli giù quando ti servono, chiudere connessione, decrittarli e stare attento ai software client che ti rifilano per fare il lavoro ...La sicurezza è nemica della semplicità, e i governi e le imprese sono contrari alla segretezza, ci fai più soldi e controlli meglio i tuoi sudditi sapendo i cacchi loro.
          • logicamente non loggato scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: Cisto
            Insomma per stare tranquillo dovresti avere i
            dati sul client, crittografarli sul client,
            aprire la connessione, buttarli su criptati,
            ritirarli giù quando ti servono, chiudere
            connessione, decrittarli e stare attento ai
            software client che ti rifilano per fare il
            lavoro
            ...Più o meno dovrebbe funzionare così... pensa poi al godimento di avere interi database criptati da remoto: il solo aggravio computazionale per effettuare query e aggiornamenti o la sostituzione delle chiavi in una multinazionale dovrebbe far passare la voglia di cloud a chiunque...
          • illegale o contrario scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            Grossomodo il funzionamento è questoCi sono ovviamente situazioni in cui i dati non possono assolutamente uscire dal contesto aziendale (anche solo per vincoli legislativi), altri per un semplice discorso di "performance" (tipo di DB, che però possono essere allineati off-line in modo criptato), altre per le quali una "semplice" crittografia HTTPS e la garanzia di un crypting nella cloud è già superiore a quella che si può garantire localmente.E per la mia esperienza il secondo caso è quello di gran lunga il più frequente.Quante aziende medio piccole hanno dati sensibili (ad esempio degli utenti) e non hanno un addetto alla sicurezza? Quante memorizzano in locale il numero di carta di credito senza criptarlo? Quanti utenti utilizzano come password il nome del figlio e si scocciano pure di cambiarlo almeno ogni tre mesi?Considerate poi i costi infrastrutturali che una security "rigorosa" si porta appresso, anche solo in risorse umane che la comprendono e la applicano in modo ragionevole ma rigoroso e vedrete il numero di aziende (i privati o sono tecnici o la security ha la stessa importanza della materia oscura dell'universo) che la applicano decisamente basso.Il rapporto benefici/costi per la security è sempre percepito come un costo evitabile.Io mi ritengo abbastanza "sicuro", nel senso che sui miei PC i dischi dove conservo i dati sono criptati, uso password complesse, installo le cavolate solo in macchine virtuali e appena possibile navigo in https, ma non mi faccio problemi ad utilizzare dropbox o google mail come servizi cloud.
          • uno nessuno scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            La crittografia è sostanzialmente inutile, perchè stai dando dei dati a qualcuno che ha tutto l'interesse e i mezzi per sfruttarli, in prima persona e/o rivendendoli. E lo fanno a rischio zero: non c'è modo per fare verifiche.Non sarebbe inutile se li criptassi tu ma... ovviamente, cosa mai potrebbe fare la nuvola con quei dati, se li ricevesse criptati?
    • batman scrive:
      Re: LibreOffice per Cloud Private?
      se un giorno resti senza adslm ne riparliamo
      • TuttoaSaldo scrive:
        Re: LibreOffice per Cloud Private?
        - Scritto da: batman
        se un giorno resti senza adslm ne riparliamoD'accordo tutti, ma lui parlava di rete privata.La cosa sembrerebbe avere qualche vantaggio del cloud senza i problemi di infrastrutture o riservatezza.
        • Osvy scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          - Scritto da: TuttoaSaldo
          - Scritto da: batman

          se un giorno resti senza adslm ne riparliamo

          D'accordo tutti, ma lui parlava di rete privata.
          La cosa sembrerebbe avere qualche vantaggio del
          cloud senza i problemi di infrastrutture o
          riservatezza.Già, (da non esperto) la questione mi sembra interessante,però non sarebbe un "doppione" di una normale rete cablata? Già al momento un sacco di applicazioni aziendali girano in modalità web, sto equivocando? ciao
          • sbrotfl scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: TuttoaSaldo

            - Scritto da: batman


            se un giorno resti senza adslm ne
            riparliamo



            D'accordo tutti, ma lui parlava di rete
            privata.

            La cosa sembrerebbe avere qualche vantaggio
            del

            cloud senza i problemi di infrastrutture o

            riservatezza.

            Già, (da non esperto) la questione mi sembra
            interessante,
            però non sarebbe un "doppione" di una normale
            rete cablata? Già al momento un sacco di
            applicazioni aziendali girano in modalità web,
            sto equivocando?
            ciaoGià.Solo che adesso va di moda il cloud! Cioè...vecio.... sei out se non sei in cloud! No cloud no party!
          • Nome e cognome scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            Quello che intendeva è proprio di rendere libreoffice una di queste applicazione web all'interno della normale rete "cablata" aziendale. Senza quindi affidarsi a una "cloud" esterna ma con un server che gestisca tutto all'interno della rete aziendale.
        • logicamente non loggato scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          - Scritto da: TuttoaSaldo
          - Scritto da: batman

          se un giorno resti senza adslm ne riparliamo

          D'accordo tutti, ma lui parlava di rete privata.Quello di cui parlava è semplicemente un CED "normale": dati (e applicazioni, eventualmente) centralizzati + terminali all'incirca stupidi. Scalabile? Certo, basta comprare nuovo hardware, installarlo e configurarlo. Economico? Certo, basta avere personale dedicato (sysadmin, tecnici hardware, analisti per le procedure etc.)... quello di cui parlava lui è esattamente l'opposto del cloud. Sicuro? Questo si, a patto di avere costoso personale che si occupi di analisi dei rischi e pianifichi gli interventi di sicurezza.
          La cosa sembrerebbe avere qualche vantaggio del
          cloud senza i problemi di infrastrutture o
          riservatezza.Forse mi è sfuggito qualcosa ma, a parte la riservatezza, quali vantaggi ci sarebbero e quali problemi infrastrutturali si eviterebbero?
        • uno nessuno scrive:
          Re: LibreOffice per Cloud Private?
          - Scritto da: TuttoaSaldo
          - Scritto da: batman

          se un giorno resti senza adslm ne riparliamo

          D'accordo tutti, ma lui parlava di rete privata.
          La cosa sembrerebbe avere qualche vantaggio del
          cloud senza i problemi di infrastrutture o
          riservatezza.In quel caso non è cloud (non ti rivolgi a una nuvola indefinita, ma fai tutto internamente).E' qualcosa che si può fare dagli anni 90 con X, e che nessuno ha mai sentito l'esigenza di fare. (ovviamente)
          • krane scrive:
            Re: LibreOffice per Cloud Private?
            - Scritto da: uno nessuno
            - Scritto da: TuttoaSaldo

            - Scritto da: batman


            se un giorno resti senza adslm ne
            riparliamo



            D'accordo tutti, ma lui parlava di rete
            privata.

            La cosa sembrerebbe avere qualche vantaggio
            del

            cloud senza i problemi di infrastrutture o

            riservatezza.

            In quel caso non è cloud (non ti rivolgi a una
            nuvola indefinita, ma fai tutto
            internamente).
            E' qualcosa che si può fare dagli anni 90 con X,
            e che nessuno ha mai sentito l'esigenza di fare.
            (ovviamente)Veramente e' usato parecchio, anzi ci sono gia' cosi' tanti strumenti attualmente che il "cloud" non serve a nessuno.
    • Cisto scrive:
      Re: LibreOffice per Cloud Private?
      Sono d'accordo, niente cloud di terzi. Mi fa impazzire come ci sia tutta sta' brama di conservare i propri documenti e file in genere in un qualunque paese straniero e non si sa manco dove e sotto che legislazione (chi se le legge le policy e i disclaimer e i contratti, quasi nessuno) e in mano a una società che ha come scopo fare più soldi possibile.Il cloud è una gran fregata per i propri dati personali, aziendalmente ha senso su server privati (riduce presumibilmente i costi ma è da vedere, una infrastruttura del genere deve essere ridondata, se hai problemi di rete tutti sono fregati, istantaneamente, quindi hai dei gran costi per avere un 99.99 di tempo up e non è proprio uno scherzetto).
      • illegale o contrario scrive:
        Re: LibreOffice per Cloud Private?
        - Scritto da: Cisto
        Sono d'accordo, niente cloud di terzi. Mi fa
        impazzire come ci sia tutta sta' brama di
        conservare i propri documenti e file in genere in
        un qualunque paese straniero e non si sa manco
        dove e sotto che legislazione (chi se le legge le
        policy e i disclaimer e i contratti, quasi
        nessuno) e in mano a una società che ha come
        scopo fare più soldi
        possibile.

        Il cloud è una gran fregata per i propri dati
        personali, aziendalmente ha senso su server
        privati (riduce presumibilmente i costi ma è da
        vedere, una infrastruttura del genere deve essere
        ridondata, se hai problemi di rete tutti sono
        fregati, istantaneamente, quindi hai dei gran
        costi per avere un 99.99 di tempo up e non è
        proprio uno
        Sto lavorando alla realizzazione di in cloud (circa 3000 server virtuali). Il risparmio per l'energia elettrica è intorno 60% rispetto al consumo attuale (include non solo le macchine ma tutti gli "acXXXXXri" tipo condizionatori, illuminazione, sorveglianza, etc... e parliamo di centinaia di migliaia di KW all'anno), l'area occupata dai CED si ridurrà ad un terzo (risparmio affitto), la virtualizzazione riduce in numero di macchine necessarie a garantire la ridondanza di tutto il CED, e così via.Purtroppo non ci sono applicazioni disponibili out-of-the-box pubbliche, altrimenti il risparmio sarebbe stato ancora maggiore.
    • Bad Sapper scrive:
      Re: LibreOffice per Cloud Private?
      Penso che tu abbia capito mentre molti qui non hanno completamente capito quello che LibreOffice sta facendo.Quel tipo di progetti multipiattaforma hanno tutti una struttura sofware molto precisa, cioè hanno un backend fisso e un frontend programmabile, cioè un wrapper compatibile sulle librerie native.L'idea da quello che si comprende è quella di scrivere il porting del frontend prima per Android etc e poi di farne una versione che spara sulla canvas di HTML5, trasformando libreoffice in una webapp.È una cosa molto intelligente e non ha nulla a che vedere con Google Docs, e col cloud in generale, in quanto come tu dici, probabilmente si potrà installare su una rete aziendale privata. - Scritto da: Anonymous
      Qualcuno ne parla? Perchè, potrebbe anche
      interessare. Io personalmente, non implementerei
      nulla di Public-Cloud nella mia rete privata.
      Piuttosto mi creo una cloud privata e sposto
      tutto lì, in maniera da facilitare l'acXXXXX ai
      software (i quali diverrebbero webapps e quindi,
      nei terminali, basterebbe solamente un sistema
      operativo capace nell'esecuzione di un browser,
      stile chromium), nonchè gestione e backup. Se poi
      scoppia qualcosa nei singoli PC, in tal caso, la
      loro sostituzione diverrebbe cosa da
      poco.
      • Bad Sapper scrive:
        Re: LibreOffice per Cloud Private?

        hanno un backend fisso e un frontend
        programmabile, intendevo selezionabile durante la configurazione.
    • uno nessuno scrive:
      Re: LibreOffice per Cloud Private?
      - Scritto da: Anonymous
      Qualcuno ne parla? Perchè, potrebbe anche
      interessare. Io personalmente, non implementerei
      nulla di Public-Cloud nella mia rete privata.
      Piuttosto mi creo una cloud privata e sposto
      tutto lì, in maniera da facilitare l'acXXXXX ai
      software (i quali diverrebbero webapps e quindi,
      nei terminali, basterebbe solamente un sistema
      operativo capace nell'esecuzione di un browser,
      stile chromium), nonchè gestione e backup. Se poi
      scoppia qualcosa nei singoli PC, in tal caso, la
      loro sostituzione diverrebbe cosa da
      poco.Non ho capito perchè per mille secoli nessuno ha mai sentito l'esigenza di fare nulla di simile (X lo permette...) e da quando esiste il termine cloud computing gli imprenditori sono disposti a spendere qualsiasi cifra per poter dire "oh, io sono cloud, cioè".Forse per poter gestire un'azienda è indispensabile non essere troppo intelligenti...
Chiudi i commenti