Amazon Cloud Cam: qualcuno guarda le riprese?

Secondo Bloomberg, alcuni dipendenti Amazon avrebbero avuto modo di guardare le riprese delle videocamere Cloud Cam al fine di migliorare l'IA.
Secondo Bloomberg, alcuni dipendenti Amazon avrebbero avuto modo di guardare le riprese delle videocamere Cloud Cam al fine di migliorare l'IA.

Introdotta nel 2017 come dispositivo per la videosorveglianza dello spazio domestico, Amazon Cloud Cam è in grado di acquisire immagini e filmati con risoluzione HD, facendo leva su un complesso sistema di intelligenza artificiale per distinguere quanto inquadrato. Attualmente è in vendita sull’e-commerce al prezzo di circa 90 dollari, ma non ufficialmente distribuita nel nostro paese.

Amazon Cloud Cam e la privacy

Ne parliamo oggi poiché Bloomberg ha pubblicato un articolo basato sulle informazioni raccolte da cinque fonti diverse, tutte rimaste anonime per ovvie ragioni. Una parte delle riprese generate nelle abitazioni degli utenti sarebbe stata visionata da dipendenti e collaboratori dell’azienda con l’obiettivo di migliorare l’efficacia degli algoritmi impiegati ad esempio per distinguere un animale domestico da un soggetto estraneo che si trova in casa. Ben comprensibili le potenziali ripercussioni negative in termini di privacy.

Una vicenda del tutto simile a quella che di recente ha visto al centro di discussioni e polemiche la stessa pratica applicata al riconoscimento degli input audio da parte degli assistenti virtuali, Alexa inclusa.

L'applicazione di Amazon Cloud Cam

Il report parla di team localizzati in India e Romania ai quali Amazon avrebbe trasmesso alcune clip per quella che può essere definita una revisione manuale. Il problema è che l’attività sarebbe stata condotta senza prima ottenere l’esplicito consenso da parte dei diretti interessati. Dall’azienda al momento non sono giunte dichiarazioni in merito.

A differenza di quanto accade con i comandi vocali, per loro stessa natura le riprese video svelano molto più della sfera intima e provata dello spazio domestico, anche in considerazione del fatto che vengono acquisite di continuo non appena il dispositivo identifica un movimento, di giorno così come nelle ore notturne, senza che vi sia necessita di una wake word per l’attivazione.

Fonte: Bloomberg
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti